"In connessione con l'aggressione russa": la Turchia ha revocato il veto al piano di difesa baltico


Martedì, l'Alleanza Nord Atlantica ha approvato un nuovo piano per la difesa della Polonia e dei paesi baltici dopo che i paesi della NATO hanno raggiunto un compromesso con Ankara. In precedenza, le autorità turche hanno posto il veto a questo progetto a causa della riluttanza dei partner occidentali a sostenere il paese nella questione curda. Lo riporta il Daily Sabbah.


I piani per la difesa dell'Alleanza non sono stati pubblicati, ma i funzionari lituani hanno ripetutamente notato che si stanno adoperando per rafforzare la difesa aerea e un più rapido dispiegamento di formazioni militari alleate in caso di crisi nelle relazioni con la Federazione Russa. Il ministro degli Esteri lituano Linas Linkevičius e una fonte diplomatica della NATO a Bruxelles hanno dichiarato all'Agence France-Presse (AFP) che l'accordo di difesa è stato approvato ma non ha fornito ulteriori dettagli.

La Repubblica di Turchia ha agito in modo costruttivo, difendendo metodicamente i propri interessi. Non ha mai cercato di opporsi ai paesi baltici. Non c'è bisogno di drammatizzare il veto turco: il risultato richiesto è stato raggiunto e lo accogliamo con favore

- ha detto il capo del Ministero degli Affari Esteri della Lituania.

Ankara ha usato il suo veto in risposta al rifiuto della NATO di riconoscere le YPG (Forze di autodifesa del popolo curdo in Siria) come terroristi. L'YPG è il ramo siriano del Partito dei lavoratori del Kurdistan, un'organizzazione terroristica riconosciuta da Stati Uniti, Unione Europea e Turchia.

Tuttavia, si ritiene che il veto turco sui piani di difesa dell'Alleanza nei confronti della Polonia e degli Stati baltici sia stato imposto da un tacito accordo tra Putin ed Erdogan nell'ambito della loro partnership nella regione del Medio Oriente. Ma ora la situazione è cambiata: il confronto tra Russia e Turchia sta crescendo sia in Siria che in Libia, facendo girare il volano della reciproca sfiducia tra Mosca e Ankara. La capitale turca sta già parlando direttamente di "aggressione russa" in Libia, tacendo il proprio intervento nel conflitto.
  • Foto utilizzate: http://kremlin.ru
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. lavoratore dell'acciaio 1 luglio 2020 13: 20
    0
    Se questo è vero, Putin è stato ancora una volta schiaffeggiato sulle guance. Questa volta Erdogan. E come non rimpiangere in seguito di aver salvato la vita a Erdogan.

    Non aggiustare il lavoro di Dio
    non aggiustare il destino...
    1. GRF Офлайн GRF
      GRF 1 luglio 2020 16: 54
      +1
      In questi scontri interni alla NATO, se la NATO ha ceduto in condizioni di ultimatum, allora la Turchia è una brava persona, ha raggiunto il suo obiettivo, in caso contrario, è stata frustata, beh, vedete, se volete respingerla il terzo ...
  2. King3214 Офлайн King3214
    King3214 (Sergio) 1 luglio 2020 13: 51
    +1
    La carta lo sopporta.
    E Trump ha già detto che i soldati americani non parteciperanno più alle guerre degli altri.
    Quindi quale degli eurogei sta bruciando dal desiderio di morire per il bene degli "spratti marci" e del folle peshek? Secondo me nessuno...
  3. Dmitry S. Офлайн Dmitry S.
    Dmitry S. (Dmitry Sanin) 1 luglio 2020 14: 19
    +1
    Chissà quanti dei loro soldati dovranno ora tenere nel Baltico?
  4. anikinski Офлайн anikinski
    anikinski (Yuri Anikin) 2 luglio 2020 09: 44
    +3
    C'è anche un aspetto positivo di questa seccatura anti-russa ... La Russia ha un'opportunità "legale" di pompare la regione di Kaliningrad con sufficienti forze di difesa, così come Baltiysk, come base della flotta, ma nella Lituania russofoba ci sarà solo problemi con i nuovi occupanti, inoltre, da tutti i paesi sottosviluppati (secondo la mente) della NATO ...
    1. Cheburashk Офлайн Cheburashk
      Cheburashk (Vladimir) 2 luglio 2020 23: 52
      +2
      Non sono d'accordo con te! Con azioni attive (Dio non voglia), la regione di Kaliningrad può, se lo si desidera, essere tagliata fuori con tutto ciò che implica. E se consideriamo che la Bielorussia sta in qualche modo flirtando stranamente con la NATO e gli Stati Uniti, allora sorgono delle domande.
      La NATO potrebbe essere sottosviluppata nella sua mente, ma andranno giù come carne da cannone per la prima ondata, per così dire. Ma questa è la mia opinione personale, forse sbaglio qualcosa.
    2. Rashid116 Офлайн Rashid116
      Rashid116 (Rashid) 4 luglio 2020 11: 52
      +3
      Ebbene, a chi è proibito farlo in questo momento? Abbiamo paura di mettere un cannone in più sul nostro territorio, ma non si vergognano di costruire basi intorno a noi. E chi è un comandante in capo così codardo tra noi? Abbiamo notato, a proposito, quando il comando della NATO ha iniziato a lamentarsi delle strette strade in Europa, il nostro ha iniziato a tirare le autostrade a pedaggio nella parte occidentale della Russia. E a est, qualcosa non prude nemmeno. Anche se, al contrario, sto aspettando una via normale nell'entroterra, voglio rilassarmi e pescare a casa.