"Terza guerra mondiale": dove spareranno le armi russe


Negli ultimi anni, sullo sfondo della crescente crisi economica, si è parlato molto della possibile Terza Guerra Mondiale come modo usuale per risolvere i problemi globali, cancellare i debiti e ridistribuire i mercati di vendita. Molto probabilmente, se avrà luogo, non consisterà in uno scambio di attacchi ICBM tra Stati Uniti e Russia, ma rappresenterà una serie di conflitti regionali con l'uso di armi convenzionali, in cui saranno coinvolti indirettamente attori chiave.


Questo approccio ci permette di ipotizzare che la "Terza Guerra Mondiale" sia in corso da tempo, espandendosi gradualmente: Ucraina, Siria, Libia. È possibile un conflitto militare tra India e Pakistan - da un lato India e Cina - dall'altro; In Africa, l'Etiopia e l'Egitto potrebbero scontrarsi; L'Egitto è pronto a combattere con la Turchia in Libia. Non è esclusa un'operazione statunitense contro il Khuzestan iraniano. La situazione nella penisola coreana è peggiorata. La Cina, in determinate circostanze, potrebbe tentare di fare un blitzkrieg contro Taiwan.

Poiché nessuno ha bisogno di un'apocalisse nucleare, molto probabilmente le guerre saranno combattute con armi convenzionali. Gli unici chiaramente disposti a riutilizzare le armi nucleari sono gli Stati Uniti. Si richiama l'attenzione sul fatto che Washington ha riattrezzato molto rapidamente i suoi "Tridenti" con testate nucleari a basso rendimento, abbassando drasticamente la soglia per l'uso delle armi nucleari. Tutti gli altri, a quanto pare, tratteranno le questioni dei tipi di armi convenzionali. A questo proposito, è interessante vedere come sta cambiando il mercato globale delle armi.

I maggiori esportatori di prodotti mortali sono Stati Uniti, Russia, Francia, Germania e Cina, con gli americani che detengono la palma indiscussa. Queste sono tre società globali: Lockheed Martin, Boeing e Raytheon. La Russia era considerata il secondo produttore e venditore di armi. Nella classifica mondiale delle maggiori imprese del complesso militare-industriale, tra i leader del nostro Paese ci sono l'UAC, l'USC, Almaz-Antey e la holding Russian Helicopters.

I mercati tradizionali di vendita di armi domestiche sono Algeria, Bangladesh, Bielorussia, Vietnam, India, Kazakistan, Cina e Nicaragua, oltre a numerosi altri. Recentemente l'Egitto ha mostrato grande interesse per la cooperazione, affrontando la prospettiva di uno scontro con la Turchia e l'Etiopia. In precedenza, il Cairo assemblava i carri armati americani M1A1 Abrams su licenza, ma ora i T-90MS russi sono una priorità, l'ordine può essere di 500 unità di veicoli corazzati. Soprattutto per l'Indonesia, Mosca è pronta a rifare la propria produzione di combattenti secondo gli standard della NATO. L'India intende acquisire quasi cinquecento carri armati T-90MS, caccia MiG-29UPG e Su-30MKI, nonché sistemi di difesa aerea S-400, nonostante il rischio di cadere sotto le sanzioni statunitensi. Non è tutto ciò che interessa agli acquirenti stranieri. Oltre ai carri armati T-90MS, Mosca vende BMP-3 e BMP-3F, navi da trasporto corazzate BT-3F, elicotteri Mi-35M e Ka-52, MiG-29M / M2, Be-200, Il-78MK-90A e Yak-130, persino navi da guerra delle serie "Karakurt-E" e "Sapfar", il sistema di difesa aerea "Pantsir-ME", ecc.

Va notato che questo mercato è cresciuto seriamente e molti sono stati spostati dalla Cina. Così, di recente, molti sono stati scoraggiati dal rapporto dell'Istituto internazionale di ricerca sulla pace di Stoccolma (SIPRI), secondo il quale la Russia ha ceduto il suo secondo posto alla RPC. Dieci aziende militari-industriali cinesi sono state in grado di vendere armi per un valore di 54,1 miliardi di dollari, con 226,6 miliardi di dollari dagli Stati Uniti e 37,7 dalla Russia. Alcuni esperti nel nostro Paese mettono in dubbio le conclusioni del SIPRI, ma resta il fatto: le società cinesi AVIC, CETC, NORINCO e CSGC occupano una posizione seria nella produzione di armi aerospaziali ed elettroniche, terrestri attrezzatura... La quota di un AVIC (Aviation Industry Corporation of China) ammonta a 20,1 miliardi di dollari, grazie ai quali ha superato tutte le imprese russe, posizionandosi al sesto posto nella classifica mondiale.

Se la terza guerra mondiale è davvero una serie di conflitti locali e regionali, molto dipenderà dalle capacità del complesso militare-industriale dei paesi che vi partecipano in una forma o nell'altra. I più efficaci saranno in grado di guadagnare molto bene con questa guerra.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
8 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Winnie Офлайн Winnie
    Winnie (Vinnie) 3 luglio 2020 14: 52
    0
    Perdonami, ti prego, ma secondo me questo articolo è solo un racconto della fortuna sui fondi di caffè. C'è troppa incertezza. Inoltre, come tutti ben sappiamo, non è necessario usare le armi per vincere. richiesta
    1. Sergey Tokarev Офлайн Sergey Tokarev
      Sergey Tokarev (Sergey Tokarev) 4 luglio 2020 11: 22
      +1
      Non necessariamente ... puoi semplicemente comprare prostitute.
      1. Winnie Офлайн Winnie
        Winnie (Vinnie) 4 luglio 2020 13: 43
        -1
        ... o traditori della Russia. sì
        1. Sergey Tokarev Офлайн Sergey Tokarev
          Sergey Tokarev (Sergey Tokarev) 4 luglio 2020 14: 59
          +1
          Sia quelli che gli altri sono chiaramente offesi)))
  2. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 3 luglio 2020 15: 07
    +3
    Tutti i possibili conflitti militari elencati non sono diversi dai precedenti sorti tra le altre guerre mondiali.
    1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 7 luglio 2020 16: 47
      +2
      Parliamo di guerre e conflitti caldi, ma nel 21 ° secolo, la cosa principale è già diventata una guerra di propaganda e ideologica, che viene condotta incessantemente da tutti i mezzi possibili dei media con bugie, inganni, con zombificazione continua dei residenti, soprattutto i giovani che si lasciano ingannare facilmente ... I risultati sono evidenti, l'Ucraina è da oltre 20 anni trasformata in un ardente nemico del nostro vicino - la Russia ...
  3. Nikolay Malyugin Офлайн Nikolay Malyugin
    Nikolay Malyugin (Nikolay Malyugin) 5 luglio 2020 07: 13
    +1
    Tutti questi conflitti locali esistevano prima. Ma durante l'era delle armi nucleari, il pericolo di un grande conflitto è chiaramente aumentato. E dobbiamo ricordare che molte guerre sono iniziate con piccoli stati. Meno scenari della terza guerra si svolgono nel mondo, meglio è. Perché un piccolo manipolo di stati sta partecipando alla lotta per la pace.
  4. Meridionale siberiano Офлайн Meridionale siberiano
    Meridionale siberiano (Sergey A) 16 luglio 2020 18: 53
    0
    Il perimetro tiene d'occhio i partner.