Media arabi: perché la Russia sta iniziando a perdere potere in Siria


Il presidente siriano Bashar al-Assad è ossessionato dai piani per ripristinare la sovranità su tutta la Siria. Tuttavia, il suo collega russo Vladimir Putin lo sostiene in questo, e perché la Russia sta iniziando a perdere potere in questo paese? L'edizione araba di Zaman al-Wasl discute questo argomento.


Assad capisce chiaramente che se non raggiunge il suo obiettivo di liberare l'intero paese, i suoi avversari lo faranno a pezzi. Il leader siriano sta conducendo una battaglia esistenziale e non vede alcun motivo per scambiare le sue vittorie, conquistate a fatica dal nemico, per andare in pace con nemici implacabili. In generale, il presidente della Siria sta attuando l'idea di ripristinare la sovranità e l'integrità territoriale del paese, e non si preoccupa dei tempi e dei mezzi per raggiungere l'obiettivo.

Il Cremlino ha obiettivi leggermente diversi in Siria. Si va dalla sconfitta di gruppi terroristici che includono estremisti della irrequieta popolazione musulmana russa, alla resurrezione della Federazione Russa come potenza militare in grado di condurre guerre in altri territori.
L'interferenza negli affari siriani e la creazione di basi militari nell'est del Mar Mediterraneo significa per la Federazione Russa un "ritorno" nel grande Medio Oriente. politica di e il ruolo di un arbitro nella regione.

Pertanto, la mancata corrispondenza degli obiettivi potrebbe portare a una possibile frattura nei rapporti tra Mosca e Damasco.

Recentemente, è emersa una certa delusione delle autorità russe nei confronti del regime di Assad. L'ex ambasciatore russo in Siria Alexander Aksenenok ha pubblicato un articolo in cui esprime una certa irritazione per le azioni del leader siriano. Aksenenok scrive del desiderio della Mosca ufficiale di riorientare Damasco dalla riconquista di tutta la Siria alla restaurazione postbellica del 65% del territorio controllato da Assad.

Cioè, la Russia sta iniziando a perdere potere in Siria, poiché la Federazione Russa è stanca di finanziare azioni militari contro i nemici di Assad. Tuttavia, all'interno della Siria ci sono organizzazioni ombra e centri di influenza che non vogliono una transizione verso la costruzione pacifica. La Federazione Russa non sarà in grado di ripristinare la stabilità in Siria da sola e dovrà negoziare con l'Occidente.
  • Foto utilizzate: http://kremlin.ru
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Alexey Ushakov Офлайн Alexey Ushakov
    Alexey Ushakov (Alexey Ushakov) 27 può 2020 18: 36
    +4
    Tali hacker sono diretti)))

    ... non vede alcun motivo nello scambio delle sue vittorie, che sono state vinte a fatica dal nemico.

    Che tipo di vittorie sono queste?) È stato quando i "bambini barbuti" stavano già martellando nel palazzo con i mortai? Quando ho perso 15 carri armati al giorno.
    Sa perfettamente cosa succederà. Se cerca di fare una mossa sbagliata. Per questo, ne sono certo, non va nemmeno al piatto senza un accordo con i nostri consiglieri.
  2. Raccoglitore Офлайн Raccoglitore
    Raccoglitore (Myron) 27 può 2020 19: 36
    0
    La leadership russa, valutando realisticamente le capacità di Assad, si rende conto che al momento non è in suo potere cogliere appieno i territori dell'ex RAS, e lo stesso Assad, a quanto pare, non vuole capirlo. Certo, la posizione del Cremlino sembra essere più ragionevole: consolidarsi nei territori in cui il regime ha un potere reale, migliorare la vita della popolazione, rafforzare le strutture statali, impegnarsi nella ricostruzione. Assad soffre di megalomania: non capirà mai che né i turchi gli daranno le regioni che occupano, né i curdi cadranno sotto il dominio di Damasco. Ma Assad non ha forza contro turchi e curdi, spera che i russi versino seriamente sangue per lui? Ingenuo Chukchi, scusa, ragazzo alawita. lol
  3. Cheburashk Офлайн Cheburashk
    Cheburashk (Vladimir) 27 può 2020 20: 00
    +1
    Questa edizione è un pio desiderio.
    Quali sono le vittorie di Assad? Chi, allora, ha addestrato quelle "Tigri" che corrono come vigili del fuoco in tutta la Siria? Negozerà anche con i curdi? Secondo me, Assad non ha nessuno dietro le spalle tranne la Russia.
    Quindi lascia che l'edizione araba di Zaman al-Wasl si calmi e respiri in modo uniforme!
  4. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 27 può 2020 23: 32
    +1
    Le fiabe arabe sono scritte in modo storto, false, le fiabe persiane sono conosciute in tutto il mondo. Quindi se c'è meno Russia in Siria, allora ci sarà più Iran. E cosa sarà più facile per gli arabi?
  5. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 28 può 2020 00: 47
    -2
    Ah, questi arabi sono delle stronzate.
    Shoigu una volta ha elogiato la cooperazione con gli americani ... in Siria. Abbiamo già sconfitto tutti 3 volte e ritirato le truppe, anche gli americani 2 volte.

    Petrolio, ordinativi, soldi .... i consensi però sono al top.