La Polonia perse inaspettatamente, rifiutandosi di transitare e acquistare gas russo


economico Le relazioni tra Varsavia e Mosca sono state difficili negli ultimi anni e le autorità polacche hanno cercato di trovare fonti alternative di approvvigionamento di gas naturale. Tuttavia, i polacchi hanno perso inaspettatamente per se stessi rifiutando di acquistare e transitare "carburante blu" russo. Scrive su questa pubblicazione economica britannica Financial Times.


Il 26 maggio è stato sospeso per un giorno il transito del gas attraverso il gasdotto Europol, che fornisce carburante russo ai paesi occidentali attraverso la Polonia. Ciò è accaduto a causa della risoluzione del contratto tra Polonia e Russia, e ora Gazprom ha la possibilità di cambiare liberamente le capacità sulla base delle aste secondo le regole dell'Unione europea - la società russa ha smesso di vincolarsi ai termini meno flessibili dell'accordo russo-polacco.

All'inizio di giugno, il regolatore polacco ha approvato un aumento della tariffa per il trasporto del gas tramite Europol del 16,5%. Ma i polacchi corrono il rischio di non ricevere questi soldi a causa del fatto che la Federazione Russa considera questo gasdotto solo come un ulteriore, utilizzandolo solo dopo aver riempito altre linee di gas. Varsavia, cioè, ha perso una forte posizione negoziale, anche per futuri acquisti di gas, vista la scadenza del contratto con Gazprom tra due anni.

La società di gas polacca PGNiG ha annunciato che il contratto con il fornitore russo non sarà esteso: il paese sta passando all'acquisto di gas dalla Norvegia, nonché a forniture alternative di combustibile naturale liquefatto. Tuttavia, i prezzi del gas russo sono diminuiti quest'anno, rendendo la risorsa energetica russa molto più redditizia di quella americana, cosa che ha sorpreso i mercati dell'energia.

Varsavia sta pianificando di sostituire il gas dalla Russia con il carburante degli Stati Uniti e del Qatar, e i tentativi di diversificare le forniture danno alla Polonia una carta vincente nei negoziati con il Cremlino. Ma invece di raccogliere benefici commerciali, i polacchi stanno cercando di eliminare fisicamente il carburante russo costruendo costose infrastrutture alternative. Per amore di politico condizioni di mercato La Polonia è priva di gas pulito e relativamente poco costoso. Ne vale la pena bruciare i ponti con la Russia? Il tempo lo dirà.
  • Foto utilizzate: www.gazprom.com
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Dmitry S. Офлайн Dmitry S.
    Dmitry S. (Dmitry Sanin) 17 June 2020 20: 55
    +1
    Follia... Oh. Questo non è Gorky. solo follia...
  2. King3214 Офлайн King3214
    King3214 (Sergio) 17 June 2020 23: 15
    +2
    Non ci sono polacchi intelligenti.
    Ce ne sono altri, ma non ce ne sono di intelligenti.