"Pronti a fermare l'attacco": perché Kiev aspetta un'invasione su larga scala della Russia


In Ucraina, hanno di nuovo iniziato a parlare con forza e forza di un'offensiva a tutti gli effetti dell'esercito russo che si presume si prepara nel prossimo futuro, questa volta ai suoi confini meridionali. Tali previsioni a Kiev stanno cercando di collegarsi sia con le prossime esercitazioni delle Forze armate della Russia e dei suoi alleati nella CSTO "Kavkaz-2020", sia con il problema regolarmente aggravato dell'approvvigionamento idrico alla Crimea, che, secondo i funzionari del "nezalezhnoy" e alcuni "militari" esperti ”, Mosca intende decidere in questo modo.


Tuttavia, a occhio nudo è chiaro che dietro agli assurdi tentativi di accusare il nostro Paese di scatenare anticipatamente la guerra, ci sono ragioni e motivazioni completamente diverse. Proviamo a capire quali.

I russi vogliono la guerra?


Non molto tempo fa, questo tipo di riempimento informativo era una parte assolutamente integrante del "background informativo" russofobo costantemente generato dal "nezalezhnoy", e tutti sono diventati così noiosi che hanno quasi smesso di rispondervi. Con l'avvento al potere di Zelenskyj e della sua squadra, il flusso di dichiarazioni allarmistiche si è in qualche modo prosciugato - grida strane: "I russi stanno arrivando!" Come al solito, ha continuato a pubblicare solo l'ex capo di questo corpo, Turchinov, che è stato esposto da lì, vagando sconsolato per l'edificio dell'NSDC. Gli hanno fatto eco i più ostinati "combattenti" del partito di Poroshenko, che, per certi motivi, vedono "omini verdi" già ovunque e sempre. Ora gli "avvertimenti" in preda al panico e apertamente provocatori non lo sono affatto politico emarginati e alti funzionari governativi, sia civili che militari.

Il tono è stato dato dal Vice Ministro degli Affari Esteri dell'Ucraina Vasily Bodnar, il quale ha profondamente proclamato che i suoi compatrioti devono essere "mentalmente preparati" per un attacco da parte della Russia, che "non si fermerà prima di usare la forza militare per ottenere il proprio economico obiettivi ". Allo stesso tempo, l'alto diplomatico ucraino ha sottolineato direttamente che Kiev vede la minaccia di "transizione nella fase delle ostilità attive" delle esercitazioni strategiche di stato maggiore "Caucaso-2020", che il capo del dipartimento della difesa interna Sergei Shoigu ha definito l'anno scorso "l'azione militare più importante. addestramento dell'esercito russo ”. I principali eventi di queste manovre si svolgeranno nel territorio del Distretto militare meridionale, inclusa la Crimea, nel settembre di quest'anno, ma a luglio dovrebbero iniziare misure preparatorie su larga scala nel loro quadro.

È su questa base che il rappresentante della Direzione principale dell'intelligence del Ministero della difesa ucraino Vadym Skibitsky ha rilasciato una dichiarazione secondo la quale la leadership militare del "nezalezhnoy" vede nelle prossime esercitazioni "una minaccia militare reale", poiché sono potenziale ". Certo, eventuali manovre su larga scala, soprattutto quelle compiute dallo Stato, registrate a priori come "probabili oppositori", non aggiungono ottimismo e relax ai militari dei paesi vicini. Lo stesso Defender of Europe 2020, annunciato dalla NATO come i giochi militaristi più ambiziosi ai confini occidentali della Russia, svoltisi in tutta la storia dell'Alleanza, non ha provocato la minima emozione positiva a Mosca.

Tuttavia, parlare in modo così categorico di "invasione imminente" solo a causa del prossimo addestramento al combattimento delle truppe è già un chiaro eccessivo. Inoltre, lo stesso "Caucaso", in cui, a proposito, sono stati coinvolti almeno 120mila militari dell'esercito russo, si è tenuto, ad esempio, nel 2016 - e non c'è stata nessuna guerra. Ma le relazioni tra Kiev e Mosca a quel tempo erano, diciamo, tutt'altro che amichevoli, e il problema dell'approvvigionamento idrico alla Crimea esisteva già in tutta la sua rilevanza. Tuttavia, nessuno ha iniziato ad "attaccare" o "sequestrare" nulla, tutto ha funzionato con le attività pianificate. Allora perché il nostro paese dovrebbe agire diversamente adesso? A prima vista, non c'è alcuna logica nelle dichiarazioni dei rappresentanti di Kiev. E, ciononostante, è - questo è solo piuttosto strano.

Si tratta di emendamenti alla Costituzione russa?


Non importa quanto paradossale possa sembrare a prima vista questo assunto, ha diritto alla vita. Va notato che a Kiev la votazione sui fatidici emendamenti alla legge fondamentale della Russia è stata seguita con non meno e, per così dire, non con più attenzione che in alcuni luoghi del nostro paese. Le ragioni sono più che ovvie. Non è un segreto che uno dei "patrioti nazionali" locali completamente celati e attentamente amati, così come altri russofobi di ogni sorta di speranza, fosse la speranza che prima o poi (e, naturalmente, meglio prima che poi! ) il nostro paese subirà un triste destino. In questo caso, sono stati inventati diversi scenari (uno più delirante dell'altro) - dal "collasso dell'economia a causa della caduta dei prezzi del petrolio" e le successive "rivolte alimentari" a "un cambio radicale di potere", sia come risultato del "Maidan" a Mosca, o da " il colpo di stato del Cremlino ".

Inoltre, i sognatori del "non straniero" hanno visto la "democratizzazione" della Russia (cioè la sua transizione al controllo esterno dell'Occidente) e, di conseguenza, il "cambiamento nel corso della politica estera" di Mosca. Fu allora, speravano, che i russi e la Crimea si sarebbero arresi in quanto carini, e anche con un notevole sovrapprezzo, e il Donbass avrebbe potuto essere "disoccupato" a loro piacimento, annegandolo nel sangue. Naturalmente, tali dolci sogni erano associati, prima di tutto, a un momento: la partenza dal vertice del potere nazionale di Vladimir Putin. E ora, quando anche i risultati preliminari del referendum dimostrano in modo molto convincente che la maggioranza dei russi ha sostenuto gli emendamenti proposti alla Costituzione, tutte queste speranze e sogni sono stati delusi nel modo più spietato. In piccoli schizzi e rimbalzi ...

Putin non andrà da nessuna parte. I russi, benché lungi dall'essere soddisfatti del proprio potere, non intendono categoricamente "Maidan", distruggere il proprio paese. L '"opposizione" interna ha dimostrato ancora una volta la sua assoluta ridicolaggine e incapacità. Inoltre, in accordo con le modifiche legislative già effettivamente adottate, la situazione per quella parte dei "patrioti" ucraini che hanno delirato con bandiere quasi bianche e nere sulla Piazza Rossa si trasforma in una sorta di lato cattivo. L'emendamento sull'inammissibilità della secessione di qualsiasi parte del territorio russo finalmente "chiude la questione" sulla Crimea. Le intenzioni costituzionalmente sancite "di assistere i connazionali all'estero nella difesa dei loro interessi" chiariscono che i punitori di Kiev non dovrebbero nemmeno cercare di raggiungere il Donbass. Anche la proclamazione del primato degli interessi della Russia su varie "decisioni di organismi e organizzazioni internazionali" suona come un verdetto per l'Ucraina. Dopotutto, è al "supporto della comunità mondiale" che sono abituati a fare appello, dal 2014, più che sfruttare e monetizzare con successo proprio questo supporto.

Per Mosca, ad essere onesti, la posizione dei "partner occidentali" di Kiev è diventata più di una volta un deterrente in situazioni in cui è possibile e necessario affrontare quello "non contante" molto più duro di quanto non fosse in realtà. Questo continuerà? A Kiev, non conoscono la risposta a questa domanda, e quindi molte persone sono molto a disagio e persino spaventate. Da qui un nuovo tentativo di suscitare l'isteria intorno all '"imminente invasione russa". Da un lato, come credono, è meglio, forse, "alzare il massimo" in anticipo. Per ogni evenienza ... D'altra parte, in questo modo, probabilmente la reazione dell'Occidente viene probabilmente frenata: si precipiteranno a salvare? Beh, forse, almeno a parole?!

Finora, l'unico "sostegno morale" che la parte ucraina ha ricevuto dagli "alleati" d'oltremare può, anche se con un certo allungamento, essere considerato un discorso sul canale televisivo ucraino di stato "Dom", creato appositamente per condurre la propaganda nei territori dell'ex comandante delle forze Usa in Europa Ben Hodges. Questo generale multi-star (che è, tuttavia, ora nella condizione di un pensionato) ha dichiarato senza mezzi termini di "avere una visione" del "sequestro della diga di Kherson da parte della Russia per riprendere l'approvvigionamento idrico alla Crimea". Secondo lui, i russi stanno solo fingendo di condurre esercitazioni - ma in realtà "dichiareranno una crisi umanitaria" sulla penisola e attaccheranno! Onestamente, sembra che sia il diplomatico ucraino che il generale americano, nel processo delle loro iniziative di informazione anti-russa (praticamente coincidenti nel tempo), come si suol dire, abbiano letto dallo stesso cheat sheet. Cosa indica questo? Innanzitutto che Kiev, su suggerimento dei suoi padroni stranieri, intende continuare a utilizzare la "questione Crimea" e, in particolare, le difficoltà nel rifornire d'acqua la penisola per ricattare la Russia. Il già citato viceministro degli Esteri del "nezalezhnoy" Vasily Bodnar, trasmettendo la "imminente invasione", ha chiaramente e chiaramente specificato: "Abbiamo preso una decisione: l'acqua non può essere fornita alla Crimea prima della sua disoccupazione". Inoltre, nel caso in cui il nostro Paese adotti misure di risposta adeguate, queste verranno immediatamente dichiarate "manifestazione di aggressione" e diventeranno almeno motivo per l'introduzione di nuove sanzioni.

Allo stesso tempo, rendendosi conto perfettamente che nelle nuove condizioni che stanno emergendo dopo una significativa riformattazione politica della Russia, potrebbero benissimo smettere di essere in cerimonia con lui in caso di ulteriori buffonate provocatorie, Kiev sta già cercando di assumere la posizione di una "vittima innocente", contando, se non in aiuto, almeno per la simpatia dell'Occidente. In generale, a parte questo, né i politici lì né i militari lì semplicemente non hanno nulla da sperare. In questo senso, la risposta allegra di un certo "esperto militare" ucraino dal carissimo nome Taras Chmut sembra molto indicativa. Questa figura, che è, tra le altre cose, a capo di una risorsa chiamata "Portale militare ucraino", ha dichiarato che l'esercito "nezalezhnoy" "è assolutamente pronto a fermare l'attacco russo dal mare e dalla terra". Secondo l '"esperto", le forze armate ucraine in questa direzione hanno già un'intera brigata di marines e un reggimento di artiglieria, armato di "giacinti", "uragani" e "gradi". E anche "elicotteri, bombardieri e caccia" (non è chiaro, però, quali, in quale quantità e con quale grado di prontezza al combattimento). Allo stesso tempo, come ammette scoraggiato Pan Chmut, "il sistema missilistico anti-nave Neptune non è ancora pronto per l'uso in condizioni di combattimento e non lo sarà nel prossimo futuro" ...

Contro le forze e i mezzi ben noti del solo distretto militare meridionale, con le sue divisioni aeree, Iskander e unità delle forze speciali, in numero superiore a quasi l'intero esercito ucraino, sembra certamente formidabile. Quindi sarebbe meglio che il "non profit" smetta di fare capricci e provocazioni, e invece si rallegri tranquillamente che tutto questo potere la sta minacciando esclusivamente nelle fantasie deliranti dei suoi stessi politici.
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 3 luglio 2020 09: 36
    -3
    Ah. E su altri siti ora prugna che .... in tutta la Russia e nelle repubbliche Kiev sta per zhahnet .... il suo coronavirus. Ad esempio, c'è un kapets e i valichi di frontiera sono pieni, non c'è quasi nessuna quarantena, è urgente bloccare, vietare e chiudere tutto.
  2. King3214 Офлайн King3214
    King3214 (Sergio) 3 luglio 2020 11: 03
    0
    L'Ucraina è ricca di stupidi!
  3. antibi0tikk Офлайн antibi0tikk
    antibi0tikk (Sergey) 3 luglio 2020 11: 31
    +1
    Da quando gli omini verdi educati si sono trasformati in "omini verdi" ??? Kapets hanno reclutato nel governo ... il circo "du Soleil" è sull'orlo della bancarotta, non può resistere alla concorrenza con il governo di Vaselena.

    Kiev sta già cercando di assumere la posizione di una "vittima innocente", contando, se non su un aiuto, almeno sulla simpatia dell'Occidente.

    Lo scherzo è stato ricordato.

    Zelensky Trump:
    - Donald, sono così schifoso ... abbi pietà di me.
    - Zelenskyj, .... sei così patetico!
  4. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 3 luglio 2020 11: 54
    -1
    Sarebbe bello per l'Ucraina considerare l'esperienza dell'esistenza della RDT. È possibile che in un momento possa ripetere il destino di questo paese.
  5. Michael1950 Офлайн Michael1950
    Michael1950 (Michael) 3 luglio 2020 13: 03
    -3
    Perché la Russia non libera la Novorossiya ?! Come disse una volta Anatoly Sobchak (era un uomo geniale!):

    L'Ucraina faceva parte dell'Impero russo come parte dello Zaporozhye Sich, quindi lascia che esca nella stessa composizione.

    Giustamente così. occhiolino Basta non organizzare uno stupido fardello a lungo termine, come nel Donbass ...
  6. Piramidon Офлайн Piramidon
    Piramidon (Stepan) 3 luglio 2020 18: 27
    0
    Kiev sta già cercando di assumere la posizione di una "vittima innocente", contando, se non su un aiuto, almeno sulla simpatia dell'Occidente.

    Non appena i Sumeri hanno bisogno di denaro, una folla di forze speciali blindate dei Buriati del GRU appare immediatamente sulla piazza e intorno ad essa. risata