La NATO dà a Russia e Cina 10 anni per prepararsi alla guerra


L'8 giugno si è tenuta una videoconferenza presso la sede dell'Alleanza del Nord Atlantico a Bruxelles, durante la quale il segretario generale di questa organizzazione Jens Stoltenberg "ha avviato una discussione" sulle priorità e le direzioni di sviluppo del blocco politico-militare per il prossimo decennio. Questo evento e le tesi espresse nel suo processo hanno qualche relazione con il nostro Paese?


La più diretta - perché, secondo Stoltenberg, la Russia oggi è la "sfida principale" per la NATO. E l'ipotetica alleanza tra Mosca e Pechino è quasi una minaccia mortale per lui. È per contrastarlo che i nord atlantisti intendono dirigere il massimo delle forze e dei mezzi nel prossimo futuro.

Temete i membri della NATO per la collaborazione degli oratori


Non si può non rendere omaggio al signor Stoltenberg - in nessun caso possiamo definire i suoi discorsi chiaramente aggressivi, provocatori o che invocano direttamente la guerra. Almeno se li prendi alla lettera e alla lettera. Al contrario, si parla continuamente di "amicizia e cooperazione". "Dobbiamo costruire un dialogo con la Russia", "La NATO non vede un nuovo nemico in Cina" - come ascoltare il fluente Segretario Generale, generalmente non è chiaro cosa impedisce a tutti i popoli del pianeta di disarmarsi letteralmente domani e, "forgiare le spade in vomeri", di impegnarsi esclusivamente in azioni pacifiche lavoro creativo. Bene, almeno attività congiunte per superare le più difficili economico le conseguenze della pandemia di coronavirus ...

Si scopre che le "aspirazioni aggressive" della Russia sono sulla buona strada per questo, che (proprio quei tempi!) "È diventato più assertivo e ha dimostrato di essere pronto a usare la forza militare contro i suoi vicini". L'Ucraina e la Georgia sono tradizionalmente indicate come tali. Allo stesso tempo, la questione di come, a parere della leadership dell'Alleanza, il nostro paese avrebbe dovuto rispondere all'assassinio dei suoi peacekeepers nel 2008, è esclusa dal campo di applicazione. O alla relativamente recente "provocazione Kerch" di Kiev. Ovviamente, esclusivamente in vena pacifista, sventolando allegramente bandiere bianche e lasciando che i vicini "lidi perduti", tra l'altro, provocati dalla stessa NATO, facciano quello che vogliono. Stoltenberg accusa il nostro Paese di "minare deliberatamente il Trattato INF", ricordando ancora una volta i missili Novator 9M729, che, come sostiene, "possono raggiungere le città di tutti i paesi dell'Alleanza del Nord Atlantico" e, ovviamente, "ridurre il livello di possibile utilizzo del nucleare armi nei conflitti ”.

Il fatto che gli Stati Uniti siano stati i primi a emergere da detto trattato, ovviamente, non è una parola. La Russia, secondo Stoltenberg, è da biasimare per il fatto che "fa investimenti significativi in ​​armi moderne, comprese quelle nucleari, che le forniscono nuove opportunità". Anche in questo caso non è del tutto chiaro - significa che gli americani possono sviluppare "missili super-duper" (o con cosa sta cercando di spaventarci il signor Trump), ei russi - in nessun caso? Alla luce di ciò, quando il Segretario generale della NATO proclama la necessità di una sorta di "duplice politica", Diventa subito chiaro che stiamo parlando, prima di tutto, di doppi standard.

Non rispecchieremo le azioni di Mosca

- dichiara Stoltenberg, e continua:

Forniremo una deterrenza e una difesa così affidabili che i russi non avranno nemmeno l'ombra di dubbio sulla prontezza dell'Alleanza a proteggere i suoi membri e sul desiderio di attuare questa protezione!

Posizione interessante, non è vero? Cioè, la NATO svilupperà in ogni modo il suo potenziale militare, mentre si "avvicina" ai nostri confini, ma tutto questo significherà esclusivamente manifestazioni di pace? Una strana "logica" è capovolta. Lo stesso leader dei nord atlantisti ammette che recentemente la presenza militare degli Stati Uniti nei paesi baltici, in Polonia, in Romania "è aumentata in modo significativo". Mi scusi, ma questo è il confine russo! Inoltre, il Segretario generale tace timidamente sul clamore estremamente sospettoso e inquietante del Nord Atlantico nella stessa Georgia, Ucraina, nel Mar Nero e nel Mar Baltico. Sì, non nasconde il fatto che i raggruppamenti navali americani sono aumentati in Norvegia e Spagna. A suo avviso, tutte queste azioni che sono chiaramente ostili ed estremamente simili a mettere insieme un "pugno" shock, al contrario, "prevengono possibili conflitti e attacchi". No, c'è davvero una "logica al rovescio" ...

10 anni per rafforzare, armare, crescere


L'esercitazione BALTOPS 2020 è attualmente in corso nel Mar Baltico, alla quale prendono parte 60 navi da guerra e aerei, oltre a oltre 3mila militari delle marine di 17 paesi dell'Alleanza del Nord Atlantico. Sono coinvolti il ​​primo gruppo navale permanente e il primo gruppo permanente per lo spazzamento di mine della NATO. Per inciso, uno dei compiti principali praticati durante queste manovre è l'interazione nel processo di difesa antiaerea e antisommergibile e, ciò che è più intrigante, "organizzare un blocco navale". E chi si stanno allenando per “bloccare” in questa zona d'acqua, se non il gruppo russo a Kaliningrad? O ci sono progetti di più ampia portata, con un occhio a San Pietroburgo?

Stoltenberg e altri come lui, a quanto pare, considerano tali azioni, che chiaramente sembrano una provocazione, come passi verso "la costruzione di normali relazioni con la Russia". Ma il fatto che "stia collaborando sempre di più con la Cina", secondo il Segretario generale, "rappresenta un pericolo inequivocabile per gli alleati della NATO". Inoltre, l'Alleanza intende non solo "reagire" al rafforzamento della cooperazione tra Mosca e Pechino, ma anche "decidere qualcosa al riguardo". Molto interessante - esattamente come? Secondo l'ammissione in modo toccante di Stoltenberg, anche durante la riunione dello scorso anno (dicembre) dei leader dei paesi dell'Alleanza, tenutasi a Londra, tutti i presenti hanno convenuto sulla necessità di "eliminare le conseguenze della crescita della Cina in termini di sicurezza". A quanto pare, il Regno di Mezzo si sta trasformando in una naturale ossessione per la NATO.

Vediamo i cinesi in Africa e nell'Artico, vediamo come fanno grandi investimenti in capacità di difesa e oggetti importanti della nostra infrastruttura!

- il Segretario Generale va nel panico.

Soprattutto, è preoccupato dal fatto innegabile che "l'economia cinese diventerà presto la più potente del mondo".

I piani della NATO, infatti, non riguardano alcuna difesa della pace sulla Terra, ma un tentativo di rianimare e preservare, per quanto possibile, a lungo quello stesso "mondo unipolare", in cui il diritto allo sviluppo, agli investimenti, alla sicurezza e ad ogni un posto significativo nel mondo era occupato solo dagli stati "selezionati", che si muovevano nella direzione "giusta" sotto la guida costante degli Stati Uniti. Il fatto che questo mondo stia già battendo le ultime convulsioni di agonia non significa assolutamente nulla per gli atlantisti del Nord. Si rifiutano categoricamente di accettare un nuovo "allineamento" e nuove regole che stanno inesorabilmente sostituendo il vecchio ordine. Da qui le intenzioni. Secondo Stoltenberg, la NATO all'inizio del decennio non intende più accontentarsi delle forze dei propri membri e dei loro satelliti come Kiev e Tbilisi. Bruxelles nutre speranze di coinvolgere l'Australia, la Nuova Zelanda, la Corea del Sud e il Giappone nella loro "orbita".

L'elenco stesso dei paesi è una prova molto chiara che verranno utilizzati, prima di tutto, nel confronto con la Cina. Tuttavia, non bisogna dimenticare, ad esempio, le affermazioni territoriali che Tokyo sta esprimendo contro la Russia. Di recente, a proposito, questo è stato fatto in modo più aggressivo e persistente. Ovviamente per una ragione. Allo stesso tempo, il Segretario generale della NATO afferma che non si tratta di "creare una nuova Alleanza" o "riavviarla", ma "solo" di rafforzare la NATO in ogni modo possibile. Per il bene della pace nel mondo, ovviamente ... Allo stesso tempo, parlano di cose molto specifiche, come "l'istituzione di norme e standard comuni nello spazio, le ultime tecnologie, il cyberspazio e il controllo degli armamenti". Il quartier generale della NATO intende stabilire e definire queste "nuove norme", che, presumibilmente, in futuro tutto il mondo sarà obbligato a seguire. Come al solito, sotto dettatura di Washington. Bella prospettiva ...

Si ha la sensazione che nel prossimo decennio l'Alleanza del Nord Atlantico intenda utilizzare, da un lato, la più severa coercizione della Russia e della Cina ad abbandonare ogni tentativo di costruire una politica indipendente in tutte le aree della politica e dell'economia globale e, dall'altro, su preparativi abbastanza reali per un confronto militare con questi due paesi. Nel caso in cui le "misure di influenza" sempre più indebolite non abbiano effetto e debbano ancora usare l '"ultimo argomento dei re" ... La prima cosa che Bruxelles impedirà è la reale unificazione di Mosca e Pechino, in cui l '"Occidente collettivo" rappresentato dalla NATO per mantenere ulteriormente lo "status quo" che gli si addice, correrà bruscamente a zero. Per inciso, anche i nord atlantisti intendono "rafforzare la disciplina" nelle proprie file. Secondo Stoltenberg, l'Alleanza deve "diventare più politica".

A prima vista, non è del tutto chiaro cosa possa significare esattamente questa tesi. Tuttavia, l'ambiguità in questo caso scompare, se, ad esempio, si fa riferimento al recente discorso di uno dei membri del parlamento britannico, David Kavchinsky. Questo "signore" di sangue polacco è esploso in un flusso di rimproveri e accuse contro la Germania, che, continuando la costruzione del gasdotto Nord Stream 2, "sta tradendo non solo l'Europa, ma anche la NATO", e "la portata di questo tradimento non può essere sopravvalutata". Il parlamentare, che si è disperso sul serio, ha chiesto al primo ministro britannico "di unirsi immediatamente alle sanzioni americane contro il gasdotto e di assicurarsi che non venga mai costruito". Apparentemente, la "politicizzazione" dell'Alleanza del Nord Atlantico, espressa da Stoltenberg, implica precisamente l'introduzione di una simile "mentalità" sulla base della russofobia universale e della posizione anti-cinese.

I colloqui del Segretario generale della NATO secondo cui questo blocco dovrebbe arrivare entro il 2030 "essendosi rafforzato in modo significativo sia militarmente che politicamente" non fanno certo ben sperare per il nostro Paese. E le sue parole che "la Russia non dovrebbe avere alcun desiderio di combattere" suonano del tutto inquietanti. Resta solo da prendere in considerazione queste intenzioni e prepararci anche per la svolta più spiacevole delle cose. Anche senza alcun desiderio ...
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. lavoratore dell'acciaio 9 June 2020 09: 54
    +2
    ... come, secondo la leadership dell'Alleanza, il nostro paese dovrebbe reagire all'uccisione dei suoi peacekeepers nel 2008.

    E che dire dell'omicidio dei nostri peacekeepers: qualcuno ha risposto, messo qualcuno in custodia o messo nella lista dei ricercati? 1812, la guerra con la Turchia, 1945, Bandera, ecc. Fino a quando la Russia non imparerà a sconfiggere i suoi nemici e non se ne pentirà, combatteremo sempre e ci prepareremo per la guerra !!!
    1. 123 Офлайн 123
      123 (123) 9 June 2020 16: 39
      -2
      Fino a quando la Russia non imparerà a finire i suoi nemici, e non rimpiangere, combattere e prepararsi alla guerra lo saremo sempre !!!

      Onestamente, comunque. buono Grazie per la tua franchezza. hi
  2. argo44 Офлайн argo44
    argo44 (Mac) 9 June 2020 13: 28
    -1
  3. San Valentino Офлайн San Valentino
    San Valentino (Valentin) 9 June 2020 15: 01
    0
    Non aver paura di noi, ora possiamo facilmente "Il mondo intero è in polvere", perché aspettare tempi migliori lì, altrimenti, Dio non voglia, che tra dieci anni combatteremo con i club, quelli, chi sopravviverà.
  4. Winnie Online Winnie
    Winnie (Vinnie) 10 June 2020 00: 22
    -3
    ... in generale non è chiaro cosa impedisca a tutti i popoli del pianeta di disarmarsi letteralmente domani senza eccezioni e, avendo "forgiato le spade in vomeri", impegnarsi in un lavoro esclusivamente pacifico e costruttivo.

    Il Trattato per la messa al bando delle armi nucleari è stato adottato il 7 luglio 2017 presso la sede delle Nazioni Unite a New York ed è stato firmato da 10 paesi. Tutti i 9 paesi del "Nuclear Club": Stati Uniti, Russia, Cina, Gran Bretagna, Francia, India, Pakistan, Corea del Nord, Israele - non l'hanno firmato. Il trattato entrerà in vigore dopo che 50 stati lo avranno ratificato.
    Il ministero degli Esteri russo ha spiegato che Mosca non intende ratificare il trattato sul divieto totale delle armi nucleari: ciò sarebbe contrario agli interessi nazionali russi.
    E perché, allora, la NATO non dovrebbe aver paura della Federazione Russa e non costruire le sue armi? richiesta
  5. vbsvob Офлайн vbsvob
    vbsvob (Vladimir Bobykin) 10 June 2020 08: 10
    0
    Delirio e farsa in una frenesia militarista.