La guerra che è stata avvertita negli ultimi 20 anni potrebbe iniziare in Africa


La gente moriva per il metallo. Poi per l'olio. Ora possono iniziare a uccidere per l'acqua pura, cosa di cui gli scienziati politici hanno avvertito negli ultimi 20 anni. Una grande guerra regionale si sta preparando in Africa, che potrebbe essere un presagio di futuri conflitti su questa risorsa vitale, e anche la Russia potrebbe essere coinvolta in essi.


Stiamo parlando di una possibile guerra tra l'Egitto e l'Etiopia per la grande centrale idroelettrica "Khidasa" ("Revival"), la più grande del continente nero. Si tratta di un serbatoio con una capacità di 74 miliardi di metri cubi e una diga che blocca il Nilo Azzurro. Per la povera Etiopia, dove quasi la metà della popolazione non ha accesso all'elettricità, questo progetto è di immensa importanza. Oggi questo Paese è costretto ad importare elettricità, ma dopo il varo della centrale idroelettrica sarà al secondo posto in Africa per generazione e potrà addirittura esportare. Per gli etiopi, "Khidasa" è una vera possibilità economico rinascita, quindi le autorità del paese non hanno risparmiato quasi 5 miliardi di dollari, circa il 10% del PIL, per realizzare questo ambizioso progetto.

Ma gli egiziani non sono contenti del successo dei loro vicini. Al Cairo, si teme giustamente che il blocco del Nilo Azzurro comporti l'affondamento del "grande" Nilo, sulle rive del quale vive il 90% della popolazione del Paese e l'agricoltura si basa sull'agricoltura tradizionale. L'Etiopia intende riempire il suo gigantesco serbatoio in soli tre anni, a partire già da luglio, che potrebbe portare a nuove "esecuzioni egiziane" dovute alla siccità, all'aumento della disoccupazione, alla migrazione forzata dei poveri verso le città e alle crescenti tensioni socio-economiche in un Paese che solo recentemente ha attraversato una guerra civile. Inoltre c'è un rischio diverso da zero di incidente provocato dall'uomo alla centrale idroelettrica, basta ricordare la nostra Sayano-Shushenskaya, che è più piccola di quella etiope.

La situazione è molto grave. L'Egitto non poteva impedire direttamente a uno Stato sovrano di costruire strutture sul suo territorio. Colloqui sulla diga interstatale trilaterale mancato... Un trattato del 1929 che proibiva qualsiasi lavoro sul Nilo Azzurro è stato invalidato dall'Etiopia nel 2014 come "coloniale". Quasi tutti i paesi africani sono ora dalla parte degli etiopi. Un anno fa il presidente egiziano Al-Sisi ha dichiarato direttamente all'ONU:

Il Nilo è una questione di vita, una questione di esistenza dell'Egitto. In altre parole, la questione del Nilo è una questione di vita o di morte per l'Egitto.


Uno dei suoi predecessori, Anwar Sadat, nel 1979, era molto più categorico nelle sue parole:

Non aspetteremo la morte di sete in Egitto. Andremo in Etiopia e lì moriremo.


Questo è ora uno dei comandanti etiopi, il maggiore generale Birhanu Jula Gelalcha minacciato:

Gli egiziani e il resto del mondo sanno fin troppo bene come combattiamo.


Ad essere onesti, non lo sappiamo. Ma andiamo, non è questo il punto. La guerra è nell'aria, la centrale idroelettrica quasi costruita è coperta in anticipo dai sistemi missilistici antiaerei S-300PMU1 e Pantsir-S1 di fabbricazione russa. Il Cairo deve affrontare una domanda molto seria: combattere o no?

Guerra e pace


C'è una soluzione pacifica a questo dilemma. Ad esempio, gli etiopi possono essere persuasi a riempire il loro serbatoio non in 3 anni, ma gradualmente, in 10-15 anni. Hanno fretta perché devono iniziare a lavorare più velocemente e rimborsare i prestiti, il che significa che devono concordare il loro piano di rateizzazione e ristrutturazione. Allora gli egiziani avranno tempo per cercare di adattarsi ai cambiamenti.

Puoi costruire i tuoi potenti impianti di desalinizzazione, prendendo in prestito l'esperienza israeliana, introdurre un sistema di irrigazione a goccia, riparare l'infrastruttura responsabile del pompaggio dell'acqua per evitare perdite, passare a colture che richiedono meno irrigazione e attuare riforme socioeconomiche per aumentare l'occupazione della popolazione.

La guerra sembra una soluzione più semplice, ma tutt'altro. L'Egitto sembra più forte dell'Etiopia, ma dalla parte dell'ultima metà dell'Africa e del diritto internazionale. Si potrebbe formare un'intera coalizione contro il Cairo, e non è del tutto chiaro come dovrebbe procedere questa guerra. Distruggere la centrale idroelettrica con un massiccio attacco missilistico e bomba? Bene, presto questa decisione sarà francamente in ritardo quando il serbatoio sarà pieno d'acqua. Invadere e occupare parte del territorio di uno stato sovrano, prendendo il controllo di una centrale idroelettrica? Inoltre non è un'idea molto buona e avrà gravi conseguenze a lungo termine per lo stesso Egitto.

Tuttavia, il fatto che la decisione sia sbagliata non significa che non sarà attuata. Una soluzione pacifica non è sempre “ottimale”, poiché richiede ingenti investimenti e tempo, e la guerra per l'acqua è oggi un conflitto tra paesi apertamente poveri che non hanno la possibilità di investire grandi fondi. Anche le relazioni idriche tra Israele e Siria, Turchia e Iraq sono potenziali punti di tensione in Medio Oriente.

In generale, il tema del blocco unilaterale di fiumi o canali d'acqua, come nel caso dell'Ucraina e della Crimea, dovrebbe essere regolamentato attivamente ed efficacemente da alcuni paesi a livello delle Nazioni Unite. Altrimenti, le guerre per l'acqua potrebbero davvero iniziare presto.
  • Autore:
  • Foto utilizzate: Grand Ethiopian Renaissance Dam / Pagina ufficiale di Facebook
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
18 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 16 June 2020 16: 37
    0
    L'Egitto sembra più forte dell'Etiopia, ma dalla parte dell'ultima metà dell'Africa e del diritto internazionale.

    Questo significa che il blocco da parte della Russia dei suoi fiumi, affluenti settentrionali del Dnepr, come il Desna, non è in contraddizione con il diritto internazionale?
    E hanno scritto - il che contraddice. O a seconda di chi copre?
    1. King3214 Офлайн King3214
      King3214 (Sergio) 16 June 2020 16: 49
      +2
      Se la Russia lo ritiene necessario, può semplicemente bombardare la diga installata sul canale di Crimea dall'Ucraina. E tutto questo nel quadro del diritto internazionale. Ci sono molti esempi di una simile "soluzione al problema" con l'approvvigionamento idrico.

      Come risultato del genocidio in Ruanda, l'ONU ha concluso: Ostruzione deliberata del flusso di acqua potabile o acqua per l'irrigazione dei campi, che potrebbe o ha causato siccità e fallimento dei raccolti o mancanza di acqua potabile e / o di irrigazione ... e contribuendo artificialmente a una catastrofe umanitaria a causa della mancanza di acqua potabile e di irrigazione è una manifestazione di genocidio ed ecocidio ... così come un grave crimine contro il mondo e l'umanità.

      Convenzione sulla prevenzione e la punizione del crimine di genocidio, adottata con la risoluzione 260 (III) dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite del 9 dicembre 1948.
      Poiché la chiusura dei canali d'acqua è stata a lungo equiparata al genocidio.
    2. sgrabik Online sgrabik
      sgrabik (Sergey) 16 June 2020 18: 29
      +2
      Che paragone idiota? Il Dnepr è diventato troppo superficiale o ha cambiato rotta? Perché scrivere queste assurde sciocchezze e confrontare ciò che è semplicemente impossibile confrontare !!! L'Ucraina, bloccando il Canale della Crimea settentrionale, sta semplicemente violando il diritto internazionale, e quindi si manifesta come uno stato che è caduto in basso in termini morali !!!
  2. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 16 June 2020 17: 44
    0
    Sarebbe logico agire come la Federazione Russa in Mongolia. Inviamo un tubo di transito in Cina attraverso la Mongolia e lì costruiamo centrali elettriche a gas, ei mongoli non costruiscono centrali idroelettriche sul Selenga e non fanno il lago Baikal. Portiamo l'acqua al Baikal, i mongoli ottengono l'elettricità (per soldi).
    In Etiopia puoi trovare la stessa via d'uscita. Qualcuno (l'Egitto, l'ONU, qualche organizzazione di stati africani) finanzia Rosatom. Rosatom sta costruendo una centrale nucleare e sta fornendo elettricità all'Etiopia.
    Tutti sono felici
  3. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
    Natan Bruk (Natan Bruk) 16 June 2020 19: 23
    -3
    Cosa sono i "potenti impianti di dissalazione"? Cosa dissalare? L'autore non sa che l'Etiopia è senza sbocco sul mare? Sì, una volta lo aveva, ma ora l'Eritrea ha questa via d'uscita, e l'Etiopia non ha un ottimo rapporto con essa, e insieme non costruiranno nulla.
    1. Kristallovich Online Kristallovich
      Kristallovich (Ruslan) 16 June 2020 21: 06
      +2
      Cosa sono i "potenti impianti di dissalazione"? Cosa dissalare? L'autore non sa che l'Etiopia è senza sbocco sul mare?

      In effetti, l'Egitto sperimenterà una carenza d'acqua ...
      1. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
        Natan Bruk (Natan Bruk) 17 June 2020 09: 16
        -1
        La scarsità d'acqua in Etiopia è oggi il problema più grande. Certamente nientemeno che una carenza di elettricità.
        1. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
          Natan Bruk (Natan Bruk) 17 June 2020 09: 20
          -1
          E la conversazione, infatti, riguarda i metodi alternativi delle centrali idroelettriche per generare elettricità.
        2. Kristallovich Online Kristallovich
          Kristallovich (Ruslan) 17 June 2020 09: 20
          +1
          Non c'entra niente. Si tratta della carenza in Egitto. Il Cairo è indignato dal fatto che la diga riduca il volume del Nilo.
          1. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
            Natan Bruk (Natan Bruk) 17 June 2020 09: 40
            -1
            E perché l'Etiopia sta costruendo una diga? Mancanza, prima di tutto, di acqua e, ovviamente, di energia. Qui, nello stesso articolo, l'autore parla di "potenti impianti di dissalazione" come alternativa alle centrali idroelettriche - dicono, quindi una diga non sarà necessaria. Quindi chiedo: cosa desalinizzare se non c'è uno sbocco al mare? Ebbene, la desalinizzazione stessa richiede molta energia, che l'Etiopia non ha. Ebbene, come si è detto, la stessa Etiopia ha una situazione difficile con l'acqua e la diga risolverebbe questo problema.
            1. Kristallovich Online Kristallovich
              Kristallovich (Ruslan) 17 June 2020 09: 51
              +1
              Qui, nello stesso articolo, l'autore parla di "potenti impianti di dissalazione" come alternativa alle centrali idroelettriche

              Non so dove l'hai notato ...

              E perché l'Etiopia sta costruendo una diga? Mancanza, prima di tutto, di acqua e, ovviamente, di energia.

              Anzi. Prima di tutto l'elettricità e poi l'acqua. Con entrambi i guai, ma la mancanza di elettricità è molto più acuta.
              1. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
                Natan Bruk (Natan Bruk) 17 June 2020 23: 59
                -1
                1) Leggere distrattamente. Rileggi la sezione "Guerra e pace", lì si tratta di "potenti impianti di dissalazione".
                2) La cosa peggiore è con l'acqua. Abbiamo molte persone dall'Etiopia, ho parlato con loro più di una volta.
    2. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 17 June 2020 07: 15
      +1
      L'editore ti ha già risposto, ma da parte mia dirò: pensi di essere molto intelligente, questo è il tuo problema.
      1. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
        Natan Bruk (Natan Bruk) 17 June 2020 09: 14
        -3
        Sei geloso? Leggi libri intelligenti e fai anche bene.
  4. astronauta Офлайн astronauta
    astronauta (San Sanych) 16 June 2020 23: 34
    +1
    Invadere e occupare parte del territorio di uno stato sovrano, prendendo il controllo di una centrale idroelettrica?

    Come invadere? Attraverso il Sudan o attraverso il mare e l'Eritrea?
  5. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 17 June 2020 03: 51
    +1
    Al Cairo, si teme giustamente che il blocco del Nilo Azzurro porti all'abbassamento del "grande" Nilo, sulle rive del quale vive il 90% della popolazione del Paese e l'agricoltura si basa sull'agricoltura tradizionale. L'Etiopia intende riempire il suo gigantesco serbatoio in soli tre anni, già a partire da luglio, che potrebbe portare a nuove "esecuzioni egiziane" dovute alla siccità, all'aumento della disoccupazione, alla migrazione forzata dei poveri verso le città e alle crescenti tensioni socio-economiche in un paese che solo recentemente ha attraversato una guerra civile. Inoltre, c'è un rischio diverso da zero di un incidente tecnogeno in una centrale idroelettrica, basta ricordare la nostra Sayano-Shushenskaya, che è più piccola di quella etiope.

    - Beh, in realtà ... - che la Russia è l'Egitto; che la Russia è l'Egitto ... - Oppure la Russia è preoccupata per il conforto dei turisti russi, che presto si riverseranno in Egitto in un flusso senza fine ...
    - La Siria avrà presto lo stesso problema con l'acqua dolce; quando la Turchia avvierà un'intera rete di centrali idroelettriche sul suo territorio ... - E dalla Turchia alla Siria non scorreranno fiumi di acqua dolce; ma solo flussi miserabili ... - Esatto ...
    - E anche la Russia stessa ha la Crimea; chi siede su una razione molto affamata di acqua fresca ...
    - E in effetti, è stata la Russia a diventare un esempio vivente del mondo di come un altro stato confinante priva un'intera enorme regione russa di acqua dolce ... - E di come non siano state prese misure al riguardo ... - per quale anno ...
    - Qui ci sono stati stranieri e impara dall '"esempio russo" ... e non voglio trovarti in una situazione simile ... E allora sarà troppo tardi ...
    - In una parola ... - Ha ragione l'Egitto ... - si prende cura del suo futuro ... - E non aspetta che "scoppi il tuono" ...; poi gemere e piangere ... - e aspettarsi l'aiuto di qualcuno ...
    - Ora la Russia ha aspettato qualcosa per molti anni ... in Crimea ...
  6. Alexzn Офлайн Alexzn
    Alexzn (Alexander) 17 June 2020 11: 19
    0
    Più paesi sono interessati a un accordo, meglio è. C'è una situazione di stallo e non c'è giusto o sbagliato. L'Etiopia ha capito cosa stava succedendo, l'Egitto ha capito che qualcosa doveva essere fatto. La soluzione alla situazione è menzionata nell'articolo. L'Etiopia dovrebbe riempire lo stoccaggio gradualmente e non negli anni di siccità, quindi le perdite d'acqua in Egitto saranno minime e l'evaporazione della superficie del bacino idrico (e questo è un altro problema aggiuntivo) sarà compensata dalle precipitazioni in Etiopia. L'Etiopia utilizzerà l'irrigazione a goccia e le tecnologie israeliane saranno utilizzate nell'agricoltura, l'Etiopia conta molto su questo.
    Se l'Etiopia vince, l'Egitto perde. In ogni caso! L'Egitto può solo ridurre al minimo le perdite. Ancora una volta, questa è l'irrigazione a goccia e, soprattutto, la desalinizzazione. L'esperienza di Israele mostra che questo problema può essere risolto. Ottenere energia dal gas offshore in mezzo al calo dei prezzi del gas è economicamente giustificato.
    L'attuale confronto presuppone ancora una risoluzione pacifica. L'Egitto vuole costringere l'Etiopia ad allungare il problema nel tempo, la guerra è un caso estremo e non la soluzione migliore.
  7. Alexzn Офлайн Alexzn
    Alexzn (Alexander) 17 June 2020 13: 27
    +1
    Citazione: boriz
    Sarebbe logico agire come la Federazione Russa in Mongolia. Inviamo un tubo di transito in Cina attraverso la Mongolia e lì costruiamo centrali elettriche a gas, ei mongoli non costruiscono centrali idroelettriche sul Selenga e non fanno il lago Baikal. Portiamo l'acqua al Baikal, i mongoli ottengono l'elettricità (per soldi).
    In Etiopia puoi trovare la stessa via d'uscita. Qualcuno (l'Egitto, l'ONU, qualche organizzazione di stati africani) finanzia Rosatom. Rosatom sta costruendo una centrale nucleare e sta fornendo elettricità all'Etiopia.
    Tutti sono felici

    Rosatom sta costruendo una centrale nucleare in Etiopia? È questo il tuo umorismo? Una centrale nucleare in un paese dove il 50% della popolazione non ha elettricità ... Chiedi anche a Roscosmos di costruire un cosmodromo ... e poi una silicon valley ...