Inutili timori: ci sono meno cinesi in Estremo Oriente


Da vent'anni la Russia teme una “invasione” demografica cinese dell'Estremo Oriente; non "su carri armati", ma con "valigie". Ma queste preoccupazioni sono vane, dal momento che il numero di cinesi in Russia sta diminuendo, scrive l'edizione americana di The Diplomat, che copre le tendenze nella regione Asia-Pacifico.


L'Estremo Oriente è l'area meno popolata della vasta Russia. La presenza di uomini d'affari e turisti cinesi è infatti sentita nelle regioni di confine della Russia. Questo non è sorprendente, dal momento che ci sono 20 volte più persone che vivono nelle province nordorientali della Cina. Allo stesso tempo, i mass media locali e il lamento incessante dei nazionalisti cinesi sui trattati di Aigun (1858) e di Pechino (1860) conclusi dall'impero russo e dall'impero manciù Qing hanno contribuito a perpetuare la "minaccia cinese" nella mente di russi. Di conseguenza, il confine tra i paesi passava lungo i fiumi Amur e Ussuri.

Negli anni '90 del XX secolo, più di 200 mila cinesi si sono trasferiti nell'Estremo Oriente russo. Hanno riempito i mercati di Vladivostok, Khabarovsk e altre città. Tuttavia, ora la presenza cinese in questa regione della Russia è notevolmente diminuita e non supera le 70 mila persone. Ciò è spiegato da diversi fattori.

In primo luogo, le autorità russe hanno notevolmente aumentato la regolamentazione del commercio e della migrazione. In secondo luogo, come si lamentano gli stessi cinesi, i loro redditi sono diminuiti ed è diventato meno redditizio fare affari. I profitti dei commercianti sono diminuiti e molti uomini d'affari hanno chiuso i loro uffici e sono tornati in Cina.

Quindi la dimensione della comunità cinese che vive nel territorio dell'Estremo Oriente russo differisce in modo significativo da quella che i media russi "dipingono", esercitando deliberatamente pressioni sulla psiche dei compatrioti. La stampa aiuta anche gli uomini d'affari nazionali a spremere i cinesi, con i quali hanno difficoltà a competere.

La tendenza generale indica che la presenza cinese nell'estremo oriente russo continuerà a diminuire e la convinzione in una "invasione" demografica cinese non ha nulla a che fare con la realtà, sottolinea il giornale.
  • Foto utilizzate: https://www.flickr.com/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 2 luglio 2020 12: 25
    -7
    La tendenza generale indica che la presenza cinese nell'Estremo Oriente russo continuerà a diminuire. Quindi la credenza in una "invasione" demografica cinese non ha nulla a che fare con la realtà.

    -Ah, così, o forse viceversa... - prima dell'attacco... la popolazione del paese che sta per attaccare... lascia il territorio dello stato che presto verrà attaccato...
    1. Bulanov Офлайн Bulanov
      Bulanov (Vladimir) 2 luglio 2020 13: 22
      +7
      Perché attaccare un paese che è un affidabile fronte interno e quindi vende tutto alla Cina a buon mercato? I cinesi saranno più intelligenti degli americani, che fanno pressione sulla Russia e sperano che la Russia sia loro alleata nel confronto con la Cina.
      Forse la Cina penserà più tardi a impadronirsi di parte della Russia, ma non prima di aver abbattuto gli States. E gli Stati avevano già pianificato di trasformare la Russia in cenere nucleare nel secolo scorso. E ora gli americani non offrono nulla alla Russia, se non le loro basi militari e i laboratori biologici lungo il perimetro dei confini russi.
  2. lavoratore dell'acciaio 2 luglio 2020 13: 48
    +4
    Questa notizia è "dal maligno". Affari, se non tutti, quindi la maggior parte, con capitale cinese. Se siamo le guide per il turismo a San Pietroburgo e Mosca - cinese. E in genere cercano di non parlare dell'Estremo Oriente. Questo è un argomento molto doloroso. Le autorità tacciono, ma ci sono molti video su YouTube, sugli affari in cinese!
  3. Sistemeremo il tè di Alexandra sulla Terra - seminiamo fragole!