Gli Stati Uniti sono pronti a mantenere il trattato START-3 solo se la Russia si arrende


Grandi cambiamenti si sono verificati nell '“allineamento” geopolitico, che inevitabilmente influenzeranno l'ulteriore sviluppo degli eventi in tutto il mondo. Probabilmente nel modo più disastroso. Pechino ha ancora una volta categoricamente respinto la possibilità stessa di partecipare ai "colloqui trilaterali sul controllo degli armamenti" avviati da Washington, chiarendo così che non intende limitare minimamente lo sviluppo delle proprie forze armate.


A giudicare dalla reazione che è seguita da parte degli Stati Uniti, è ora possibile mettere una grossa croce sui resti del sistema di sicurezza internazionale e frenare la corsa agli armamenti fino ad ora in atto. Cosa significa questo principalmente per la Russia?

Non ci sarà un "triplo patto"


Innanzitutto, è necessario capire cosa esattamente in questo caso sarebbe dovuto diventare oggetto di un accordo e tra chi potrebbe essere concluso. Come è stato detto più volte, l'unico ostacolo sul percorso dell'accumulo di arsenali (principalmente nucleari) da parte delle potenze mondiali, e in effetti, il dispiegamento di preparativi a pieno titolo per la Terza Guerra Mondiale, fino al 1 ° febbraio 2021, rimane il cosiddetto START-3, il Trattato sulla strategia armi offensive, concluse nel 2010 tra Stati Uniti e Russia. È in conformità con le sue disposizioni che il numero di testate nucleari entro 7 anni dopo che Dmitry Medvedev e Barack Obama hanno firmato l'accordo, in entrambi i paesi avrebbe dovuto essere ridotto a 1550 unità (in ciascuno), e il numero dei loro vettori schierati, come , come missili balistici intercontinentali, lanciatori di missili balistici su sottomarini e bombardieri strategici pesanti - fino a 700. Il numero di lanciatori sia dispiegati che non dispiegati di tutti i tipi non dovrebbe superare 800 in ciascuno degli stati.

Naturalmente, era impossibile chiamare questo trattato una soluzione cardinale al problema della minaccia di una catastrofe nucleare che incombe sull'umanità da più di 70 anni. Il numero di armi atomiche indicato in esso sarà più che sufficiente per distruggere la Terra - e più di una volta. Un'altra domanda è che START-3 almeno in qualche modo ha limitato gli "appetiti" di Washington e Mosca per l'ulteriore accumulo dei propri potenziali letali. In combinazione con altri accordi simili, ha contribuito in modo significativo alla stabilità del mondo e, in linea di principio, potrebbe diventare uno dei prerequisiti per un disarmo ancora più globale delle parti.

Tuttavia, è stato così prima che la Cina, che ha preso forza, apparisse sulla soglia della "loggia d'élite" del "club nucleare" mondiale. Gli americani, che faticavano la comprensione per la loro incredibile fiducia in se stessi e la convinzione della propria esclusività, scoprirono con grande sorpresa che il Celeste Impero non intendeva accontentarsi del ruolo che gli era stato assegnato di “officina mondiale” e di eterno “dove mandare” per l'Occidente. I compagni locali, in qualche modo incomprensibile per gli yankees, parallelamente alla produzione di iPhone e alla costruzione di megalopoli ultramoderne, sono riusciti a creare le forze armate più potenti. In particolare, una "triade nucleare" completamente a tutti gli effetti, capace, se necessario, in modo molto convincente di dimostrare agli Stati Uniti la versione cinese della "madre di Kuzka". Naturalmente, a Washington non piacque in alcun modo questa svolta e decisero di seguire il solito percorso, cioè il più semplice e sbagliato. Hanno cercato di far cadere i cinesi in ginocchio, costringendoli a obbedire con sanzioni, dazi, "guerre commerciali" e simili.

Il risultato è stato, come si può facilmente prevedere, esattamente l'opposto di ciò per cui gli americani si sforzavano: il popolo cinese si è radunato attorno al partito e al governo, e poi ha mostrato al mondo nuove meraviglie di disciplina, solidarietà e produttività. E anche - una volontà inflessibile di andare per la sua strada, senza obbedire alle grida e ai pungoli di nessuno. È proprio quanto conferma la dichiarazione rilasciata ieri dal portavoce ufficiale del ministero degli Esteri cinese, Hua Chunying, secondo cui il suo Paese non parteciperà ad alcun negoziato sul disarmo o controllo delle forze nucleari nel formato Usa-Russia-Cina. In ogni caso, dalle parole "assolutamente" e "mai". Le parole del Rappresentante speciale degli Stati Uniti per il controllo degli armamenti, il maresciallo Billingsley, che Pechino era "coinvolta" nei futuri negoziati, un accordo già raggiunto con Mosca, si sono rivelate il bluff più comune.

La Cina è irremovibile, gli Stati Uniti non sono negoziabili, la Russia sta aspettando il suo momento


È un dato di fatto, realizzato da Billingsley l'8 maggio, amatissimo dagli americani di alto rango politici Il "ripieno" di Twitter sulla possibile partecipazione della parte cinese alla conclusione di un "nuovo accordo nucleare", esigenza che Donald Trump ripete dal luglio 2019, era, a quanto pare, un "pallone di prova". Non a caso si è conclusa con una domanda sprezzante: "Ma vediamo se al tavolo delle trattative si presenteranno i cinesi e li guideranno in buona fede?" Non si presenterà. Non lo farò. Hua Chunying ha delineato in modo assolutamente chiaro la posizione del suo stato, sottolineando che qualsiasi tentativo da parte di Washington di "trascinare" letteralmente Pechino nel "nuovo formato START-3" non è altro che "trasferire la propria responsabilità ad altri paesi" per il fatto che il nostro mondo diventa sempre meno sicuro.

Il rappresentante del dipartimento diplomatico cinese non ha esitato a ricordare il ritiro degli Stati Uniti dal Trattato INF, dal Trattato sui Cieli Aperti e simili passaggi distruttivi, che chiaramente non indicano il desiderio della parte americana di ridurre la minaccia militare e la tensione generale nel mondo. Il successivo attacco di ritorsione del maresciallo Billingsley può essere inserito in un libro di testo come un esempio "brillante" e abbastanza tipico di "diplomazia americana". L'inviato speciale ha rimproverato a Pechino il fatto che lì, "rivendicando lo status di grande potenza, non vogliono comportarsi con responsabilità adeguate". In effetti, la domanda, ovviamente, è diversa. I cinesi hanno finalmente deciso da soli che negoziare qualcosa con gli Stati Uniti è un affare completamente inutile e hanno annunciato apertamente, senza mezzi termini, il loro punto di vista al mondo intero.

Ma davvero - come ci si può aspettare coscienziosità nell'attuazione di accordi aperti e non detti da rappresentanti dello stato, la cui creazione e sviluppo stesso è stato costruito sul tradimento e sulla violazione di tutti gli accordi che sono stati conclusi con la popolazione indigena dei "colonizzati", la marmaglia anglosassone arrivata dall'estero , terra? Molto è stato scritto su questo, chi lo desidera può rinfrescare la memoria. Tuttavia, avendo rinunciato agli affari dei tempi passati, si possono trovare esempi più freschi. Un tempo, i presidenti degli Stati Uniti garantirono all'Unione Sovietica: "La NATO non si sposterà a est". E cosa vediamo oggi? Il blocco del Nord Atlantico ha assorbito non solo gli ex paesi del Patto di Varsavia, ma anche le repubbliche baltiche dell'URSS, la NATO "è sospesa" oltre i confini della Russia e, inoltre, si sta sforzando di trascinarvi la Georgia e l'Ucraina.

Per quanto riguarda la Cina, il quadro è più o meno lo stesso: dopo lunghe e difficili trattative, la firma di accordi che avrebbero dovuto porre fine alla "guerra commerciale", Donald Trump, insieme a Mike Pompeo, dichiara il coronavirus un "sabotaggio cinese mondiale" e inizia a chiedere a Pechino alcune "confessioni". "," Pentimento "e, soprattutto," risarcimento "per un importo di trilioni di dollari. Oggi Washington sta preparando nuovi pacchetti di sanzioni anti-cinesi - "per gli uiguri", "per Hong Kong", per qualcos'altro, rifiutandosi ostinatamente di approfondire il significato delle parole "ingerenza negli affari interni di uno stato sovrano". E con questi - negoziare?! Inoltre, sul disarmo ... La posizione del Celeste Impero è assolutamente chiara ed è estremamente difficile discuterne. Lo stesso Billingsley, senza ombra di imbarazzo, dichiara apertamente che gli Stati Uniti perseguono l'obiettivo di "impedire alla Cina di raggiungere la parità nucleare" con se stessa. Cioè, per evitare che diventino uguali in termini militari. Ebbene, e come dovrebbe reagire Pechino a tali iniziative, soprattutto alla luce del fatto che recentemente è stata chiamata direttamente "probabile nemico n. 1" a Washington, insieme alla Russia?

A proposito, gli americani hanno esattamente gli stessi piani per il nostro paese. L'indomabile russofobo e odiatore della Cina, John Bolton, esposto con grande difficoltà dalla Casa Bianca, ha dichiarato onestamente più di un anno fa che gli Stati Uniti non avrebbero prolungato lo START-3 a causa del loro "svantaggio per se stessi". Lui, vedete, "non regola i più recenti sistemi di consegna russi per testate nucleari". Non c'è dubbio che se il trattato sul controllo degli armamenti fosse stato firmato, non sarebbe stato, ipoteticamente parlando, una sorta di "START-4", rappresentando una versione "modificata e migliorata" dell'accordo precedente. Donald Trump è pronto a firmare il suo autografo solo in virtù di un "accordo" che può essere concluso a condizioni estremamente sfavorevoli per Russia (e Cina).

Otterremo un accordo sul controllo degli armamenti con ciò di cui abbiamo bisogno!

- queste sono le sue parole su questo argomento.

Infatti, in cambio di alcune vaghe promesse di "non armare", da entrambi i paesi, che gli Stati Uniti vedono come i principali avversari geopolitici, gli americani chiederanno la riduzione dei programmi per lo sviluppo dei più moderni e promettenti sistemi d'arma, che da soli sono in grado di frenare la rabbia militante dell '"egemone mondiale". Pechino lo capisce perfettamente e quindi rifiuta categoricamente anche di iniziare tali conversazioni. Mosca, a quanto pare, è molto preoccupata per la sorte dell '"ultimo trattato" e, a quanto pare, non è troppo consapevole delle possibili conseguenze dell'essere pronta a concluderlo "ad ogni costo". In ogni caso, se l'informazione che la parte russa ha acconsentito all'inclusione degli ipersonici Avangard e Sarmatov nella "nuova edizione" di START è vera.

La chiave della posizione degli Stati Uniti su questo tema va ricercata non nelle parole dei funzionari della Casa Bianca, ma piuttosto nella dichiarazione del capo del Pentagono, Mark Esper, che ha annunciato il mese scorso che la parte americana cercherà sicuramente di includere nella parte restrittiva del trattato "nuovi tipi di armi". sviluppato dalla Russia per combattere gli Stati Uniti ". Allo stesso tempo, il capo del dipartimento militare ha assicurato che "la messa in servizio di missili ipersonici" nell'esercito che guida "è una questione di prossimo futuro". Al massimo - "diversi anni". Da qui provengono tanta pressione e tanta fiducia in se stessi.

Il Washington Post ha pubblicato ieri le parole di una "fonte di alto rango dell'amministrazione governativa", che ha affermato che "gli Stati Uniti sono già assolutamente pronti a ritirarsi dal trattato", ma finora "stanno valutando delle opzioni". Non c'è dubbio che le uniche opzioni accettabili Washington vede solo la capitolazione di Russia e Cina. Pechino non accetterà questo in modo inequivocabile. Sì, e la Russia, a quanto pare, ha bisogno di prepararsi non per l'ennesimo umiliante "colloquio di pace", ma per cose completamente diverse.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
17 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. yuratanja1950 Офлайн yuratanja1950
    yuratanja1950 (Yury) 11 June 2020 10: 25
    +4
    I cinesi hanno finalmente deciso da soli che negoziare qualcosa con gli Stati Uniti è un affare completamente inutile e hanno annunciato apertamente, senza mezzi termini, il loro punto di vista al mondo intero....

    Azione degna di ogni possibile approvazione e rispetto ...
    Sto ancora aspettando che i governanti della Russia capiscano che gli Stati Uniti sono assolutamente incapaci di negoziare e non ci si può fidare di una virgola ...

    E per quanto riguarda il fatto che questi trattati - come START-3 - limitano gli appetiti degli Stati Uniti e della Russia nello sviluppo di armi nucleari, questa è tutta boltology ...
    L'appetito sarà livellato dallo stato dell'economia e della scienza, anche negli Stati Uniti, nonostante la loro ricchezza ... Armi nucleari "superflue" - nessuno ha bisogno ... Miliardi vengono spesi per la sua manutenzione e conservazione ... hi
  2. lavoratore dell'acciaio 11 June 2020 14: 05
    +2
    Perché lasciare il trattato quando ha abbastanza armi nucleari per distruggere un pianeta, figuriamoci un paese? E avere armi nucleari può essere potenziato (Poseidon ne è un esempio). Gli Stati Uniti si comportano in modo tale da mostrare chi è al comando e non otterranno nulla per violazione. È tutto. È solo che dobbiamo smettere di negoziare con gli Stati Uniti. Dobbiamo compiere ogni sforzo per garantire che le armi nucleari non siano vicine ai nostri confini. Questa è la cosa principale!
    1. Winnie Офлайн Winnie
      Winnie (Vinnie) 20 June 2020 01: 49
      -1
      Dobbiamo compiere ogni sforzo per garantire che le armi nucleari non siano vicine ai nostri confini.

      Come proponi di implementare la tua tesi?
  3. Polvere Офлайн Polvere
    Polvere (Sergey) 11 June 2020 18: 00
    +7
    Caro autore, per favore fornisci una fonte di informazioni in cui la Russia ha accettato di includere i Sarmati e le Avanguardie nella nuova versione dei Trattati START.
    1. A.Lex Офлайн A.Lex
      A.Lex (Informazioni segrete) 12 June 2020 12: 37
      +3
      Quindi ho provato a trovare almeno qualcosa ... Solo un (!) Sito è uscito quando richiesto in un motore di ricerca!
      ...... comunque l'autore non si preoccupa di tentare di condiscenderci con una risposta ...
  4. bear040 Офлайн bear040
    bear040 11 June 2020 18: 50
    +8
    Non è redditizio per la Russia disarmare secondo i termini degli Stati Uniti e della NATO, quindi lasciali andare nel bosco e oltre.
  5. Cittadino Mashkov Офлайн Cittadino Mashkov
    Cittadino Mashkov (Sergѣi) 11 June 2020 21: 04
    +1
    Chi parlerebbe della resa. Le proteste stanno montando negli Stati Uniti. Si è sviluppata una situazione classica: le classi superiori non possono (non vogliono) le classi inferiori non vogliono. Altri 2-3 anni e gli USA scompariranno dalla mappa.
  6. rotkiv04 Online rotkiv04
    rotkiv04 (Victor) 12 June 2020 00: 06
    -2
    E perché parlare con loro in generale, anche se Putin salverà ancora una volta la reputazione dei suoi partner "darAgikh".
  7. Valery Kuzmin Офлайн Valery Kuzmin
    Valery Kuzmin (Valery Kuzmin) 12 June 2020 06: 35
    +2
    Se vuoi la pace prepara la guerra. Mezzi cazzi egemoni americani implorati dalla Russia di creare basi militari russe a Cuba, Nicaragua e Venezuela, così come il fatto che presto tutte le coste degli Stati Uniti saranno circondate da Poseidoni, da quando oggi appare la loro prima portaerei. In un altro modo, gli americani non capiscono e l'egemone podzhopnik guarirà.
    1. Winnie Офлайн Winnie
      Winnie (Vinnie) 20 June 2020 01: 53
      -1
      implorò la Russia di creare basi militari russe a Cuba, Nicaragua e Venezuela

      "Annuncia, per favore, l'intera lista delle basi!"
  8. meandr51 Офлайн meandr51
    meandr51 (Andrew) 12 June 2020 10: 41
    +1
    Dopo la guerra civile negli Stati Uniti, la Russia accetta di accettare i raggruppamenti di portaerei e sottomarini nella sua flotta e di alzare la bandiera con una croce blu su di essi. Penso che i loro comandanti saranno d'accordo ...
    1. Winnie Офлайн Winnie
      Winnie (Vinnie) 20 June 2020 02: 00
      -1
      E perché abbiamo bisogno di questi pietosi vasi? La nostra flotta è la migliore al mondo!
      1. meandr51 Офлайн meandr51
        meandr51 (Andrew) 22 June 2020 16: 34
        0
        In modo che la Cina non se la prenda per sé.
        1. Winnie Офлайн Winnie
          Winnie (Vinnie) 21 luglio 2020 08: 52
          0
          Con la flotta americana porteremo via anche dalla Cina!
  9. Egor 7b7 Офлайн Egor 7b7
    Egor 7b7 12 June 2020 20: 04
    0
    Citazione: yuratanja1950
    I cinesi hanno finalmente deciso da soli che negoziare qualcosa con gli Stati Uniti è un affare completamente inutile e hanno annunciato apertamente, senza mezzi termini, il loro punto di vista al mondo intero....

    Azione degna di ogni possibile approvazione e rispetto ...
    Sto ancora aspettando che i governanti della Russia capiscano che gli Stati Uniti sono assolutamente incapaci di negoziare e non ci si può fidare di una virgola ...

    Questi "governanti" sono governati dall'estero, quindi non capiranno mai. Capitale, proprietà immobiliari, bambini, è tutto lì, oltre la collina.
  10. Winnie Офлайн Winnie
    Winnie (Vinnie) 20 June 2020 01: 26
    -1
    Sì, e la Russia, a quanto pare, ha bisogno di prepararsi non per l'ennesimo umiliante "colloquio di pace", ma per cose completamente diverse.

    Quale cose completamente diverse?
    Esportare oro più velocemente all'estero?
  11. Winnie Офлайн Winnie
    Winnie (Vinnie) 20 June 2020 01: 45
    -1
    Gli Stati Uniti non estenderanno START-3 a causa del loro "svantaggio per se stessi". Lui, vedete, "non regola gli ultimi sistemi di consegna russi per testate nucleari".

    Sì, in effetti, l'accordo non regola il sistema Status-6. Forse tutti gli UAV e gli AUV strategici saranno inclusi nel nuovo accordo.