Perché la Cina ha improvvisamente iniziato a parlare di un'alleanza con il "popolo russo inflessibile"


Il recente discorso del Ministro degli Affari Esteri della Cina, membro del Consiglio di Stato del Paese Wang Yi, durante il quale sono state rivolte al nostro Paese non solo parole di sostegno e solidarietà, ma di fatto un appello ad un'azione comune per opporsi al " Occidente collettivo", è più che significativo.


Bisogna ammettere che fino a poco tempo Pechino, anche se di solito mostrava solidarietà a Mosca sui punti principali dell'"agenda geopolitica", piuttosto politica di una certa distanza dal nostro paese. Qualcosa che ricordava la "fruttuosa cooperazione" si verificava solo in quei casi in cui si vedevano grandi benefici per il Celeste Impero. La situazione è davvero cambiata? Proviamo a capire cosa può realmente significare l'"impulso amico" di Pechino, rivolto a Mosca.

Risultati della seconda guerra mondiale o preparazione della terza

?
Uno dei punti chiave della dichiarazione rilasciata dal compagno Wang Yi in una conferenza stampa tenuta durante la 3a sessione del XIII Congresso nazionale del popolo, è la disponibilità di Pechino da lui espressa “insieme alla Russia per difendere e difendere i risultati della guerra mondiale II nel modo più risoluto.", Per cercare la stretta osservanza della Carta delle Nazioni Unite, così come "opporsi a qualsiasi forma di unilateralismo". Sembrerebbe - che importa al Celeste Impero dei tentativi fatti oggi dall'Occidente di "riscrivere" la storia, non solo per rivedere il ruolo principale dell'URSS nella sconfitta della Germania nazista e dei suoi alleati, ma anche per eliminare quasi completamente il nostro paese dai paesi vincitori, equiparandolo agli aggressori agli autori della guerra? C'è anche un caso...

A Pechino, a differenza dei paesi dell'Est Europa, liberati a costo di colossali sacrifici di soldati sovietici, e poi nostri "alleati" nel Patto di Varsavia, ricordano benissimo chi sconfisse l'esercito del Kwantung del Giappone, che occupò la Cina e uccise milioni dei suoi civili. Capiscono perfettamente che senza l'aiuto dell'URSS (compresi i militari, che in realtà sono durati dal 1937 al 1949), il paese non avrebbe ottenuto l'indipendenza e certamente non sarebbe diventato uno dei vincitori della seconda guerra mondiale, non avrebbe preso un posto d'onore nella composizione permanente del Consiglio di sicurezza dell'ONU. A proposito, non tutti sanno che fino al 1971 il Celeste Impero era rappresentato in questa organizzazione non dalla RPC, ma dalla cosiddetta "Repubblica di Cina" - un frammento del Kuomintang, noto oggi come Taiwan. Proprio quello che il compagno Wang Yi nel suo discorso ha chiamato territorio primordialmente cinese, il desiderio di riunificazione che "nessuna forza potrà frenare".

Questi avvertimenti sono rivolti a uno stato molto specifico: gli Stati Uniti. Wang Yi li mette in guardia dal "attraversare la linea pericolosa", anche se tutti possono vedere oggi - a Washington, "mordendo il morso", intendono fermamente attraversare tutte le possibili linee, confini e le famigerate "linee rosse" nel loro zelo di "mettere sul posto" Pechino. Il capo della diplomazia cinese afferma senza mezzi termini: "uno Stato che non vede la differenza tra verità e menzogna non può prendere il posto che le spetta nel mondo". Definisce le cause legali contro la pandemia intentate dagli americani impazziti contro il suo paese oggi come una "provocazione", i cui organizzatori "rimarranno sulle spine" e "raccoglieranno la vergogna sulle proprie teste". Non c'è dubbio che questo si applichi pienamente a richieste simili della Casa Bianca e del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti. La Cina non intende pagare "per la diffusione del COVID-19", tanto meno pagarla.

Non molto tempo fa, quasi tutti i media mondiali sono stati aggirati dal "rapporto segreto dell'intelligence cinese", presumibilmente indirizzato alla leadership del partito e del governo, i cui autori consigliano vivamente ai leader del Paese di prepararsi per uno scontro armato. Innanzitutto con gli Stati Uniti ei suoi alleati. È difficile dire quanto sia autentico il documento. Tuttavia, cosa molto caratteristica, il Ministero degli Affari Esteri del Celeste Impero, in risposta a numerosi appelli e inchieste, non ha confermato l'attendibilità di queste informazioni, ma non le ha nemmeno smentite, come si fa di solito in questi casi. Da cui si può trarre una conclusione quasi inequivocabile - in questo caso abbiamo un "ripieno" ben pensato e sanzionato, che di fatto è il famigerato "ultimo avvertimento cinese" degli Stati Uniti, nel senso più letterale. Pechino non è affatto desiderosa di combattere. Tuttavia, non si fermerà all'uso della forza per proteggere i propri interessi in caso di emergenza.

Una "fortezza indistruttibile" contro gli Stati Uniti?


Dobbiamo rendere omaggio ai compagni cinesi: nonostante le accuse travolgenti e offensive di Washington che risuonavano quasi dai primi giorni della pandemia, hanno cercato fino all'ultimo di riportare le relazioni tra i due paesi su un canale pacifico e calmo. Non per niente Wang Yi esprime l'auspicio che si trovi la strada della “coesistenza costruttiva tra Stati Uniti e Cina”, nonostante le differenze e le contraddizioni che li separano. Fino a poco tempo, Pechino ha dimostrato con tutte le sue forze la sua disponibilità a rispettare i contorni dell'"accordo commerciale" raggiunto a fine 2019 con gli americani, inoltre, per ampliarli. Nel Celestial Empire, hanno parlato della loro disponibilità a revocare le sanzioni, aumentare gli acquisti di beni americani ... Cosa stanno facendo gli Stati Uniti in risposta?

Il 20 maggio l'Office of Foreign Assets Control degli Stati Uniti (OFAC) annuncia l'imposizione di sanzioni contro le società cinesi "per la cooperazione con l'Iran", il 23 maggio il locale Dipartimento del Commercio pubblica un altro elenco di sanzioni di 33 società cinesi, soggetti a restrizioni dovute all'"oppressione degli uiguri" e alla "cooperazione con il PLA". Proprio ieri, la Casa Bianca ha pubblicato un documento in cui affermava l'intenzione di "rivedere la strategia dello Stato nei confronti di Pechino" - ovviamente, verso un suo forte inasprimento in relazione alle "azioni e politiche malvagie del Partito comunista cinese". Il segretario di Stato Mike Pompeo rilascia di nuovo dichiarazioni su Hong Kong, dove le autorità cinesi hanno deciso fermamente di ripristinare finalmente l'ordine e stanno trasmettendo sulla "perdita della loro autonomia". Donald Trump parla più e più volte della sua ferma intenzione di "troncare tutti i rapporti" con il Celeste Impero. Profuma davvero di guerra, signori! È estremamente improbabile che le due potenze mondiali siano uscite dal confronto che ha raggiunto un tale livello di intensità con i sorrisi dei loro leader, sotto il ticchettio dei flash delle macchine fotografiche e il fruscio delle piume che mettono le firme sotto il prossimo "mondo".

In una situazione del genere, la Cina ha davvero bisogno di alleati, e di un tipo molto specifico. Non per niente, nel suo discorso, Wang Yi parla del "popolo russo inflessibile", che "avendo vinto l'epidemia di coronavirus sotto la saggia guida del presidente Putin, ne uscirà più forte!" Come ha parlato! E glorifica il nostro leader al livello del suo stesso Presidente... Oh, non è senza motivo. Con tali lodi, esaltano esattamente quei potenziali associati militari. Perché indovinare se il compagno Wang Yi dichiara senza mezzi termini: "Riunendosi fianco a fianco, Cina e Russia saranno in grado di garantire pienamente la pace e la stabilità sul pianeta, difendendo in modo affidabile la giustizia internazionale!" La Russia viene chiamata inequivocabilmente per un "nuovo livello di impegno strategico" che consentirà ai due paesi di "radunarsi in una fortezza indistruttibile" di fronte al "virus politico" emanato oggi dagli Stati Uniti. E non vale affatto la pena considerare queste come semplici dichiarazioni rumorose decorate con la bellezza inerente alla diplomazia orientale. Non dimentichiamo: stiamo parlando della Repubblica Popolare Cinese con tutte le sue specificità intrinseche. I ministri degli esteri locali, a differenza delle folli "figure" ucraine o baltiche dello stesso rango, non spifferano al pubblico ciò che gli passa per la testa. Portano all'attenzione della comunità mondiale la “linea” di politica estera attentamente calibrata e chiaramente coordinata con le più alte dirigenze, alla quale il Paese intende fermamente aderire.

Quali sono le prospettive per la Russia?


Non affrettiamoci a conclusioni e previsioni che al momento sono ovviamente premature. È meglio considerare alcuni fatti che sono più direttamente rilevanti per il nostro argomento. Dieci giorni fa, i commercianti mondiali sono giunti alla conclusione che il consumo di petrolio in Cina è tornato, praticamente, al livello "pre-coronavirus", pari a 13 milioni di barili al giorno. Inoltre, secondo le stime del centro di analisi China National Petroleum Corporation (CNPC), l'importazione di “oro nero” nel Paese quest'anno non diminuirà, ma aumenterà, seppure solo del 2%. Inoltre, il consumo di gas naturale crescerà del 3% (fino a 313 miliardi di metri cubi). E allora? Dare tutto all'Arabia Saudita, al Qatar o agli stessi americani?! Gli Stati Uniti, tra l'altro, hanno puntato più che nello specifico al mercato energetico del Medio Regno: non per niente la locale Exxon Mobil è pronta ad aggiungere 10 miliardi di dollari alla costruzione di un complesso petrolchimico a Huizhou. Sembra che abbiano persino iniziato la costruzione ... Sì, sono orecchie di un asino morto, e non il colossale mercato cinese - con il suo volume e le sue prospettive! Abbiamo bisogno di tutto noi stessi! Se i compagni locali intendono costruire con noi, e non con gli americani, una “fortezza indistruttibile”, allora c'è motivo di sperare che questa trovi un suo concreto riflesso nel campo della cooperazione energetica. Nella forma del fatto che diventerà più reciprocamente vantaggioso e meno unilaterale. Tuttavia, questo può dirsi particolare. Non molto tempo fa, i funzionari dell'OPEC hanno annunciato notizie, che può essere considerato clamoroso: si sono svolte trattative tra il segretario generale di questa organizzazione, Mohammed Barkindo, e il capo del Dipartimento nazionale per l'energia della Cina, Jang Janghua, durante le quali Pechino ha annunciato direttamente l'intenzione di ristabilire l'ordine nei mercati petroliferi mondiali !

No, naturalmente, il compagno Dzhanhua ha parlato con Barkindo delle prospettive di cooperazione con l'OPEC "per stabilizzare l'industria petrolifera mondiale e garantire la sicurezza energetica globale". Tuttavia, anche il famoso animale spinoso capisce cosa significa veramente. Pechino è stufo delle “guerre” e delle crisi in un mercato critico per essa, così come del desiderio di alcuni ragazzi particolarmente sexy di organizzare “grandi ridistribuzioni”. La Cina ha bisogno di stabilità e prevedibilità nel suo approvvigionamento energetico. E, puoi starne certo, raggiungerà il suo obiettivo. L'unica domanda è se la Russia sarà vista come un alleato, i cui interessi devono essere presi in considerazione, oppure no. Cosa è più redditizio per noi? “Stiamo assistendo alla fine del sistema americano e all'inizio del secolo asiatico, in cui la Cina giocherà un ruolo crescente” - queste parole non appartengono in alcun modo al compagno Wang Yi, ma al rappresentante per gli affari esteri dell'Unione Europea e politica di sicurezza Josep Borrell. Fatto questo riconoscimento pubblicamente e apertamente, l'alto burocrate europeo, infatti, si è limitato ad affermare un fatto assolutamente ovvio, con il quale "l'Occidente collettivo" non può più nulla con tutta la sua volontà. Per lui però c'è davvero un incubo: l'alleanza tra Mosca e Pechino. Nell'ultima volta, questo argomento è stato molto apprezzato da molti noti media americani, come The Hill, The Diplomat, Foreign Policy e altri, trasmettendo con forza l'incubo presentimento che "i rapporti tra Cina e Mosca si approfondiranno in modo significativo " sullo sfondo di una pandemia e questo avrà "implicazioni globali per il mondo intero" in cui "vogliono stabilire un nuovo ordine internazionale eliminando il dominio degli Stati Uniti". Ebbene... Sia così!
22 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. argo44 Офлайн argo44
    argo44 (Mac) 28 può 2020 10: 13
    +1
    Możecie podawać linki do informacji na podstawie których są artykuły, do których się donoszą? Dziękuję .----------

    Potete fornire collegamenti a informazioni in base a quali articoli stanno collegando? Grazie.
    1. Arjil Офлайн Arjil
      Arjil (Arjil) 28 può 2020 11: 47
      +1
      Per l'amor di Dio, qui -

      http://russian.people.com.cn/n3/2020/0524/c31521-9693787.html
      1. argo44 Офлайн argo44
        argo44 (Mac) 28 può 2020 16: 07
        +2
        Dziękuję. Byłoby fajnie, gdyby każdy artykuł był podlinkowany źródłem. ---------

        Grazie. Sarebbe bello se ogni articolo fosse collegato a una fonte.
  2. accidentalmente Офлайн accidentalmente
    accidentalmente 28 può 2020 10: 37
    -1
    Qui, a tutti gli specialisti verrà data una risposta esatta da I. Gorenin... stiamo aspettando una risposta.
    1. Il commento è stato cancellato
  3. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 28 può 2020 11: 05
    -1
    E la solita cosa è un pendolo in politica.
    Oggi "unione indissolubile" con la Russia, ma dai risorse, e domani - amicizia con YSA, semplicemente non aumentare i doveri ...
  4. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 28 può 2020 11: 21
    +2
    Se la Cina acquista petrolio e gas russi in grandi volumi, la Russia avrà i fondi per aiutare la Cina. Altrimenti, saremmo felici, ma ahimè!
    1. kazbek Офлайн kazbek
      kazbek (kazbek) 29 può 2020 12: 57
      +4
      E ancora ci imponiamo come appendice di materia prima. Non stanco? Non sarebbe meglio ripristinare la tua produzione con l'aiuto della Cina? Solo nell'elettronica la Cina ci ha lasciato per 20 anni Dov'è la nostra industria leggera? Compriamo ogni pannolino in valuta estera, metà dei vestiti dalla Cina e un altro quarto da altri paesi. Assembliamo auto di diverse aziende con un assemblaggio di cacciaviti. Non è meglio acquistare tecnologia e produrre da soli almeno una parte dei componenti. Quindi il nostro reddito aumenterà. Le teste in Russia sono d'oro, quindi non c'è nessun posto dove attaccarle. Metà del reddito appartiene agli stranieri, e un altro quarto alla nostra borghesia, che li esporta nello stesso Occidente. Un esempio vivente è Gazprom, Rosneft, Sberbank e altri. È un peccato, dannazione.
      1. Bulanov Офлайн Bulanov
        Bulanov (Vladimir) 29 può 2020 13: 01
        +6
        Metà del reddito appartiene agli stranieri.

        O questo conviene alle autorità russe, o dovrebbero essere introdotte sanzioni contro i borghesi, o dovrebbero essere introdotte tasse sul capitale esportato con un'aliquota del 75%. E sedersi e lamentarsi che vengono portati fuori - continueranno a farlo, come da una colonia.
  5. cmonman Офлайн cmonman
    cmonman (Garik Mokin) 28 può 2020 15: 35
    0
    I leader di qualsiasi stato "saranno amici" con quei leader di altri stati che condividono i loro "valori", il metodo di leadership e la presenza di un nemico comune. C'è un nemico comune: gli Stati Uniti e, forse, l'Europa. Ebbene, non c'è bisogno di spiegare i valori comuni o il metodo di leadership, è sufficiente elencare i druzhbanov - Cina / Corea del Nord / Russia / Venezuela. Tutti questi paesi hanno molto in comune e i loro leader hanno molto da perdere se le persone si emozionano...
    1. Caro esperto di divani. 28 può 2020 21: 45
      +7
      C'è un nemico comune: gli Stati Uniti e, forse, l'Europa ..

      Penso che il nemico comune siano gli Stati Uniti. E anche per l'Europa. Non credo che se inizia un grande "tumulto", gli europei staranno fianco a fianco con gli americani. A nessuno interessa dare la vita per slogan come “America First”. In Europa, oggi parlano sempre più forte della creazione del proprio sistema di sicurezza europeo, senza gli Stati Uniti in alcun modo.
      La tigre di carta della NATO durerà fino alla prima grande sfida. Il massimo che l'Europa risponderà in caso di entrata in vigore del “quinto articolo della Carta Nato” è “mentalmente siamo con voi”. E lì avanti, americani! Con una corsa sulla fronte contro la muraglia cinese, o direttamente nella tana, cibo per l'orso risvegliato. Ma no, quindi lui (l'orso) verrà a trovarti di persona. Scuoterai con paura le tue pance grasse da fast food, implorerai pietà, ma non seguirà. Sarai distrutto da tutti, fino all'ultimo. Dopotutto, non sei nemmeno l'Ucraina, dove i russi sono ancora mandorla: un popolo fraterno, legami familiari .. e sei estranei. E non gli piaci. E nessuno ti ama più. E incluso il tuo vero volto - "America First".
    2. Bulanov Офлайн Bulanov
      Bulanov (Vladimir) 28 può 2020 22: 12
      +5
      Per Garik hai dimenticato l'India, il Pakistan e l'Iran.
    3. ser Sash Офлайн ser Sash
      ser Sash (Ser Sash) 29 può 2020 11: 36
      0
      Non ci sono valori comuni: siamo traditori della Cina.
      E la gente ha scelto Xi come presidente a vita, e per una buona ragione.
  6. San Valentino Офлайн San Valentino
    San Valentino (Valentin) 28 può 2020 16: 14
    +6
    La Cina è un grande paese, ma, come si suol dire, l'Oriente è una questione delicata, e molto vile - ho visto abbastanza i loro culi durante Damansky, quando prestavo servizio nella KDVO in quegli anni, le Guardie Rosse e gli Zaofan, che a quel tempo erano simili ai nazisti ucraini di oggi, con gli stessi cervelli cablati. In Cina ci sono voluti anche circa 10 anni per trasformarci da "fratelli per sempre" in acerrimi nemici, e tutto questo è colpa di Judas Nikitushka, quindi l'amicizia non è un valore costante, ma se si è amici contro qualcuno, da caso a caso, quindi secondo i loro concetti - è sempre il benvenuto. Ricorda quanti "amici-fratelli" abbiamo avuto prima, e non appena il canaglia Gorbaciov ha portato i nostri GSVG e ZGV fuori dall'Europa dell'Est, e ha dato i paesi del Patto di Varsavia agli Stati Uniti, è stato allora che questi paesi si sono trasformati in un vero bestia per noi. Allo stesso modo, ora la Cina sta facendo l'amore e l'amicizia situazionali con noi, e praticamente qualcosa - un coltello nella nostra schiena ... Sì, non c'è nessun profeta nella nostra Patria, come Joseph Vissarionovich, con lui tutta l'Europa sarebbe in fila camminava, e allora la Cina sarebbe stata il nostro miglior fratello e l'Europa si sarebbe seduta intorno a noi su sedie laterali.
    1. Perfezionista Офлайн Perfezionista
      Perfezionista 29 può 2020 11: 03
      +3
      Aggiungo che un'alleanza con la Cina è un affare senza speranza e non redditizio, solo relazioni pragmatiche. Più di recente, la Cina ha sostenuto le sanzioni statunitensi contro società russe, obbligazioni di debito e banche, anche se non esplicitamente, ma in modo abbastanza specifico. In generale, la stessa Cina ha fatto un casino, ingrassando sul grande mercato americano, conflitti con Giappone, Vietnam, India, ecc., espansione nel mondo, condizioni inaccettabili per l'acquisto di gas in Russia, anche se si allenta. Gli americani, anche se di merda, non sono stupidi.
    2. kazbek Офлайн kazbek
      kazbek (kazbek) 29 può 2020 13: 04
      +3
      Perché si sono allontanati da noi? Non dopo che Krusciov si è lamentato al congresso? E l'Albania e la Jugoslavia, con in testa Tito, e la Cina. Tutti hanno cambiato atteggiamento dopo aver preso in giro Stalin, che il mondo intero rispettava. Prima di allora, tutti adulavano l'URSS e poi avevano paura. E sono saliti sotto gli USA.
  7. Il commento è stato cancellato
    1. Caro esperto di divani. 29 può 2020 00: 17
      +4
      Allora perché un panda ha bisogno di un topo? ..

      Il "topolino" ha un esercito moderno, potente e ad alta tecnologia e una base di risorse inesauribili. Senza tutto questo puoi avere almeno 10 miliardi di persone, non puoi vincere la guerra.
      1. Il commento è stato cancellato
    2. Nikolay Malyugin Офлайн Nikolay Malyugin
      Nikolay Malyugin (Nikolay Malyugin) 29 può 2020 07: 41
      0
      L'interesse della Cina non è solo nell'importazione di risorse naturali. Ma anche in enormi esportazioni verso il nostro Paese. Se ci sono solo relazioni amichevoli, anche questo non è male.
      1. Xuli (o) Tebenado Офлайн Xuli (o) Tebenado
        Xuli (o) Tebenado 29 può 2020 08: 41
        -2
        .... perché. ci sono regioni più ricche e numerose come mercato di vendita

        - rispetto alla Russia.
        Leggi solo te stesso. Quello che gli altri hanno scritto o non è leggibile o non lo si capisce affatto.
    3. Il commento è stato cancellato
  8. Cittadino Mashkov Офлайн Cittadino Mashkov
    Cittadino Mashkov (Sergѣi) 29 può 2020 01: 51
    0
    La Russia deve sostenere la Cina nella sua lotta contro l'Occidente!
  9. gorenina91 Online gorenina91
    gorenina91 (Irina) 29 può 2020 04: 22
    -3
    Kazara Ieri, 10:37
    Qui, a tutti gli specialisti verrà data una risposta esatta da I. Gorenin... stiamo aspettando una risposta.

    - In poche parole... la Cina aveva urgente bisogno di oro russo (russo); che la Russia, ovviamente ... - fornirà alla Cina ... - insieme a tutto il resto che la Cina vuole prendere dalla Russia oggi ... - Un'altra trappola cinese schiavizzante per la Russia ... - In generale ... - "quando il Il cinese sorride al russo; significa che presto "qualcuno" dovrà piangere amaramente "... - mi scuso - per tali" improvvisazioni popolari "(questi sono i "detti")
    - Puoi descrivere tutto questo "momento e processo" in modo più dettagliato... - ma personalmente ne ho già scritto tanto; che per me personalmente è diventato poco interessante...
    - Forse tornerò su questo argomento...
    - E i "giocatori meno" in questo momento ... - potrebbero già iniziare ...
    1. Caro esperto di divani. 29 può 2020 08: 39
      +2
      E i "giocatori meno" in questo momento ... - potrebbero già iniziare ...

      Questa citazione è stata la più divertente (non ho meno - semmai) e dovrai lavorare sul resto del testo.
  10. LeftPers Офлайн LeftPers
    LeftPers (Anton) 29 può 2020 05: 57
    +2
    È estremamente improbabile che le due potenze mondiali siano uscite dal confronto che ha raggiunto un tale livello di intensità con i sorrisi dei loro leader, sotto il ticchettio dei flash delle macchine fotografiche e il fruscio delle piume che mettono le firme sotto il prossimo "mondo".. .

    Perchè no? Ricordiamo come Trump sbavava verso la Corea del Nord e Kim Jong-un, e cosa.