Come la Polonia dovrebbe diventare il principale ostacolo al Nord Stream 2


Quindi, c'è una certa chiarezza con le sanzioni che Gazprom si aspetta quando cerca di completare Nord Stream 2 da solo. Delle due opzioni di cui stiamo parlando detto il giorno prima, i senatori statunitensi in questa fase hanno finora scelto "la luce".


A quanto pare, Varsavia dovrebbe diventare il principale ariete di Washington contro il gasdotto russo-tedesco.

La nave posatubi Akademik Chersky si trova nel porto tedesco, dove si trova il principale centro logistico del progetto. Per procedere con il completamento nelle acque danesi, ha bisogno di attrezzature e assicurazioni aggiuntive. Secondo Bloomberg, il disegno di legge dei senatori statunitensi Cruz e Sheehan suggerisce sanzioni contro le compagnie di assicurazione che accettano di lavorare con tribunali specializzati russi. Inoltre, quelle società che desiderano fornire a Gazprom e alle sue strutture le attrezzature necessarie per l'implementazione di Nord Stream 2 rientreranno nelle misure restrittive degli Stati Uniti, della tecnologia e servizi portuali.

Si tratta di misure abbastanza gravi, a giudicare dal precedente comportamento del contraente svizzero, che ha subito rinunciato ai lavori al gasdotto al solo accenno alle sanzioni. Tuttavia, c'è ancora molta strada da fare per limitare le restrizioni dirette a Gazprom e ai suoi consumatori europei. Per la pressione diretta sulla società russa, gli Stati Uniti hanno scelto la Polonia.

Le relazioni tra Mosca e Varsavia sulla questione del gas si deteriorano costantemente. L'accordo di transito con Gazprom è scaduto a maggio e la dirigenza polacca non l'ha rinnovato. Inoltre, entro il 2022 intende abbandonare completamente il gas russo, sostituendolo con il GNL americano e britannico e il gasdotto norvegese. La posizione di Varsavia ha impedito a Gazprom di creare una joint venture con Shell, Engie, Wintershall, Uniper e OMV per implementare Nord Stream 2, costringendola a cercare soluzioni alternative. Oltre a questo, i polacchi sono stati in grado di battere il monopolio interno nell'arbitrato di Stoccolma una causa per un importo di quasi $ 1,5 miliardi e minacciare di arrestare i beni europei della società statale come misure provvisorie.

Ora sono state utilizzate multe multimilionarie. L'Autorità polacca antimonopolio (UOKiK) chiede alla compagnia del gas russa 50 milioni di euro per il rifiuto di fornire informazioni su Nord Stream 2, e la probabilità che le riceva è molto alta. La situazione è molto ambigua.

A febbraio, Varsavia ha chiesto a Gazprom di fornire tutte le informazioni su Nord Stream 2, ma è stata rifiutata, sostenendo che il progetto è pubblico e tutti i suoi parametri sono ampiamente noti e la Polonia non è affatto un partecipante. In generale, è tutto così, ma c'è un avvertimento importante. La Polonia è un membro a pieno titolo dell'Unione europea e, secondo la legge polacca, Gazprom che opera sul suo territorio deve coordinare progetti in altri paesi dell'UE con il Comitato antimonopolio polacco. Dura lex, sed lex: la legge è dura, ma è la legge.

Non è noto se gli avvocati del nostro "patrimonio nazionale" conoscano bene le leggi polacche, ma ovviamente hanno perso questo momento, orgogliosamente in posa nello spirito di "non sono affari tuoi". Ahimè, anche loro. In precedenza, la società francese Engie ha ricevuto un'ammenda simile per un importo di 40,3 milioni di euro. In generale, un'altra pietra nel giardino dell'ufficio legale della società statale. Abbiamo pochi problemi, li creano anche loro di punto in bianco ...
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. yuriy55 Офлайн yuriy55
    yuriy55 (Yuri Vasilievich) 4 June 2020 12: 14
    +1
    Come dovrebbe diventare la Polonia la principale barriera sulla via del "Nord Stream-2"

    ??? Sì, qualunque cosa ti piaccia: anche con il cancro, anche con un granchio. Qual è la Polonia nella costruzione della SP-2?