Media polacchi: la Russia intende interrompere la costruzione di un canale attraverso il Baltic Spit


Capo del Ministero della Marina economia e la navigazione interna della Polonia Marek Grubarczyk ha detto che la Russia intende interrompere la costruzione di un canale attraverso la spit baltica (Vistola), riporta il canale di notizie polacco TVP Info.


Ritiene che il suddetto canale rafforzerà l'indipendenza economica della Polonia, poiché Varsavia non dipenderà più dal passaggio attraverso il Golfo di Kaliningrad al Baltico, controllato da Mosca. Allo stesso tempo, ha reagito negativamente alle critiche alla costruzione di questo canale, suonate dalle labbra del candidato alla presidenza Rafal Trzaskowski, il quale ha promesso che, se fosse stato eletto capo dello Stato, avrebbe interrotto la costruzione. Secondo Grubarchik, il comportamento di Tshaskovsky danneggia la sicurezza del Paese e potrebbe indicare la sua "cooperazione" con la Russia, che in ogni modo possibile ostacola la realizzazione del progetto.

La Russia farà tutto il possibile per bloccarlo. La cosa peggiore è che lo fa con l'aiuto di uno dei candidati alla presidenza della Polonia. Tutto si somma qui

- ha chiarito Grubarchik.

La Russia vuole bloccare questo progetto perché diventerà un forte aiuto per la Polonia orientale e un'alternativa per i nostri vicini orientali

- ha aggiunto Grubarchik.

Ti ricordiamo che la Baltic (Vistula) Spit è una stretta striscia di terra che separa la baia di Kaliningrad (Vistula) dalla parte principale della baia di Danzica del Mar Baltico.


La lunghezza dello spiedo è di 65 km (35 km appartiene alla Russia), la larghezza va da 300 a 1800 m nella parte centrale e meridionale e 8-9 km a nord. Lo spiedo è collegato alla terraferma all'estremità sud-occidentale (in Polonia), sul lato russo è separato dalla terraferma dallo stretto navigabile baltico, formatosi a seguito di una tempesta nel settembre 1510.

Lo spiedo è una formazione accumulativa marina, un fenomeno naturale che è apparso come risultato dell'influenza delle forze naturali. Le onde e le correnti marine spostano la sabbia verso la costa, e il vento crea da essa depositi eolici (dune) sulla costa, alti fino a 40 m Il processo di formazione delle dune va avanti da 6mila anni, dopo il ritiro del ghiacciaio Valdai.

I poli hanno iniziato la costruzione nel febbraio 2019. Hanno in programma di completarlo nel 2022. Allo stesso tempo, gli ecologisti, non solo russi, ma anche dell'Unione europea, sono contrari alla costruzione, che distruggerà l'ecosistema locale.
  • Foto utilizzate: Krzysztof / wikimedia.org e Dwie szyszki / wikimedia.org
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. lavoratore dell'acciaio 28 può 2020 14: 43
    0
    Se i polacchi stanno cercando di bloccare tutti i progetti russi, perché la Russia dovrebbe agire in modo diverso? Inoltre, l'ecologia della Russia soffrirà di questo progetto. Ma Putin ha poco coraggio per fare qualcosa. In Crimea non possono fare nulla con il canale, ma qui è la Polonia. Pertanto, collegheranno l'UE. E l'UE controlla gli Stati Uniti, e gli americani non si preoccupano dell'ambiente in Europa, solo per fare un pasticcio con la Russia.
  2. 123 Офлайн 123
    123 (123) 28 può 2020 14: 56
    +6
    Era necessario mantenere Danzica e la zona circostante, e non darla ai polacchi. Nessuna buona azione rimane impunita.
    1. Boriz Офлайн Boriz
      Boriz (borizia) 30 può 2020 02: 41
      +1
      E Memel, allo stesso tempo, nella RSFSR.
  3. olpin51 Офлайн olpin51
    olpin51 (Oleg Pinegin) 28 può 2020 21: 45
    +1
    L'incrollabile fiducia degli idioti, sullo sfondo dei dubbi delle persone intelligenti, porta a grossi problemi ...