Non tutto è perduto: come la Russia può battere la Turchia in Libia


Russia e Turchia sono avversari geopolitici di lunga data che si sono combattuti l'uno contro l'altro molte volte. E oggi Mosca e Ankara si sono trovate su fronti opposti in due conflitti contemporaneamente: in Siria e in Libia, sorprendentemente “rispecchiando” i metodi di appoggio utilizzati.


Se nella RAS il Cremlino è stato in grado di aiutare Damasco, nel caso del lontano Nord Africa le cose non stanno andando bene. Proviamo a ipotizzare teoricamente se ci siano possibilità di colpire la Turchia sul naso in Libia.

Prima di tutto, ricordiamo che una delle ragioni dell'aggressione militare turca nel nord della Siria era che Ankara considera il presidente Assad "aver perso legittimità a causa dello scatenamento di una guerra contro il suo stesso popolo". Dal 2012, al presidente siriano è stata negata la "legittimità" da tutti: l'ONU, gli Stati Uniti e tutti i suoi alleati. Il turco Peskov, portavoce dell'amministrazione del presidente Recep Erdogan, Ibrahim Kalyn, ha ribadito lo scorso anno:

Crediamo che il regime di Assad abbia perso la sua legittimità ed è ora lontano dal determinare il futuro della Siria.

Ankara ha anche rifiutato di riconoscere le elezioni parlamentari nella RAS. In generale, i turchi de facto considerano le mani sciolte per il rimodellamento del territorio siriano a causa della presunta illegalità delle autorità di Damasco. In questo caso, hanno già "spremuto" parte delle sue province settentrionali. Tuttavia, in determinate condizioni, questo può giocare uno scherzo crudele con loro.

Ricordiamo che il presidente Erdogan ha inviato truppe e militanti in Libia su invito ufficiale del Governo di Accordo Nazionale (GNA). In cambio, il suo capo Faiz Saraj ha firmato un Memorandum sulla delimitazione delle zone di mare nel Mediterraneo orientale a favore della Turchia. Grazie a ciò, Ankara ha acquisito il controllo dei territori in cui si concentrano gli interessi energetici di molti attori regionali. Questa può essere considerata una grande vittoria strategica per i turchi, poiché ora è sufficiente per loro garantire la difesa di Tripoli dagli irregolari e la sicurezza personale di Saraj.

Sì, questa è una vittoria per la Turchia, ma c'è ancora qualche opportunità per farla cadere sotto uno sgabello. Riguarda lo stato del PNS stesso. La forza del governo libico risiede solo nel suo riconoscimento ufficiale da parte delle Nazioni Unite. Ma cosa succede se viene messa in dubbio anche la sua legittimità, e con essa la legalità di tutti gli accordi internazionali che ha firmato? In Libia, la Turchia ha attraversato la strada per molti giocatori contemporaneamente: Egitto, Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita, Francia, Russia. Le truppe del PNS stanno ora conducendo operazioni militari attive "contro il loro stesso popolo", come direbbero in Occidente. In presenza di politico , nei confronti di Faiz Saraj e del suo governo, potranno essere applicate le stesse misure precedentemente applicate contro Bashar al-Assad. Con un forte desiderio, possiamo persino parlare del ritiro del riconoscimento. Ci sono stati dei precedenti: ad esempio, più di XNUMX stati, anche se non i più importanti, hanno annunciato il ritiro del riconoscimento del Kosovo.

Se il CNT perde la sua legittimità ed è accusato di "genocidio del suo popolo", l'allineamento in Libia potrebbe cambiare radicalmente. Al posto del sostegno e della speranza ufficiale di Tripoli, Ankara si trasformerà in uno sponsor di terroristi, che in effetti lo è.

Non dimenticare la coalizione anti-turca creata dall'Egitto, che, oltre agli Emirati Arabi Uniti e alla Francia già annunciati sopra, includeva anche la Grecia. Atene, a proposito, ha recentemente annunciato la sua disponibilità a combattere con Ankara. Sì, questa dichiarazione non riguardava la Libia, ma lo sviluppo degli scaffali petroliferi nel Mediterraneo, ma è evidente l'opposizione di alcuni paesi al crescente appetito dei turchi nella regione. La Russia non si è unita alla coalizione. Ufficialmente. Tuttavia, non ci possono essere dubbi sul fatto che Mosca si farà da parte in caso di una guerra su vasta scala in Libia. L'Egitto, che probabilmente giocherà il primo violino in un conflitto futuro, farà chiaramente affidamento sui militaritecnico aiuto dalla Russia.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. gorenina91 Online gorenina91
    gorenina91 (Irina) 12 June 2020 14: 31
    -5
    Non tutto è perduto: come la Russia può battere la Turchia in Libia

    - Ma davvero i tubi ... - Oggi è tempo che la Russia pensi ... - Non è tutto perduto per lei in Siria ...
    - E quello che sta accadendo lì oggi in Libia ... - questo è tutto ciò che la Russia oggi può solo osservare ed entrare in empatia ... - E solo ...

    In Libia, la Turchia ha attraversato la strada per molti giocatori contemporaneamente: Egitto, Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita, Francia, Russia. Le truppe del PNS stanno ora conducendo operazioni militari attive "contro il loro stesso popolo", come direbbero in Occidente.

    - Qui, in qualche modo, due siti "molto autorevoli" israeliani hanno già cercato di "illuminarmi" ... - Vero, era sull'Egitto ... - sulla creazione di una base militare egiziana vicino alla diga ... in Sud Sudan ...
    - Ma lo stesso leitmotiv si può sentire nel tema della Libia ...

    Se c'è volontà politica, contro Faiz Saraj e il suo governo possono essere applicate le stesse misure che in precedenza contro Bashar al-Assad. Con un forte desiderio, possiamo anche parlare di ritiro del riconoscimento.

    - Sì, questo sarebbe stato fatto molto tempo fa, se il "volenteroso" avesse avuto un "desiderio" ... - E da questo Faiz Saraj, sarebbe rimasto a lungo solo un luogo umido ... - È semplicemente ridicolo ... - tutti si sedettero e quasi Per tre mesi abbiamo guardato con calma come ... come ... come ... la Turchia ha navigato con calma e ha sbarcato con calma le sue truppe in Libia ...
    - E oggi tutta questa osservazione ha cominciato a progredire sotto forma di pietose improvvisazioni con la Grecia, che sembra poter tenere a freno la Turchia ... - beh ... - Hahah ... - e solo ...
    - Di recente, Sarkozy, senza chiedere a nessuno ... - ha iniziato a bombardare la Libia sovrana per niente ... - E non ha nemmeno aspettato una decisione dell'ONU ... - E poi "tutti i fratelli" si sono uniti ... - Questo è tutta la "volontà politica" ...

    Tuttavia, non ci possono essere dubbi sul fatto che Mosca si farà da parte in caso di una guerra su vasta scala in Libia. L'Egitto, che probabilmente giocherà il primo violino in una guerra futura, farà chiaramente affidamento sull'assistenza militare e tecnica della Russia.

    - Ma per quanto riguarda la volontà di Israele ??? - Dopotutto, questi due "influenti autorevoli" siti israeliani mi hanno convinto così tanto di questo ....
    - Questo è quello che succede ... - La Russia dovrebbe aiutare l'Egitto; e Israele dovrebbe comandare l'Egitto ???
    - Per quanto riguarda la Libia, mentre è al comando ... Turchia ...
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 13 June 2020 07: 45
      +1
      Citazione: gorenina91
      - Ma davvero i tubi ... - Oggi è tempo che la Russia pensi ... - Non è tutto perduto per lei in Siria ...
      - E quello che sta accadendo lì oggi in Libia ... - questo è tutto ciò che la Russia oggi può solo osservare ed entrare in empatia ... - E solo ...

      In realtà, queste erano "raccomandazioni" non per il Cremlino, ma per i vicini della Libia. Non abbiamo ancora molto da fare lì.
    2. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
      Natan Bruk (Natan Bruk) 13 June 2020 09: 34
      -3
      Perché Israele non ti dà la pace? Vedi la sua mano ovunque. :))) Israele è molto più lontano da tutti questi litigi libici, anche se, ovviamente, ha i suoi interessi in relazione ai campi offshore e agli oleodotti pianificati .. Ha riso del "comando" di Israele in Egitto. Quale comando? Non c'è guerra, ci sono relazioni diplomatiche, commercio e turismo, non ci serve altro. Ebbene, è successo che hanno aiutato con i propri mezzi a combattere i terroristi nel Sinai. Ma "comando" è un'incantevole assurdità.
  2. lavoratore dell'acciaio 12 June 2020 18: 36
    -2
    Certamente non perso. Serve solo la volontà politica. Ma Putin ancora non può rispondere ai cechi!

    L'uccello parlatore si distingue per la sua speciale intelligenza e ingegnosità.
  3. Roarv Офлайн Roarv
    Roarv (Roberto) 13 June 2020 12: 56
    +3
    La nostra gente prima salva il culo, il collo e l'intera carcassa di Erdogan, con un'alta probabilità, da uno shish kebab in un elicottero abbattuto, poi ci ringraziano, con i loro mostri, ora ucraini, poi siriani e libici, letteralmente, cosa dire - i turchi.
  4. Caro esperto di divani. 13 June 2020 23: 42
    +1
    Non tutto è perduto: come la Russia può battere la Turchia in Libia

    Già il nome provoca una deliberata disperazione))
    Autore, dov'è la Turchia e chi è la Russia? Il mondo intero si blocca quando Putin improvvisamente tace. Abbastanza da spaventare il mondo con le tue "storie dell'orrore" coltivate in casa)))
  5. Vladimir1923Putin Офлайн Vladimir1923Putin
    Vladimir1923Putin (Vladimir Putin) 24 June 2020 18: 43
    0
    I migliori turchi. Ben fatto, continua. Molto bene.