La situazione intorno alla Libia: Ankara e Parigi si scambiano minacce, gli Emirati Arabi Uniti promettono di dare soldi per l'operazione dell'Egitto


La situazione internazionale intorno alla Libia continua a peggiorare. Turchia e Francia si sono scambiate minacce e gli Emirati Arabi Uniti hanno promesso di destinare denaro all'Egitto per un'operazione militare contro il PNC.


Il presidente francese Emmanuel Macron ha affermato che Parigi non tollererà l'intervento militare di Ankara in Libia. A suo avviso, la Turchia sta giocando un "gioco pericoloso" in questo paese nordafricano.

Ha precisato che il "tema mediterraneo" tocca direttamente gli interessi della Francia. A seguito delle azioni della Turchia, migliaia di libici stanno cercando di raggiungere l'Unione europea per evitare sofferenze.

Macron ha osservato che l'Egitto ha tutte le ragioni di preoccuparsi, quindi il Cairo ha il diritto di intervenire sulla situazione. Dopotutto, la Turchia sta inviando migliaia di militanti siriani in Libia e gli egiziani non possono osservarlo con calma.

Non tollereremo il ruolo che la Turchia svolge in Libia

- ha sottolineato Macron.

Ankara ha subito reagito alle parole di Macron.

Il fatto che Macron abbia definito un "gioco pericoloso" il sostegno del nostro Paese al legittimo governo libico su sua richiesta e nel quadro delle decisioni dell'ONU può essere spiegato solo con un annebbiamento della ragione

- ha detto il rappresentante ufficiale del ministero degli Esteri turco Hami Aksoy.

Secondo lui, la stessa Francia sta giocando un "gioco pericoloso" in Libia ed è responsabile di aver gettato questo paese nel caos. Il diplomatico turco ha indicato che il comandante dell'esercito nazionale libico, il feldmaresciallo Khalifa Haftar, ha rifiutato di firmare un accordo di cessate il fuoco con il governo di intesa nazionale della Libia.

I turchi ritengono che Parigi non abbia il diritto di prendere decisioni su questioni regionali, poiché la Francia non ha una propria costa nel Mediterraneo orientale. Allo stesso tempo, il comportamento dei francesi complicava seriamente la situazione nella regione.

Allo stesso tempo, si è saputo che il presidente degli Emirati Arabi Uniti, l'emiro Khalifa bin Zayed al-Nahyan, ha espresso la sua disponibilità ad aiutare il presidente egiziano Al-Sisi. Abu Dhabi promette di assumere il finanziamento dell'esercito egiziano per affrontare il Cnt in Libia.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Dima Dima_2 Офлайн Dima Dima_2
    Dima Dima_2 (Dima Dima) 24 June 2020 01: 34
    0
    Tutti fatti abilmente, vogliono combattere con le mani dell'Egitto. Spero che l'Egitto abbia abbastanza cervello per non cadere in questa trappola...
  2. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 24 June 2020 07: 49
    -1
    La situazione intorno alla Libia: Ankara e Parigi si scambiano minacce, gli Emirati Arabi Uniti promettono di dare soldi per l'operazione dell'Egitto

    - Sì, quale dell'Egitto è un guerriero ... - Se ciò accade e l'Egitto prende parte alla vita reale ... - allora l'Egitto dovrà affrontare un fiasco completo ...
    - Ma a proposito ... - personalmente, ho già descritto tutto in dettaglio in un argomento simile:

    L'ingresso dell'Egitto nel conflitto libico è irto di conseguenze devastanti

    - Non voglio ripetermi...
  3. Alexzn Офлайн Alexzn
    Alexzn (Alexander) 24 June 2020 08: 17
    -1
    L'Egitto ha una flotta impressionante e un'aviazione moderna, forti alleanze, posizione geografica, quindi è stato trovato uno sponsor. Per l'Egitto c'è sempre stato un problema di finanziamento delle operazioni, infatti l'esercito egiziano è stato creato come spina dorsale del corpo di spedizione arabo e tutte le operazioni esterne sono finanziate dai monarchi del Golfo. I sauditi hanno anche donato il Mistral per questo scopo. Inoltre, gli egiziani hanno una forte motivazione per opporsi ai fratelli musulmani e agli ottomani.
    I turchi sono forti, ma hanno molti limiti.
    PS Non dimenticare il giocatore che siede sulla riva e aspetta che il cadavere del nemico nuoti.
  4. Dmitry S. Офлайн Dmitry S.
    Dmitry S. (Dmitry Sanin) 24 June 2020 09: 34
    +3
    Eh, francese, perché diavolo stai bombardando allegramente la Libia per volere degli Stati Uniti? Hai dimenticato l'effetto boomerang?
  5. creste mimetiche Офлайн creste mimetiche
    creste mimetiche (Michael) 24 June 2020 16: 20
    +1
    Gli egiziani, ovviamente, sono combattenti mediocri, ma se l'esercito russo è coinvolto nella pianificazione delle operazioni e i wagneriani e i cubani guidano le unità di sciopero, che, secondo indiscrezioni, sono attivamente reclutate dagli stessi ragazzi del gruppo Wagner , ma con il supporto attivo dell'aviazione con i nostri piloti ai comandi del velivolo, poi molto presto tutto in Libia finirà... Dalla Francia, basterà il sostegno morale ad eventuali convocazioni del Consiglio di Sicurezza dell'ONU, che sicuramente seguire dopo l'intervento degli egiziani nel confronto libico. Bene, noi, ovviamente, osserveremo la non interferenza e lo stesso rispetto per le parti in conflitto...