Il presidente della Polonia ha paragonato il movimento LGBT al comunismo e ha rivelato quale è più pericoloso


Sabato, durante la campagna elettorale durante una manifestazione a Brzeg, il capo della Polonia Andrzej Duda ha definito il movimento LGBT un'ideologia e ha espresso l'opinione che sia peggio del comunismo. Lo riporta l'edizione tedesca Tagesspiegel.


Il movimento LGBT è più distruttivo del comunismo. La generazione dei miei genitori ha combattuto per 40 anni contro la dottrina comunista e non ha combattuto per l'emergere di una nuova ideologia ancora più distruttiva. LGBT è diventata una forma di neo-bolscevismo che colpisce negativamente i bambini

- ha detto il presidente polacco nel suo discorso.

La migliore prova dell'orientamento ideologico delle persone LGBT, secondo il Presidente della Polonia, è la presenza di persone con un'attrazione per lo stesso sesso, e allo stesso tempo si identificano con questo movimento. Per loro, l'orientamento sessuale non è solo un affare loro, ma qualcosa di più.

Le dichiarazioni di Duda sono state accolte in modo controverso da altri politica paesi. Robert Bedron, uno dei leader della Campagna contro l'omofobia e anche candidato alla presidenza polacca, ha invitato Dudu a porre fine all'“odio”. Critico anche il leader del Partito popolare europeo Donald Tusk.

Il presidente della Polonia dovrebbe prendersi cura della reputazione del Paese, ma Andrzej Duda sta facendo di tutto per distruggerla. La sua campagna è una vergogna per il mondo intero

- ha scritto Tusk su Twitter.

Duda, nel frattempo, insiste sul fatto che le sue parole sono state prese fuori contesto da media globali come il New York Times, il Guardian e la Reuters. Il politico ha accusato le pubblicazioni di replicare Notizie-falso, ma allo stesso tempo ha osservato che "sotto il falso pretesto della tolleranza, non si può far credere alla maggioranza alla minoranza".
  • Foto usate: Kancelaria Sejmu / Rafał Zambrzycki
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 17 June 2020 13: 20
    +2
    Né Marx né Lenin erano amanti LGBT. Questi sono i leader e i rappresentanti dell'UE, che include la Polonia e dove l'Ucraina si sta impegnando, propagandano valori non tradizionali.
    1. Cyril Офлайн Cyril
      Cyril (Cyril) 18 June 2020 02: 43
      0
      Né Marx né Lenin erano amanti LGBT

      Quindi, dal 1917 al 1934 in URSS, l'omosessualità è stata depenalizzata e le persone LGBT non sono state portate in tribunale sulla base del loro orientamento. Questo, ovviamente, non significa che Lenin e il partito nel suo insieme approvassero questo comportamento, ma il fatto rimane. In quel momento nessuno perseguitava apertamente i gay.
  2. Cheburashk Офлайн Cheburashk
    Cheburashk (Vladimir) 17 June 2020 15: 33
    +1
    Com'è, Andrzej Duda. Non apprezzi i valori europei, come può essere ??? lol
  3. Cittadino Mashkov Офлайн Cittadino Mashkov
    Cittadino Mashkov (Sergѣi) 19 June 2020 02: 50
    0
    Tutta questa omoinfezione ci è arrivata con i bolscevichi (a quanto pare, l'hanno portata con sé in una carrozza sigillata). Basta ricordare gli slogan di quegli anni, sulle relazioni libere, sull'amore libero, ecc. Certo, questo era il caso prima, ma nella società tali manifestazioni erano condannate. Dicono che non c'era sesso nello stato sovietico - questa è una domanda difficile. Ma c'era sicuramente dissolutezza.