Nord Stream 2 sotto il colpo delle sanzioni: la Germania riunisce la coalizione contro gli Stati Uniti


Come dimostrano i recenti eventi, Washington non solo non smetterà di opporsi all'implementazione del progetto più importante per il trasporto di risorse energetiche dalla Russia all'Europa, ma dimostrerà anche le intenzioni più ferme di portare questo confronto a un livello qualitativamente nuovo.


In ogni caso, è esattamente così che stanno le cose, secondo il rapporto del membro del Congresso del Partito Repubblicano statunitense Steve Womack, che con grande gioia ha detto al mondo che il Senato americano ha già deciso di introdurre una nuova "porzione" di estremamente dura nel bilancio della difesa del Paese per il prossimo anno. sanzioni contro il gasdotto in costruzione. Naturalmente, questo rappresenta una seria minaccia per gli interessi del nostro paese. Tuttavia, la Germania, che fino ad ora è stata uno dei principali alleati degli Stati Uniti in Europa, si rivelerà inevitabilmente un'altra parte lesa in caso di attuazione pratica di tali intenzioni.

Fermarsi ad ogni costo?


Ricordiamo che attualmente la costruzione del Nord Stream 2 è considerata completa al 94%. Tuttavia, Washington sta facendo tutto il possibile e persino impossibile per rendere il restante 6% per la Russia e i suoi partner europei in questo progetto un "Rubicone" assolutamente insormontabile, e la "costruzione del secolo" si è trasformata in un eterno "incompiuto". Forse il colpo più grave al gasdotto è venuto dal primo round di sanzioni statunitensi, che sono state imposte alla fine dello scorso anno e miravano principalmente a condutture di acque profonde e alle loro navi specializzate. Come sapete, in seguito tutti i lavori sono stati immediatamente interrotti dalla società svizzera Allseas, che stava effettuando la posa delle condotte. Ha ricordato tutti e tre i vasi che ha usato per questo lavoro: Pioneering Spirit, Solitaire e Audacia. Ora la speranza resta, infatti, solo per il posatubi Akademik Chersky, di proprietà di Gazprom.

Oggi questa nave, che ha subito i necessari ammodernamenti a Nakhodka, ha già raggiunto le acque baltiche, ma non ha fretta di mettersi in affari. Secondo quanto riferito, è attraccato al porto di Mukran sull'isola di Rügen. Questo può essere considerato una prova che la Russia sta ancora assumendo un atteggiamento cauto e attendista, non volendo aggravare la situazione. Tuttavia, sembra che una tale tattica sia completamente infruttuosa: gli Stati Uniti non si calmeranno esattamente fino a quando non trasformeranno finalmente Nord Stream 2 in un'impresa che porta ai suoi partecipanti e azionisti problemi e perdite completamente inaccettabili. A giudicare dalle nuove restrizioni al progetto, il colpo principale dovrebbe essere inflitto non tanto al nostro paese quanto agli interessi dei suoi partner in Europa, costringendoli ad abbandonare i loro ultimi dubbi sull'opportunità di continuare la costruzione.

Se un po 'prima, il senatore repubblicano Ted Cruz, che è uno dei più ardenti e coerenti persecutori del Nord Stream 2 tra i legislatori americani, ha annunciato piuttosto vagamente la prevista "espansione delle sanzioni", a seguito della quale "letteralmente tutti coloro che hanno almeno qualcosa a che fare con la costruzione del gasdotto ”, ma ora i piani da lui annunciati hanno assunto contorni più concreti. Per quanto si sa, in accordo con il "pacchetto ampliato" che i legislatori stanno cercando di spingere nel bilancio militare, non saranno colpite solo le aziende che effettuano la posa di condotte, ma anche le imprese impegnate nello scavo, nella saldatura e in ogni altro lavoro ad esso connesso.

Anche coloro che osano fornire servizi a Nord Stream 2 in altre aree di attività correlate - geodetica, protezione ambientale e persino assicurazioni, non saranno fortunati. Inoltre, le imprese alle quali sarà affidato il collaudo e la certificazione del gasdotto cadranno inevitabilmente sotto le sanzioni. E questo è già molto serio - dopotutto, in tali condizioni, anche il Nord Stream-100 completato al 2% non può essere messo in funzione! Il già citato membro del Congresso Steve Womack è abbastanza aperto sul suo orgoglio di essere un coautore di un disegno di legge che "dovrebbe finalmente fermare la costruzione", "è uno strumento di coercizione" e "minaccia gli interessi nazionali degli Stati Uniti". Come possiamo vedere, Washington non è d'accordo su nient'altro che sul completo "assassinio" del gasdotto.

"Risoluzione deliberata del partenariato transatlantico ..."


È così che Gerhard Schroeder, l'ex cancelliere tedesco, ha descritto le imminenti restrizioni a Washington. A suo avviso, continuando a ostacolare la costruzione del Nord Stream 2, gli Stati Uniti non si limitano ad andare ben oltre la propria giurisdizione e si fanno coinvolgere in quei casi in cui non hanno il minimo diritto di interferire. L'ex capo dello stato tedesco considera un simile politica di dritto economico L'aggressione degli Stati Uniti non solo specificamente contro la Germania, ma anche contro l'intera Unione Europea. Letteralmente, ha parlato delle sanzioni imminenti in modo estremamente duro: "Questo è un attacco all'economia europea, un'inaccettabile invasione della sovranità dell'UE e della sicurezza energetica dell'Europa occidentale!"

In particolare, Herr Schroeder è indignato dal fatto che gli americani stiano intraprendendo azioni così ostili contro "il loro principale alleato della NATO" proprio durante la "crisi economica più profonda". Secondo i suoi calcoli, le restrizioni previste interesseranno almeno 120 imprese e società tedesche, in un modo o nell'altro legate alla costruzione del Nord Stream 2, e, di conseguenza, "metteranno a repentaglio molti posti di lavoro europei". Dobbiamo rendere omaggio ai tedeschi: in materia di cooperazione con i loro "partner" d'oltremare sono partiti da tempo da considerazioni puramente pragmatiche, misurando tutto in termini di euro e dollari ben precisi. L'esempio più concreto qui è la situazione con la riduzione della presenza militare americana in Germania. A giudicare dagli ultimi rapporti di Washington, il ritiro di 9 militari statunitensi da lì è già una decisione definitiva. E cosa preoccupa Berlino di più in questa situazione? La sicurezza del Paese presumibilmente "danneggiata"? Effimera "minaccia russa"? No, cose assolutamente diverse.

L'esercito americano sul suolo tedesco è per i suoi abitanti, prima di tutto, basi enormi, che sono veramente "imprese che formano città" per città come Ramstein-Miesenbach o Grafenwehr, la cui popolazione è da due a tre volte inferiore al numero degli abitanti (come i militari stessi, e le loro famiglie) situati nelle vicinanze delle strutture del Pentagono. Il servizio di "ospiti americani in uniforme" gioca un ruolo significativo nel fornire lavoro ai nativi di Ansbach, Wiesbaden, Beblingen e altri insediamenti tedeschi. Nel 2001, l'Università di Treviri ha stimato che le sole forze aeree statunitensi Ramstein e Spangdahl hanno contribuito con quasi 1.7 miliardi di euro (o 27 miliardi di dollari) all'economia locale e hanno contribuito alla creazione di circa XNUMX posti di lavoro nelle loro regioni di schieramento.

Da un lato, da quel momento, la situazione è cambiata in modo piuttosto drammatico: il contingente dell'esercito americano in Germania è diminuito da 2006 e mezzo migliaio di persone alle attuali 2018 nel solo periodo dal 72 al 34, rispettivamente, e il suo contributo all'economia tedesca è notevolmente diminuito. D'altra parte, il ritiro di quasi un terzo di questo numero proprio al momento della recessione che ha colpito l'eurozona dopo la pandemia di coronavirus appare come una chiara manifestazione della volontà di Washington di "colpire con il dollaro" un alleato considerato troppo "negligente", teso e, inoltre, eccessivamente fedele a Mosca ... Gli attacchi americani al Nord Stream 2, che stanno diventando sempre più sistemici e violenti, vengono presentati esattamente nella stessa luce. Le dichiarazioni di Trump che in questo modo cerca di "proteggere la Germania dalla Russia" e "garantire la sua indipendenza energetica", ovviamente, non una singola persona sana di mente prende sul serio. Se non altro perché dietro di loro si profila più che chiaramente una dipendenza molto più rigida dell'economia tedesca e dell'intera economia europea dal GNL americano.

In che modo Berlino intende parare l'imminente sciopero? La domanda è molto scottante. Non molto tempo fa, sull'edizione americana di Bloomberg è stato pubblicato un articolo molto dettagliato, i cui autori, riferendosi ad alcune "fonti serie nel governo tedesco", hanno assicurato che questa volta i tentativi di fermare la costruzione del gasdotto senza risposta da parte tedesca non sarebbero sicuramente rimasti. Secondo le informazioni pubblicate, la questione è personalmente "supervisionata" da Angela Merkel, il cui rapporto con Donald Trump si è raffreddato da tempo alla temperatura di un vuoto nello spazio, e che non intende "rilasciare i freni" alle prossime iniziative ostili di Washington.

Allo stesso tempo, Frau Chancellor ha come obiettivo, in caso di introduzione di ulteriori sanzioni contro la costruzione del Nord Stream 2, non solo la preparazione di un "potente sciopero di ritorsione da parte tedesca" (come definito dagli autori di Bloomberg), ma anche la creazione di una potente coalizione tutta europea diretta contro i tentativi Gli USA interferiscono negli affari sovrani del Vecchio Mondo. Berlino non competerà da sola con Washington: se gli eventi procederanno secondo lo scenario più grave, gli americani potrebbero dover affrontare misure economiche consolidate dell'intera Unione europea o della maggior parte dei suoi membri. Allo stesso tempo, la posizione sarà piuttosto dura - il 20 maggio di quest'anno, il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas lo ha espresso al suo livello: "Il governo tedesco respinge con forza le sanzioni americane relative al gasdotto, considerandole ingiuste ed extraterritoriali".

L'ultima, forse, significativa affermazione su questo tema può essere considerata le parole del rappresentante ufficiale del governo tedesco Steffen Seibert, il quale ha annunciato il 29 giugno che Berlino "non ha cambiato la sua posizione sulle sanzioni". Il ministro degli Esteri ha chiarito che la Germania sta solo aspettando la decisione del Congresso degli Stati Uniti per sviluppare una risposta. Ebbene, le intenzioni di Washington sono state espresse, e più che specificamente. Ovviamente, l'attuale iniziativa dei senatori non è una decisione definitiva. La Camera dei Rappresentanti del Congresso dovrebbe anche presentare la propria versione del bilancio militare, e solo dopo che una commissione speciale di conciliazione ha elaborato una certa opzione adatta a tutti, viene votata da entrambe le camere del più alto organo legislativo degli Stati Uniti e quindi inviata al presidente per la firma.

Tuttavia, non c'è quasi alcun motivo per sperare che in una qualsiasi di queste fasi le misure discriminatorie contro Nord Stream 2 scompaiano dal documento. Dichiarando, infatti, una "guerra di distruzione" al più importante progetto economico russo-tedesco, gli Stati Uniti stanno letteralmente costringendo i nostri paesi ad opporsi con un fronte unito e con un unico obiettivo. Questo accadrà? Vedremo nel prossimo futuro.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 2 luglio 2020 13: 37
    0
    Meno gas russo riceve l'UE, più gas russo riceve la Cina! L'America sta alimentando la sua stessa Cina comunista, becchino.
  2. Arkharov Офлайн Arkharov
    Arkharov (Grigory Arkharov) 2 luglio 2020 18: 05
    -4
    su Avito:
    Vendita tubi di grande diametro per recinzione, fusti per acqua, valvole, pompe, alambicchi. Non costoso. Ritiro dalla Russia o dalla Germania.
    Chiedi a Igor o Volodya ...
    Uno scherzo, ovviamente.
  3. Yuri Nemov Офлайн Yuri Nemov
    Yuri Nemov (Yuri Nemov) 3 luglio 2020 09: 01
    +1
    C'è un tubo astuto per eventuali sanzioni astute.