Perché la Russia ha bisogno di una riserva petrolifera strategica nazionale


La Russia è uno dei maggiori produttori di "oro nero" al mondo. Tuttavia, la scorsa primavera la "guerra del petrolio" ha dimostrato la sua vulnerabilità. A differenza dei concorrenti diretti, le capacità interne di stoccaggio del petrolio già prodotto sono estremamente sottosviluppate. Ciò significa che ora è necessario costruire ulteriori impianti di stoccaggio del petrolio per evitare problemi in futuro?


La Russian Gas Society ha avanzato una proposta per creare un sistema nazionale di impianti di stoccaggio di riserva in grado di assorbire fino al 10% della produzione annuale totale:

In queste condizioni, l'importanza strategica degli impianti di stoccaggio del petrolio è nettamente aumentata e quei paesi in cui tali sistemi di stoccaggio del petrolio sono ben sviluppati, in particolare Stati Uniti e Arabia Saudita, si trovano in una posizione più vantaggiosa.

Il Ministero dell'Energia della Federazione Russa riferisce di aver iniziato a studiare questa iniziativa. La riserva di Rosneftegaz contiene infatti circa 15 milioni di barili. Durante il prezzo vinto con l'Arabia Saudita, è stato necessario utilizzare non solo tutte le capacità tecniche delle compagnie petrolifere, ma anche i carri armati delle Ferrovie russe. Rispetto ad altri paesi, sembriamo pallidi in questa faccenda.

Ad esempio, gli Stati Uniti hanno la più grande riserva strategica di petrolio, quasi 700 milioni di barili. In questa materia, gli americani sono straordinariamente fortunati. Non lontano dal Golfo del Messico, dove è attiva l'attività mineraria e tutte le infrastrutture necessarie, nelle cosiddette cupole saline sono realizzati quattro giganteschi depositi sotterranei (SPR). La loro creazione è costata agli Stati Uniti diversi miliardi di dollari, ma non hanno resistito, insegnato dalla crisi del carburante del 1973. Quindi i paesi del Medio Oriente hanno smesso di esportare petrolio e il prezzo della benzina nelle stazioni di servizio è aumentato più volte. Successivamente, Washington ha deciso di garantire la sua indipendenza energetica dai capricci dei fornitori, come dichiarato sul sito web del governo:

Le dimensioni gigantesche della SPR lo rendono un mezzo efficace per prevenire interruzioni nelle importazioni di petrolio e uno degli strumenti chiave di politica.

Le cupole di sale sono impermeabili al petrolio, ma sono anche instabili, la manutenzione degli impianti di stoccaggio è piuttosto difficile e costa circa 200 milioni di dollari all'anno. Tutte le operazioni tecniche devono essere eseguite a distanza. Le riserve hanno già salvato più volte gli americani: durante la Guerra del Golfo, dopo l'uragano Katrina, e ora, durante la recente "guerra del petrolio" tra Russia e Arabia Saudita. Per quanto riguarda Riyadh, ha anche gravi riserve, sia nel paese che all'estero, inoltre ha una grande flotta di petroliere. Sono tornati utili anche dopo un missile da crociera e un attacco di droni da parte degli yemeniti Houthi su un importante giacimento petrolifero e raffineria lo scorso anno.

Anche altri stati sono preoccupati per la loro sicurezza. Ad esempio, la capacità complessiva degli impianti di stoccaggio del petrolio in Giappone raggiunge i 500 milioni di barili. Nel Regno Unito, le raffinerie hanno il dovere di mantenere uno stock di materie prime in modo che il governo possa accedervi quando necessario. L'India e la Cina sono impegnate nella costruzione di impianti di stoccaggio del petrolio. Il Celeste Impero è particolarmente attivo in questa direzione. Sfortunati con le cupole di sale naturali, i cinesi stanno costruendo giganteschi bacini artificiali sparsi in tutto il paese. Pechino prevede di creare riserve paragonabili a quelle degli Stati Uniti. Gli esperti spiegano:

Se ti sforzi di diventare una superpotenza, devi avere riserve adeguate. Questo ti aiuterà a diventare parte dei trattati globali.

Questo è il quadro generale del mondo tra i principali attori. Nel nostro Paese l'approccio era più semplice: lo stoccaggio del petrolio era considerato un problema non per il fornitore, ma per l'acquirente, e gli eccessi di volume dal mercato potevano essere rimossi attraverso l'accordo OPEC +. Ma, come possiamo vedere, ora questo meccanismo ha smesso di funzionare in modo efficace. Risulta che è ancora necessario costruire strutture di stoccaggio per la riserva strategica nazionale, sia per la propria sicurezza sia per una manovra dei prezzi più flessibile in caso di un'altra guerra commerciale.

Tuttavia, ci sono altre opinioni. È giustamente sottolineato che questo è un affare costoso e non veloce. In Russia, i vecchi depositi si stanno gradualmente esaurendo e lo sviluppo di nuovi è complicato dal regime delle sanzioni occidentali. Avvertono che nell'orizzonte di 10-15 anni la produzione nel Paese potrebbe affondare. Ci sono appelli a dare soldi ai lavoratori del petrolio per lo sviluppo dell'avanzato tecnologia e sviluppo di nuovi depositi con TRIZ.

È logico presumere che se la produzione di petrolio in Russia diminuirà davvero nel prossimo futuro, la rilevanza della riserva strategica interna non farà che aumentare.
8 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Puoi conservarlo negli Urali, forse non lo riceveranno!
    1. Eduard Aplombov Офлайн Eduard Aplombov
      Eduard Aplombov (Eduard Aplombov) 24 June 2020 11: 48
      -1
      Non abbiamo montagne, sono rimasti solo gli scivoli.
      1. Nessuna esagerazione.
        1. Eduard Aplombov Офлайн Eduard Aplombov
          Eduard Aplombov (Eduard Aplombov) 24 June 2020 22: 10
          0
          Va bene allora collinette ..
          1. Qui ci nasconderemo sotto di loro.
            1. Eduard Aplombov Офлайн Eduard Aplombov
              Eduard Aplombov (Eduard Aplombov) 24 June 2020 22: 49
              0
              Ti ho convinto, porta i secchi ..
  2. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 24 June 2020 11: 44
    +1
    La riserva di Rosneftegaz contiene infatti circa 15 milioni di barili. Durante il prezzo vinto con l'Arabia Saudita, è stato necessario utilizzare non solo tutte le capacità tecniche delle compagnie petrolifere, ma anche i carri armati delle Ferrovie Russe. Rispetto ad altri paesi, sembriamo pallidi in questa faccenda.

    - Personalmente, non lo considero un problema per la Russia ... - È abbastanza facile risolvere questo problema ...
    - La Russia a questo proposito è in una posizione molto vantaggiosa ... - È in Russia che i vecchi oleodotti usati possono essere utilizzati per lo stoccaggio di idrocarburi petroliferi ... - Ci sono decine di migliaia di chilometri ... - Possono essere organizzati abbastanza in modo compatto ... - dividerli in molte sezioni per una migliore sicurezza antincendio; puoi disporli in pile di diverse lunghezze; localizzali sottoterra e in molti luoghi ... - il territorio della Russia è enorme ...; spostarli con materiale refrattario e termoisolante, ecc ... - Qualunque cosa ... - tutto questo è molto più sicuro dello stoccaggio in contenitori enormi e piuttosto compatti, che sono costretti a utilizzare stati con una piccola area ...
    - Il mio vantaggio per l'autore ...
    1. Ruberanno! Non puoi tenere traccia di tutti questi tubi!