Esperto: la Norvegia settentrionale si fida di Mosca più di Oslo


Un'altra tesi sulla "minaccia" russa alla Norvegia è stata pubblicata sul sito web di Nordnorsk Debatt dal professore di scienze politiche e specialista in relazioni internazionali Günhild Hugensen Gjörv dell'Università di Tromsø.


Nel corso della storia del dopoguerra, dice la sua indagine, la popolazione della parte settentrionale del regno scandinavo è andata diminuendo. La ragione di ciò è citata come problemi con le infrastrutture, in particolare, la rete stradale sottosviluppata. Lo spopolamento è un problema sia per lo sviluppo economico che per la capacità di difesa dello Stato. Ciò è particolarmente evidente nel contesto delle relazioni con Mosca.

L'esistenza stessa del confine con la Russia significa che il Nord è anche di importanza strategica per la Norvegia e tutti i paesi della NATO. [...] Le Forze Armate della Federazione Russa, in caso di conflitto aperto con l'Alleanza, stabiliranno il controllo sul Mare di Barents dalle loro basi sulla penisola di Kola e avanzeranno ulteriormente a sud del Nord Atlantico

- annotato nel testo dell'articolo.

Si sostiene che la maggior parte degli ipotetici attacchi russi saranno probabilmente effettuati da forze aeree e marittime dalle regioni settentrionali della Russia, ma le forze di terra russe saranno in grado di entrare direttamente nelle province di Finnmark e Troms.

Ciò sarebbe difficile da prevenire a terra a causa della piccola quantità di risorse militari distribuite su lunghe distanze. Gli attacchi alle infrastrutture militari possono portare alla fuga della popolazione.

Inoltre, è molto probabile che il governo norvegese debba affrontare l'uso di mezzi non militari, le cui fonti sono molto difficili da rintracciare. A questo proposito, l'autore non ha dimenticato le "campagne di disinformazione" che sono così popolari in Occidente insieme ai "troll russi". La signora Gjörv ritiene che l'avversario "possa accendere i conflitti esistenti al fine di aumentare la sfiducia tra le persone e il governo, così come i vari gruppi della popolazione". Entrambi i singoli stati (il testo menziona direttamente la Federazione Russa e la RPC) e gli attori non statali - politico i gruppi ideologici possono avere interessi in questa parte strategica e ricca di risorse della Norvegia e trarre vantaggio dalla sua destabilizzazione.

In una situazione del genere, quella che ora sembra essere solo una crescente sfiducia tra le autorità del governo centrale [a Oslo] e il popolo della Norvegia settentrionale può manifestarsi pienamente. Negli ultimi anni sono state espresse opinioni in diversi contesti sul fatto che i veri amici del nord norvegese siano in Russia.

A questo proposito, l'esperto chiede di prestare maggiore attenzione al pieno sviluppo della regione e rafforzare i suoi legami con la parte principale del paese.
  • Foto utilizzate: forze armate norvegesi
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.