I produttori di aerei militari statunitensi falliscono dopo i civili


Mentre allegre folle di manifestanti distruggono gli Stati Uniti, che non sono ancora diventati "di nuovo grandi" nelle mani di Donald Trump, anche le società serie in questo paese stanno facendo, francamente, non "così calde". No, i giganti aerei americani non vengono attaccati dai predoni, ma hanno già abbastanza problemi senza di esso.


Inoltre, sembra che siano arrivati ​​tempi estremamente difficili sia per la Boeing Co., specializzata principalmente in navi passeggeri, sia per la società aerospaziale Lockheed Martin, i cui interessi commerciali si estendono maggiormente in ambito militare. Ogni azienda ha i suoi grattacapi, ma entrambe hanno più che motivo di preoccupazione.

Quella "furtività" fa male, poi la coda cade ...


Il mese scorso, gli Stati Uniti hanno subito due incidenti di jet da combattimento multiruolo di quinta generazione in un arco di soli cinque giorni, l'orgoglio e l'argomento degli ambiziosi piani e delle grandi speranze di Lockheed Martin. Il 15 maggio l'F-22 Raptor si è schiantato e il 19 maggio l'F-35A Lightning II "più nuovo e migliore del mondo" si è schiantato. Significativamente, entrambi gli incidenti hanno coinvolto i piloti di stanza alla base dell'aeronautica di Eglin in Florida. Nel primo caso si tratta del 43 ° Fighter Squadron, che appartiene alle più antiche unità dell'aviazione militare statunitense e, badate bene, svolge "l'addestramento avanzato dei piloti per l'F-22". Il secondo caccia apparteneva al 58 ° Squadrone del 33 ° Fighter Wing dell'Aeronautica Militare americana, dove, in teoria, non tengono neanche i "gorgonie". Ciò significa che difficilmente sarà possibile attribuire gli incidenti unicamente a "errori del pilota".

Per i produttori di veicoli da combattimento, tutto ciò che è accaduto non è stato solo molto spiacevole, ma anche estremamente inopportuno. Dopotutto, l'informazione, dolorosa per Lockheed Martin, non è ancora stata dimenticata che il Pentagono ha introdotto il divieto più severo sui voli delle modifiche B e C dell'F-35 Lightning a velocità supersoniche, ampiamente diffuse dai media americani e mondiali. E ora ci sono due incidenti aerei consecutivi. Quanto al divieto, è causato dal fatto che i caccia multiruolo dei modelli destinati all'uso da parte della Marina e del Corpo dei Marines, come dimostrato da approfonditi test, possono sopportare non più di 50 secondi di “supersonico”. Inoltre, il decantato "rivestimento invisibile", che, di fatto, è il principale vantaggio di questo velivolo, inizia a staccarsi da essi, ribollendo, a brandelli. Poi arriva il turno delle antenne di comunicazione di poppa, beh, con un riscaldamento particolarmente forte della pelle, anche la coda del combattente potrebbe cadere. È vero, si sono subito trovati gli analisti che hanno iniziato a sostenere che l'incapacità di resistere alle alte velocità non è affatto un inconveniente critico dell'F-35, ma quasi un "vantaggio tattico". È vero, suona in qualche modo, francamente, poco convincente ...

Oltre a tutto ciò, potenziali partner - l'Air Force indiana - hanno piantato un serio "maiale" sulla società. Fino a poco tempo, nel tentativo di modernizzare e migliorare la propria flotta di aerei, Nuova Delhi ha negoziato l'acquisto di un lotto serio (almeno 40 unità) di caccia F-21 dalla Lockheed Martin. In realtà, questi veicoli da combattimento avrebbero dovuto essere una "modernizzazione profonda" del buon vecchio F-16, appositamente "affilato" per l'esportazione e destinato esclusivamente ai piloti indiani. L'azienda produttrice ha promesso sotto giuramento di imbottire questi velivoli con "imbottitura" che li avrebbe avvicinati il ​​più possibile alla "quinta generazione": radar, apparecchiature di controllo e comunicazione e altri dispositivi elettronici.

Tuttavia, gli indiani improvvisamente si opposero e dichiararono di aver "preso la decisione finale" di preferire i "miracoli americani" attrezzatura»Velivoli di nostra produzione - LCA Tejas. Quattro dozzine di queste macchine sono già state ordinate e pagate, e ora la leadership dell'esercito ha deciso di aumentare il numero di combattenti acquistati di altre 83 unità. La ragione di questa scelta, tra le altre cose, sta nella differenza di prezzo più che tangibile: ogni Tejas costerà al tesoro indiano circa $ 50 milioni, il che, ovviamente, è incomparabile con le cifre annunciate da Lockheed Martin, che non vende mai nulla a buon mercato a nessuno. La pandemia ha già colpito la società, mettendo in discussione la tempestività dell'adempimento dei contratti per lo stesso F-35, e quindi c'è un tale fastidio sullo sfondo dei disastri. Secondo i rapporti, dopo gli incidenti di Eglin, alcuni dei potenziali acquirenti dell'F-35 sono profondamente pensierosi. Ad esempio, l'aeronautica militare israeliana, che ha già ordinato 50 di questi velivoli e ha valutato la possibilità di acquisirne altri 25. L'aereo precipitato il 19 maggio è diventato il terzo “migliore al mondo” a schiantarsi. Al prezzo di questi combattenti, c'è uno spunto di riflessione.

Ritorno del 737 MAX o riduzione della produzione?


Terminando la conversazione su Lockheed Martin, resta solo da notare che un altro infelice per loro notizie è arrivato di recente dall'Europa. Lì, i rappresentanti della Bundeswehr hanno dichiarato che le forze aeree di Germania, Francia e Spagna avevano finalmente concordato tutti i dettagli riguardanti il ​​programma Future Combat Air System (FCAS) per creare il proprio caccia di quinta generazione (NGF). Entro il 2040, dovrà sostituire gli squadroni che ora sorvegliano i cieli dell'UE, che sono piuttosto obsoleti sia moralmente che fisicamente Rafale ed Eurofighter. Per i produttori di aerei da combattimento americani, ciò significa che il mercato del Vecchio Mondo è praticamente perso per loro. Così come l'appetito stanziamenti di bilancio per voci correlate all'interno della NATO.

Le speranze che gli europei, come spesso accade, litigheranno o annegheranno una soluzione concreta al problema in interminabili dibattiti e frasi non sono state giustificate. Tuttavia, questa è ben lungi dall'essere l'unica, e forse nemmeno la principale vittoria della società Airbus, che partecipa attivamente alla creazione del "combattente europeo del futuro". Sconfiggere Boeing, il principale ed estremamente pericoloso concorrente per decenni, è stato forse più importante per loro. Oggi, nonostante il fatto che i produttori di aeromobili su entrambe le sponde dell'oceano stiano attraversando tempi difficili dopo la crisi causata dalla pandemia, gli americani stanno chiaramente facendo molto peggio, scivolando sempre più tangibilmente sull'orlo del disastro. Anche il fatto che Boeing Co. il mese scorso hanno fatto un annuncio piuttosto inaspettato: la ripresa della produzione dello sfortunato modello 737 MAX, che ha iniziato a portare i propri produttori in perdite colossali molto prima della pandemia.

La decisione è stata annunciata da Vault Odisho, vicepresidente dell'azienda e direttore generale del programma di rivitalizzazione del 737 MAX. Secondo lui, l'assemblaggio di questi aerei inizierà "in piccoli volumi e a tassi bassi" con la prospettiva di "aumentare la produzione già quest'anno". In una parola, finora "lentamente e tristemente", e poi - come va. È vero, non è del tutto chiaro come questi piani ottimistici si colleghino alla riduzione drastica e su larga scala del proprio personale che è iniziata nella società. Negli ultimi giorni di maggio la dirigenza ha annunciato l'intenzione di "mandare in congedo non retribuito" nel prossimo futuro almeno 2mila lavoratori. Tuttavia, questi sono solo fiori. Durante le prime settimane di giugno, Boeing Co. intendono sbarazzarsi di almeno il 10% della loro squadra attualmente composta da 160 persone. Più di 5 dipendenti lasceranno l'azienda “volontariamente”, percependo come incentivo un trattamento di fine rapporto dignitoso. Più di 6.7mila persone saranno sottoposte a "licenziamenti forzati". Dei 18mila, quelli che lavorano per Boeing fuori dagli Stati Uniti (in Australia, Nuova Zelanda, Canada), i licenziamenti finora “brillano” per settecento dipendenti. Tuttavia, a quanto pare, la questione potrebbe non essere limitata alla loro partenza. Allo stesso tempo, per quanto noto, sono previste riduzioni significative non solo per gli uffici centrali e regionali, l'azienda, ma solo per le sue unità produttive situate nell'area di Seattle. Non è ancora chiaro in quale delle imprese i licenziamenti (e, di conseguenza, la riduzione del lavoro svolto) saranno maggiori - a Everett oa Renton, dove è stato prodotto il 737 MAX. È del tutto possibile che la menzione di lui rimanga al passato.

Infatti, per Boeing, come per Lockheed Martin, l'unico vero salvagente potrebbe essere la cooperazione con il Pentagono. Ricordiamo che questa società produce per i militari la petroliera dell'Air Force KC-46 Pegasus e il velivolo P-8 Poseidon per l'aviazione navale. Anche la loro produzione è stata interrotta a causa della pandemia di coronavirus, ma almeno qui c'è la speranza che gli ordini esistenti non vengano cancellati e vengano pagati. Le prospettive per le navi passeggeri sono molto più cupe. Un'Europa in crisi sosterrà naturalmente esclusivamente i propri produttori di aeromobili, principalmente Airbus, che è già in testa alla corsa con un margine fantastico: lo scorso anno la società ha venduto 11 volte più aeromobili degli americani. La speranza per il mercato interno (dopotutto, negli USA è piuttosto grande) è più che illusoria. American Airlines Group Inc., la più grande compagnia aerea del paese, ha annunciato di essere stata costretta a licenziare massicci quasi contemporaneamente alla Boeing. Inizialmente si parla di riduzione di un terzo del personale amministrativo e direttivo. Prima di tutto si aprirà la porta a 5mila di coloro che sono considerati dall'azienda “personale di supporto” e dirigenti, senza i quali, in genere, si può fare a meno. Quelli di American Airlines hanno contato ben 17mila. L'equipaggio di volo, ovviamente, cercherà di mantenerlo fino all'ultimo, ma è così che va. Semmai, il vice presidente delle pubbliche relazioni della compagnia aerea, Elise Eberwein, ha onestamente ammesso che "nel prossimo futuro" è probabile che "diventerà una compagnia molto più piccola".

Sullo sfondo della vera "svolta spaziale" degli Stati Uniti, realizzata, tuttavia, dagli sforzi di una società privata, la situazione nella loro industria aeronautica appare, francamente, piuttosto deprimente. Non è ancora noto se siano attesi passi da parte dello Stato per sostenere, e di fatto salvare dal collasso, questa importantissima industria. Tuttavia, Donald Trump, costretto a nascondersi in un bunker dai ribelli che hanno già raggiunto Washington, ora, molto probabilmente, non è all'altezza. È vero, allora potrebbe essere troppo tardi.
15 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. arancia Офлайн arancia
    arancia (ororpore) 2 June 2020 16: 25
    -2
    Una pioggia di notizie su quanto siano brutte le cose per gli Stati Uniti. E allora? Questo significa che domani, tipo, arriverà Krande America? È divertente leggere! Si raddrizzeranno come prima!
    1. shonsu Офлайн shonsu
      shonsu (Shonsu) 3 June 2020 15: 56
      +1
      Sei riuscito a comprare dollari a marzo a 80?))
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 2 June 2020 17: 05
    -3
    F-35 per 500 unità, contro 8 (???) Su-57 non seriali.
    Questo è come un fallimento. E poi cosa abbiamo?

    La favola "La volpe e l'uva" ...
    1. ombra Офлайн ombra
      ombra 2 June 2020 17: 51
      +1
      La quantità non significa qualità.
      1. Syoma_67 Офлайн Syoma_67
        Syoma_67 (Semyon) 7 June 2020 18: 20
        -2
        Stai parlando del Su-57?
        1. ombra Офлайн ombra
          ombra 7 June 2020 20: 27
          +3
          Il Su-57 non è nemmeno entrato in produzione. Ma l'F-35 della serie, e anche con, se la mia memoria mi serve correttamente, 966 errori, di cui 111 critici.
          E quanti aerei con tali errori sono già stati rivettati?
    2. Boriz Офлайн Boriz
      Boriz (borizia) 3 June 2020 11: 30
      +3
      In URSS, prima dell'inizio della seconda guerra mondiale, riuscirono a produrre circa 10 carri armati T-000 con armatura sottile.
      In Germania, contemporaneamente, furono prodotti 37 Pz-III con un cannone da 26 mm (paragonabile al T-663).
      E come è finito tutto per il T-26?
    3. shonsu Офлайн shonsu
      shonsu (Shonsu) 3 June 2020 15: 59
      +2
      Stiamo crescendo, stanno avendo un tramonto. È semplice. Di recente abbiamo spinto dal fondo. Gli americani stanno rotolando giù dalla montagna.
      1. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
        Natan Bruk (Natan Bruk) 3 June 2020 19: 56
        -3
        Loro "rotolano giù per la montagna" fin da quando posso ricordare. E vivono abbastanza bene, e non male, ma affrontano abbastanza i problemi. A proposito, per quanto riguarda il fondo, penso che non ti sei spinto via da esso, ma Serve lo ha preso a pugni.
  3. Nablyudatel2014 Офлайн Nablyudatel2014
    Nablyudatel2014 2 June 2020 20: 08
    -1
    I produttori di aerei militari statunitensi falliscono dopo i civili

    occhiolino Elon, hai entusiasmato i nostri livelli mediatici, sul serio. wassat
  4. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
    Natan Bruk (Natan Bruk) 3 June 2020 20: 02
    -3
    L'autore, prima di scarabocchiare gli articoli che sollevano lo spirito, si interessa a ciò che l'intero pianeta vola - il 45 percento - Boeing, lo stesso Airbus. 10% tutti gli altri. È ancora più divertente leggere un simile "specialista" su quanto sia brutto tutto con l'F-35 :))) Ce ne sono già più di mezzo migliaio. Le malattie infantili sono state risolte con successo, gli aerei non hanno meno successo nel prendere parte alle ostilità e il loro numero è in aumento. E il SU-57, eh? E per quanto riguarda la vendita di Superjet? Probabilmente afferrando come le frittelle? Bene, e sull'MS-21, probabilmente, la coda è enorme?
    1. GRF Офлайн GRF
      GRF 4 June 2020 12: 15
      +1
      Citazione: Natan Bruk
      L'autore, prima che scarabocchi gli articoli spiritualmente edificanti ...

      Già solo per questo all'autore - grazie.
      Bene, riguardo all'MS-21 - questa situazione è durata un po 'di più, un po' di più, e la linea inizierà ad allinearsi ...
      1. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
        Natan Bruk (Natan Bruk) 4 June 2020 12: 47
        -2
        Quale situazione "? La Boeing sta andando abbastanza bene, gli aerei vengono acquistati e presto MAX tornerà con un ICAS rivisto. Nella stragrande maggioranza dei paesi, tutta la logistica e i servizi sono personalizzati per Boeing e Airbus. Chi comprerà un maiale in un colpo e conoscendo anche la storia dei pezzi di ricambio e della manutenzione dei Superjet? Il turno ... rideva :)))
  5. Winnie Офлайн Winnie
    Winnie (Vinnie) 6 June 2020 05: 41
    -4
    Quindi il decantato "rivestimento invisibile" inizia a staccarsi da loro, ribollendo,

    Ah! Da dove viene la rivista? Le bolle sull'F-35 non sono visibili ad occhio nudo. Questo può essere determinato solo da ingegneri con strumenti speciali.
    Gli "scarti" di rivestimenti invisibili sono solo di latta e falsi! Niente di nascosto sta per stupefacenti divaniidi in legno per infondere orgoglio nel "grande e potente" che non ha niente di tutto questo. pianto lol
  6. Eduard Aplombov Офлайн Eduard Aplombov
    Eduard Aplombov (Eduard Aplombov) 12 June 2020 17: 53
    +1
    Tutto ok. Le pentole e gli ebrei furono toccati. Rinunceranno alle loro vite, ma non lasceranno che i proprietari vengano fatti a pezzi.
    Non osare riassumere nell'egemone!