La Russia può soddisfare la carenza di petrolio dell'Europa


Nei prossimi dieci anni, i paesi in Europa potrebbero dover affrontare una carenza di petrolio, rendendo la transizione verso combustibili a basse emissioni di carbonio e rinnovabili altamente necessaria nel prossimo futuro. Lo riporta il quotidiano The Guardian, citando uno studio del centro di analisi Shift Project.


L'estrazione di prodotti petroliferi potrebbe diminuire più e più rapidamente di quanto i paesi europei possano abbandonare i combustibili fossili e aumentare l'uso di altre fonti energetiche. Questo può portare a economico instabilità e aumento dei prezzi.

Secondo la società di consulenza norvegese Rystad Energy, la produzione di petrolio in Russia e nell'ex Unione Sovietica, che fornisce circa il 40 per cento del fabbisogno di oro nero dell'Europa, è in costante calo. Così, Mosca, a malincuore, può rendere l'Europa una carenza di petrolio.

La situazione è complicata dalla riduzione della produzione di petrolio nei paesi africani: questa fonte di materie prime rappresenta oltre il 10 per cento delle forniture di petrolio all'Europa.

L'assegnazione di fondi per investimenti in progetti di materie prime sta attualmente rallentando l'epidemia di COVID-19. Secondo gli analisti, le grandi preoccupazioni per la produzione di petrolio ridurranno i finanziamenti per la produzione di prodotti petroliferi di circa un quarto negli anni '2020. Pertanto, il passaggio all'energia "verde" non solo darà un contributo significativo alla risoluzione dei problemi ambientali, ma preverrà anche una grave recessione economica in diversi paesi e regioni del mondo.
  • Foto utilizzate: Roy Luck / wikimedia.org
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. zenion Офлайн zenion
    zenion (zinovy) 24 June 2020 13: 04
    +3
    Forse, ma non lo farà. Lenin ha scritto che se al capitalista viene offerto un buon prezzo, lui venderà la corda alla quale sarà appeso. Se alla Russia di oggi viene offerto un buon prezzo, fa paura pensare a cosa sarà fatto alla gente.
  2. Oyo Sarkazmi Офлайн Oyo Sarkazmi
    Oyo Sarkazmi (Oo Sarcasmi) 24 June 2020 13: 07
    +1
    Solo una sciocchezza: con una riduzione della produzione di petrolio, i prezzi delle fonti di energia rinnovabile (vento e sole) aumenteranno di 50-100 volte. Perché tutti i materiali da cui derivano le "fonti rinnovabili" sono costituiti da carbone e gas, e minerali e semilavorati vengono trasportati per migliaia di chilometri utilizzando benzina-gasolio-olio combustibile.
  3. 123 Офлайн 123
    123 (123) 24 June 2020 13: 09
    +3
    Sogni anglosassoni. risata Il petrolio in Russia sta finendo, c'è solo una via d'uscita: prendere lo scisto da dietro una pozzanghera. strizzò l'occhio
  4. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 24 June 2020 14: 02
    -1
    E da dove viene questo ..... prendere.
    L'Europa viene spesso messa da parte dalle forniture dalla Russia, e quindi "per organizzare una carenza di petrolio per l'Europa" ... Arabi e altri applaudiranno.
  5. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 25 June 2020 10: 31
    +1
    È strano che nessuno abbia prestato attenzione alla fonte di questa ANALISI. Norvegia.
    La Norvegia, come fonte di idrocarburi a medio termine, non ha nulla di ottimista davanti. Sì, presto verranno lanciati sull'ultimo giacimento di petrolio e gas, la produzione aumenterà fino al 2023 (inoltre, più gas che petrolio). Ma poi - solo per provvedere a se stessi.
    Da qui il desiderio di sbarazzarsi della Russia.
    La Russia, ne sono certo, andrà bene in futuro.
    E la Norvegia ha aringhe in passato, ora petrolio e gas, in futuro - di nuovo aringhe (se la Corrente del Golfo non finisce). Nessuna tecnologia rivoluzionaria, la bella vita sarà ricordata solo con tristezza.