La Cina ha attirato innumerevoli forze corazzate al confine con l'India


La Cina ha trasferito un grande gruppo militare al confine con l'India, che, in particolare, comprendeva molti carri armati, mezzi corazzati, veicoli da combattimento di fanteria e altri mezzi corazzati attrezzatura... Lo riferisce la risorsa del Ministero della Difesa dell'esercito cinese della RPC.


In particolare, nel filmato pubblicato, si possono vedere innumerevoli BMP in attesa di essere spediti su piattaforme ferroviarie, carri armati Type-96 sui trattori, nonché l'arrivo di unità sul sito di spiegamento.

La situazione al confine sino-indiano è rimasta tesa dall'inizio di giugno. Le autorità cinesi hanno chiesto alla parte indiana di demolire due rifugi costruiti dall'esercito indiano a Dokalam vicino al confine che separa la regione autonoma del Tibet della Cina con lo stato indiano del Sikkim, così come il Bhutan. A Pechino, si ritiene che i rifugi siano stati costruiti in Cina. Il 6 giugno, i soldati cinesi hanno distrutto gli edifici, l'8 giugno è scoppiata una colluttazione tra i soldati di entrambi i paesi: ci sono vittime.






L'esercito indiano ha interrotto i lavori di costruzione nell'area del Sikkim, che erano svolti da lavoratori cinesi. In risposta, Pechino ufficiale ha accusato Nuova Delhi di invadere il suo territorio e ha chiesto il ritiro delle truppe indiane.


Intanto Mike Pompeo il 2 giugno ha condannato il comportamento della RPC nei confronti dell'India. Così, gli Stati Uniti si sono schierati dalla parte indiana in questo conflitto, cosa abbastanza attesa alla luce della tensione nei rapporti tra Pechino e Washington. Martedì, durante un discorso all'American Enterprise Institute nella capitale degli Stati Uniti, Pompeo ha espresso l'opinione che l'attuale comportamento della Cina assomiglia alle sue azioni nella situazione con il coronavirus, così come con Hong Kong e il Mar Cinese Meridionale.
  • Foto utilizzate: http://eng.chinamil.com.cn/
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Alexey Ushakov Офлайн Alexey Ushakov
    Alexey Ushakov (Alexey Ushakov) 8 June 2020 15: 31
    +1
    Viviamo in un momento interessante. In pochi giorni, ci sono tanti nuovi punti di conflitto in tutto il mondo. Resta solo da scommettere sul "totale", dove sfoglierà.
  2. Brodyaga1812 Online Brodyaga1812
    Brodyaga1812 (Vagabondo 1812) 8 June 2020 17: 23
    -2
    Questo non era abbastanza...
    Sembra che le idee di Thomas Malthus, a differenza di quelle di Ilyich, vivano e vincano. Se due giganti nucleari si scontrano, allora non sembrerà a nessuno nel continente asiatico.
    La posizione degli Stati è prevedibile. Un'occasione unica per confrontarsi con il principale competitor economico del pianeta. Washington parte, a mio avviso, da due premesse.
    L'India non può essere vinta per KO in una guerra lampo. Ancora di più con le armi convenzionali. La Cina vince, ma si indebolisce notevolmente - perde - ancora meglio. Gli Stati Uniti vincono comunque. Ma non verrà in guerra. Grida, come dovrebbe essere in Oriente: calmati. L'India non è il Tibet, che la Cina ha ingoiato senza soffocare. Ma l'Egitto, a quanto pare, non mancherà la sua occasione in Libia...