"Ciò che è morto non può volare": l'Ucraina ha perso la sua industria aeronautica


Negli ultimi giorni di giugno si è svolto a Kharkov un evento estremamente intrigante: il primo Congresso dei costruttori di aerei interamente ucraino. Secondo i dati disponibili vi hanno preso parte rappresentanti di almeno 40 imprese e società del "no profit", in un modo o nell'altro (almeno nominativamente) coinvolte nella realizzazione di macchine alate. Certo, questo incontro non ha suscitato molta eccitazione nella società, nonostante il fatto che i piani e le intenzioni espresse fossero veramente cosmici. O meglio, aerospaziale ...


Non per niente uno degli arguti giornalisti locali ha notato che le uniche acrobazie dimostrate a Kharkov da aviatori ucraini potevano essere attribuite solo al campo dell'equilibrio verbale. Perché, data la presenza di dozzine di strutture aeronautiche apparentemente esistenti in Ucraina, oggi è possibile affermare solo la sua inevitabile morte?

E voi, amici, non importa come vi sedete ...


In effetti, tutto ciò che è accaduto nella prima capitale dell'Ucraina, con tutta la rappresentatività dei leader lì riuniti, ha ricordato terribilmente a tutti la favola di Krylov. Quello in cui alcuni rappresentanti del mondo animale "hanno iniziato a suonare un quartetto" ... Sembra che le parole siano state dette, per lo più corrette, e le valutazioni della situazione nell'industria aeronautica locale sono state espresse per la maggior parte realistiche, e le misure per cambiare la situazione sono state proposte, in linea di principio, ragionevoli. Tuttavia, tutto ciò in generale lascia un'impressione piuttosto dolorosa, che si sviluppa sempre quando persone serie con uno sguardo serio vengono scambiate per chiacchiere franche, vuote e poco promettenti.

Rivolgendosi al congresso, il presidente dell'associazione Ukraviaprom, presidente del consiglio di amministrazione della FED di Kharkov JSC Viktor Popov ha detto: la radice del problema è che "il paese non ha un programma per lo sviluppo dell'industria aeronautica da un decennio, l'industria è completamente scoordinata". Allo stesso tempo, secondo lui, il presidente Volodymyr Zelenskyy e il primo ministro Denis Shmygal "trattano i problemi con comprensione" e promettono persino di aiutare. Ma il problema è che tutte le decisioni "bloccano" sul campo a causa del sistema burocratico di gestione e degli interessi corrotti dei singoli funzionari. “Riteniamo inaccettabile quando, avendo stabilito la nostra produzione di aerei attrezzatura e il complesso industriale dell'aviazione, il nostro stato preferisce e sovvenziona i concorrenti stranieri ”- ha sottolineato Popov. Sta dicendo la verità? Certamente. Ma non è tutto. La completa ignoranza di Kiev della prospettiva più che reale del collasso dell'industria aeronautica nazionale e la sua riluttanza a investire anche un solo centesimo nel suo sviluppo è solo metà del problema.

Un altro grosso problema è l'inclusione di tutte le imprese di questo settore nei famigerati scandali di corruzione e, per usare un eufemismo, una gestione molto particolare " politica"La preoccupazione dello stato" Ukroboronprom ". In effetti, tutte le aziende significative rappresentate al Congresso di Kharkov (Motor Sich JSC, Ivchenko-Progress State Enterprise, KhGAPP, Kharkov Machine-Building Plant FED) sono da tempo le sue divisioni strutturali. Questo non ha portato loro né la fornitura di ordini statali né la prosperità. Piuttosto, al contrario, ha portato a nuove perdite e sottoposto a pressioni costanti da parte dell '"autorità superiore", che si trascina in tutte le questioni - dalla finanziaria al personale, e cerca di risolverle esclusivamente a propria discrezione.

Dalla stessa Antonov State Enterprise, Ukroboronprom solo nel 2018-2020 ha "sottratto" più di 120 milioni di grivnie (più di 4.5 milioni di dollari) di "contributi" diretti, senza contare la metà dell'importo precedentemente trasferito dall'impresa ad altre strutture incluse nel preoccupazione come "aiuto finanziario". E questo nonostante la presenza stessa di "Antonov" nella composizione di un conglomerato puramente difensivo sia, in effetti, assurda. Yevgeniy Morozenko, Presidente del Consiglio di Dnepropetrovsk Aggregate Plant JSC, non ha mancato di menzionarlo al congresso, il quale ha dichiarato senza mezzi termini che "gli aerei ucraini sono aviazione civile: aerei passeggeri regionali e aviazione da trasporto, e non hanno nulla a che fare con la sfera di attività di Ukroboronprom ". In effetti, l'intero raduno dei costruttori di aerei a Kharkiv era una sorta di "rivolta su una nave" privata (aria in questo caso), diretta contro la preoccupazione, che si era ammalata di tutti peggio di un ravanello amaro.

Puoi sopravvivere senza Ukroboronprom. E senza la Russia?


Proclamate dai suoi partecipanti, intervallate da indispensabili "inchini" verso Zelensky e altri rappresentanti del potere supremo, proposte per "creare un Ministero specializzato dell'industria aeronautica, che attuerà la politica statale in questo settore" e, cosa più importante, diventerà il gestore del budget budget che raggiungerà così per i costruttori di aerei, scavalcando le mani avide di Aivaras Abromavicius e della sua insaziabile "squadra", l'idea, ovviamente, è sensata. Tuttavia, nessuno dei partecipanti ha trovato il coraggio di ammettere l'ovvio: l'istituzione di un'altra struttura burocratica statale non risolverà in alcun modo il problema più importante dell'industria aeronautica ucraina: la rottura dei legami con la Russia.

Dal momento in cui la cooperazione con i colleghi russi nel campo della costruzione di aerei, la creazione di motori e altri componenti per velivoli alati è diventata in linea di principio impossibile per le imprese del "nzzalezhnoy", la loro lenta estinzione si è trasformata in un rapido movimento verso il collasso completo e definitivo. Il segreto principale dell '"industria aeronautica ucraina" è che non è mai esistita come tale! Questa branca dell'industria e della scienza è stata una delle parti integranti del “difficile passato sovietico” di cui l'Ucraina ha cominciato a sbarazzarsi, diciamocelo, lontano dal 2014, ma dal 1991! Le fabbriche, gli uffici di progettazione, gli istituti di ricerca che lavoravano sul suo territorio per l'aviazione e lo spazio, erano, come tutte le strutture simili in URSS, strettamente integrati nel sistema economico nazionale unico di un enorme paese, e le loro indubbie conquiste possono essere attribuite solo al "genio ucraino" soggetti in alternativa dotati. Senza subappaltatori, primo fra tutti il ​​russo, senza il mercato del nostro paese e il cosiddetto spazio "post-sovietico" ", tutto questo potenziale è stato condannato dall'inizio.

Nello stesso "Antonov" hanno calcolato per molto tempo - per sostituire componenti e assiemi prodotti in Russia, la cui quota in ogni aereo prodotto dall'impresa è semplicemente enorme, sono necessari almeno $ 200 milioni. Ma questa è solo metà della battaglia! In primo luogo, le parti necessarie che sono compatibili con le macchine alate già completamente modificate in modo che non richiedano una modifica completa, devono ancora essere trovate da qualche parte all'estero. In secondo luogo, tutti i certificati per gli aerei prodotti nel "nezalezhnoy" vengono ricevuti nella configurazione "russo-ucraino" - inizia a cambiare qualcosa - e dovrai attraversare di nuovo tutti i "cerchi dell'inferno" con molti test, ricertificazione e approvazione della documentazione di progetto ... Ed è lontano dal fatto che sarà possibile farlo. In terzo luogo, qualsiasi "sostituzione all'importazione" nella versione disponibile per "non vendita", che ha completamente rovinato (e in alcuni casi non ha mai avuto) i cicli di produzione necessari, significa solo una cosa: la sostituzione delle parti russe con le loro controparti molto più costose prodotte in Occidente. E questo, di conseguenza, porta inevitabilmente a volte ad un aumento del costo degli aeromobili, che non si addice assolutamente ai clienti - sia quelli potenziali che quelli che hanno già avuto l'imprudenza di investire nell'industria aeronautica ucraina, cercando così di ridurre il costo delle proprie spese. Un ottimo esempio è la storia dello stabilimento di aviazione di Kharkov.

Nel periodo 2010-2014, mentre aveva a disposizione forniture di componenti dalla Russia, l'impresa, per lo meno, ha "rivettato" un An-74T / TK-200 all'anno, principalmente per le esigenze delle strutture di "potere" dei paesi della CSI. Dal 2015, per i motivi già citati in precedenza, la produzione di velivoli è cessata completamente. Inoltre, avendo concluso un contratto con la Guardia Nazionale del Kazakistan del valore di $ 30 milioni per la fornitura di An-74 e anche avendo ricevuto la metà di questo importo come pagamento anticipato, i produttori di aerei di Kharkov non sono stati in grado di rispettarlo. Avendo mostrato una pazienza veramente orientale, i rappresentanti della parte kazaka hanno aspettato fino al 2017, dopo di che hanno sputato, risolto il contratto e chiesto di restituire l'anticipo ...

Ciò che è morto non può volare ...


Secondo la decisione del Tribunale economico della regione di Kharkiv, prima o poi dovrà essere fatto. Ma il problema è che non ci sono fondi. All'inizio del 2020, secondo il Servizio statale del lavoro dell'Ucraina, il debito della società nei confronti dei propri dipendenti da solo ha superato i 220 milioni di grivna (circa 8 milioni e mezzo di dollari). Nel 3 i suoi conti da pagare hanno superato i 2018 miliardi di grivna. Per sopravvivere alle elementari, nello stabilimento di costruzione di aerei di Kharkiv, allora, si intendeva stabilire la produzione di binari per veicoli blindati cingolati, oltre a ... finestre di plastica! Ecco la situazione reale dell'industria aeronautica ucraina.

I bancarottieri attuali e futuri riuniti al congresso di Kharkiv potrebbero flirtare quanto volevano sulla "necessità del sostegno e degli ordini statali", lasciando la questione principale "in mare": come intendono eseguire questi ordini, anche se ricevuti, senza dettagli "proibiti" da Russia? È possibile, ovviamente, istituire il Ministero dell'aereonautica, creando una nuova mangiatoia per tutti gli stessi ladri e mediocri aspiranti funzionari "post-Maidan", ma non è assolutamente chiaro come possa risolvere i problemi principali del settore. L'industria aeronautica richiede non solo grandi, ma enormi investimenti, che l'Ucraina con il suo crollo l'economia e non c'è semplicemente nessun posto dove prendere un budget che perde.

Gli "investitori occidentali", il cui arrivo così a lungo e ostinatamente delirato per i rappresentanti dell'industria aeronautica "nezalezhnoy" (tuttavia, non sono gli unici), non arriveranno - ora, dopo la pandemia, i leader mondiali dell'industria stanno combattendo disperatamente per la propria sopravvivenza e investono in qualcosa di più che dubbio "Partners" non lo saranno in ogni caso. E anche giganti come Boeing o Airbus non hanno i fondi per questo, oggi sono costretti a licenziare i propri dipendenti per mancanza di ordini ea ridurre la propria produzione. Persino i compagni cinesi stanno rapidamente perdendo interesse per i resti dell'industria ucraina, compreso il suo settore aerospaziale, che comprava tutto quello che potevano ottenere lì, "in più numeri, a un prezzo più conveniente". Russia?

Presumo che il nostro paese non sia interessato ai costruttori di aerei ucraini che si sono improvvisamente trasformati in "non fratelli". Anche se domani accadrà un miracolo, Kiev abolirà le sue restrizioni e divieti suicidi: perché dovremmo rianimare coloro che si sono condannati a morte? Supportare i concorrenti nella produzione di determinati tipi di aeromobili? Che altro ... Puoi tenere tutti i congressi che vuoi, fare appello alle autorità, chiedere sostegno e parlare di "problemi industriali". In effetti, gli unici discorsi che sono pertinenti oggi per quanto riguarda l'industria dell'aviazione in Ucraina sono epitaffi funerari.
8 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Dmitry S. Офлайн Dmitry S.
    Dmitry S. (Dmitry Sanin) 7 luglio 2020 09: 04
    +4
    Ho finito di leggere con grande difficoltà. Mi sono reso conto che solo i marziani possono davvero aiutare l'industria aeronautica ucraina: gli stranieri vogliono rompere tutto, il loro - saccheggiare, ei russi sono arrabbiati e aspettano che l'Ucraina muoia.
  2. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 7 luglio 2020 09: 15
    +2
    Il crollo dell'Ucraina è iniziato con il divieto della lingua russa, che in realtà è la lingua di Kiev del XVII secolo. Quindi, dopo aver tradito la sua lingua, Kiev ha perso la sua Anima, e ora gli spiriti maligni si stanno stabilendo lì, impedendo a Kiev di svilupparsi completamente. Se Kiev non trae le giuste conclusioni, potrebbe peggiorare anche lì.
    1. Igor Pavlovich Офлайн Igor Pavlovich
      Igor Pavlovich (Igor Pavlovich) 7 luglio 2020 10: 23
      -6
      Questo è quello che dicono alla Kanachikovaya dacha ???
      1. Bulanov Офлайн Bulanov
        Bulanov (Vladimir) 7 luglio 2020 13: 37
        +3
        Questa è la storia del paese in cui vivi, devi studiare bene, a meno che, ovviamente, non vivi in ​​un altro paese ...
    2. Sergey Tokarev Офлайн Sergey Tokarev
      Sergey Tokarev (Sergey Tokarev) 7 luglio 2020 21: 19
      +1
      C'è una lingua e c'è un dialetto. C'era solo una lingua russa nell'impero russo. Un incrocio tra turco, polacco e russo non è una lingua nella regione di Kiev.
  3. antibi0tikk Офлайн antibi0tikk
    antibi0tikk (Sergey) 7 luglio 2020 10: 01
    +3
    L'industria aeronautica è un'industria ad alta tecnologia. Risolvere il problema semplicemente investendo un'enorme quantità di denaro non funzionerà. I leader ucraini hanno perso due punti importanti: il tempo e la formazione dei giovani specialisti.
    Se affidi un po 'la tua memoria, puoi ricordare come nelle imprese del nostro complesso militare-industriale non solo hanno riattrezzato macchine e altre attrezzature, ma hanno anche attratto giovani specialisti. Salari normali, prestazioni sociali, mutuo preferenziale, ecc. Spesso in molte interviste a tali imprese si sente dire che l'età media dei dipendenti è tale e tale, i giovani specialisti sono tanti. Ma anche questi specialisti devono essere formati da qualche parte. E questo è un argomento completamente diverso per la conservazione di SCUOLE, college e istituti, il trasferimento di esperienza nelle imprese. Questo è un lavoro davvero titanico. E ci sono voluti da uno e mezzo a due decenni. Beh, anche soldi, ovviamente. Ma c'è un RISULTATO. Le imprese lavorano, producono i prodotti richiesti, ne progettano di nuovi.
    Bene, questo è quello che intendo ... Anche se ora investissi "centomila sterline" nell'industria aeronautica ucraina, darebbe piuttosto un impulso allo sviluppo del settore edile (in termini di costruzione a pochi piani di ville, tenute e cottage) in Spagna, Canada, Israele e eccetera. Bene, e in parte il settore bancario per lavorare con società offshore.
    Tuttavia, la produzione reale differisce da un giocattolo per computer, in cui ho premuto un pulsante, è apparso un palmo con una chiave inglese e un fico: ho costruito un laboratorio! Ancora una volta ho premuto il pulsante - ed entrambi! l'aereo ha fatto! Tre volte ho premuto il pulsante e ..... eccola la felicità! - il trasportatore è partito!
    E con questi chiacchieroni ucraini niente a che fare.
    Dopo aver letto l'articolo, mi sono ricordato di un altro lavoro dei classici: "Come un uomo ha sfamato due generali" di Saltykov-Shchedrin. Solo un uomo nel corso dello spettacolo è stato scaricato in Polonia, Germania o si è trasferito in Russia per la residenza permanente ...
    1. Quarto cavaliere (Quarto cavaliere) 7 luglio 2020 11: 30
      +2
      I leader ucraini non hanno perso nulla.
      Al contrario, fanno tutto ciò che l'Occidente collettivo richiede loro. Eliminazione dei concorrenti e di tutta la loro scienza e industria. E anche la riduzione del bestiame a 15 lm ...
      Tutto questo è stato annunciato da tempo ...
    2. commbatant Офлайн commbatant
      commbatant (Sergey) 8 luglio 2020 06: 20
      -1
      antibi0tikk (Sergey) Anche se ora si investe "cento milioni di sterline" nell'industria aeronautica ucraina, darà piuttosto un impulso allo sviluppo del settore edile (in termini di costruzione a pochi piani di ville, tenute e cottage) in Spagna, Canada, Israele, ecc. Bene, e in parte il settore bancario per lavorare con società offshore.

      Sicuramente ...

      Saltykov-Shchedrin:

      "Se mi addormento e mi sveglio tra cento anni, e mi chiedono cosa sta succedendo in Russia, rispondo: bevono e rubano".

      - si tratta dell'Ucraina ...