L'Ucraina potrà ricevere il gas russo dal "Turkish Stream"


L'Agenzia nazionale di regolamentazione dell'energia della Repubblica di Moldova (ANRE) ha approvato gli standard per il transito del gas naturale attraverso il gasdotto Trans-balcanico, riferisce la società di analisi internazionale ICIS.


Independent Commodity Intelligence Services è dedicato a fornire prezzi rapidi e notizie informazioni sui mercati chimico, petrolifero ed energetico. ICIS informa che ora i commercianti internazionali possono iniziare a prenotare capacità mensili del gasdotto Trans-balcanico per il transito del gas attraverso la Moldova in entrambe le direzioni da luglio.

Fino al 31 dicembre 2019, il gas russo veniva fornito alla parte europea di Turchia, Bulgaria, Macedonia e Grecia tramite il gasdotto Trans-balcanico attraverso Romania, Ucraina e Moldova. Dal 1 ° gennaio 2020, il gas russo viene fornito a Turchia, Bulgaria, Macedonia e Grecia tramite il gasdotto Turkish Stream, mentre Moldova, Romania e Ucraina rimangono senza entrate di transito. Quindi ora è possibile fornire gas russo all'Ucraina tramite il gasdotto Trans-balcanico in modalità inversa. L'Ucraina potrà infatti ricevere il gas russo dal Turkish Stream.

Si conoscono almeno cinque aziende che hanno mostrato interesse per l'approvvigionamento di materie prime attraverso la Moldova. Allo stesso tempo, ANRE deve ancora determinare i punti in entrata e in uscita al confine con l'Ucraina e adattare la metodologia di calcolo delle tariffe. Quindi, dal 1 ° agosto, il prezzo di transito potrebbe ridursi notevolmente.

Chisinau ha anche raggiunto un accordo con Tiraspol, poiché una parte del gasdotto attraversa il territorio della Transnistria. A nome della Moldova, l'accordo sarà concluso dalla LLC "Moldovatransgaz" e dalla PMR - JSC "Moldovagaz", parte della quale appartiene al governo della Transnistria. Inoltre, il capo del JSC "Moldovagaz" Vadim Cheban ha spiegato a ICIS che nella seconda metà del 2020, ai commercianti sarà offerto il transito a livello di 8 miliardi di metri cubi. A partire dal 2021, Moldovagaz JSC (controllata al 50% da Gazprom PJSC), insieme all'operatore GTS ucraino, vuole offrire capacità alle aste della piattaforma RBP in Ungheria.
  • Foto utilizzate: gazprom.com
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 18 June 2020 23: 01
    +1
    Quindi, dal 1 ° agosto, il prezzo di transito potrebbe ridursi notevolmente.

    Che tipo di transito? Quale via? Di seguito per quanto riguarda cosa? E chi ha detto che il gas russo andrà in Turchia? Proprio ieri hanno scritto che il transito verso la Turchia è notevolmente diminuito perché i turchi non pagano il gas. Nulla è chiaro dall'articolo ...
  2. Cheburgen Офлайн Cheburgen
    Cheburgen 19 June 2020 06: 13
    +1
    Sì, anche se lo ottengono almeno dalla luna, è importante che la banderva del gas russo non faccia mai più un centesimo.