Turkish Stream è diventato il gasdotto di riserva di Erdogan a nostre spese


Più lontano, più domande sorgono per il top management di "Gazprom" e la leadership del paese, sostenendo sconsideratamente i suoi "mega-progetti" a scapito dei fondi di bilancio. All'inizio, il gasdotto Nord Stream 2 incompiuto era rimasto mezzo vuoto, giaceva morto sul fondo del mare. Poi è venuto fuoriche la società ha portato il gasdotto Power of Siberia in Cina senza nemmeno assicurarsi che ci fosse abbastanza materia prima per riempirlo.


Ora si scopre che Ankara, che preferisce il GNL, non ha bisogno del gas russo dal Turkish Stream, altra “via di bypass”. Quanti altri dilettanti schietti senza un'istruzione specializzata, che sono a capo di un'industria strategicamente importante, metteranno alla prova la forza del nostro bilancio federale?

Vorrei ricordarvi che tutti e tre i gasdotti citati sono, in un certo senso, il "frutto" dell'ucraino Maidan. Il Nord Stream 2 e il Turkish Stream sono stati costruiti aggirando Nezalezhnaya, e il presidente Putin ha annullato personalmente la decisione di costruire il potere della Siberia nel maggio 2014, che avrebbe dovuto diventare un simbolo del "perno a est" dall'Occidente, che aveva diventare ostile. Il risultato sembra estremamente inconcludente. Il potere della Siberia è costato al bilancio 1,1 trilioni di rubli e come segnalati Media, "Gazprom", non è in grado di adempiere ai propri obblighi contrattuali per la fornitura di gas alla Cina: la base di risorse di entrambi i suoi giacimenti è stata sovrastimata. Ora il Cremlino ha deciso di tirare in fretta il Power of Siberia-2 per fare un ponticello tra le condutture per trasferire i volumi mancanti.

A proposito di Nord Stream 2 e dei suoi problemi con le sanzioni e così via largamente risaputo... È arrivato al punto che in Germania in tutta serietà stanno considerando un progetto per la transizione graduale dal gas all'idrogeno, per il quale potrebbe essere coinvolta l'infrastruttura di trasporto del gas onshore di Gazprom. Adesso i guai stanno arrivando sul fronte meridionale, dalla Turchia.

Il Turkish Stream è stato posizionato dalla società statale come alternativa al South Stream attraverso la Bulgaria. La sua capacità di progettazione consente di pompare 31,5 miliardi di metri cubi di gas all'anno: metà per i consumatori turchi, l'altra metà per quelli europei. Allo stesso tempo, il gasdotto viene costruito a spese di Gazprom, o meglio, in ultima analisi, del bilancio federale. Il suo costo è stimato in circa 7 miliardi di dollari. Ora si scopre che nel mercato turco il gasdotto, i cui meriti sono così elogiati dai propagandisti, non è competitivo rispetto al GNL.

Il volume degli acquisti di materie prime russe da parte della Turchia diminuisce di anno in anno: nel 2017 - 29 miliardi di metri cubi, nel 2018 - 24 miliardi, nel 2019 - 15,5 miliardi di metri cubi. Secondo l'FCS, all'inizio di marzo 2020 Ankara ha acquistato solo 210 milioni di metri cubi di gas da Gazprom. Invece, i turchi ora preferiscono il gas liquefatto. Perché il GNL, che abbiamo tanto calunniato, si è rivelato più redditizio del gasdotto GNL? Ci sono tutta una serie di ragioni che danno una risposta a questa domanda.

In primo luogoGazprom perde contro Azerbaigian, Iran, Qatar, Algeria e Stati Uniti perché i suoi contratti di esportazione sono legati al petrolio. Adesso mondo economia è in uno stato di turbolenza, quindi un modello di prezzo più flessibile per la vendita di materie prime ha acquisito un vantaggio. Il prezzo del gas nelle borse a pronti è ora più attraente di quello del monopolista nazionale. Quando ha posato il gasdotto a proprie spese, la corporazione statale ha ignorato il fatto che Ankara è diversificata al massimo in termini di forniture di gas: ha molti vicini con ricchi giacimenti e infrastrutture di esportazione.

In secondo luogo, è necessario tenere conto del fattore di crisi economica, che si sta sviluppando in Turchia da molto tempo. I volumi di produzione e consumo di carburante in questo paese stanno naturalmente diminuendo, anche questo non è stato preso in considerazione durante la posa del gasdotto.

In terzo luogo, gioca chiaramente un ruolo importante politico fattore. Mosca e Ankara sono su parti diverse nel conflitto siriano, e ora da qualche parte nella lontana Libia apparso "Aereo sconosciuto" di produzione russa, che ha iniziato a colpire le forze turche.

Di conseguenza, si scopre che la leadership russa ha creato quasi tutti i problemi per se stessa. Il Cremlino ha semplicemente gettato altri 7 miliardi di dollari per la gioia degli appaltatori generali costruendo un gasdotto di riserva per la Turchia a nostre spese. Gli stessi fondi avrebbero potuto essere investiti da Gazprom, ad esempio, nello sviluppo del GNLtecnologia o gassificazione del proprio paese.
10 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. 123 Офлайн 123
    123 (123) 2 June 2020 11: 21
    -6
    Primo, Gazprom perde contro Azerbaigian, Iran, Qatar, Algeria e Stati Uniti perché i suoi contratti di esportazione sono legati al petrolio.

    Primo, non i contratti, ma il prezzo del gas è legato al prezzo del petrolio.

    In secondo luogo, è necessario tenere conto del fattore di crisi economica, che si è sviluppata in Turchia da molto tempo. I volumi di produzione e consumo di carburante in questo paese stanno naturalmente diminuendo, anche questo non è stato preso in considerazione durante la posa del gasdotto.

    E come si adatta a:

    Di conseguenza, si scopre che la leadership russa ha creato quasi tutti i problemi per se stessa.

    Incolpi il Cremlino per non aver previsto una pandemia? In caso contrario, perché stai elencando insieme ai presunti errori di calcolo?

    Terzo, il fattore politico non è chiaramente il fattore meno importante. Mosca e Ankara agiscono da parti diverse nel conflitto siriano, e ora nella lontana Libia, "aerei sconosciuti" di produzione russa sono apparsi da qualche parte e hanno iniziato a colpire le forze turche.

    Cosa vorresti di più? In modo che il gasdotto non venga costruito o non sia coinvolto nei conflitti in Siria e Libia?

    Gli stessi fondi avrebbero potuto essere investiti da Gazprom, ad esempio, nello sviluppo di tecnologie GNL o nella gassificazione del proprio paese.

    E cosa non si investe nel GNL e nella gassificazione del Paese? Puoi motivare più in dettaglio dove e quanti soldi non sono stati sufficienti a causa del Turkish Stream?
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 2 June 2020 12: 49
      +1
      Citazione: 123
      Primo, non i contratti, ma il prezzo del gas è legato al prezzo del petrolio.

      In primo luogo, il prezzo del gas nei contratti. Prendi prima una laurea in giurisprudenza e poi sii intelligente con le parole.
      1. 123 Офлайн 123
        123 (123) 2 June 2020 13: 35
        -2
        In primo luogo, il prezzo del gas nei contratti. Prendi prima una laurea in giurisprudenza e poi sii intelligente con le parole.

        Perché nei contratti? Pensi che quello che ho scritto non sia letterato? Hai la possibilità di mostrare le tue conoscenze legali davanti ai tuoi colleghi, link qui sotto.
        Scusa, ma sto guardando la conoscenza, non una laurea.
        Ho già sentito parlare della tua. sì Probabilmente conosci anche la parola a priori? C'erano tali specialisti "certificati" che li pronunciavano con tale disinvoltura. risata

        I prezzi del gas naturale sono legati ai prezzi mondiali del petrolio.

        https://neftegaz.ru/news/Trading/541311-belorussiya-predlozhila-rossii-snizit-tseny-na-gaz/

        Per quanto ho capito, i nostri disaccordi saranno limitati a questo? Hai preso nota del resto delle critiche con gratitudine?
        1. arancia Офлайн arancia
          arancia (ororpore) 2 June 2020 16: 17
          0
          Qui è dove ti sostengo.
          1. Il commento è stato cancellato
            1. Il commento è stato cancellato
  2. Igor Pavlovich Офлайн Igor Pavlovich
    Igor Pavlovich (Igor Pavlovich) 2 June 2020 12: 57
    0
    IL PROGETTO HUSTON: presenta un'elaborazione dettagliata della fase di Completamento. È collegato solo con la Russia e non si parla più dello smembramento dell'URSS (come nel progetto di Harvard, secondo il quale è già avvenuto). Qui stiamo già parlando dello smembramento della Russia in piccoli stati. Secondo gli stessi piani: la Siberia dovrebbe andare negli Stati Uniti, nel Nord-Ovest - in Germania, nel Sud e nella regione del Volga - in Turchia, nell'Estremo Oriente - in Giappone, al fine di stabilire il controllo diretto sulle materie prime di Siberia e Oriente.
    Negli ultimi 10-12 anni, sono stati esportati annualmente dalla Russia all'estero: 57% del petrolio prodotto, 40% del gas, 90% del rame, 97% del nichel, 99% dell'alluminio prodotto in il paese, ecc., come dalla colonia più arretrata! Il progetto di Houston prevede il rifiuto di trattare la Russia come un unico stato, chiedendo che venga trattata come un numero di piccoli stati e prevede lo sviluppo di una politica separata per le sue parti separate e smembrate.
    Entrambi questi progetti sono vicini l'uno all'altro e sono chiaramente visibili in ciò che sta accadendo in Russia negli ultimi 15-20 anni sotto la guida dei suoi attuali governanti, che sono agenti dell'influenza straniera dell'Occidente, la sua "quinta colonna" in Russia. Il progetto "Perestrojka" è stato affidato per completare M. Gorbachev, il progetto "Riforme" - a B. Eltsin, il progetto "Completamento" è stato pianificato per l'attuazione da V. Putin. Non è un caso che un tempo il presidente degli Stati Uniti Bill Clinton, parlando di Eltsin, abbia detto: “L'attuale leadership del Paese ci fa comodo a tutti gli effetti, e quindi non si può lesinare sulle spese (elezioni presidenziali 1996). Ci porteranno un risultato positivo ”. Come confermano tutti i recenti eventi in Russia, i progetti di Harvard e Houston in Russia vengono portati avanti negli interessi degli Stati Uniti e dell'Occidente dalla loro "quinta colonna" in modo incrollabile, avvicinando il momento dello smembramento della Russia e della sua liquidazione come indipendente , stato indipendente.
  3. King3214 Офлайн King3214
    King3214 (Sergio) 2 June 2020 15: 53
    +1
    In generale, c'è una crisi economica mondiale nel mondo, in cui il consumo di risorse energetiche è in calo, poiché la produzione nei paesi che consumano queste risorse energetiche è in calo.
    Per i consumatori di risorse energetiche, quei volumi che hanno contratto in precedenza stanno diventando eccessivi. Naturalmente, quando la domanda è inferiore all'offerta, il prezzo ei volumi di vendita diminuiscono.
    È elementare.
    Come si possono accumulare così tante sciocchezze da cose così elementari?
    Per rimproverare alle autorità in Russia che c'è un calo della produzione e del consumo di energia nel mondo, che porta con sé conseguenze corrispondenti per la Russia - solo le persone altamente specifiche possono essere, pagate o malate.
  4. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 2 June 2020 17: 20
    -1
    E accanto all'articolo c'è solo:

    ... perché la Russia non può essere coinvolta in nessun settore energetico ...

    Pertanto, tutto dipende dai punti di vista: il denaro va oltre la tasca o dentro ...
  5. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 3 June 2020 06: 28
    +1
    Ricordo un paio di anni fa ...

    Ricordo che ho scritto personalmente più di un anno fa com'è l'intera rete di gasdotti Gazprom (Turkish Stream, SP-2, Power of Siberia, ecc.) E che catastrofica trappola artificiale (auto-creata) hanno sono per la Russia.
    Il mio rispetto e plus per l'autore dell'articolo ...
  6. Eh! Il prezzo del gas aumenterà presto
    E il cattivo Erdogan
    Il nostro gas russo rispetterà
    E ci sarà un tubo pieno
    Come solo ieri!
  7. plabu Офлайн plabu
    plabu 19 June 2020 21: 06
    -1
    Cari redattori! Credo che sia già arrivato il momento in cui il nome dell'autore dell'articolo deve essere inserito all'inizio di esso - proprio per non perdere tempo, cosa scriverà esattamente questo autore, è già possibile prevedere il novanta percento , infatti, in anticipo ...