Attacco aereo improvviso dell'esercito di Haftar sulle forze PNS ripreso in video


La situazione in Libia continua a surriscaldarsi. In rete è apparso un video che documenta l'improvviso attacco aereo dell'Esercito nazionale libico da parte del feldmaresciallo Khalifa Haftar sulle forze del Governo di Accordo Nazionale alla periferia della città di Tarhuna.


Attualmente, la città di Tarhuna è sotto il pieno controllo delle forze del PNC e dei loro alleati, i militari turchi e i "profughi siriani". Pertanto, non è del tutto chiaro quando sia stato realizzato esattamente questo video, prima che Tarhuna passasse sotto il controllo del PNS, durante l'offensiva o dopo. Tuttavia, con un'alta probabilità si può presumere che questo colpo sia stato sferrato dopo la ritirata delle truppe dell'LNA da Tarhuna.


Ma l'essenza non cambia da questo. Nelle cornici è assolutamente chiaro "chi è arrivato". L'unica cosa che rimane non confermata è il fatto che l'LNA stesse usando bombardieri Su-24, di cui scrivono alcuni media. La cosa più importante qui è che la Turchia non è riuscita a creare una "no-fly zone" sulla Libia nordoccidentale.

Da diversi giorni c'è stato un movimento delle forze NTC verso la città strategicamente importante di Sirte. Quindi non sorprende che Haftar colpisca alle spalle del nemico e le sue colonne si muovano verso la linea del fronte.



Prima di allora, il convoglio PNS, che si muoveva in direzione di Sirte, era già stato sconfitto. Secondo fonti filo-turche, l'offensiva sarebbe stata soffocata a causa delle "interferenze di aerei non identificati". Ma le forze del PNS sono riuscite a prendere il controllo della città di Bani Walid.


Allo stesso tempo, le unità dell'LNA hanno ottenuto il controllo di uno dei più grandi giacimenti petroliferi del paese, Sharara, dopo aver compiuto una marcia a sud-ovest della Libia. Da questo campo, il petrolio è andato a Tripoli e ha fornito al PNS un afflusso di fondi dall'esportazione di materie prime. Ora questa fonte di guadagno era nelle mani di Haftar.
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.