USA in fiamme: "esplosione sociale" che non poteva non accadere


Gli Stati Uniti sono in fiamme. Rivolte spontanee di tali proporzioni imperversano nel paese, che non ha conosciuto in tutti gli ultimi decenni. Denver, Detroit, Houston, Los Angeles, Miami e persino Beverly Hills sono in fiamme. I manifestanti sono arrivati ​​a Washington e, di fatto, hanno tentato di prendere d'assalto la Casa Bianca. Da diversi giorni si sentono spari e, per quanto si sa, ci sono vittime su entrambi i lati delle “barricate”.


Cosa sta succedendo negli Stati Uniti - più o meno le loro solite proteste contro l'arbitrio della polizia, con una connotazione razziale, qualcosa di "insensato e spietato", un alcol, il cui significato è incomprensibile anche ai suoi partecipanti, o qualcosa che sarebbe dovuto accadere assolutamente inevitabilmente non appena si presenta l'occasione adatta?

Errori di sistema: uno peggiore dell'altro


Bisogna ammettere che le autorità - sia locali, la città di Minneapolis, sia lo stato del Minnesota, da cui è iniziata la sanguinosa tempesta, che ora si è trasformata in un americano a livello nazionale, ea livello federale, lo hanno fatto, senza alcuna esagerazione, tutto il possibile per far sì che ciò accada. Vi ricordo che la prima protesta, avvenuta sul luogo della brutale "detenzione" del nero George Floyd, che, strangolato da un poliziotto locale, è morto in ospedale senza riprendere conoscenza, è stata un'azione del tutto pacifica. . Il giorno dopo, allo sfortunato incrocio, la gente stava semplicemente con i cartelli "Non riesco a respirare!" e “Potevo essere io”, pur osservando il “distanziamento sociale” prescritto dalle regole di quarantena. E ce n'erano ancora solo poche centinaia. Floyd è morto il 25 maggio, lunedì, il pubblico si è indignato (ma in modo non violento) martedì.

Mercoledì c'erano già migliaia di manifestanti e pietre e bottiglie volavano contro la polizia con forza e forza. La situazione si stava chiaramente surriscaldando e rapidamente. Giovedì notte la folla si è recata all'assalto alla stazione di polizia di Minneapolis - dopo che è diventato chiaro che gli autori dell'incidente probabilmente se la sarebbero cavata con "un leggero spavento". Sì, tutti e quattro i poliziotti "illustri" sono stati immediatamente cacciati dall'ufficio. Tuttavia, la locale Associazione degli agenti di polizia si è sollevata per difendere i propri colleghi (anche se ex) e ha iniziato a sostenere che l'incidente "deve ancora essere risolto" (beh, sì - improvvisamente Floyd si è rotto il collo, come quel Gogol vedova che si è frustata!), attendere i "risultati dell'esame" e così via. E questo nonostante tutto ciò che è accaduto sia stato catturato in video con una qualità eccellente e abbia avuto molti testimoni. E l'agente Derek Shovin, che ha chiaramente superato i limiti dell'uso consentito della forza, non era sicuramente una decorazione e un orgoglio delle forze dell'ordine - solo 17 denunce ufficiali sono state presentate contro di lui, quasi una per ogni anno di servizio ...


Donald Trump ha reagito molto "bene" agli eventi, gettando una benzina nel fuoco come al solito. Comunicando con la nazione, come sempre, tramite Twitter, dapprima borbottò qualcosa in modo del tutto indistinto su "un'indagine rapida e obiettiva", e letteralmente il giorno dopo chiamò i manifestanti "banditi", minacciandoli simultaneamente con truppe e sparando per uccidere. Fu allora che i manifestanti stessi iniziarono a sparare ... E anche qui è impossibile non notare che tutte le condizioni per questo furono create, ancora una volta, dalle autorità statunitensi.

All'inizio della pandemia, quando la questione di quali negozi nel paese sarebbero stati autorizzati a funzionare a causa del fatto che vendono beni di prima necessità, i negozi di armi sarebbero stati chiusi. Tuttavia, l'onnipotente, praticamente, negli Stati Uniti, la National Rifle Association of America - la Shooting League of America - entrò immediatamente nel business. “Sei là fuori nel tuo Congresso? Non rispetti il ​​secondo emendamento alla Costituzione ?! " - seguito da un formidabile grido, in cui si poteva sentire chiaramente il fragore dei cancelli distorti. I legislatori si sono subito resi conto che mettersi in contatto qui è decisamente più costoso per loro stessi, e hanno aggiunto i punti vendita per la vendita di armi e munizioni all'elenco delle "infrastrutture critiche" che non dovrebbero essere chiuse in alcun modo. Di conseguenza, il numero di cittadini che hanno iniziato a spazzare via i "bauli" dagli scaffali e ordinarli via Internet (negli Stati Uniti è abbastanza comune), è aumentato molte volte. Il punto di partenza per statistiche più o meno oggettive può essere il numero ufficialmente registrato di americani che hanno richiesto i permessi appropriati. In alcuni stati, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, è balzato del 200 per cento. Allo stesso tempo, nemmeno i fucili erano particolarmente richiesti, ma pistole e "cloni" civili dell'esercito M-16 - fucili semiautomatici AR -15. Furono loro che furono spinti nel panico dalla pandemia e si precipitarono a comprarne centinaia di migliaia.

Rivoluzione a stomaco vuoto


L'affermazione più famosa di Anton Pavlovich Cechov sul fatto che la pistola appesa al palco nel primo atto "scoppierà" sicuramente nel secondo, come è stato a lungo dimostrato, non è affatto vera per il palcoscenico teatrale. Molti trafficanti d'armi, che durante il periodo di quarantena hanno fornito loro shock ai loro concittadini, hanno notato che questa volta, quelli che prima non li avevano neppure, si sono rivolti ai “bauli”. Per che cosa? "Nel caso in cui! I tempi, sai, sono vaghi, tutto può succedere ... "Così è successo -" armi da fuoco "nella quantità di isteria di massa, e persino moltiplicato per più che reale economico e, di conseguenza, i problemi sociali sono una combinazione estremamente esplosiva. Significativo, nelle proteste iniziate e per molti versi continuano con il nome del nero George Floyd, momenti molto originali ed estremamente inquietanti hanno cominciato molto rapidamente a "cristallizzarsi".


In primo luogo, questi casi negli Stati Uniti non sono la prima e nemmeno la seconda volta. Dopo tutto, gli afroamericani vengono regolarmente "catturati" dalla polizia locale, spesso fatalmente. Nella stessa New York nel 2014, Eric Garner è stato strangolato più o meno allo stesso modo durante il suo arresto e il suo assassino non ha subito alcuna vera punizione. George Floyd, Ahmad Arbury, Breoni Taylor ... L'elenco potrebbe continuare, ma il punto non è nel numero, ma nel fatto che di solito tali tragedie erano in grado di suscitare persone in una città, al massimo - in diverse città di lo stato. Ma non "far saltare in aria" l'intero paese in pochi giorni. In secondo luogo, tra i manifestanti di oggi, la massa di persone non è affatto di pelle scura - la situazione è andata ben oltre il "conflitto razziale" con cui gli Stati Uniti non sorprenderanno. È molto probabile che questa sia proprio una ribellione contro il governo - non uno shtetl nella persona dello sceriffo e del sindaco, ma una sfida al Sistema su scala nazionale.

E, infine, in terzo luogo, in molti luoghi, le manifestazioni si trasformano molto rapidamente nei pogrom più naturali, accompagnati da saccheggi e rapine di massa. Nella stessa Minneapolis, o "chi ha vendicato Floyd" o semplicemente ha deciso di "fare un pasticcio" per l'occasione, i cittadini hanno distrutto in mille pezzi la principale via dello shopping, avendo letteralmente buttato giù tutti gli stabilimenti che vi si trovavano - dal grande magazzino Target ai club di fitness alla moda. Per qualche motivo, è stata risparmiata solo la lavanderia automatica. A Los Angeles, il famoso Santa Monica Boulevard ha subito la stessa distruzione. Le auto della polizia distrutte e le stazioni in fiamme sono il terzo caso. La folla inizia sempre più ad avere un assaggio del "predone", a partire da un interesse estremamente negativo a guardare da vicino non solo i centri commerciali e i supermercati, ma anche i quartieri ricchi. C'è qualche collegamento con il fatto che la scorsa settimana più di 2 milioni di americani sono stati costretti a richiedere l'indennità di disoccupazione, e quindi il numero di cittadini di questo paese si è trovato senza mezzi di sussistenza ha raggiunto la cifra record di 40 milioni di persone? Qui ognuno è libero di giudicare da sé, ma, secondo me, il collegamento è più che evidente. I tentativi disperati del governo di "tappare" questo "buco" sociale sempre più spalancato con le somme distribuite alle persone dal bilancio, a quanto pare, non sono in grado di cambiare radicalmente la situazione. Primo, mille, uno e mezzo o anche duemila dollari, per gli standard degli Stati Uniti, non sono affatto la stessa cifra che abbiamo. Soprattutto non chiarire. In secondo luogo, tutti gli americani più o meno sensibili capiscono perfettamente che nessuno li nutrirà a tempo indeterminato. Abbiamo bisogno di lavoro, abbiamo bisogno di stabilità, abbiamo bisogno di prospettive. Ma non sono attesi nel prossimo futuro.


Il segretario al Tesoro Stephen Mnuchin, che ha recentemente parlato al Comitato bancario del Senato degli Stati Uniti, si è permesso di dichiarare che "gli Stati Uniti usciranno dalla pandemia di coronavirus più forti di prima". Sembra impressionante, ma il signor Mnuchin ha dimenticato le sue stesse parole, ha detto due settimane prima - che se le misure di quarantena "si trascinano un po 'di più", allora l'economia americana sarà semplicemente "distrutta". Ora questo è più come la verità. Secondo quanto riferito, il paese sta vivendo un'ondata di fallimenti senza precedenti dalla recessione del 2009. Nei primi cinque mesi di quest'anno, circa un centinaio di società americane si sono dichiarate debitrici insolventi, il cui volume di prestiti obbligazionari è di 50 milioni di dollari. Ad esempio, JCPenney Co. è fallita. È una delle più antiche catene di grandi magazzini degli Stati Uniti con oltre un secolo di storia alle spalle. Anche Neiman Marcus Group Inc. è fallita. (una catena di grandi magazzini "di lusso"), J.Crew e un certo numero di altri rivenditori americani. E proprio questo è un segnale molto allarmante per gli Stati Uniti. I negozi “bruciati” indicano che le tasche dei cittadini sono vuote. Il capo del sistema della Federal Reserve statunitense Jerome Powell, la cui parola può essere considerata in una certa misura ancora più pesante delle dichiarazioni di Mnuchin, non condivide affatto l'ottimismo del ministro delle finanze. Secondo le sue previsioni, annunciate il 18 maggio, il tasso di disoccupazione nel Paese potrebbe raggiungere il 25% e il PIL potrebbe scendere del 20-30%. La cosa più spiacevole è che il signor Powell ha descritto questi problemi come una prospettiva per il secondo trimestre, tuttavia, come accennato in precedenza, avendo superato la soglia dei 2 milioni, il tasso di disoccupazione ha già raggiunto la "barra massima" ha espresso. Qual è il prossimo? È tempo di ricordare che gli analisti del gruppo bancario JPMorgan hanno previsto un calo del PIL nello stesso trimestre a un livello di almeno il 40%.

Nel momento in cui scrivo, i disordini negli Stati Uniti stanno diventando sempre più gravi. A causa loro, il coprifuoco è stato introdotto in 25 città in sedici stati. A sua volta, Donald Trump, secondo l'opinione dei suoi stessi compatrioti, che è in gran parte personalmente responsabile del fatto che la pandemia nel paese si sia svolta secondo lo scenario più catastrofico, ha incolpato il movimento Antifa e "altre organizzazioni radicali di sinistra" come i colpevoli di tutto ciò che accade. Stiamo aspettando una dichiarazione sulla "traccia russa" ...
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
18 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Caro esperto di divani. 1 June 2020 09: 49
    +3
    Sì .. per ristabilire l'ordine e proteggere la democrazia, Trump, a quanto pare, ora dovrà inviare lì una portaerei)
    1. GENNADI 1959 Офлайн GENNADI 1959
      GENNADI 1959 (Gennady) 1 June 2020 10: 09
      +3
      Puoi ancora colpire con Tomahawks, aiuta molto nello sviluppo della democrazia e nell'affermazione di valori liberali.
      1. Caro esperto di divani. 1 June 2020 10: 13
        0
        Puoi ancora colpire con Tomahawks, aiuta molto nello sviluppo della democrazia e nell'affermazione di valori liberali.

        Sì, ma poi dovrai prima mandare lì "elmi bianchi", con una canna di "sarin", in modo che possano provocare un attacco chimico.
  2. San Valentino Офлайн San Valentino
    San Valentino (Valentin) 1 June 2020 10: 00
    +3
    Non ci farebbe male inviare lì diverse navi da carico secco con pneumatici e bombe molotov, e Zakharov con "biscotti" per rafforzare la diplomazia internazionale, e ai georgiani, sotto forma di assistenza fraterna, piantare diverse dozzine di cecchini sui manifestanti.
    1. Stanislav Vorontsov Офлайн Stanislav Vorontsov
      Stanislav Vorontsov (Stanislav Vorontsov) 1 June 2020 19: 08
      +1
      Non vedevo l'ora che la CNN o qualcun altro della "vera" stampa americana avrebbe incolpato la Russia per questo pandemonio. E - mentre guardava in acqua: tali falsi sono già balenati sui media occidentali (e non solo americani). Cosa puoi dire qui? Questi sono i famigerati "valori occidentali". NON CI USIAMO.
      1. Stanislav Vorontsov Офлайн Stanislav Vorontsov
        Stanislav Vorontsov (Stanislav Vorontsov) 1 June 2020 19: 19
        +1
        https://ok.ru/ourpolicy/topic/151870028103130
  3. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 1 June 2020 10: 05
    +2
    Lo spettro della rivoluzione tunisina sta sorgendo sull'America. Molto probabilmente, tutto questo è stato confuso da Soros. Trump non dovrebbe trattenerlo. Adesso potrebbe essere troppo tardi.
    Ora Soros deve solo esclamare verso la polizia: cosa stai facendo? Dopotutto, sono bambini!
    1. Caro esperto di divani. 1 June 2020 10: 29
      +2
      Molto probabilmente, tutto questo è stato confuso da Soros. Trump non dovrebbe trattenerlo.

      Perché invano? Al contrario, bene. Soros è lì, a quanto pare, e sta combattendo per i diritti dei prigionieri? Qui tra poco verranno aperte le loro carceri, per "completezza del quadro". Compriamo popcorn e daremo un'occhiata.
      1. Bulanov Офлайн Bulanov
        Bulanov (Vladimir) 1 June 2020 13: 06
        0
        Per Trump - invano ...
        1. Caro esperto di divani. 1 June 2020 13: 15
          -1
          Per Trump - invano ...

          Chi glielo ha chiesto?
    2. San Valentino Офлайн San Valentino
      San Valentino (Valentin) 1 June 2020 19: 49
      +1
      No, no, è impossibile disperdere l'espressione della volontà del popolo, perché questo è così antidemocratico ...
  4. 123 Офлайн 123
    123 (123) 1 June 2020 10: 54
    -1
    Volevo scrivere, ma ho letto i commenti lugubri di persone profondamente empatiche e ho capito, tutto è detto.
    Una domanda: strapperemo le fisarmoniche? strizzò l'occhio
    1. Caro esperto di divani. 1 June 2020 11: 04
      +1
      Una domanda: strapperemo le fisarmoniche?

      Dopo 40 giorni, altrimenti è un peccato.
    2. San Valentino Офлайн San Valentino
      San Valentino (Valentin) 1 June 2020 12: 06
      0
      Citazione: 123
      La domanda è: strapperemo le fisarmoniche?

      Lo faremo, eccome, e interpreteremo la signora.
  5. Il commento è stato cancellato
  6. Cittadino Mashkov Офлайн Cittadino Mashkov
    Cittadino Mashkov (Sergѣi) 1 June 2020 19: 36
    +1
    La caduta di Nuova Babilonia è iniziata!
    1. Caro esperto di divani. 1 June 2020 20: 57
      0
      La caduta di Nuova Babilonia è iniziata!

      - l'importante è non sfidarlo.
      1. Cittadino Mashkov Офлайн Cittadino Mashkov
        Cittadino Mashkov (Sergѣi) 1 June 2020 22: 32
        +1
        Ugh, ugh, ugh. Knock-Knock.
  7. Oh, selvaggio West!
    Ovunque guardi -
    ovunque negri
    Appesi alle lanterne!