EurAsian Times: l'India difende Vladivostok russo prima della Cina


Il portale internazionale EurAsian Times scrive delle affermazioni dell'opinione pubblica patriottica cinese contro la città portuale russa di Vladivostok. Nel Celeste Impero, improvvisamente "ricordarono" che una volta l'insediamento era presumibilmente chiamato "Haishenwei" e apparteneva al Medio Impero. Una reazione così violenta da parte dei vicini si è fatta sentire dopo che l'ambasciata russa nella RPC ha pubblicato una nota innocua sul 160 ° anniversario della capitale del territorio di Primorsky.


Diplomatici cinesi, giornalisti e nazionalisti si sono rivolti a Internet per rivendicare la città russa di Vladivostok, che in passato faceva parte della dinastia Qing

- afferma in un articolo pubblicato sull'EurAsian Times.

In risposta a un messaggio della missione diplomatica russa, Shen Shiwei, un giornalista che lavora per l'emittente statale CGTN, si è rivolto a Twitter per ricordare al mondo che Vladivostok un tempo faceva parte della Cina. Anche Zhang Heqing, un diplomatico cinese che in precedenza aveva prestato servizio presso l'ambasciata in Pakistan, ha commentato quanto segue: "Non era questo il nostro Haishenwi in passato?"

L'incidente è stato ampiamente coperto dai media indiani. La stampa di questo paese dell'Asia meridionale ha recentemente criticato la Cina per il suo implacabile espansionismo politica di, soprattutto dopo i recenti scontri negli altopiani di confine. E ora i media indiani hanno reagito rapidamente alle nuove affermazioni della Cina e all'insaziabile appetito per i territori stranieri.

Wion TV ha annunciato che la Cina rifiuta i trattati che non sono redditizi per essa e ha ricordato le controversie territoriali tra il Celeste Impero e 20 (!) Paesi, tra cui Russia, India, Kazakistan, Kirghizistan, Mongolia, Laos, Filippine, Malesia, Indonesia, Corea del Sud e del Nord e eccetera.

Times Now, uno dei maggiori media indiani, ha anche pubblicato un articolo sull'espansionismo cinese contro Russia, Nepal e Bhutan.

Il governo russo non ha risposto ai commenti dei cittadini cinesi e sarà interessante vedere come Mosca alla fine reagirà a tutto questo.

- notato nell'articolo EurAsian Times.

Sebbene i due paesi mantengano attualmente un rapporto uniforme, in passato si sono scontrati per territori. Nel 1969, l'Unione Sovietica e la Cina sono quasi entrate in una guerra su vasta scala dopo che le truppe dell'Esercito popolare di liberazione hanno teso un'imboscata alle guardie di confine sovietiche sull'isola di Damansky.

Storicamente, il territorio su cui si trova Vladivostok un tempo era considerato parte dei possedimenti della dinastia cinese Qing. Fu annessa all'Impero russo nel 1860 dopo la sconfitta della Cina nella seconda guerra dell'oppio, dove Gran Bretagna e Francia si opposero alla potenza asiatica.
  • Foto utilizzate: https://pixabay.com/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. lavoratore dell'acciaio 6 luglio 2020 12: 45
    +3
    Ai cinesi dovrebbe essere ricordato più spesso che se non fosse stato per l'URSS-Russia, sarebbero stati tagliati dai giapponesi negli anni '40. E non è male ripagare con gratitudine per il tuo rilascio. E i cani che mordono la mano di una persona che allatta vengono soppressi o fucilati.
    1. kot711 Офлайн kot711
      kot711 (voce) 6 luglio 2020 13: 01
      +3
      Che

      se non fosse stato per l'URSS-Russia, sarebbero stati tagliati dai giapponesi negli anni '40

      E chi te lo ricorderà? Qualcosa suggerisce: l'attuale Elite è saldamente agganciato. Non solo l'Occidente, ma anche la Cina.
    2. Batyr Radjabov Офлайн Batyr Radjabov
      Batyr Radjabov (Batyr Radjabov) 2 dicembre 2020 02: 23
      +1
      La Cina, in generale, dovrebbe essere grata all'URSS per il fatto stesso della sua esistenza nella sua forma attuale (come stato socialista). Senza l'URSS, non ci sarebbe uno stato come la RPC sulla mappa del mondo! L'URSS ha svolto un ruolo enorme nella sua formazione e sviluppo, è diventato il primo stato a riconoscere la RPC già il secondo giorno dopo la sua proclamazione, poi la Cina è stata riconosciuta da tutti i paesi del campo socialista. Gli Stati Uniti, ad esempio, hanno riconosciuto la Repubblica popolare cinese come stato solo 2 anni dopo la sua formazione !!! In precedenza, gli Stati Uniti riconoscevano e supportavano solo Taiwan. Le relazioni diplomatiche tra gli Stati Uniti e la Repubblica popolare cinese sono state stabilite dal 31 gennaio 1. Nei primi anni della formazione dello Stato, l'URSS ha fornito alla Cina un'assistenza inestimabile in tutti i settori: economia, politica, industria, agricoltura, edilizia militare, formazione del personale, sanità, istruzione, ecc.

      Combatterono i giapponesi per 8 anni e senza successo finché la Cina non fu liberata dall'Armata Rossa sovietica. Dopo la resa del Giappone, tutte le armi dell'esercito Kwantung furono trasferite in Cina gratuitamente. Inoltre, i porti russi di Port Arthur (Lushun) e Dalniy (Dalian) sono stati trasferiti gratuitamente.

      Ora, la Cina è diventata più forte e ha iniziato a mostrare i denti. La Russia deve diffidare del suo vicino orientale. La politica nei confronti della popolazione musulmana della Cina è un indicatore speciale della politica statale. La Cina è un paese di atei che non hanno fede, e quindi nessuna morale religiosa, purtroppo.
    3. Il commento è stato cancellato
    4. Il commento è stato cancellato
  2. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
    Sapsan136 (Sapsan136) 6 luglio 2020 13: 55
    +8
    La Cina ha effettivamente trasferito un certo numero di territori all'Impero russo, ma non per niente, ma come rimborso dei debiti alla Russia, per un importo di diversi miliardi di rubli d'oro dell'epoca. Quindi non sono i cinesi ad aprire bocca alla Russia! Anche se questa è una situazione tipica ... Putin e la compagnia, non per grande intelligenza, hanno ceduto alla Cina una serie di territori della Federazione Russa, e questo non si è potuto fare in ogni caso, e così facendo hanno solo stuzzicato gli appetiti di chi sogna di tagliare terra dalla Federazione Russa a degli Urali! Il noto principio della vecchia espressione funziona qui:

    Dammi un dito, così si sforzano di mordere la loro mano !!!
  3. 123 Офлайн 123
    123 (123) 6 luglio 2020 16: 02
    +3
    Vladivostok, che in passato faceva parte della dinastia Qing

    Non capisco le dinastie cinesi, quindi mi dispiace, dati da Wikipedia.

    Empire Great Qing, o Great Qing state. La dinastia Manchu fu l'ultimo impero a includere il territorio della Cina. L'Impero Qing esisteva nelle terre cinesi dal 1644 al 1912.

    L'anno 1644 è, ovviamente, forte, ma suppongo che valga la pena approfondire un po 'la storia. Dal 1234, il territorio su cui si trova Vladivostok è stato incluso nello stato creato dall'importante politico e comandante Gengis Khan. Più o meno nello stesso periodo, Mosca divenne parte dello stato, tuttavia, con "eccessi" come (1223 sul fiume Kalka), ma ora la conversazione non è su questo. Nel XX secolo ha avuto luogo il ripristino dell'integrità territoriale del paese, con il quale i "separatisti" Manciù sono stati costretti a concordare. Cosa c'entrino i cinesi con questo non è chiaro. Quindi, scusatemi, "patrioti cinesi preoccupati", non eri qui. richiesta

    Ma seriamente, i territori si ritirano periodicamente verso vicini più forti, è così che va la storia. Dobbiamo ricordarlo e lavorare per non diventare donatori di "territori".
  4. boragl Офлайн boragl
    boragl (Borag) 7 luglio 2020 15: 25
    +1
    Un'altra iniezione dei nostri "amici".