Perché Rosatom ha rifiutato di Sea Launch


Il cosmodromo galleggiante Sea Launch non sarà venduto a Rosatom. La società statale ha sostenuto il suo rifiuto dell'accordo, evidenziando fino a cinque ragioni per la non redditività di tale acquisizione.


Il primo riguarda l'inefficienza di costruire un sistema di informazione e monitoraggio spaziale unificato per la zona artica utilizzando questo complesso. Per implementare il progetto fino al 2032, è necessario lanciare 19 satelliti. Si scopre che un massimo di 2 dispositivi all'anno. Affinché il lancio in mare raggiunga almeno l'autosufficienza, saranno necessari almeno 4 lanci all'anno.

Sarebbe possibile risolvere il primo problema attirando clienti di terze parti. Tuttavia, anche questa opzione non è promettente, poiché Rosatom non ha le competenze pertinenti e per ottenerle sono necessari centinaia di lanci senza problemi. Allo stesso tempo, il cosmodromo galleggiante è progettato per non più di 6 lanci all'anno.

La terza ragione nella corporazione statale era chiamata l'insensatezza dei tentativi di competere con Roscosmos. In questo caso, tutto ciò su cui Rosatom può contare sono lanci "residui".

Elon Musk ha aggiunto carburante al fuoco con i suoi razzi riutilizzabili, il che ha ridotto significativamente il costo del lancio dei veicoli di lancio nel mercato commerciale. Per prendere il suo posto nella nicchia, Rosatom dovrà investire pesantemente nella creazione di un nuovo razzo competitivo.

E, infine, il quinto argomento per rifiutare l'accordo è che Sea Launch ha già accumulato molti debiti che devono essere estinti. Di conseguenza, il costo potenziale per l'acquisto di uno spazioporto galleggiante può aumentare in modo significativo.

Ricordiamo che la scorsa settimana in diversi media è stato riferito che S7 stava negoziando con Rosatom sulla vendita della piattaforma Odyssey e della nave di assemblaggio e comando Sea Launch a causa della mancanza di fondi per l'ulteriore sviluppo del progetto. Tuttavia, all'inizio di questa settimana si è saputo che l'accordo di "risparmio" per il complesso non sarebbe avvenuto. Ora, il cosmodromo galleggiante, acquistato per 150 milioni di dollari e ricollocato dagli Stati Uniti in Russia, è, nella migliore delle ipotesi, in attesa di "naftalina" per un periodo indefinito.
  • Foto utilizzate: John Murphy / flickr.com
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. 123 Офлайн 123
    123 (123) 17 June 2020 20: 10
    +2
    Ora, il cosmodromo galleggiante, acquistato per 150 milioni di dollari e ricollocato dagli Stati Uniti in Russia, è, nella migliore delle ipotesi, in attesa di "conservazione" per un periodo indefinito.

    Per quanto ricordo, non l'hanno comprato, hanno comprato una quota del progetto da partner americani.
    Cosa attende il cosmodromo non è ancora chiaro. A mio parere, S7 non ha un normale concetto di sviluppo. Quello che stavano per lanciare non è ancora chiaro. Mentre tutto si riduce allo stato, dammi i soldi, lo padroneggeremo. Altrimenti, cosa significa la frase:

    a causa della mancanza di fondi per l'ulteriore sviluppo del progetto

    Da dove si aspettano i finanziamenti?