"Akademik Chersky" ha cambiato proprietario: due scenari per lo sviluppo della situazione


Secondo i media, la nave posatubi Akademik Chersky ha cambiato proprietario. Dal bilancio di Gazprom Flot, è stato trasferito alla struttura regionale del monopolista nazionale, il Samara Heat and Power Property Fund (STIF), che si occupa della gestione immobiliare.


È abbastanza ovvio che ciò sia stato fatto per evitare sanzioni contro la sede centrale, ma questo semplice trucco è in grado di ingannare i legislatori americani?

Tanta attenzione è stata attirata sull'Akademik Chersky perché è l'unica nave russa in grado di completare il gasdotto Nord Stream-2 abbandonato dagli appaltatori occidentali. L'azienda svizzera ha prudentemente scelto di non farsi coinvolgere dagli Stati Uniti, che hanno imposto sanzioni ai costruttori di gasdotti. Le chiatte posatubi Fortuna e Defender disponibili nel Baltico non soddisfano i requisiti dei danesi, nelle cui acque viene posato il resto della condotta, poiché non sono dotate di un sistema di posizionamento dinamico. Per completare la costruzione del Nord Stream 2 da solo, Gazprom ha dovuto guidare Chersky dall'Estremo Oriente per diversi mesi, schivando come una lepre e cambiando costantemente il punto di arrivo.

E ora la nave è a posto, in un porto tedesco, dove è in corso la sua preparazione finale. Purtroppo, questi non sono tutti i suoi problemi. I legislatori americani hanno immediatamente promesso di introdurre nuove sanzioni in caso di tentativo da parte dell'ente statale di completare autonomamente la costruzione della sezione offshore del gasdotto. L'intrigo principale è quali saranno le restrizioni specifiche.

A giudicare dalle misure prese da Gazprom, la sua gestione prevede che saranno "leggere". In questa situazione, Akademik Chersky sarà incluso nell'elenco SDN compilato dagli Stati Uniti. Dopodiché, alla nave verrà negato l'accesso a qualsiasi tipo di servizio estero, il che, in generale, non è fatale. Anche il Fondo Samara, il cui capitale autorizzato è di 123 milioni di rubli, cadrà sotto le sanzioni, i suoi beni negli Stati Uniti saranno arrestati e la leadership non potrà entrare in questo paese. "Nord Stream 2" sarà completato e gli iniziatori del regime di sanzioni potranno alzare le spalle, dicendo che hanno fatto tutto il possibile, ma gli astuti Miller e Putin li hanno battuti di nuovo.

Ma c'è un'altra opzione, incommensurabilmente più dura. Gli stessi americani sanno come giocare a questi giochi, quindi non sarà possibile trasferire semplicemente la nave da un'entità legale a un'altra. Le sanzioni si applicano non solo ai proprietari della nave posatubi, ma anche a coloro che la hanno venduta o noleggiata. I senatori Ted Cruz e Jeanne Shaheen hanno annunciato che è in preparazione un nuovo disegno di legge con misure restrittive degli Stati Uniti contro Nord Stream 2. Ciò significa che il regime delle sanzioni può essere radicalmente ampliato, fino a misure direttamente contro Gazprom.

Questo scenario, diretto contro la corporazione statale russa e i suoi acquirenti europei, provocherà senza dubbio un forte aggravamento dei rapporti tra Berlino e Washington. Tuttavia, il momento per un simile "trabocco" dagli Stati Uniti è stato scelto abbastanza bene. La costruzione del primo terminale GNL a Brunsbüttel è già iniziata in Germania, con un lancio previsto nel 2022. I tedeschi pensano anche alla possibilità di un passaggio graduale dal gas all'idrogeno, per il quale potrà essere utilizzata l'infrastruttura onshore del Nord Stream e del Nord Stream 2, di cui parliamo nel dettaglio. detto in precedenza... Il mercato europeo nel suo complesso oggi sta vivendo un eccesso di offerta di gas a buon mercato a causa di tutta una serie di fattori: un inverno caldo, pieno di capacità nell'ultimo anno sullo sfondo delle trattative di transito tra Gazprom e Naftogaz degli impianti UGS, una diminuzione generale dei consumi a causa della pandemia di coronavirus.

Allo stesso tempo, i produttori di petrolio e gas di scisto negli Stati Uniti stanno vivendo gravi problemi. L'estrazione di "oro nero" ha permesso di sovvenzionare il gas di scisto, che era sufficiente per il mercato interno e per l'esportazione. Ora il costo di produzione sta crescendo, mentre la produzione sta diminuendo. Rimuovere in qualsiasi modo una quota significativa di Gazprom dal mercato europeo per aumentare le quotazioni potrebbe essere una vera salvezza per il settore energetico americano, dietro al quale il presidente Trump è una montagna.

Nel prossimo futuro sarà chiaro se è stato sufficiente cambiare il proprietario dell'Akademik Chersky per superare in astuzia gli americani.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. olpin51 Офлайн olpin51
    olpin51 (Oleg Pinegin) 3 June 2020 16: 52
    0
    Potresti pensare che gli Stati Uniti non tireranno fuori nulla. Si, certo.
  2. aleksandrmakedo Офлайн aleksandrmakedo
    aleksandrmakedo (Dubovitsky Victor Kuzmich) 9 June 2020 21: 55
    +2
    Non si tratta di inganno. Il punto è l'integrità legale della transazione. Il tribunale valuta non le intenzioni, ma il risultato. Il risultato è che le sanzioni possono sorpassare un'azienda con un centesimo di asset, da cui nulla può essere preso. Se hai solo una vecchia bici arrugginita, non puoi portarti via una nuova Mercedes. Solo perché non ce l'hai. È impossibile estendere le sanzioni alla casa madre che ha prodotto questa sciocchezza, così come alla Russia nel suo insieme o al pianeta Terra.