"Eltsin sarebbe tornato": come i giapponesi rimpiangono la perdita dei Kuriles


Il discorso di congratulazioni del 12 giugno, con il quale il presidente Putin si è rivolto ai russi "da Kaliningrad alle Isole Curili", ha risuonato dolorosamente nell'animo dei giapponesi. I residenti del Paese del Sol Levante si spruzzano cenere sulla testa e si rammaricano amaramente di non essere riusciti a risolvere il problema dei "territori del nord" sotto Boris Eltsin. Questo significa che Tokyo ha perso completamente la sua occasione di vendetta?


Molto è già stato detto sul motivo per cui le Isole Curili non dovrebbero mai essere restituite al Giappone.

In primo luogo, questo precedente può servire come una sorta di "vaso di Pandora": seguiranno rivendicazioni territoriali da Germania, Finlandia, Estonia e altri nostri vicini.

In secondo luogoPurtroppo, il Giappone non è uno stato veramente sovrano. Come alleato, può fornire le isole ad esso trasferite per il dispiegamento di basi militari americane, che rappresenteranno una seria minaccia per il potenziale difensivo dell'Estremo Oriente russo. Nessun accordo aggiuntivo con Mosca su questo tema può limitare i diritti di Tokyo di utilizzare il suo territorio sovrano.

In terzo luogo, il nostro paese perderà isole ricche di risorse naturali: pesci, granchi e altra vita marina, metalli e renio delle terre rare.

Non è del tutto chiaro perché il tema della possibilità di trasferire i Kuriles sia stato improvvisamente sollevato dal presidente Putin in concomitanza con la firma di un trattato di pace con il Giappone. Non sembra che siamo in guerra, collaboriamo in modo abbastanza efficace economico sfera e in qualche modo gestito senza questo documento. Anche la richiesta sovietica per il ritiro delle truppe americane dal territorio dello stato insulare è semplicemente irrealizzabile nelle nostre realtà.

Questa iniziativa estremamente controversa del presidente ha causato un atteggiamento di disapprovazione da parte della stragrande maggioranza della popolazione russa. Successivamente, questo argomento è stato rimosso dall'agenda dell'informazione e le autorità hanno rilasciato una serie di dichiarazioni patriottiche. Gli abitanti del Giappone sono indignati e, in generale, possono essere compresi. La posizione ambigua di Vladimir Putin ha dato loro la speranza che la loro idea nazionale di restituire i "territori del nord" potesse finalmente diventare realtà, e ora c'è stato un ritiro.

Una pubblicazione piuttosto curiosa è apparsa nello "Yomiuri Shimbun" e nei commenti dei lettori. Alcuni giapponesi sottolineano che la Russia ha popolato le isole con i suoi cittadini che ora non andranno da nessuna parte. Altri giustamente concludono che Mosca non rinuncerà alle Isole Curili, dal momento che il Giappone è un "vassallo" degli Stati Uniti:

La Russia e l'America sono "ai ferri corti" e il Giappone è un fedele vassallo degli Stati Uniti. Allora perché la Russia ci restituirà le isole?

Altri ancora lamentano che Tokyo abbia perso tempo non risolvendo la questione durante il governo del presidente Eltsin:

Era necessario negoziare questo con Eltsin, che pose fine alla guerra fredda.

Tuttavia, nonostante il pessimismo generale, la pubblicazione stessa ha commentato le parole di Putin in maniera piuttosto contenuta:

Le sue dichiarazioni sono progettate per aumentare il sentimento patriottico tra il popolo russo e mirano ad aumentare il sostegno russo per i nuovi emendamenti alla Costituzione russa.

Vorrei soffermarmi su questo punto in modo più dettagliato. Si aspettano che fino alla fine del mese andiamo a votare a favore degli emendamenti alla Costituzione. In generale, la maggior parte delle innovazioni legislative può solo essere accolta con favore, ma tra queste ve ne sono diverse piuttosto ambigue che sono "protette". Secondo le modifiche alla parte 2 dell'art. 67 della Legge fondamentale della Federazione Russa, sono vietate le azioni volte ad alienare parte del territorio del nostro paese. Ma loro, gli emendamenti, consentono la delimitazione, demarcazione e redemarcazione del confine di stato.

La delimitazione, in particolare, conferisce il diritto di determinare la posizione e la direzione del confine di Stato tra gli Stati confinanti e, di regola, è parte integrante dei trattati di pace. Va notato che in Giappone stanno già cercando un'opportunità per "barare", di cui ci occupiamo nel dettaglio detto prima. Ad esempio, l'ex diplomatico giapponese Masaru Sato propone di concordare sul riconoscimento che le isole di Habomai e Shikotan non erano incluse nelle Isole Curili, che Tokyo ha abbandonato a seguito della seconda guerra mondiale. In questa logica, il trasferimento e il successivo ritorno delle isole sarebbe una semplice delimitazione e demarcazione dei confini.

Certo, oggi qualcosa del genere è impossibile da immaginare. Ma dov'è la garanzia che poi non giunga al potere nel Paese un nuovo condizionale "Eltsin", con il quale sarà possibile risolvere la questione?
16 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. akarfoxhound Офлайн akarfoxhound
    akarfoxhound 17 June 2020 13: 40
    +3
    Non c'è niente da ricordare su questo argomento in Russia. Se abbiamo chiuso questo argomento, compagni giornalisti, chiudete la bocca, lasciate che i giapponesi abbiano questo argomento dolente e continuate a insistere. Chi sarete, per chi lavorerete, miei cari?
  2. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 17 June 2020 13: 41
    +4
    Tutti i governanti russi e sovietici che in qualche modo hanno perso i loro territori dell'Estremo Oriente sono finiti male. Questi sono Alessandro II (fatto saltare in aria), e Nikolai II (fucilato), e Krusciov, che ha dato un suggerimento sul trasferimento (è scappato con rassegnazione con i pomodori), e Gorbaciov, che la gente ricorda come Mazepa, e Shevardnadze, - "linea Shevardnadze-Baker", su cui ha fatto diversi tentativi fino a quando non sono stati spinti nel cortile. Alcuni dei politici russi vogliono ancora tentare la fortuna?
  3. Il commento è stato cancellato
  4. Cheburashk Офлайн Cheburashk
    Cheburashk (Vladimir) 17 June 2020 15: 36
    -1
    Citazione: Bulanov
    Tutti i governanti russi e sovietici che in qualche modo hanno perso i loro territori dell'Estremo Oriente sono finiti male. Questi sono Alessandro II (fatto saltare in aria), e Nikolai II (fucilato), e Krusciov, che ha dato un suggerimento sul trasferimento (è scappato con rassegnazione con i pomodori), e Gorbaciov, che la gente ricorda come Mazepa, e Shevardnadze, - "linea Shevardnadze-Baker", su cui ha fatto diversi tentativi fino a quando non sono stati spinti nel cortile. Alcuni dei politici russi vogliono ancora tentare la fortuna?

    Ma per evitare che ciò accada, in linea di principio, in futuro, vengono apportate alcune modifiche alla Costituzione, sì !!!
    1. Don36 Офлайн Don36
      Don36 (Don36) 17 June 2020 17: 05
      +3
      Se la costituzione proposta da Putin non contenesse le parole secondo cui il governo della Federazione Russa può sperperare le terre della Federazione Russa con il pretesto di delimitare i confini, io voterei comunque a favore e con tali emendamenti lascerei che votino a Tokyo.
    2. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 18 June 2020 06: 42
      0
      Le modifiche non vengono apportate per questo, ma per consolidare lo status del Consiglio di Stato al suo interno, dove Putin potrà sedersi dopo il 2024. Con l '"azzeramento" durante la riproduzione, c'è stato un chiaro eccessivo. Questo è il motivo per cui ci viene offerto di votare non per ogni emendamento separatamente, ma in blocco per tutto in una volta.
  5. lavoratore dell'acciaio 17 June 2020 15: 38
    +1
    Credo che l'argomento con le Isole Curili non sia stato ancora chiuso. Né Putin né Lavrov hanno spiegato perché questo argomento sia stato sollevato. Nel 2010 nessuno ha sollevato il rumore e la Russia ha concesso alla Norvegia 80mila km di area marina del Mare di Barents. Per quanto riguarda la costituzione, l'autore ha correttamente notato. La contrattazione continua.
    1. Amaro Офлайн Amaro
      Amaro (Gleb) 18 June 2020 00: 09
      +1
      Né Putin né Lavrov hanno spiegato perché questo argomento sia stato sollevato. ...

      Non c'è fumo senza fuoco, a quanto pare, il "padre della democrazia russa" ha promesso qualcosa ai suoi amici giapponesi e ha lasciato in eredità lo stesso ai suoi seguaci. Quindi vengono eseguiti test penali e si cercano modi legali per adempiere alla volontà e alle promesse.

      La contrattazione continua.

      La contrattazione è inappropriata.
  6. San Valentino Офлайн San Valentino
    San Valentino (Valentin) 17 June 2020 15: 58
    +5
    Bene, no, signore e signori della madre giapponese, se davvero ve ne pentite, portatelo con tutte le sue maledette frattaglie, seppellitelo a Fujiyama e smontatelo in mattoni al Centro Eltsin, e trasportatelo lì, e allo stesso tempo afferrate Naina , non abbiamo affatto bisogno di tale spazzatura.
    1. Amaro Офлайн Amaro
      Amaro (Gleb) 18 June 2020 00: 20
      +2
      ... prendilo ...
      ... mettilo da parte ...
      ... tale spazzatura è completamente inutile ...

      Qualcosa suggerisce che Vladimir Vladimirovich sarà fondamentalmente in disaccordo con te e sarà in grado di spiegare la profondità dei pensieri di Boris Nikolayevich e il fatto che la maggior parte dei russi non è ancora in grado di realizzare questa felicità. Ma le persone stanno lavorando, lucidando e correggendo, presto tutto sarà come dovrebbe essere.
      1. San Valentino Офлайн San Valentino
        San Valentino (Valentin) 18 June 2020 10: 06
        +1
        A causa della "profondità dei pensieri di Boris Nikolayevich", oltre 10 milioni di russi sono andati nell'aldilà, prematuramente, in 17 anni della sua "comprensione" - dalla disoccupazione, povertà, mancanza di denaro e disperazione, ma il tuo umorismo è chiaro.
        1. Amaro Офлайн Amaro
          Amaro (Gleb) 19 June 2020 00: 13
          0
          ... dalla disoccupazione, dalla povertà, dalla mancanza di denaro e dalla disperazione.

          Si contano ancora quelli che vivono fuori dal cordone, così come quelli che anche in questi paesi stranieri "non si sono adattati" e sono usciti prematuramente. Ma questo sarà corretto, ritoccato e anche loro saranno responsabili di ciò che è accaduto loro. La cifra può essere equiparata alle perdite in combattimento nella Grande Guerra Patriottica e sono riuscite praticamente senza un solo colpo. È stato pagato un prezzo esorbitante in modo che oggi un pugno di furfanti abbia accesso al potere e alle risorse del paese. Ora puoi persino ringraziarli per il fatto che finalmente, riempiendosi strettamente le tasche, hanno iniziato a condividere un po 'del bottino.
          D'altra parte, la gloria è ora data a questi politici avanzati secondo i loro meriti, a chi sono centri, a chi rompighiaccio, a chi fondi, o una strada con un nome e una pensione personale. triste
          1. San Valentino Офлайн San Valentino
            San Valentino (Valentin) 19 June 2020 06: 29
            +1
            E dietro il cordone di russi che hanno perso la loro patria nel 1991, circa 32 milioni vivono, e praticamente non hanno un posto dove andare e per cosa, e poi penserai se lasceremo la nostra o no.
    2. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 18 June 2020 06: 38
      0
      Curiosità a tuo piacimento chi ha avviato la creazione del Centro Eltsin, chi ha pagato la sua costruzione e manutenzione e chi lo gestisce. L'informazione è aperta.
  7. Don36 Офлайн Don36
    Don36 (Don36) 17 June 2020 17: 02
    +7
    Il Giappone potrebbe anche rimpiangere di essere stato cacciato dal territorio della Cina, o della Corea ... Tutte le Isole Curili, questa è la Russia, e maledirò chiunque le dia, o parte di esse, al Giappone! Alkash Boris Eltsin la maggior parte della Russia e oggi maledice! Brucialo all'inferno, maledetto afferratore!
  8. aleksandrmakedo Офлайн aleksandrmakedo
    aleksandrmakedo (Dubovitsky Victor Kuzmich) 17 June 2020 20: 30
    +3
    Torniamo Eltsin in Giappone? Lascia che lo prendano.
  9. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 18 June 2020 15: 19
    0
    "Eltsin sarebbe tornato": come i giapponesi rimpiangono la perdita dei Kuriles

    - Oh, perché ricordare Eltsin ... - non c'è bisogno di ricordarlo affatto ... - Ma "qualcuno" aveva bisogno del Centro Eltsin ... - per non consegnare il nome di Eltsin all'oblio e perpetuare tutti i suoi "pensieri" ... e "fatti" ...
    - E se parliamo dei Kuriles e dei giapponesi; allora è meglio e al punto - ricordare le parole ... le parole di Zhirinovsky, dove dice che può restituire il Giappone ... - solo Khakamada ... - Tutto e affari ...