Cambio di rotta nel Donbass: Mosca ha parlato a Kiev nella lingua di un ultimatum


Sembra che in Ucraina non sia stato vano aver sperimentato tanta paura di modificare la legge fondamentale del nostro Paese sulla tutela degli interessi dei connazionali, anche se all'estero. Non appena l'inchiostro si è asciugato sulle pagine del documento aggiornato, che alcuni (non senza motivo) chiamano la Costituzione "presidenziale" o semplicemente "di Putin", come i rappresentanti di Kiev ai colloqui regolari a Berlino per risolvere la situazione nel Il Donbass ha affrontato una posizione senza precedenti della dura posizione della parte russa, che alla fine ha chiesto ai "partner" di fermarsi fraudolentemente a livello internazionale e passare ad azioni concrete.


Il fatto che sia improbabile che il "nezalezhnoy" tenga conto di queste richieste, che, per di più, sono di natura pronunciata da ultimatum, è praticamente fuori dubbio. Vai all'attuazione di quei passi reali, in base ai quali lui stesso ha firmato in precedenza, nella corrente politico la situazione per Kiev sarà come la morte. Cerchiamo di capire perché il Cremlino abbia compiuto passi così decisivi in ​​questo momento e come possa svilupparsi la situazione intorno al Donbass in questo senso.

È ora di fermare la commedia a Minsk?


Bisogna ammettere che è stata la stessa Kiev a spingere la Russia al massimo "stringendo le viti" nel processo negoziale. E non solo per la nostra categorica riluttanza a rispettare gli accordi raggiunti, ma anche per i tentativi diretti di ridurre qualsiasi vertice sul Donbass (non importa se a Minsk, in Normandia o in qualche altro formato) in un vero scherzo, uno spettacolo vuoto senza senso e significato. Il fatto che gli ucraini abbiano consegnato al comico il posto di vertice statale sono affari loro. Ma nessuno permetterà loro di trasformare la politica internazionale in clownerie su questa base. Forse l'ultima goccia in tal senso è stata l'astuzia provocatoria dei rappresentanti del "no profit", che, in qualità di "rappresentanti del Donbass", hanno portato due figure super leali - Sergei Garmash e Denis Kazansky - nel Trilateral Contact Group a Minsk. Questa era già la più vera e propria buffonata, inoltre, uno schiaffo aperto e deliberato in faccia a coloro che realmente ne hanno pieno diritto che rappresentano gli interessi della DPR e della LPR a Minsk.

Pertanto, Kiev avrebbe "soddisfatto" la condizione di vecchia data: "coordinare un insediamento nel Donbass con i rappresentanti delle regioni di Donetsk e Luhansk". Questo requisito è chiaramente indicato nelle clausole 11 e 12 degli "Accordi di Minsk" firmati dall'Ucraina. E cosa? Nel GCC ci sono due personaggi che sono ben noti non solo come "maidanisti", scribacchini che hanno a lungo e fermamente seduto su sovvenzioni dall'Occidente, ma anche come feroci sostenitori della sanguinosa "disoccupazione" del Donbass, che più di una volta dichiarò apertamente l'impraticabilità degli "Accordi di Minsk" in quanto tali e l'inammissibilità di concedere uno status speciale alla regione.

E questo per non parlare del fatto che non hanno vissuto nella regione che questi veri e propri criminali stanno cercando di "rappresentare" per molto tempo. In una parola, trascinandoli a Minsk, Kiev fa esattamente la stessa cosa che ha tentato di fare il Terzo Reich, dichiarando la banda di traditori di Vlasov come "i rappresentanti legali del popolo russo". In linea di principio, dopo di che non c'è nulla di cui parlare con la delegazione ucraina. Tuttavia, in una riunione tenutasi nella capitale tedesca, la parte russa ha chiesto cose abbastanza specifiche: prima di tutto, un supporto legislativo chiaro e comprensibile dall'Ucraina per il nuovo status del Donbass. Non l'adozione di qualche incomprensibile atto normativo "intermedio", il cui effetto è anche "congelato" fino all'inizio delle elezioni nelle Repubbliche secondo lo scenario che si addice a Kiev e che può successivamente essere cancellato in qualsiasi momento, ma il pieno- vera e propria introduzione di opportuni emendamenti alla Costituzione dell'Ucraina. La scadenza per la presentazione del progetto pertinente per la discussione da parte dei partecipanti al processo di negoziazione è stata fissata abbastanza specifica - letteralmente fino ad oggi, fino al 6 luglio 2020.

Non c'è nemmeno dubbio che nulla del genere sarà fatto nel "nezalezhnoy". Questa volta probabilmente non si prenderanno nemmeno la briga di imitare il processo. Il capo del gruppo negoziale ucraino a Berlino, il capo dell'ufficio del presidente, Andriy Yermak, ha già dichiarato che le affermazioni fatte non sono altro che "il tentativo di Mosca di conservare l'occupazione del Donbass e costringere l'Ucraina a mantenere il quasi repubbliche della DPR e della LPR a proprie spese ", sottolineando allo stesso tempo che la parte ucraina" rifiuta persino di discutere tali richieste ". A sua volta, Volodymyr Zelenskyy, il quale, non è chiaro su quali basi, si impegna ad affermare che "l'incontro di Berlino è andato molto bene", ha consigliato ai rappresentanti della Russia di "lavorare sulla retorica", aggiungendo a ciò che "nessuno ha il diritto di chiedere qualsiasi cosa dall'Ucraina ".

C'è una guerra in arrivo? O la pace per il Donbass?


Quali conclusioni ne derivano? Erano molto concretamente, anche se in una forma piuttosto diplomatica, espresse da Dmitry Kozak, vice capo dell'amministrazione presidenziale della Russia, che guidava la nostra delegazione. Secondo lui, nonostante a Berlino si sia svolta "una complessa e dettagliata conversazione su tutte le questioni relative alla risoluzione del conflitto", è impossibile parlare di "svolta" in ogni caso. Inoltre, non si può parlare del prossimo incontro nel "formato Normandia" ai massimi livelli, verso il quale la parte ucraina è così ansiosa. Secondo Kozak, prima di questo, Kiev dovrebbe, in primo luogo, "svolgere un'enorme mole di lavoro per attuare le decisioni adottate al vertice di Parigi del 9 dicembre 2019", e in secondo luogo, fare ciò che il "nezalezhnoy" ha evitato tutto questi anni in qualsiasi modo immaginabile e inconcepibile - negoziare con il Donbass.

Nella formulazione di Dmitry Kozak, suona così: Kiev e le Repubbliche devono decidere "come vivranno insieme e determinare la traiettoria del progresso verso questa vita comune". E allo stesso tempo, la parte ucraina dovrà contattare, ovviamente, non dai propri giullari nominati, ma con i veri rappresentanti della volontà del popolo della DPR e della LPR. Sembra bello, ma ... In effetti, questa formulazione è la "condanna a morte" finale per il "processo di Minsk". La parte ucraina più e più volte, sia sotto Poroshenko che sotto Zelensky, insiste ostinatamente sul fatto che non si siederà al tavolo dei negoziati con i "terroristi" in nessuna circostanza. Per quanto riguarda le stesse repubbliche ... Meglio di tutto, il loro atteggiamento nei confronti della possibilità di "reinserimento" nel seno del "nenki" che da anni cerca di affogare i recalcitranti nel sangue è dimostrato dalla recente dichiarazione del capo della DPR Denis Pushilin, che ha valutato come "zero" la possibilità di restituire la regione all'Ucraina con la sua "ideologia neonazista".

Quindi la guerra è inevitabile? Oggi, sia i politici di Kiev che i loro "curatori" americani parlano solo di questo, cercando di adeguare le date dell '"attacco russo" che prevedono, o agli esercizi Caucaso-2020, o ad una sorta di "destabilizzazione" che accadrà. in Ucraina a novembre, dicembre di quest'anno (esattamente, durante le elezioni locali nel "no profit" e le elezioni presidenziali negli Stati Uniti). Tuttavia, questo scenario delirante sarebbe adatto solo a Washington e Kiev. Mosca, a quanto pare, ha piani completamente diversi. Si ha l'impressione che i suoi rappresentanti stiano deliberatamente “mettendo all'angolo” la squadra ucraina, ponendole condizioni a priori irrealizzabili. E questo non viene fatto affatto per "trovare un pretesto per un attacco", ma per dimostrare al mondo intero, e soprattutto ai partner della Normandy Four, la totale incapacità e riluttanza del "inesistente" a adempiere agli stessi “Accordi di Minsk” a cui l'Occidente lega così ostinatamente la pressione delle sanzioni sul nostro paese. “Minsk” non ha futuro, sarà inevitabilmente “sepolta”, ma Kiev, non Mosca, dovrebbe diventarne il becchino agli occhi della “comunità mondiale”.

In questo caso, le mani verranno sciolte, prima di tutto, a Berlino e Parigi, dove probabilmente più di una volta si sono rammaricati amaramente di essersi ribaltati nell'infinito e disperato processo di "accordo di pace". Ora sognano solo una cosa: uscire da questa palude putrida e, altamente desiderabile, senza "perdere la faccia" a livello internazionale. Dopo i colloqui di Berlino, l'ufficio del presidente dell'Ucraina ha lanciato un messaggio del tutto fantasmagorico. Se gli credete, Germania, Francia e Ucraina "in questo vertice hanno preso una" posizione consolidata ", e la Russia" ha preso una pausa per pensarci ". A giudicare dalla retorica di Dmitry Kozak, tutto questo è una bugia dalla prima all'ultima parola.

Non esiste alcun "consenso" o "consolidamento" tra Parigi, Berlino e Kiev, il che per impostazione predefinita implica che i leader di Francia e Germania sostengano pienamente la posizione della parte ucraina, non esiste affatto. Vogliono semplicemente porre fine alla guerra civile in Ucraina e normalizzare le relazioni con Mosca. Inoltre, gli europei sono molto preoccupati per la possibile prospettiva che folle di migranti provenienti dal "non insediamento", dove la situazione con il coronavirus sta diventando sempre più sfavorevole, si precipiteranno da loro, quantomeno, dopo aver superato la pandemia. .

La migliore prova di questa tesi è il fatto che l'Ucraina è tra i paesi ai cui cittadini è ora vietato l'ingresso nell'Unione europea, nonostante tutti i "viaggi senza visto". Se Kiev, sotto la crescente pressione di Mosca, che non le lascia spazio di "manovra", sarà costretta a smettere di rompere la commedia e a riconoscere ufficialmente l'incapacità di concedere al Donbass uno "status speciale" come parte del suo stato, ponendo così fine alla lo scontro armato, l'Europa, forse si adatterà perfettamente a un'altra opzione. Vale a dire, la situazione in cui Mosca darà un tale status alla regione che le fa venire il mal di testa. Già la Russia, a livello statale, "prendendo apertamente sotto l'ala" della repubblica, garantirà sicuramente un cessate il fuoco, non permetterà spargimenti di sangue e catastrofi umanitarie.

Non dimenticare che nella "Normandy Four", nonostante tutti gli sforzi dell'Ucraina per portarli lì, non ci sono rappresentanti degli Stati Uniti che stanno facendo di tutto solo per continuare il conflitto. Macron e Merkel non hanno bisogno di una guerra così vicina ai propri confini, o di restrizioni al commercio e economico cooperazione con la Russia - soprattutto ora, quando l'economia della zona euro sta esplodendo a tutti i livelli. C'è un altro punto: il conflitto in fiamme tra gli Stati Uniti e l'Unione Europea sul gasdotto Nord Stream 2. La revoca delle sanzioni europee contro la Russia sarebbe un'ottima "risposta asimmetrica" ​​alle minacce di sanzioni contro la Germania e altre società coinvolte nell'attuazione di questo progetto. Minsk-2, molto probabilmente, dovrà affrontare una fine ingloriosa nel prossimo futuro, mentre Minsk-3 semplicemente non esisterà. Credendo nella propria permissività, l'Ucraina ha giocato troppo e non ha reagito ai cambiamenti in atto sia in Russia che nel mondo. Ora dovrà pagare per questo.
17 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 6 luglio 2020 10: 49
    -5
    Per i negoziati con l'Ucraina Hetman, la Russia ha inviato Kozak. Mi chiedo chi sia il cosacco più reale secondo l'opinione degli ucraini - hetman Volodymyr Zelensky, o nativo della regione ucraina di Kirovograd, deputato. prec. governo della Federazione Russa Dmitry Kozak? Chi appartiene di diritto alla mazza hetman?
    1. pischak Офлайн pischak
      pischak 6 luglio 2020 12: 01
      +3
      hi Compagno Bulanov, la tua domanda è retorica! sì
      Qual è l'hetman dell '"avvocato" ucraino ?! occhiolino Parodia uno, come Jagupop da "Kingdom of Crooked Mirrors"! richiesta
      Io, quando nel secondo turno della farsa di Fashington votò il prez "elettorale" contro Bloody Giblets, significava che la creatura "tecnica" di Kolomoytsev ("vincente" solo sul nostro protesta di massa che vota contro la "politica" coloniale distruttiva, antipopolare e anti-statale del servile "Euromaidan", e non "per"!) - un vero dispettoso (Vazelinovo Kholuy "feccia" contro i Donettan sparati dai Banderonazisti è indimenticabile !!!) il clown al posto di "Maidan ukroprezik" mostrerà all'intero "mondo civilizzato" occidentale un'immagine vivida dei senza cervello e impotente ameromarionismo del potere "w / Bandera"!
      E così è successo - Berlino e Parigi, che hanno attivamente sostenuto il colpo di stato di Kiev, stanno già voltando le spalle a questi "comici Maidan" assetati di sangue, nonostante anche gli impulsi attivi di "sostegno" da parte di Washington!
      1. A.Lex Офлайн A.Lex
        A.Lex (Informazioni segrete) 7 luglio 2020 08: 24
        +3
        Pischak, che tipo di "compagno" è lui per te e per noi? Non vedi - sta disegnando delirio. Quale uomo, quale mazza? Tutto è mescolato nella sua testa: vive in un mondo immaginario.
        E su come hai votato e perché ... sappiamo già ... e chi ti governa (non importa quanto mi dispiace, ma è vero) ...
        1. Bulanov Офлайн Bulanov
          Bulanov (Vladimir) 7 luglio 2020 08: 52
          +1
          A volte sarebbe utile per te, Alex, leggere la stampa ucraina post-sovietica. Quindi vedresti lì una foto di Kuchma e altri con la mazza di un hetman. Quanto al voto, quello era il voto del marzo 1991 sulla conservazione dell'URSS.

          Il 17 marzo 1991 si tenne un referendum per tutta l'Unione, durante il quale fu sollevata la questione della conservazione dell'Unione Sovietica. Il popolo ha votato "a favore", ma a seguito degli accordi di Belovezhskaya firmati l'8 dicembre 1991, l'URSS è crollata.

          E dicci, come è successo che tutti abbiamo votato "per" la conservazione dell'URSS, ma è risultato esattamente il contrario? Quali conclusioni ne sono state tratte?
          1. A.Lex Офлайн A.Lex
            A.Lex (Informazioni segrete) 12 luglio 2020 21: 55
            +1
            Vladimir, Vladimir ... beh, stai facendo domande ai bambini. Se chiedi, non vivevi e non sai COSA stava succedendo in quel momento ... (e se lo facessero, allora a un'età tale da vedere tutto in modo diverso - i bambini hanno la loro percezione del mondo).
            E in generale - PERCHÉ ho bisogno di leggere i volantini di propaganda di Bandera? Sono un masochista? Per me, tutto ciò che è stato stampato dopo il crollo dell'URSS è una cazzata, soprattutto su "ypkaine" ...
    2. King3214 Офлайн King3214
      King3214 (Sergio) 6 luglio 2020 18: 54
      +4
      Quando c'erano gli hetman, non c'erano gli ucraini.
      E quando apparvero gli ucraini, non c'erano più hetman.
      E nella tua testa in qualche modo coesistono insieme. gee-gee-gee-gee-gee
      1. A.Lex Офлайн A.Lex
        A.Lex (Informazioni segrete) 7 luglio 2020 08: 25
        +2
        Certamente! Vive in un mondo inventato per lui dagli americani.
  2. San Valentino Офлайн San Valentino
    San Valentino (Valentin) 6 luglio 2020 12: 28
    +5
    Nella situazione attuale, Washington domina tutto - come ordina, così farà l'Ucraina, e l'America ora ha bisogno della massima tensione con la Russia, il suo principale rivale politico sull'arena mondiale, ed è lei che porta le autorità ucraine in guerra con la Russia, ma con l'aiuto degli Stati Uniti, dopotutto, l'incomparabilità delle forze armate di Russia e Ucraina differisce più di una dozzina di volte, e anche lì, in quel paese di "cavalli", ci sono poche persone così pazze che hanno espresso un desiderio di combattere con noi .... Oggi, 6 luglio, di nuovo una sorta di "riunione" con la partecipazione dell'Ucraina, e fissa questa data come il "momento della verità" - tu, Ucraina, non hai fatto nulla sulla fine dei bombardamenti e della guerra già da 6 anni, e lì continui a uccidere civili, lì il sangue scorre come un fiume, e questo è già il genocidio dell'intera popolazione del Donbass, quindi riconosciamo queste repubbliche come sovrane e indipendenti , e sotto il nostro patrocinio, e in caso di rinnovate ostilità contro il LPNR, ti daremo una risposta adeguata ... .- e niente più moccio e preoccupazioni, e non siamo estranei agli isterici europei e statunitensi.
    1. Arkharov Офлайн Arkharov
      Arkharov (Grigory Arkharov) 6 luglio 2020 19: 35
      -4
      Wow, che belligerante! Andrai tu stesso a darti "una risposta adeguata?
  3. lavoratore dell'acciaio 6 luglio 2020 12: 37
    +1
    Mosca ha parlato a Kiev nella lingua di un ultimatum.

    L'ultimatum indica il tempo di esecuzione. E non un pio desiderio. Kozak sta solo lavorando con il suo stipendio. Per cominciare, avrei chiesto la fine dei bombardamenti e, se non fosse stato rispettato, la Russia avrebbe già soppresso i punti di tiro. Un altro balabol.
  4. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 6 luglio 2020 14: 24
    +2
    Andare a questi incontri, dove Germania e Francia, sostenendo l'ukrofascismo, sostengono la posizione di Kiev, ma non lo dite ad alta voce, significa continuare a disonorare il nostro Paese. Infatti, si scopre che ci vanno per sputare in faccia al nostro paese.
  5. rotkiv04 Офлайн rotkiv04
    rotkiv04 (Victor) 6 luglio 2020 15: 40
    +3
    Ebbene, l'Ucraina non soddisferà l'ultimatum, e cosa farà il Cremlino? Massimo: rinvierà l'incontro in questo fottuto formato normanno, ea Minsk continueranno a far esplodere il moccio e schiacciare l'acqua in un mortaio.
  6. Alexander Malchukov Офлайн Alexander Malchukov
    Alexander Malchukov (Alexander Malchukov) 7 luglio 2020 06: 33
    0
    La posizione della Russia e la natura delle sue richieste non sono cambiate in alcun modo con l'adozione di emendamenti alla Costituzione russa, che l'autore afferma così pateticamente all'inizio dell'articolo.
  7. ilik54 Офлайн ilik54
    ilik54 (ilik54) 7 luglio 2020 09: 05
    +1
    Oggi, XNUMX cittadini russi vivono nella DPR e nella LPR. Pertanto, la loro protezione è una questione di onore, coscienza e responsabilità dello Stato della Russia, del governo russo guidato da Vladimir Vladimirovich Putin e del Ministero della Difesa della Federazione Russa, guidato da Sergei Kuzhugetovich Shoigu. Quando decideranno cosa fare nel nostro Donbass, faranno la cosa giusta nell'interesse dei russi e della Russia.
    Quindi stanno venendo fuori i fascisti di Bandera devono capire che l'illegalità nel territorio del Donbass è giunta al termine!
    Fascisti ukro-bandera della morte!
    Morte ai nemici e ai traditori della Russia e dei russi!
    Vai in Russia!
    1. Elizaveta Zolotova Офлайн Elizaveta Zolotova
      Elizaveta Zolotova (Elizaveta Zolotova) 7 luglio 2020 22: 06
      +2
      Aspetto ogni giorno che questa disgustosa banda di Bandera venga messa con la museruola e smetta di sparare al Donbass. E così sarà molto presto. Cosa diranno allora i difensori degli assassini?
    2. Essex62 Офлайн Essex62
      Essex62 (Alexander) 8 luglio 2020 06: 16
      +2
      Qui, vedi, un hack non lo consente: i ragazzi sono lì e fatturano con gli immobili. Tutto andrà in polvere. Eppure la ragione di tutte le guerre tra gli stati borghesi, che si è sviluppata in modo così oggettivo storicamente, è la divisione dei mercati di vendita.
      E cosa vendere alla Russia. Idrocarburi - quindi stanno andando alla grande, qui siamo in prima linea. Per molti anni hanno permesso di uccidere i russi, esprimendo preoccupazione, e poi all'improvviso è sembrato così. Perchè vorresti? E, beh, sì, la costituzione, "Amerz", è stata completata. Ora, ovviamente, evviva, avanti a Kiev.
  8. boragl Офлайн boragl
    boragl (Borag) 7 luglio 2020 14: 08
    +1
    Citazione: Arkharov
    Wow, che belligerante! Andrai tu stesso a darti "una risposta adeguata?

    Sarà necessario - ci andrò anch'io. Voroshilovgrad è la mia piccola patria.
  9. Il commento è stato cancellato