Forbes sui piani della Georgia per produrre Su-25: i russi hanno bombardato l'impianto che li ha assemblati


La Georgia è pronta a premere un interruttore e avviare un vecchio impianto che un tempo produceva l'affidabile aereo d'attacco sovietico Su-25, secondo la rivista Forbes.


Ma non aspettarti che la nuova fabbrica Rooks invada il mercato degli aerei militari. Il piccolo paese di 3,7 milioni non può permettersi di acquistare molti Su-25. E nemmeno questo richiede il mercato mondiale.

Il ministro della Difesa georgiano Irakli Garibashvili suddettoche il suo paese è pronto per iniziare la propria produzione e vendita del Su-25, poiché molti paesi vorrebbero acquisire tali aerei.

Attualmente, 485 unità Su-25 sono in servizio in 24 paesi del mondo e questo aereo è molto popolare. Possiede una spessa corazza ed è in grado di colpire efficacemente le forze di terra nemiche.

Il Su-25 è entrato in servizio con l'URSS nel 1981, pochi anni dopo che l'aereo d'attacco A-10 è apparso negli Stati Uniti. Allo stesso tempo, l'assemblaggio finale dell'aeromobile è stato effettuato presso l'impianto aeronautico di Tbilisi. Dal 1978, circa 800 Rook sono stati assemblati lì da componenti forniti da diverse parti dell'URSS.

Dopo il crollo dell'URSS, la Georgia non è stata in grado di mantenere il suo stabilimento. La Russia iniziò a produrre e modernizzare da sola il Su-25. L'Ucraina ha anche effettuato riparazioni e ammodernamenti in una delle sue imprese.

Nell'agosto 2008, durante il conflitto dell'Ossezia meridionale, di proposito o per caso, i russi hanno bombardato uno stabilimento a Tbilisi che stava assemblando il Su-25. Il conflitto si concluse con la sconfitta della Georgia e la Russia prese possesso dell'Ossezia del Sud. Tbilisi sollevò in aria diversi aerei d'attacco, ma l'aeronautica russa riuscì a garantire la completa superiorità nel cielo, dopo di che i Su-25 georgiani furono costretti a ritirarsi.

Ora la Georgia ha 10 unità Su-25, modernizzate con l'aiuto di Israele, ed è difficile представитьin modo che questo paese abbia bisogno di più Torri. Quindi non aspettarti che i Su-25 georgiani diventino improvvisamente una merce calda nei mercati nazionali o di esportazione.
  • Fotografie utilizzate: Marcus Fülber / wikimedia.org
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. aleksandrmakedo Офлайн aleksandrmakedo
    aleksandrmakedo (Dubovitsky Victor Kuzmich) 11 June 2020 12: 05
    +7
    I georgiani di talento possono mettere sul torrente "Rooks" realizzati sotto forma di bottiglie per i loro Borjomi. In quello che li consiglio e li benedico.
    È un peccato che i posti ministeriali non siano nemmeno occupati da Donchisciotte. Sancio Panza. Oggetti personali cavallereschi trascinati premurosamente dietro il proprietario.
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 11 June 2020 15: 28
    -4
    Qualcuno vyaknul sciocchezze oltre la collina, e ora questo è il terzo articolo che mi imbatto in che fa schifo .... (non sul prezzo della benzina, scrivi qualcosa).
  3. bear040 Офлайн bear040
    bear040 11 June 2020 18: 38
    +5
    La Georgia non sarà in grado di stabilire la produzione di Su-25 a tutti gli effetti, non ha un ciclo di produzione completo per questa macchina ...
  4. Voldeer Офлайн Voldeer
    Voldeer (Vlad Loskutov) 11 June 2020 19: 22
    +2
    Nel 1978, in estate, ha superato la pratica industriale presso l'impianto aeronautico di Tbilisi.
    Poi hanno prodotto il gemello MiG-21 e ci è stato detto che l'impianto sarebbe presto passato alla produzione di un nuovo aereo d'attacco. C'erano solo scintille nell'officina di montaggio.
    Ingegneri, collaudatori, tutti completamente russi.
    In generale, lo stabilimento di Tbilisi è un impianto di assemblaggio a cui sono stati forniti componenti da tutta l'Unione, soprattutto dalla Federazione Russa.
    Non è chiaro cosa lanceranno ora. Inoltre, molte delle nomenclature delle parti per il Su-25 probabilmente non sono nemmeno prodotte in Russia.
    1. Sergey Tokarev Офлайн Sergey Tokarev
      Sergey Tokarev (Sergey Tokarev) 12 June 2020 07: 36
      +1
      I raccoglitori di mandarini non sanno come è fatto l'aereo)))
  5. Valery Valeriev Офлайн Valery Valeriev
    Valery Valeriev (Valery Valeriev) 12 June 2020 23: 55
    +2
    L'impianto un tempo produceva l'assemblaggio di aerei. Nella vita di tutti i giorni, questa tecnologia si chiama cacciavite. Lo scopo dell'impianto era quello di fornire posti di lavoro alla popolazione locale. Certo, hanno imparato a fare qualcosa, viti affilate, dadi, rondelle e anche allora non l'intera gamma. Lavoro altamente professionale, regolazione, prove di accettazione, prove di volo, sono state eseguite sotto la supervisione di squadre degli impianti di produzione. In linea di principio, Israele può anche svolgere questa funzione se vede vantaggi economici, di cui personalmente dubito. Le capacità finanziarie della Georgia sono pari a zero, ma si aspetta che gli aborigeni di Papua, o dell'Amazzonia, facciano la fila per gli aerei che la Russia può timbrare in qualsiasi quantità, con una qualità decente e ad un prezzo molto ragionevole? Le aspettative si trasformeranno in faccende vuote.
  6. Dormidontych Офлайн Dormidontych
    Dormidontych (Dormidontych Dormidonov) 14 June 2020 10: 59
    0
    I produttori di materia fecale non possono fabbricare aerei. Sono prodotti troppo diversi...