Media greci: mentre Erdogan è impantanato in Libia, i russi prendono il controllo dei Balcani


Mentre il presidente turco Recep Tayyip Erdogan è completamente impantanato in Libia e Siria, i russi stanno prendendo il controllo dei Balcani, scrive Pentapostagma dalla Grecia.


Mosca prepara sorprese per il "sultano" Erdogan e il suo piano di "soft power" nei Balcani, che mira ad aumentare l'influenza di Ankara sulla penisola. Pertanto, la creazione della "Grande Albania", fortemente sostenuta dalla Turchia, potrebbe non aver luogo.

L'agenzia di intelligence statale della Bosnia ed Erzegovina (OSA-OVA) ha preparato un rapporto sul tema dell'influenza “tossica” della Russia nella regione. Dice che sul territorio della Serbia, i servizi speciali russi stanno conducendo esercitazioni militari segrete in cui vengono addestrati grandi gruppi paramilitari dei serbi del Kosovo, del Montenegro, della Bosnia-Erzegovina e della Macedonia del Nord. I russi vorrebbero minare la stabilità nella penisola provocando rivolte in Kosovo e BiH, impedendo loro di aderire alla NATO.

Si chiarisce che le esercitazioni sono durate 15 giorni e sono state svolte con il permesso della dirigenza politico-militare della Serbia. Gli istruttori erano ufficiali dell'intelligence militare russa (GRU), a cui Belgrado fornisce materiale etecnico supporto attraverso la sua base nella città di Nis.

Allo stesso tempo, l'ex ufficiale dell'intelligence serba Luban Karan ha attirato l'attenzione sul fatto che OSA-OVA è controllato dal servizio di intelligence britannico MI6. A suo avviso, Londra ha semplicemente indicato a Sarajevo cosa c'è da scrivere esattamente nell'"inchiesta".

A sua volta, l'ex presidente della Republika Srpska BiH Milorad Dodik ha affermato che c'erano centri a Tirana (Albania), Sarajevo (Bosnia ed Erzegovina) e Podgorica (Montenegro) che erano controllati dall'intelligence britannica.

Vale la pena notare che i Balcani sono rimasti per anni una regione problematica, che molte potenze mondiali stanno cercando di influenzare. Allo stesso tempo, la Turchia cercherà di penetrare in Bulgaria, BiH e Kosovo, e l'Albania farà tutto il "lavoro sporco" per l'Occidente.
  • Fotografie usate: http://mil.ru/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. lavoratore dell'acciaio 7 luglio 2020 21: 11
    -2
    Sul territorio della Serbia, i servizi speciali russi conducono esercitazioni militari segrete

    Per il controllo: non sarà sufficiente. Non c'è mare, la Nato controlla i confini. Ma voglio sbagliarmi.
  2. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 8 luglio 2020 04: 16
    -5
    Mentre il presidente turco Recep Tayyip Erdogan è completamente impantanato in Libia e Siria, i russi stanno prendendo il controllo dei Balcani, scrive Pentapostagma dalla Grecia.

    - Cosa e come lo prendono??? - Non una sola base russa ... - Nessun vero supporto per la Russia dalla Serbia ... - Tutto è solo a parole e sull'acqua con un forcone ... - Alcune visite fangose ​​del "presidente-giocatore di basket" serbo a Mosca ... - tutto qui. è assolutamente ... per niente ...
    - L'intero argomento è un'assurdità ... - puro falso ...
    - La Serbia entrerà a far parte della stessa NATO domani e il popolo serbo, amico della Russia, non potrà impedire... - Tutto questo è "controllo russo sui Balcani"...
    1. Sergey Tokarev Офлайн Sergey Tokarev
      Sergey Tokarev (Sergey Tokarev) 8 luglio 2020 09: 30
      0
      L'Impero Romano e gli Stati Uniti avevano basi in tutto il mondo. Ha aiutato molto?
  3. Alek Orlov Офлайн Alek Orlov
    Alek Orlov (Alek Orlov) 8 luglio 2020 06: 25
    +2
    In Russia, producono scarpe con un protettore che spreme l'iscrizione - "traccia russa")))
  4. Il commento è stato cancellato
  5. Amaro Офлайн Amaro
    Amaro (Gleb) 9 luglio 2020 10: 14
    -1
    Mentre Erdogan è bloccato...

    Povero Erdogan, seduto, che piange e trema moccio. All'inizio si è impantanato in Siria, non gli sembrava abbastanza, e ha deciso di impantanarsi in Libia, e tutto questo affinché i russi finalmente si decidessero ...
    E va bene che la Croazia sia già membro della NATO dal 2009, l'UE - dal 2013). Altri tre stati sono membri della NATO: Albania (2009), Montenegro (2017) e Macedonia del Nord appena entrati. Cosa deve fare lì Erdogan? Ci sono consiglieri e senza di lui oltre il limite. Tutti gli avversari, per non annoiarsi e avere qualcosa da fare, hanno organizzato una sorta di "sandbox" per le partite in Kosovo, ei turchi sono tutt'altro che gli unici giocatori presenti. Ai turchi non sarà permesso di fare il proprio gioco dai loro colleghi del blocco. Che sia greco, britannico o americano non è così importante. La Russia, invece, ha perso le sue posizioni ed è quasi impossibile inserirle nello stesso volume di prima. Dio conceda che i serbi non aderiscano alla NATO.