"L'Europa è data a Putin": cosa c'è dietro il ritiro delle truppe Usa dalla Germania


Uno degli argomenti più discussi degli ultimi giorni è stata l'informazione pubblicata dai principali media statunitensi sulla presunta decisione già adottata alla Casa Bianca in merito a una significativa riduzione del contingente militare americano in Germania. Significativamente, a livello ufficiale, tali intenzioni non sono state ancora confermate, ma nemmeno confutate. Ciò indica che, con un alto grado di probabilità, le informazioni pubblicate sono vere.


Una svolta così brusca nel transatlantico politica Washington ha causato una reazione molto violenta su entrambe le sponde dell'oceano e le opinioni sulle sue motivazioni e sulle possibili conseguenze erano diametralmente divise. Quindi cosa sta succedendo e cosa sta cercando di ottenere Donald Trump?

"L'Europa viene data a Putin!"


È a questa affermazione che si può ridurre la posizione di chi ha immediatamente attaccato l'attuale leader degli Stati Uniti su questo tema. L'elenco delle persone insoddisfatte è molto lungo e alcune delle loro dichiarazioni verranno fornite di seguito. Tuttavia, per cominciare, vale la pena capire di cosa si tratta esattamente. Ad oggi, il contingente militare del Pentagono in Germania comprende circa 34 mila e mezzo mila membri dell'esercito americano. Se credete al Wall Street Journal, che ha svolto il ruolo di istigatore nell'esporre il prossimo "piano insidioso di Trump", ha già incaricato il dipartimento militare di preparare almeno 9mila persone e mezzo a ritirarsi da lì. Inoltre, il numero massimo di truppe statunitensi che possono trovarsi sul suolo tedesco (durante esercitazioni, rotazione di unità, ecc.) Di oltre 52mila "baionette" può anche essere ridotto di oltre la metà. Sembrerebbe che la riduzione non sia così ampia, sebbene non possa essere definita del tutto insignificante.

Tuttavia, ci sono anche sfumature aggiuntive che "rovinano l'immagine" ancora di più. La cosa più spiacevole della situazione è che Berlino ha appreso di tali intenzioni non dalla corrispondenza diplomatica o militare "chiusa" e nemmeno attraverso i canali della NATO, ma dallo stesso The Wall Street Journal e dalla sua stessa stampa, che ha subito raccolto il "caldo" notizie... Di conseguenza, gli "alleati" americani ancora una volta si limitano a confrontarsi con i tedeschi con un fatto, per nulla interessati alla loro opinione. Ciò che è caratteristico della leadership dell'Alleanza del Nord Atlantico, la stessa affermazione è vera - questo è evidente almeno dal fatto che il solito loquace Stoltenberg tace, come se si fosse versato dell'acqua in bocca. Bruxelles a Washington è stata essenzialmente inviata allo stesso indirizzo di Berlino.

Negli stessi Stati Uniti, i piani della Casa Bianca che sono usciti dal sacco sono già stati dichiarati da molti come la fase successiva del "lavoro per Putin" e un "tradimento" non solo degli interessi americani, ma anche del Nord Atlantico in generale. Come previsto, i Democratici sono saliti alle stelle, pronti a fare a pezzi Trump anche se osa dichiarare che il Sole sorge a est e la Terra è rotonda. Jack Reed, che guida la fazione democratica del Comitato per i servizi armati del Senato degli Stati Uniti, ha già dichiarato l'imminente decisione "meschina e priva di significato". Il capo della Commissione per la politica estera della Camera dei rappresentanti del Congresso degli Stati Uniti Eliot Engel (un rappresentante del Partito Democratico, ovviamente) è andato anche oltre, facendo circolare una dichiarazione in cui afferma: "Le attività del presidente americano per indebolire i nostri sistemi di deterrenza contro l'aggressione russa in Europa delizieranno molto Vladimir Putin". Anche il generale Ben Hodges non si è fatto da parte, che fino al 2017 ha servito come comandante delle forze statunitensi in Europa, e ora lavora come analista presso il Center for European Policy. In modo significativo, ha condannato le intenzioni di Trump in un'intervista all'edizione tedesca Spiegel, affermando di considerare le intenzioni del capo della Casa Bianca un "errore colossale" e una "manovra puramente politica" che "illustra la completa mancanza di comprensione da parte del presidente dell'importanza delle truppe americane di stanza in Europa per se stesse. STATI UNITI D'AMERICA". Allo stesso tempo, Hodges ha sottolineato con molta attenzione che questa era precisamente la decisione personale, "volontaristica" del presidente, sostenendo che non solo la leadership della NATO o della Germania, ma anche il Congresso degli Stati Uniti, per non parlare del comando Forze militari americane nel Vecchio Mondo. A sua volta, la Casa Bianca ha reagito in modo piuttosto strano a questa raffica di critiche. Lì sono semplicemente scattati: dicono, non riceverai dichiarazioni ufficiali su questo argomento da noi! Sì, il presidente "esamina regolarmente la ridistribuzione ottimale delle truppe statunitensi all'estero", e allora? Il suo diritto legale!

E lasciare che la NATO si avvicini?


Va detto che la notizia dell'imminente esodo dei "difensori" oltreoceano nella stessa Berlino è stata percepita senza molto entusiasmo, ma non come una tragedia mondiale. Ad esempio, il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas nella sua intervista, che ha rilasciato il 7 giugno a Bild am Sonntag, ha discretamente notato che se tali piani saranno attuati, il risultato sarà "non a favore degli Stati Uniti". A Berlino, tali passi saranno solo “presi in considerazione”. Tuttavia, alla fine, il capo della diplomazia tedesca ha ammesso francamente che, nonostante "decenni di fruttuosa collaborazione con gli Stati Uniti in ambito militare", che il Paese "apprezza molto", al momento i rapporti con questo Paese sono "molto difficili". In verità, qualsiasi altra caratterizzazione di ciò che sta accadendo ora tra Berlino e Washington sarebbe del tutto insincera. Non è un segreto che la decisione di Trump (se ce n'è davvero una) somiglia soprattutto a una "mossa di ritorsione" all'atto di Angela Merkel, che ha effettivamente interrotto il vertice del GXNUMX negli Stati Uniti in estate, al quale, a quanto pare, stava andando il capo della Casa Bianca. ancora una volta "brillare". E, soprattutto, prova a mettere insieme una forte coalizione contro la Cina. Non c'è dubbio che i discorsi della "fine del secolo americano" e dell'inizio del "secolo asiatico", ascoltati sempre più spesso dal Vecchio Mondo, non siano passati alle orecchie degli americani. Non ci sono persone che vogliono rovinare i rapporti con Pechino, anche in Germania. Sì, e il dibattito che si è recentemente intensificato nella politica tedesca sull'opportunità della continua presenza di armi nucleari americane nel paese ha senza dubbio aggiunto benzina al fuoco. Vecchie e non più impressionanti storie sul fatto che "Washington sta gettando tedeschi indifesi per essere divorati da un orso russo" non vengono prese sul serio da persone sane da molto tempo. Il punto è diverso.

Le basi americane sono un lavoro per un gran numero di persone locali. Almeno 12mila tedeschi lavorano direttamente al loro servizio. Inoltre: un numero aggiuntivo di posti di lavoro nelle aree correlate. È su di loro che colpisce la prevista riduzione del contingente - e questo è in un momento in cui l'Europa sta già vivendo enormi economico I problemi. Tuttavia, c'è anche chi è molto felice e pieno di speranza per la prospettiva che l'esercito americano lasci la Germania. Stiamo parlando, ovviamente, della Polonia, che nella situazione attuale ha mostrato un entusiasmo assolutamente malsano. Il primo ministro di questo Paese, Mateusz Morawiecki, subito dopo la diffusione delle informazioni sulla possibile riduzione del raggruppamento tedesco dell'esercito americano, è esploso con dichiarazioni secondo cui Varsavia era pronta ad ospitare le truppe previste per il ritiro. E con pane e sale, a braccia aperte e con tutta la diligenza in questo caso. "Più veloce è, meglio è! Più è, più è meraviglioso! " - il primo ministro polacco si compiace, affermando che l'introduzione del numero massimo di unità e suddivisioni a stelle e strisce nel suo paese "aumenterà notevolmente la sua sicurezza" di fronte a "una minaccia reale proveniente dal confine orientale". E qui, infatti, arriviamo al punto più interessante e importante. Si potrebbe ridere dei polacchi con la loro russofobia, già allo stadio di follia violenta, se non per ... Se non per la crescente aggressività di Varsavia, non per la sua rapida trasformazione in avamposto militare nemmeno della NATO, ma specificamente degli Stati Uniti, in un vero "ariete" diretto ai confini occidentali della nostra Patria.

Ricordiamo: 4 anni fa, il contingente militare del Pentagono in Polonia era di 500 persone ridicole. Oggi è aumentato di 10 (!) Volte e, a quanto pare, continuerà a crescere nel prossimo futuro. Davanti ai nostri occhi c'è praticamente un completo riequipaggiamento dell'esercito polacco con gli ultimi modelli di armi americane e attrezzatura... Se si tratta della fornitura dell'F-35, tutto accade molto sul serio. Letteralmente in questi giorni e ore sul territorio della Polonia, nonostante la pandemia di coronavirus e, di fatto, la riduzione del piano delle esercitazioni europee delle truppe Usa e Nato, sono ancora in corso manovre, e non di così piccola scala: 4 soldati americani e 2 polacchi. Questa, ovviamente, non è un'azione della portata di Defender Europe 20, ma, per così dire, dei suoi "frammenti", ma il fatto che di tutti i luoghi in cui erano originariamente pianificate le esercitazioni, le partite militari si svolgono proprio presso il campo di addestramento della Drava-Pomerania, di per sé parla Un sacco. Apparentemente, il Pentagono considera proprio questa direzione come una priorità per un possibile attacco contro la Russia. È stato detto e scritto molte volte che la regione di Kaliningrad potrebbe diventare un luogo in cui scatenare un conflitto locale, in cui si prevede di "dare una lezione" al nostro paese. Apparentemente, tali presupposti non sono affatto privi di fondamento. Mosca non dovrebbe minimizzare le ambizioni di grande potenza di Varsavia, che da secoli progetta di creare il proprio "impero" a spese dei nostri territori. Per il bene di questa folle idea, i polacchi marciarono tra le fila dell'esercito di Napoleone, erano pronti a combattere fianco a fianco con i nazisti e collaborarono con gli inglesi. Sì, prenderanno persino il diavolo come alleato se promette loro la vittoria sui russi! E ancora di più, Washington, che oggi considerano un "egemone mondiale".

I soldati americani possono lasciare la Germania. I tedeschi sanno fin troppo bene per esperienza più che triste come finiscono le guerre con il nostro Paese. Un'altra questione è che il ridistribuzione di queste forze, o anche di una parte della loro parte significativa in Polonia, significherà effettivamente un nuovo passo del nemico verso i confini della nostra Patria. Quindi tutti i discorsi su Trump "giocare nelle mani di Mosca" o "fare regali a Putin" in questo caso (come, tra l'altro, sempre) sono del tutto insostenibili. Ciò che sta accadendo non sembra essere un indebolimento della presenza militare statunitense in Europa, ma piuttosto una preparazione da parte loro di un'aggressione diretta contro la Russia.
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Alekey Glotov Офлайн Alekey Glotov
    Alekey Glotov (alexey glotov) 8 June 2020 11: 06
    -1
    Bravo Trump ... continua così.
  2. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 8 June 2020 13: 22
    +4
    Quali sono i ragazzi furbi nei media. "L'Europa è data a Putin" ...

    Qual è la probabilità di un attacco russo, diciamo, alla Polonia? Opzioni da 0 a 100%.
    La mia opinione è che la probabilità sia dello 0%.
  3. argo44 Офлайн argo44
    argo44 (Mac) 8 June 2020 21: 40
    0
    A:

    ... le ambizioni di grande potenza di Varsavia, che da secoli progetta di creare un proprio "impero" a scapito dei nostri territori.

    - przetłumaczyło mi tak:

    która od stuleci buduje plany stworzenia własnego "imperium" kosztem tylko naszych terytoriów.

    - a nie jest prawda - a nie tylko zresztą a w tym artykule.

    Polska BYŁA już imperium - za czasów Unii z Litwą - kiedy książę litewski Jagiełło został królem Polski. Podobny mariaż zresztą zamierzano uczynić z książętami moskiewskimi, ale się nie dogadali. Walki na wschodzie podyktowane były zatargami Litwy z państwem moskiewskim - i nie było to w interesie Polski, tylko Litwy.

    A z nazistami pospołu a ZSRR poszła przeciwko Polsce.

    Może dlatego, że Lenin był niemieckim agentem, którego celem było obalenie niezależnego caratu i uczynienie z Rosji narzędzia do podboju Europy.

    Podobno Stalin, sede di Poczdamie ustalał wschodnią granicę Polski, to jej kształt uzależnił da ustaleń jakie poczynił z Niemcami w 1939 r. -------------------------------------------- tradotto per me in questo modo:

    Che per secoli ha progettato di creare il proprio "impero" a scapito dei soli nostri territori.

    - questo non è vero - non solo quello in questo articolo.
    La Polonia era già un impero - durante l'Unione con la Lituania - quando il principe lituano Jagiello divenne re di Polonia. Un matrimonio simile avrebbe dovuto essere concluso con i principi di Mosca, ma non andarono d'accordo. I combattimenti nell'est sono stati dettati dalle controversie tra la Lituania e lo Stato di Mosca - e questo non era nell'interesse della Polonia, ma nell'interesse della Lituania.

    E con i nazisti, è stata l'Unione Sovietica ad andare contro la Polonia.

    Forse perché Lenin era un agente tedesco il cui obiettivo era rovesciare lo zarismo indipendente e fare della Russia uno strumento per la conquista dell'Europa.

    Apparentemente, Stalin, quando stabilì il confine orientale della Polonia a Potsdam, la sua forma dipendeva dagli accordi che concluse con la Germania nel 1939.
  4. Smirnoff Офлайн Smirnoff
    Smirnoff (Victor) 14 June 2020 00: 03
    0
    Cosa c'è dietro il ritiro delle truppe statunitensi dalla Germania ???

    Ritiro delle truppe sovietiche dalla RDT! La stessa sorte attende gli Stati Uniti! Povertà e collasso! Io garantisco.
    1. Amaro Офлайн Amaro
      Amaro (Gleb) 16 June 2020 22: 33
      0
      L'unico problema è che i coraggiosi cavalieri americani non vivranno in tendopoli da qualche parte nei deserti del Texas e della California, ma si trasferiranno da qualche parte in Polonia, Repubblica Ceca, Romania e forse anche in Ucraina.
      Il signor Trump, a differenza dei compagni G ed E, ha un piccolo cervello. Quindi dal riordino dei luoghi dei termini, il risultato non cambierà.
  5. shinobi Офлайн shinobi
    shinobi (Yury) 15 June 2020 14: 19
    +1
    Polacchi: sì, possono, per la loro stupidità, ficcare la testa in Kaliningrad. Ma allo stesso tempo, devono rendersi conto che sarà una questione di principio per la Russia bussare alla testa. Altrimenti, tutti quanti, pizzicheranno il territorio della Russia. Quindi la questione non andrà oltre le sciocchezze nei media.