La posta in gioco sono 25 miliardi di dollari: perché la Turchia è entrata nel conflitto libico


Nella lunga guerra civile sul territorio della Libia, economico interessi di altri paesi. Non è un segreto che forze esterne siano dietro il governo di salvezza nazionale Faiz Sarajah e l'esercito nazionale libico del feldmaresciallo Khalifa Haftar, scrive l'edizione giordana di Al Bawaba.


Gli interessi commerciali di molte potenze sono presenti in Libia, vedono un grande potenziale nelle risorse naturali e nei futuri progetti infrastrutturali nel paese. Per quanto riguarda la Turchia, la sua partecipazione attiva è associata alla promessa del PNC di adempiere ai propri obblighi nell'ambito dei contratti di costruzione congelati, stimati in 25 miliardi di dollari.

Gli esperti notano che l'intervento aperto della Turchia e il trasferimento di militanti dalla Siria hanno cambiato gli equilibri di potere. Ankara ha inviato migliaia di "rifugiati siriani" addestrati e motivati ​​in Nord Africa, dozzine di veicoli blindati, forze speciali, droni e ha persino spostato una flotta verso le coste della Libia. Successivamente, il PNS non solo è riuscito a fermare l'offensiva di successo di Haftar vicino a Tripoli, ma anche a cacciare l'LNA da un certo numero di territori strategicamente importanti. Ad esempio, la base aerea di Al-Watia, 140 km a sud-ovest di Tripoli, è stata presa sotto controllo.

A loro volta, gli Emirati Arabi Uniti, l'Egitto, l'Arabia Saudita e la Russia, che hanno i propri interessi economici in Libia, hanno difeso Haftar. Così ora in Libia è stato stabilito un certo equilibrio di potere tra le parti in conflitto. Inoltre, non si può negare che ciascuna delle parti possa tentare di intraprendere azioni attive per invertire nuovamente la tendenza.

Allo stesso tempo, la situazione economica nel paese un tempo prospero rimane molto difficile, data la pandemia di COVID-19 e il crollo dei prezzi del petrolio.
  • Foto utilizzate: https://pixabay.com/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. jekasimf Офлайн jekasimf
    jekasimf (jekasimf) 29 può 2020 14: 14
    +2
    A questi 25 miliardi si aggiunge il costo di ogni drone turco abbattuto. Ordini per i quali vengono ricevuti da una ditta di proprietà del genero di Erdogan ....
  2. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 29 può 2020 19: 59
    +2
    La Turchia ha bisogno di mercati di vendita e, soprattutto, di fonti di petrolio che dipendono da esso.
    Per il petrolio, Erdogan è salito in Siria. È piaciuto. Ma il malvagio Putin è arrivato e ha interrotto il ronzio. Ora Erdogan è salito in Libia. Ma la Libia è stata la nostra zona di influenza sin dall'epoca sovietica. Fino a quando la marcata rovina tutto. Putin non darà la nostra fetta di torta a nessuno.
    È necessario che abbia chiaramente assimilato il suo posto sotto il sole. Come diceva il classico, "Lo porti fuori dal rango!"
    Avere le proprie fonti di petrolio renderà la politica di Erdogan troppo rilassata, direi, squilibrata. Date le peculiarità del suo carattere e della mentalità turca, questo è troppo pericoloso. Pertanto, è necessario stringere il collare e accorciare la catena.