L'imprevedibilità di Lukashenko minaccia di rovinare i piani del gas della Polonia


L'evidente imprevedibilità del presidente della Bielorussia Alexander Lukashenko rischia di rovinare i piani del gas di Varsavia, scrive l'edizione polacca di Biznes Alert.


C'è abbastanza petrolio nel mondo e i prezzi sono ragionevoli. C'è anche abbastanza gas naturale, c'è una lotta tra i principali attori per il mercato premium europeo e il nostro. C'è un'alternativa, la puoi trovare

- ha affermato di recente il leader bielorusso, i cui sogni di diversificare le forniture energetiche al Paese si stanno avvicinando alla realizzazione.

Al momento è in corso un'altra controversia tra Minsk e Mosca sui prezzi del gas e sui debiti. Le parti non hanno ancora superato le loro divergenze, quindi i russi possono sospendere la fornitura del loro gas ai bielorussi. Allo stesso tempo, le autorità bielorusse hanno arrestato Viktor Babariko, per il quale Mosca si è schierata. Questo è l'ex capo della Belgazprombank e uno dei rivali di Lukashenka alle elezioni che si terranno nell'agosto 2020.

Allo stesso tempo, dal 2011, i gasdotti in Bielorussia sono di proprietà di Gazprom Transgaz Belarus. Pertanto, Minsk e Varsavia hanno pensato di creare un gasdotto separato che collegasse la Bielorussia e la Polonia.

Inoltre, i polacchi ei bielorussi avranno difficoltà a trovare denaro per l'attuazione di un tale progetto. Polonia e Bielorussia semplicemente non li hanno, ed è improbabile che Bruxelles finanzi il progetto al di fuori dell'Unione Europea. Una via d'uscita dalla situazione potrebbe essere l'assistenza finanziaria degli Stati Uniti. Tuttavia, finora non ci sono dettagli dietro le dichiarazioni di sostegno di Washington alla diversificazione.

Il gasdotto Polonia-Bielorussia potrebbe ricevere gas da qualsiasi fonte, compreso il processo di rigassificazione del GNL statunitense. Ma qui tutto dipende da quanto sia affidabile Minsk stessa.

Ora in Bielorussia è aumentata politico situazione. Quindi non si sa come tutto ciò che accadrà influenzerà i piani del Paese per ottenere l'indipendenza energetica. Allo stesso tempo, la politica di Minsk nei confronti dell'opposizione può portare a sanzioni dall'Occidente.

Ma se Lukashenka convince l'Occidente che non sta bluffando sulla questione della diversificazione o che viene sostituito da un uomo pronto a sfidare Mosca, allora un tale progetto di trasporto del gas può essere implementato.
  • Foto utilizzate: https://www.pxfuel.com/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Eduard Aplombov Офлайн Eduard Aplombov
    Eduard Aplombov (Eduard Aplombov) 23 June 2020 21: 46
    +3
    Non ci sarà nulla di nuovo, se vince il 3 percento, allora rimarranno tutte le oscillazioni dei baffi, poiché non sa come fare nient'altro e non è intelligente per altre opzioni, forse solo l'ampiezza del rimescolamento aumenterà dalla disperazione , ma la repressione aumenterà e le persone diventeranno strenuamente più povere e si disperderanno nell'UE e in Russia.
  2. Cheburashk Офлайн Cheburashk
    Cheburashk (Vladimir) 23 June 2020 22: 03
    +1
    Ma se Lukashenko convince l'Occidente che non sta bluffando sulla diversificazione o viene sostituito da qualcuno pronto a sfidare Mosca

    Bella domanda, interessante in modo diverso. Cosa si intende con la parola "persuadere" e cosa bisogna fare per questa persuasione. Uno scontro con la Russia sarà, a mio parere personale, non abbastanza! Escludo completamente lo scenario militare!
  3. King3214 Офлайн King3214
    King3214 (Sergio) 24 June 2020 00: 31
    +1
    Putin ha detto: "La Russia si sta rivolgendo a est".
    L'Occidente ha bisogno di riflettere bene su queste parole di Putin, dette diversi anni fa. Molto difficile!