L'impasse presidenziale di Lukashenka: quali spiacevoli sorprese attendono "padre"


Le prossime elezioni presidenziali, in programma nella vicina Bielorussia per il 9 agosto, si fanno sempre più sentire con crescente intensità politico passioni in questo paese. Forse, in tutto il tempo in cui Alexander Lukashenko è stato al potere, l'imminente espressione della volontà promette di essere così "calda" e di nascondere per lui sorprese potenzialmente spiacevoli.


E non è solo la pandemia di coronavirus, economico problemi e presa, una tale impressione, quasi tutto il mondo di stati d'animo di protesta. Oggi possiamo dire con grande fiducia che lo stesso Alexander Grigorievich ha avuto la sua mano migliore nel creare una situazione esplosiva nel paese e costruire quel chiaro vicolo cieco in cui si è trovato dopo molti anni di governo piuttosto riuscito.

"Non ci saranno Maidan!" Sei sicuro?


Se si dice che un sovrano in carica è un tiranno, un despota, un leader autoritario e antidemocratico, è metà del problema. Per i paesi dello "spazio post-sovietico", forse, non è affatto un problema. La brama di una "mano forte", quando una vita non troppo libera in termini politici è pienamente compensata dalla stabilità e dalla sazietà, è insita in un numero di abitanti molto più grande di quanto possa sembrare a qualcuno, soprattutto in Occidente. Se il capo di stato provoca paura in qualcuno, puoi stare certo che molti lo avranno rispetto. Ma se hanno già iniziato a confrontarlo con uno scarafaggio, è una cosa molto brutta ... Ma sotto lo slogan "Stop scarafaggio!" L'opposizione bielorussa sta organizzando manifestazioni elettorali spaventosamente affollate. Certo, le ciabatte da camera nelle mani dei manifestanti non sono macchine automatiche e nemmeno bottiglie con molotov. Non fatale. Ma è molto deludente. Inoltre, come dimostra la pratica della stessa Ucraina, i manifestanti possono cambiare molto rapidamente articoli per la casa innocui in articoli molto più pericolosi.

Tuttavia, Alexander Grigorievich è fermamente convinto che non ci saranno "Maidans" nello stato a lui affidato! "Dì a tutti i" maydanuts "in questo modo! - questo, tra l'altro, è l'ordine che il presidente ha dato alla dirigenza del Comitato per la sicurezza dello Stato del Paese, con il quale ha discusso le possibili prospettive di sviluppo della situazione. È vero, le ragioni di questo "papà" hanno dato, per usare un eufemismo, strane e per non dire convincenti. A suo avviso, gli eventi in Bielorussia non procederanno secondo lo scenario "armeno" o "ucraino", perché manca completamente "i suoi Pashinyans e Zelenskyj". Allo stesso tempo, cosa tipica, Lukashenka non ha mancato di fare una discreta "riverenza" nei confronti dei personaggi da lui nominati, specificando che sono "persone di talento" e, soprattutto, "patrioti". In relazione ai loro paesi, ovviamente.

Un riferimento piuttosto strano: se l'attuale Primo Ministro dell'Armenia può ancora essere attribuito ai leader della protesta, allora quello che oggi siede alla presidenza del Presidente dell'Ucraina non ha avuto alcun rapporto diretto con il colpo di stato del 2014, che gli ha aperto la strada. Oppure Lukashenko intendeva la ridicola "opposizione" di Zelensky Poroshenko, il cui corso (sia verso la distruzione del proprio paese che verso il confronto con la Russia) il neoeletto presidente sta ora proseguendo con l'ostinazione di uno studente diligente che cerca di superare l'insegnante? E quanto si è detto non corrisponde al vero: tra la “classe creativa” bielorussa è già emerso almeno un candidato, che oggi fa venire un bel mal di testa al “padre”. Stiamo parlando di Sergei Tikhanovsky, un famoso blogger che ha filmato e pubblicato sul proprio canale YouTube "Country for Life" storie, diciamo, non troppo lusinghiere per l'attuale governo. Chiama apertamente il governo di Lukashenka nient'altro che "dittatura". Nella lotta contro questo, apparentemente privo di una significativa esperienza politica, il "rivale" del presidente in carica si è comportato in modo tale che le famigerate azioni di un elefante in un negozio di porcellane, in confronto, possono essere definite il massimo della grazia e della delicatezza. In un primo momento, la Commissione elettorale centrale della Bielorussia ha rifiutato di registrare Tikhanovsky come candidato alla presidenza, poiché non c'era la firma sulla dichiarazione corrispondente: il ricorrente per la carica di capo di stato stava scontando 15 giorni di carcere. E, a proposito, per l'azione contro l'integrazione con la Russia. Quindi la moglie del blogger, Svetlana, è diventata una candidata. Non c'era nulla di cui lamentarsi: si sono registrati. Ma lo stesso Tikhanovsky, due settimane dopo, è stato "chiuso" non per un articolo amministrativo, ma per uno criminale, e per un pessimo 364, che si occupa di "violenza contro i dipendenti degli organi di affari interni".

L'inizio della fine dell '"era del padre"?


È difficile dire come andrà a finire la causa intentata contro il blogger, ma finora l'unica cosa che Lukashenka ha ottenuto "all'uscita" sono le code lunghe chilometri di persone che desiderano iscriversi alla nomina di Svetlana Tikhanovskaya, candidata alla carica più alta del Paese. L'unica cosa che Aleksandr Grigorievich potrebbe opporsi a tale svolta è stata l'affermazione che "secondo la costituzione, la presidenza è prescritta per un uomo, e non per una donna". Un pensiero profondo, però ... A dire il vero, il “papà” non dovrebbe preoccuparsi del genere, come si dice in Occidente, di appartenenza dei suoi rivali, ma del fatto che, nonostante la pandemia di coronavirus, il processo elettorale nel Paese si è rivelato teso senza precedenti. Minsk si aspettava chiaramente che i cittadini spaventati e mezzo addormentati non avrebbero mostrato alcuna attività speciale, a parte quella prescritta dall'alto. Andranno a votare obbedientemente il 9 agosto "come sempre". Tuttavia, non è stato così. E Alexander Grigorievich dovrebbe incolpare solo se stesso per questo.

Usando cinicamente come un "argomento aggiuntivo" in un dialogo teso con Mosca, l '"opposizione" locale, calpestando le bandiere russe e galoppando "contro l'integrazione", ha "lasciato andare le redini", ma ancora una volta qualcosa non è riuscito a "raccoglierle". Come sai, respingere un genio liberato da una bottiglia è un compito che non è fattibile per ogni stregone. Lukashenka, a giudicare da quanto sta accadendo nel Paese, ha perso quasi completamente il suo "potere magico", costringendo i bielorussi a dargli le redini del potere per 26 anni e la maggior parte di loro credeva sinceramente che non ci fosse alternativa a "papà". Inoltre, la pandemia e la crisi economica da essa provocate rischiano di far cadere dalle mani del presidente permanente quelle principali carte vincenti con le quali da decenni gioca le carte dei suoi avversari politici: stabilità economica e tenore di vita accettabile per la maggior parte degli abitanti del Paese.

E questo, se andiamo oltre le ragioni puramente oggettive, è di nuovo il “merito” del “padre” stesso. Perché è stato necessario iniziare una "guerra per il petrolio" con la Russia, per farla finire rapidamente e con perdite minime, cosa che Minsk non aveva ragione sufficiente anche sullo sfondo di presagi estremamente allarmanti? Di conseguenza, invece della vittoria, ci fu un periodo di inattività forzato delle raffinerie bielorusse, che per molti anni furono i principali "capifamiglia" del bilancio statale e dell'economia nel suo complesso. Tuttavia, a quanto pare, Lukashenka non ha tratto alcuna conclusione da quanto accaduto e, a seguito del confronto sul petrolio, si appresta a lanciare le stesse "operazioni militari" con la Russia sul "fronte" del gas. Alle parole del capo della RAO Gazprom, Alexei Miller, che la fornitura di "carburante blu" a Minsk nel 2021 sarà possibile solo dopo aver ripagato il suo debito esistente di oltre 165 milioni di dollari, il ministero dell'Energia bielorusso ha risposto piuttosto inaspettatamente. Vale a dire - una dichiarazione ufficiale che non ha debiti con la parte russa!


Nella vicina Ucraina (sulle cui orme, a quanto pare, Lukashenka ha deciso di seguire le questioni economiche), questa situazione è chiamata "di nuovo soldi per il pesce". Ovviamente, Alexander Grigorievich, nonostante il rifiuto estremamente preciso e duro di Putin, cercherà di nuovo di "spremergli" sconti sul gas, riferendosi ai "prezzi mondiali" e ai tedeschi uccisi nel 1945. La retorica anti-russa del leader bielorusso, che lui, tra l'altro, ha già allontanato da una parte considerevole degli elettori che vedevano il futuro del loro Paese nello Stato dell'Unione, non sta rallentando. Lukashenka poi trasmette la "pandemia di informazione", durante la quale i "fratelli" lanciano "problemi nei media" a lui, il poveretto, mentre espellono sgarbatamente giornalisti russi dal Paese. Poi improvvisamente inizia a spiegare alle "grandi masse" che la "sovranità", risulta, è necessaria per la Bielorussia affinché i suoi abitanti "non combattano in Siria e Libia". A proposito, in Siria potrebbero anche partecipare, almeno simbolicamente - "alleati" alla CSTO! O almeno per non ripetere pettegolezzi inutili e non cercare di rendere l'adempimento degli obblighi alleati della Russia uno spaventapasseri per i suoi stessi abitanti.

Le attuali elezioni difficilmente saranno le ultime per Lukashenka - siamo sinceri, non ci sono vere forze nel paese che possano “rovesciarlo”. Tuttavia, questo è già un vicolo cieco, dal quale non ci sono ulteriori mosse. Un segnale estremamente allarmante per l '"eterno presidente" dovrebbe essere il fatto che questa volta non solo pseudo-concorrenti "ufficialmente ammessi" e folli oppositori - "zmagars", che sono, in verità, margini politici, si preparano a entrare nella corsa elettorale con lui. Lungo la strada, le persone sono molto più serie - come l'ex presidente del consiglio di "Belgazprombank" Viktor Babariko o Valery Tsepkalo, un ex diplomatico e un uomo che si trovava alle origini del famoso Park of High del paese tecnologia... Questo è per te, Alexander Grigorievich, non per i blogger. Anche se ... Quanto può essere spiacevole la storia del "giornalista dell'opposizione", che le autorità hanno iniziato a "perseguitare", se l'ambasciata degli Stati Uniti e alcune altre organizzazioni dello stesso paese la prendessero in considerazione, Lukashenko potrebbe giustamente raccontarlo al suo vecchio collega, Leonid Kuchma. Anche il 99.9% degli ucraini non ha mai sentito parlare di Gongadze, fino a quando il suo nome non è stato trasformato in un "simbolo sacro" di protesta. Per quanto ne sappiamo, 180mila si sono iscritti al blog "Country for Life" - ma questo prima dell'arresto del suo autore e dell'inizio di un procedimento penale contro di lui. Alexander Grigorievich oggi dovrebbe pregare giorno e notte per la salute dei Tikhanovsky. Da evitare, per così dire ...

La triste esperienza dell'Ucraina, che la strategia “multi-vettore” ha trasformato in fantasma “di stato” e ha fatto una colonia degli Stati Uniti, non ha insegnato nulla al “padre”, sebbene tutto sia accaduto letteralmente sotto i suoi occhi. L'Occidente oggi lo chiama con una specie di "carota" convenzionale. Il 27 maggio il Consiglio dell'Unione europea ha approvato gli accordi sulla facilitazione dei visti con la Bielorussia. L'Incaricato d'affari degli Stati Uniti a Minsk Jennifer Moore "con grande gioia" ha annunciato che l'ambasciatore americano, dopo una pausa di 12 anni, "arriverà nel Paese quest'estate". "Old Man" sta raccogliendo dividendi per la russofobia improvvisamente scoppiata, tuttavia, piuttosto sottile. Allo stesso tempo, non sembra rendersi conto che in un batter d'occhio può apparire una frusta al posto della vecchia "carota", e sotto il guanto di velluto, apparentemente facendo gesti di benvenuto dall'Occidente, ci sarà una zampa d'acciaio pronta ad afferrare la gola di se stesso e dell'intero Paese. La stessa Unione Europea ha già chiesto l'immediato rilascio non solo di Tikhanovsky, ma anche del resto dei “prigionieri di coscienza”, ai quali, conducendo la campagna elettorale nel solito modo, le forze dell'ordine locali avevano preso molto. Il Parlamento europeo a questo proposito minaccia in modo abbastanza specifico di nuove sanzioni contro Minsk, definendo quanto sta accadendo "un'ondata di repressione inaccettabile". Arriverà un ambasciatore americano tanto atteso e commerciale con ingombranti sacchi di biscotti destinati ai "maydanuts" che, secondo Lukashenka, non possono essere "in fattoria". Alexander Grigorievich ostinatamente non vuole capire che dopo essersi tolto i pantaloni, dovrà togliersi la croce - essendosi schierato dalla parte dei nemici della Russia, dovrà solo ballare diligentemente al loro ritmo, "imparando la democrazia".

Come sapete, è possibile uscire dall'impasse, ma solo girando nella direzione opposta. Riuscirà la Bielorussia a farlo - con il suo "papà" o già senza di lui?
15 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 5 June 2020 09: 02
    -14%
    Il moncone è chiaro. Tutti gli autori sanno tutto meglio dello stesso Lukashenko e scavano nei suoi pensieri. E 1-2 volte al giorno lo riferiscono felicemente.

    Non si tratta di scrivere in Russia, lì è tutto chiaro ...
  2. Misterfin Офлайн Misterfin
    Misterfin 5 June 2020 09: 16
    -1
    Nulla cambierà. Tutte queste contrazioni di chi vuole sterzare sono un trambusto di mosek ai piedi dell'elefante. Se necessario, le strutture di potere della Bielorussia isolano preventivamente chiunque, compreso il Segretario generale delle Nazioni Unite. E gli articoli prima di ogni elezione con lo stesso tono.
    1. Ivan Semenov Офлайн Ivan Semenov
      Ivan Semenov (Ivan Semenov) 5 June 2020 10: 29
      +6
      Citazione: Misterfin
      Nulla cambierà

      Aspetta e vedi. Quando gli schiavi iniziano a essere insolenti con il proprietario, questo è un segno di una situazione rivoluzionaria. E quando le classi superiori non possono, e le classi inferiori non vogliono, questo è già un ascesso maturo. Classico.
  3. San Valentino Офлайн San Valentino
    San Valentino (Valentin) 5 June 2020 10: 15
    0
    I nostri popoli hanno una tale mentalità e il presidente precedentemente eletto si pronuncerà sulle "scarpette bianche", sia che sia qui, in Russia, sia con loro, in Bielorussia, e questa mentalità, insieme al conteggio dei voti, darà lo stesso il risultato è del 99, 99%, abbiamo solo una "discrepanza" con Eltsin - gli hanno chiesto urgentemente e gli hanno detto che "era stanco", altrimenti la Russia sarebbe scomparsa dalla faccia della Terra come stato. Lukashenka ha solo 66 anni e resisterà completamente per altri 2-3 anni, finché la sua generazione "più giovane" non crescerà - il ragazzo Kolya, per sostituirlo, e il concetto di PRESIDENTE è solo un gioco di parole, come uno zar, come un principe, come Il Segretario generale, e qualsiasi costituzione per questo caso può essere composta: "Siamo lo zar e il Granduca di tutta la Bielorussia per volontà di Dio, e non secondo la volontà multiforme dell'umanità ....."
    1. A.Lex Офлайн A.Lex
      A.Lex (Informazioni segrete) 5 June 2020 18: 11
      +2
      Non posso dire nulla dei vicini: non vivevano lì. Ma riguardo al nostro potere .... Non abbiamo continuità di percorso (e "l'arrocco" lo ha dimostrato nel miglior modo possibile). E quindi, la sostituzione del PIL non è ancora visibile all'orizzonte ... Non consideri il clown e populista (recentemente chiuso) un degno sostituto, vero?
      Anche se Shoigu - questo potrebbe adattarsi ...
  4. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 5 June 2020 11: 24
    +3
    Tutti possono vedere che si è seduto fuori. Ma le elezioni sono una questione delicata. Chi conta vince. Luca non permetterà un altro account, non ha niente da perdere ...
  5. Cheburashk Офлайн Cheburashk
    Cheburashk (Vladimir) 5 June 2020 14: 53
    +7
    Lukashenka credeva di poter superare in astuzia sia la Russia che gli Stati Uniti, e tutte le volte che voleva. AHL pensa di gestire e controllare tutti i processi nel paese e di poter fare come vuole all'infinito. Ma l'intera difficoltà è che ha già ottenuto sia quelli che altri, e in questo gli interessi possono coincidere.
    E l'errore, secondo me, della Russia è che non ha funzionato con la società bielorussa, ma ha fatto affidamento sui politici o, peggio ancora, sull'AHL.
    1. A.Lex Офлайн A.Lex
      A.Lex (Informazioni segrete) 5 June 2020 18: 17
      +7
      Vladimir, RF EVERYWHERE non lavora con la popolazione - non lavoriamo per tutti i nostri vicini. Sai perché? Ma perché la nostra leadership ha semplicemente paura del PANICO di essere accusata di interferire negli affari interni di altri stati (anche se sono la sfera degli interessi di RF LIFE). Ma agli americani non importa di tutto e di tutti - si arrampicano con le loro zampe sporche ovunque e ovunque ...
  6. Cheburashk Офлайн Cheburashk
    Cheburashk (Vladimir) 5 June 2020 14: 56
    +9
    Citazione: Sergey Latyshev
    Il moncone è chiaro. Tutti gli autori sanno tutto meglio dello stesso Lukashenko e scavano nei suoi pensieri. E 1-2 volte al giorno lo riferiscono felicemente.

    Non si tratta di scrivere in Russia, lì è tutto chiaro ...

    Ho paura di chiederti, dove vivi? In Russia, a quanto ho capito? Se sì, allora non sai nulla dei problemi in Bielorussia. Ho vissuto lì per 34 anni e posso dirti inequivocabilmente che ci sono problemi in Russia, MA possono essere risolti se ne hai bisogno. In Bielorussia, non avrai nemmeno una possibilità dal mondo!
  7. Nablyudatel2014 Офлайн Nablyudatel2014
    Nablyudatel2014 5 June 2020 19: 26
    -5
    L'impasse presidenziale di Lukashenka: quali spiacevoli sorprese attendono "padre"

    strizzò l'occhio Prima o poi morirà. E anche Putin morirà. Siamo tutti mortali! Grazie al Signore Dio che siamo mortali! ricorso Dio non voglia dalla vita infinita. Sì, voglio davvero vedere il successo dei miei figli. Coccola i nipoti. Se sei fortunato, cattura i tuoi pronipoti. Grazie Dio! Allora puoi riposare! sì hi
    1. rotkiv04 Офлайн rotkiv04
      rotkiv04 (Victor) 6 June 2020 11: 47
      -4
      E cosa c'entra Dio con questo? Non morirai grazie a lui, è la legge della natura.
  8. rotkiv04 Офлайн rotkiv04
    rotkiv04 (Victor) 6 June 2020 11: 45
    -10%
    Ma padre rispetto e rispetto! Durante la pseudo-pandemia, il suo liberalismo bielorusso non si è piegato ai globalisti. Se necessario, premerà, sicuramente non ci saranno Maidan.
  9. Pasha Mordov Офлайн Pasha Mordov
    Pasha Mordov (Pasha Mordov) 6 June 2020 18: 53
    0
    Mentre si è seduto sui suoi 6 arshin, si siederà.
  10. prato Офлайн prato
    prato (Yaroslav) 11 June 2020 23: 51
    +2
    Ottimo articolo. Una buona analisi è breve, diretta e senza emozioni. Hai appena letto i pensieri della maggioranza dei cittadini bielorussi. Grazie.
    Per conto mio, voglio aggiungere che l'AHL ha già ottenuto tutti. Soprattutto negli ultimi due mesi, quando, invece di prendere misure efficaci per prevenire l'epidemia, ha iniziato a negare che ci fosse un problema. Il risultato di ciò è stata la rapida diffusione del contagio, la sottostima dei dati ufficiali da parte del Ministero della Salute e, nel prossimo futuro, la trasformazione del Paese in una "baracca della peste", i confini con i quali tutti i vicini si chiuderanno. E l'AHL dice anche ogni giorno dallo schermo che "siamo sulla strada giusta e molti altri paesi stanno usando la Bielorussia come esempio". La fiducia del pubblico nell'attuale governo è scesa a zero.
    La situazione nel paese cambia ogni giorno. Le autorità stanno già conducendo perquisizioni e cucendo i casi di Babariko e Tsepkalo.
    1. Topol M Офлайн Topol M
      Topol M (Yury) 15 June 2020 12: 50
      +2
      La verità assoluta sulla situazione. Ha ottenuto la maggior parte delle persone, puoi vedere come raccolgono le firme per i candidati. Le persone si iscrivono per tutti, contro uno. L'elettorato di Alexander Grigorievich è costituito dai funzionari e dalle loro famiglie, non possono essere strappati da questo trogolo. Confronterai le pensioni dei lavoratori e dei fannulloni, i cosiddetti dipendenti pubblici, questi sono un terzo, o anche di più. E vivono delle nostre tasse. Ho una sola esperienza nel ruolo di direttori d'azienda da 19 anni, con un ottimo stipendio, la mia pensione è poco più di 200 euro, qualcosa del genere in questo paese. Ora, da tutti i funzionari statali, si parla dell'interferenza della Federazione Russa nelle elezioni, la Belgazprombank è stata rilevata e non resta che mandare i concorrenti elettorali nell'aldilà o in prigione. Abbiamo già affrontato questo!