Berlino ha definito "difficili" le relazioni con gli Stati Uniti e ha riconosciuto la Cina come la futura superpotenza


Negli ultimi anni le relazioni tra Berlino e Washington sembrano essere chiaramente tese. Non sorprende quindi che il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas abbia criticato la leadership americana in un'intervista al quotidiano tedesco Bild am Sonntag, toccando una serie di argomenti importanti.


Va notato che quando il ministro tedesco ha commentato le voci sull'intenzione del Pentagono di ritirare dalla Germania fino a 2020mila soldati americani entro l'autunno del 15, ha definito "difficili" i rapporti di Berlino con Washington.

Siamo stretti partner nell'alleanza transatlantica. Ma è così difficile

- disse il ministro.

Quindi Berlino ha chiarito a Washington che non avrebbe aumentato la spesa militare al 2% del PIL, come richiesto dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

Il ministro ha sottolineato che Berlino ha preso atto delle informazioni sul possibile ritiro di parte delle truppe statunitensi dalla Germania.

Successivamente, Maas ha accusato Trump di populismo e polarizzazione della società americana durante le proteste negli Stati Uniti. Secondo il ministro tedesco, il proprietario della Casa Bianca, perseguitando i giornalisti e definendoli "nemici del popolo", sta cercando di mobilitare i suoi sostenitori per reprimere la protesta.

I democratici dovrebbero sempre riconciliare, non dividere la società

- ha detto Maas, dimenticando che Trump è un repubblicano.

Tuttavia, ha ricordato che il razzismo è presente non solo negli Stati Uniti. Ha precisato che in Germania vivono almeno 30mila "estremisti di destra".

Successivamente, Maas ha definito la Cina una futura superpotenza e ha invitato i paesi dell'UE a una strategia comune nei confronti di Pechino. Ha espresso la speranza che il vertice UE-Cina, posticipato a causa della pandemia COVID-19 a settembre 2020, si terrà entro la fine di quest'anno.

La Cina è la futura superpotenza, la Cina è il principale partner commerciale della Germania. Tuttavia, non dovremmo limitare il nostro dialogo con Pechino a economico e questioni commerciali

- ha detto il capo del ministero degli Esteri tedesco.
  • Foto utilizzate: https://www.flickr.com/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.