Un passo avanti verso la guerra: l'Etiopia ha rifiutato di attendere un accordo con l'Egitto su una centrale idroelettrica


La situazione nell'Africa nord-orientale si sta aggravando. Tre paesi africani: Etiopia, Egitto e Sudan sono un passo più vicini alla guerra. Addis Abeba ha rifiutato di attendere gli accordi con il Cairo e Khartoum sulla centrale idroelettrica Hydase (Rinascimento) e ha deciso di iniziare a riempire il serbatoio senza il permesso di egiziani e sudanesi.


Va notato che la suddetta centrale idroelettrica è in costruzione sul Nilo Azzurro (il giusto affluente del Nilo) e diventerà la più grande dell'Africa. Si trova vicino al confine con il Sudan, sul territorio del quale il Nilo Azzurro si fonde con il Nilo Bianco in un'unica via d'acqua che sfocia nel Mar Mediterraneo. Allo stesso tempo, l'arido Egitto e il Sudan, situati a valle, non sono contenti della costruzione, sospettando ragionevolmente che riceveranno meno acqua e siccità.

Nonostante ciò, il ministro degli Esteri etiope Gedu Andargachev ha affermato che il suo paese inizierà a riempire il gigantesco serbatoio secondo i suoi tempi senza la "benedizione" degli altri. Ciò avverrà nel luglio 2020, indipendentemente dall'esito delle consultazioni. L'Associated Press ne ha parlato.

Il ministro ha sottolineato che l'Etiopia vorrebbe raggiungere un accordo con l'Egitto e il Sudan, ma i negoziati potrebbero durare anni, ei vicini cercheranno semplicemente di ritardare il processo di riempimento del serbatoio e di mettere in funzione un'importante struttura. Ma 107 milioni di Etiopia hanno un disperato bisogno di questa centrale idroelettrica, quindi Addis Abeba non permetterà ritardi per mantenerla inattiva per anni.

Crediamo che la parte egiziana voglia dettarci le condizioni e controllare il nostro uso del nostro fiume.

- considera Andargachev.

Il capo del dipartimento ha chiarito che gli etiopi non chiederanno a nessuno il permesso di realizzare i loro progetti sulla base delle proprie risorse. Ha aggiunto che tutte le altre opzioni sono inaccettabili per il suo Paese, sia da un punto di vista morale che giuridico.

In precedenza, l'Etiopia ha rifiutato di discutere l'accordo sulla divisione dell'acqua del Nilo Azzurro e deferire la questione al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Inoltre, anche i militari etiopi minacciati vicini, invece, quelli risposta ricambiarli. Pertanto, esiste la possibilità che nel prossimo futuro possa sorgere un grave conflitto armato in questa regione.
  • Foto utilizzate: Facebook / Grand-Ethiopian-Renaissance-Dam
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.