Gli Stati Uniti avvertono la Cina dei pericoli dei missili russi 9M729


Washington non ha smesso di cercare di attirare Pechino in un nuovo accordo sui missili a medio e corto raggio. Pertanto, non sorprende che gli Stati Uniti abbiano avvertito la Cina dei pericoli dei missili russi 9M729 (secondo la classificazione SSC-8 della NATO).


Il rappresentante speciale del presidente degli Stati Uniti per il controllo degli armamenti, Marshall Billingsley, ha dichiarato durante una conferenza stampa online che Pechino dovrebbe assolutamente partecipare ai prossimi colloqui sulla stabilità strategica che si terranno a Vienna, in Austria, a luglio-agosto 2020.

La Cina deve parlare con la Russia, che ha distrutto il Trattato INF e schierato battaglioni di missili a medio raggio 9M729

- disse Billingsley.

Ha richiamato l'attenzione sul fatto che i suddetti missili rappresentano una seria minaccia. Allo stesso tempo, ha chiarito che 9M729 non può raggiungere il territorio degli Stati Uniti, ma Pechino deve semplicemente unirsi ai negoziati che stanno conducendo Mosca e Washington. Allora i cinesi potranno porre ai russi alcune domande interessanti.

Dove sono schierati? A chi si rivolgono?

Billingsley ha spiegato.

Successivamente, ha invitato la Cina a non ignorare ciò che stava accadendo e a partecipare ai "colloqui di Vienna" per ottenere risposte dalla Russia a queste e ad altre domande.

Si noti che i negoziati tra Russia e Stati Uniti sono iniziati il ​​22 giugno 2020. Inoltre, Billingsley è già stato visto in attività provocatorie. Ha pubblicato una fotografia messa in scena dalle consultazioni bilaterali, che presentava le bandiere di tre stati (Russia, Stati Uniti e Cina).

Vi ricordiamo che il 2 febbraio 2019 Washington ha annunciato il suo ritiro dal Trattato bilaterale INF con Mosca, concluso da Stati Uniti e URSS nel 1987. Gli americani hanno accusato la Russia di aver violato i termini dell'accordo, che vieta i missili con una gittata da 500 a 5500 km. Secondo loro, la portata del missile 9M729 supera i 500 km. Allo stesso tempo, gli Stati Uniti non hanno nascosto di volere che la Cina si unisse a questo accordo. Dopotutto, l'arsenale missilistico cinese ha iniziato a disturbare notevolmente gli americani. Tuttavia, Pechino è rimasta indifferente. Di conseguenza, il 2 agosto 2019, il Trattato INF ha ufficialmente cessato di esistere.
  • Fotografie usate: Vadim Grishankin / multimedia.minoborona.rf / wikimedia.org
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Strannik039 Офлайн Strannik039
    Strannik039 27 June 2020 19: 52
    +5
    Sono sicuro che a Pechino non sono degli sciocchi e capiscono benissimo che i missili russi a medio raggio sono diretti alle strutture militari della NATO, e soprattutto degli Stati Uniti, con i loro sistemi di difesa missilistica in Romania, da cui è possibile lanciare missili da crociera Tomahawk verso la Federazione Russa.
    1. pischak Офлайн pischak
      pischak 28 June 2020 08: 22
      +2
      hi L'intelligence cinese (rispettivamente, la leadership della RPC e lo stato maggiore cinese) è ben consapevole dei veri "layout", poiché funziona in tutto il mondo, e ha molte "talpe (principalmente dagli huaqiao)" ovunque ... strizzò l'occhio
      Inoltre, L'"ideologia egoistica" senza scrupoli (portamonete ad ogni costo!)" dominante sotto il capitalismo (nell'attuale Federazione russa neo-borghese!) contribuisce al successo delle attività dei servizi segreti della Cina comunista nel reclutamento di varie "spie" a tutti i livelli e comprare "agenti di influenza" informati negli "stabilimenti" locali! richiesta

      Washington è un altro "buon amico" di Pechino! wassat
      1. unholyknight Офлайн unholyknight
        unholyknight (UnhloyKnight) 28 June 2020 20: 58
        -1
        Ecco perché nell'URSS catturavano regolarmente spie statunitensi e disertori dall'URSS fuggivano regolarmente da lì. Quanto vale l'incidente con il dirottamento del MiG-25. Sì, e con il tradimento dei più alti ranghi dell'intelligenza.
        1. pischak Офлайн pischak
          pischak 28 June 2020 21: 10
          +2
          Citazione: unholyknight
          ... era in URSS che catturavano regolarmente spie statunitensi e disertori dall'URSS fuggivano regolarmente da lì. Quanto vale l'incidente con il dirottamento del MiG-25. Sì, e con il tradimento dei più alti ranghi dell'intelligenza.

          hi Controspionaggio sovietico (così come intelligence sì ) ha funzionato molto bene, ma, ovviamente, c'erano delle carenze (non negherai che questi singoli traditori e disertori erano solo tra i "cercatori di sé" senza principi, mercanti di talento "sottovalutati" e "domestici anche per ragioni personalmente "offese dal regime sovietico, dai colleghi o dalle loro mogli" (come gli stessi Belenko e Zuev, in fondo, non si considerano "disertori" dei banditi, dei terroristi di merda che sequestrano aerei di linea passeggeri e ostaggi?!) -eccezione alla regola!)! occhiolino
  2. olpin51 Офлайн olpin51
    olpin51 (Oleg Pinegin) 28 June 2020 07: 58
    +2
    Perché invitano Pechino. È lontano. Ma il resto della NATO tace per qualche motivo. Nessuno è invitato.
  3. guerriero Офлайн guerriero
    guerriero 28 June 2020 19: 36
    +3
    Gli Stati Uniti hanno rovinato il Trattato INF, e ora stanno incolpando la Russia.. In questo Trattato si aggrappano anche alla Cina, ma che dire della NATO? Gli Stati Uniti stanno tentando sfacciatamente di ingannare di nuovo la Russia... e anche la Cina...