La Francia si trova in una posizione difficile in Libia, ma non sa come ritirarsi


La Francia, che ha aiutato l'ascesa del feldmaresciallo Khalifa Haftar in Libia, si è trovata in una posizione difficile dopo la sua recente sconfitta e non sa come ritirarsi. Lo riporta la pubblicazione Internet analitica francese Slon, riferendosi alle conclusioni dell'esperto internazionale Borzu Daragahi, professore di scienze tecniche e sicurezza internazionale.


Il rovesciamento di Muammar Gheddafi nel 2011 ha diviso la Libia. Dal 2014 nel Paese è in corso la seconda guerra civile. Allo stesso tempo, ripetute trattative per porre fine allo spargimento di sangue non hanno portato al risultato atteso.

In tutti questi anni Parigi ha combattuto contro il terrorismo e quindi ha sostenuto Haftar, che si è opposto agli islamisti del governo di accordo nazionale, trincerato a Tripoli. Il maresciallo vuole unire la Libia sotto il suo governo. Allo stesso tempo, la Francia era interessata a "eliminare alcuni gruppi estremisti" e ha dato un contributo significativo al rafforzamento delle capacità di combattimento dell'esercito nazionale libico, fornendo allo stesso tempo copertura diplomatica per Bengasi.

Ora Parigi si trova in una situazione delicata, non avendo ricevuto i dividendi desiderati. La Libia occidentale è ancora nelle mani del TNC sostenuto dalla Turchia, mentre l'offensiva di Haftar su Tripoli ha vacillato e le unità dell'LNA si sono ritirate a Sirte.

I francesi hanno sostenuto Haftar per così tanti anni che non sanno come tirarsi indietro. Invece di ammettere i propri errori, è più facile per loro dire che la colpa di tutto è la Turchia.

- considera Daragakhi.

Recentemente Parigi e Ankara scambiato minacce. Questo è successo dopo le navi da guerra turche portato i loro sistemi di attacco su una fregata francese al largo delle coste libiche. Allo stesso tempo, il presidente francese Emmanuel Macron nega il sostegno a LNA Haftar, sottolineando di essere favorevole a politico risoluzione del conflitto. A loro volta, le autorità turche non si vergognano della loro assistenza a Tripoli, dal momento che il Cnt è ufficialmente riconosciuto dall'ONU.

Inoltre, la National Oil Corporation of Libya ha riferito che mercenari dell'appaltatore militare privato russo Wagner si erano impossessati del campo di Sharara. Tuttavia, quando Macron ha parlato al telefono con il presidente russo Vladimir Putin, non ha criticato Mosca. Il presidente francese ha solo trasmesso le parole di Putin secondo cui la Russia non può essere ritenuta responsabile delle azioni di un'azienda privata, che non ha nulla a che fare con la politica statale.
  • Foto utilizzate: Elizabeth Arrott / wikimedia.org
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 3 luglio 2020 08: 59
    +2
    Per Macron - se non sai camminare, vai con un tamburello!