Come lo smantellamento del "tubo ucraino" può rivoltarsi contro la stessa Gazprom


Secondo i resoconti dei media nazionali, Gazprom ha iniziato a smantellare la sua infrastruttura di gasdotti che porta in Ucraina. Sembra minaccioso e inquietante, ma cosa si nasconde effettivamente dietro questa decisione e non danneggerà il nostro paese in seguito?


Durante il periodo sovietico, quando l'Ucraina era una parte rispettata di una superpotenza, sul suo territorio furono costruiti molti gasdotti, la cui capacità di input totale superava i 200 miliardi di metri cubi di gas all'anno e la produzione - 180 miliardi. Negli anni dell '"indipendenza" il GTS ucraino si è gravemente consumato: secondo alcune stime, circa 4mila chilometri sono in condizioni di emergenza, altri 18mila sono quasi completamente consumati e necessitano di riparazioni. Kiev non dispone di fondi propri per questi scopi e i tentativi di trovare investitori non sono stati coronati da successo.

I problemi tecnici esistenti sono stati aggravati dal colpo di stato del 2014, dopo il quale la Russia è stata ufficialmente dichiarata "aggressore". Ciò non ha aggiunto alcuna costruttività alla relazione e il Cremlino ha tentato di fare a meno del GTS ucraino costruendo i gasdotti Nord Stream 2 e Turkish Stream. Forse avrebbe potuto funzionare, ma Mosca ha chiaramente sottovalutato la disponibilità di Washington a contrastare queste deviazioni. Di conseguenza, Nord Stream 2 è stato sanzionato ed è "in pausa", e gli acquisti di gas di Ankara tramite Turkish Stream sono diminuiti, come discutiamo in dettaglio detto in precedenza.

Alla fine del 2019, Gazprom è stata costretta a firmare un nuovo accordo di transito con Naftogaz, secondo il quale pomperà 2020 miliardi di metri cubi di gas in Europa nel 60 e 4 miliardi di metri cubi ciascuno nei prossimi 40 anni. È abbastanza ovvio che la direzione dell'ente statale prevede di completare e commissionare il Nord Stream 2, che è chiamato il "killer del transito ucraino", entro questo periodo.

C'è una situazione in cui le capacità di transito esistenti dell'Independent sono già eccedenti e in 4,5 anni diventeranno completamente irrilevanti. Allo stesso tempo, la manutenzione dell'infrastruttura di trasporto del gas dalla parte russa è costosa. Si stima che Gazprom possa risparmiare circa 1,6 miliardi di dollari entro la fine del 2020 solo sui costi di esercizio se chiude 62 negozi di compressori e smantella 4,3mila chilometri di tubi. Chiariamo che stiamo parlando di capacità di transito in eccesso.

Ebbene, nel complesso, si può accogliere con favore la prudenza piuttosto inaspettata dei vertici dell'ente statale, che è abituato a gettare facilmente miliardi di budget a destra ea sinistra. Risparmiare in modo intelligente è positivo. Ma in questo momento dovremmo sottolineare la scarsa premura di questa "ottimizzazione". È pericoloso fare affidamento su Nord Stream 2, dal momento che gli Stati Uniti se l'hanno apertamente preso su di sé. La stabilità del suo lavoro sarà costantemente nel limbo a causa degli intrighi americani ed europei, c'è anche il rischio di incidenti che sono difficili da eliminare da solo le condizioni subacquee, poiché Gazprom non ha ancora tali competenze.

Gli esperti che hanno familiarità con la situazione si esprimono a favore non di smantellare, ma di mettere fuori servizio le infrastrutture del gasdotto in eccesso. Se poi si verifica un'emergenza o un'altra esacerbazione geopolitica, che impedirà al monopolista di adempiere ai suoi obblighi contrattuali, allora noi stessi ci chiederemo "di chi è la colpa e come è successo".
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Alexey Ushakov Офлайн Alexey Ushakov
    Alexey Ushakov (Alexey Ushakov) 18 June 2020 13: 00
    0
    Cos'altro ci si potrebbe aspettare da "Seryozha")))
  2. aleksandrmakedo Офлайн aleksandrmakedo
    aleksandrmakedo (Dubovitsky Victor Kuzmich) 18 June 2020 15: 17
    +3
    Stupido articolo di un revisore dedicato. Solo azioni decise di smantellamento dimostreranno, e soprattutto ai consumatori europei di carburante, che è assolutamente essenziale completare la costruzione del tubo-2.
    Questo "stratega" non ha ancora capito che la Germania ha già revocato le restrizioni al pompaggio di gas attraverso il tubo 1? Non sa ancora che la Germania si è già preparata a imporre tasse più alte sul gas liquefatto del lago, che sono un po 'chiamate sanzioni? E che dire della situazione con le turbine a gas Siemens consegnate in Crimea? L'interesse a mantenere normali rapporti con la Russia, costretta a riconoscere le turbine non proprio Siemens? E la stravagante proposta della Germania di integrare metà del tubo 2 con l'idrogeno? Bypassare anche il pin dos premere qui? La parte non tecnica è interessante, potrebbe non essere affatto realizzabile. La cosa interessante è che i tedeschi stanno tirando questo carro dalla loro parte.
  3. polev66 Офлайн polev66
    polev66 (Alexander) 19 June 2020 09: 16
    -1
    L'autore vive ancora in una realtà diversa, affetto da grafomania.
  4. bear040 Офлайн bear040
    bear040 20 June 2020 00: 47
    +4
    Qui, signor Marzhetsky, la Federazione Russa non perde nulla, per 2 motivi.
    1) Il GTS ucraino è seriamente fatiscente e investire in esso alle condizioni dell'Ucraina non è male né nella Federazione Russa, né nell'UE, né negli Stati Uniti.
    2) Il transito attraverso l'Ucraina sarà sempre associato a furti e scandali di ogni genere, così che anche qui la Federazione Russa, avendo rifiutato il transito attraverso l'UKROPIA, almeno non perda nulla.
    1. Nablyudatel2014 Офлайн Nablyudatel2014
      Nablyudatel2014 22 June 2020 23: 53
      -4
      Bear 040, carica una foto affidabile sulla rete, o meglio un video - un tubo del gas "fatiscente". E migliore gas principale. Voglio vederlo faccia a faccia e vivere. risata Ah ah ah ah. Dove hai visto, dalla parola in generale, tale? Sai, Misha, girovagare nei boschi e parlare di tubi del gas sono cose molto diverse.