Peggio è, meglio è: perché le sanzioni occidentali hanno reso la Russia più forte


Mentre alcuni in Occidente continuano a esagerare con insistenza il tema dei "danni irreparabili" presumibilmente causati dai russi l'economia la pandemia del coronavirus e la caduta del prezzo del petrolio sui mercati mondiali, un'opinione serena ed equilibrata è suonata all'improvviso da un Paese che è abbastanza difficile classificare tra i nostri amici. Credono che sia proprio la Russia, nelle condizioni della “coronacrisi”, a sommergere sempre più il pianeta oggi, che si sente più fiduciosa e si rialza in piedi più forte di molti Stati considerati “sviluppati” e ricchi fino al 2020.


Del resto è l'Occidente che deve ringraziare di questo, che negli ultimi anni ha compiuto notevoli sforzi per “punire” il nostro Paese con l'aiuto di varie restrizioni, se non rovinandole, almeno indebolendone il più possibile l'economia. Ma l'effetto è stato ottenuto esattamente l'opposto di quello desiderato ...

"Le sanzioni hanno solo rafforzato i russi!"


Per cominciare, nominiamo, infine, colui che ha fatto un'affermazione così "sediziosa" che va contro i numerosi tentativi degli "analisti" occidentali e dei media di presentare il nostro Paese come quasi "agonizzante" a causa delle conseguenze che hanno colpito la sua economia e sfera sociale. prove reali. Si tratta di Yusuke Otsubo, da oltre 10 anni non solo direttore ad interim incaricato degli investimenti esteri della holding finanziaria United Managers Japan Inc., ma anche socio accomandatario di questa società. Inoltre, il signor Otsubo è considerato uno dei maggiori esperti finanziari nelle economie emergenti. E ancora una cosa: la Russia, a differenza di molti colleghi, questo analista non lo sa per sentito dire. Per tre anni (dal 1997 al 2000) è rimasto nel nostro Paese come primo segretario dell'Ambasciata giapponese. Quindi, non vi è alcun motivo evidente per essere scettici o diffidenti nei confronti della sua opinione. Cosa dice l'articolo di Otsubo, recentemente pubblicato nell'edizione giapponese di JB Press?

La tesi principale del discorso è stata che nonostante la Russia sia attualmente al terzo posto nell'elenco dei Paesi con il maggior numero di casi di infezione da coronavirus rilevati, nonostante un forte e profondo calo dei prezzi dell'energia e più di due mesi di quarantena, la sua economia ha resistito ed è in condizioni decisamente migliori. di quanto ci si potrebbe aspettare "secondo le leggi del genere". È interessante notare che, come prova principale di questa tesi, il signor Otsubo cita due punti: l'esportazione di idrocarburi dal nostro paese non si è fermata, nonostante il loro deprezzamento (quindi, si è rivelato non così fatale), e ... "La Russia ha evitato una situazione in cui sarebbe stata costretti a rinunciare a parte dei loro territori ". Ecco l'ultima, a mio avviso, la più interessante.

Non è del tutto chiaro di cosa stiamo parlando esattamente - se del "problema curili", che è tradizionalmente un "punto dolente" per ogni giapponese, o, diciamo, della capacità di Mosca di sfuggire alla maggior parte delle sanzioni economiche dell'Occidente sacrificando la Crimea? Tuttavia, in questo caso non è così importante. Molto più intrigante è il fatto che, a giudicare dal lapsus di Mr. Otsubo, sembra che un simile scenario sia stato preso molto seriamente da alcuni in Occidente. Tuttavia, nulla del genere è accaduto - secondo il finanziere giapponese, le cupe previsioni della stessa Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico o gli analisti del FMI, che hanno predetto il nostro Paese dal 6.6% al 10% di calo del PIL entro la fine di quest'anno, sono molto lontane dalla realtà.

Sì, il forte calo dei prezzi del petrolio "ha rallentato la crescita dell'economia russa", ma non l'ha in alcun modo ridotta. Otsubo conclude: si scopre che tutto il discorso che la Russia fa "sull'ago del petrolio" è un mito. Altrimenti, a suo avviso, l'inflazione, che oggi è al livello del 3% -4% (secondo alcuni dati ufficiali, anche inferiore), e altri indicatori macroeconomici avrebbero un significato completamente diverso! Secondo la ferma convinzione del finanziere giapponese, le stesse sanzioni “draconiane”, “infernali” e altre che gli furono introdotte nel 2014, dopo la riunificazione, hanno aiutato il nostro Paese a creare “meccanismi potenti e know-how efficace per combattere i fenomeni di crisi” Crimea. Di conseguenza, la Russia, non a parole, ma nei fatti, ha sviluppato una strategia per la sostituzione delle importazioni. In particolare, l'ammirazione di Otsubo è causata dall'ascesa del complesso agroindustriale russo seguito allo sciopero delle sanzioni, che lo ha trasformato in una "potenza agricola altamente sviluppata". Comunque sia, conclude l'analista, che la bilancia dei pagamenti della Russia potrebbe diventare deficit e la sua posizione finanziaria è stata scossa, "è fuori discussione".

Peggio è, meglio è?


Sembra tutto dannatamente bello e stimolante. Tuttavia, all'improvviso tutte le lodi sopra citate sono solo lodi vuote? Faccio subito una prenotazione - questo è estremamente improbabile, se non altro per il fatto che gli analisti finanziari del livello di Yusuke Otsubo, la cui ogni parola vale abbastanza soldi specifici (e, credetemi, parecchio), valutano il loro nome e opinione e non parlano comunque. Questi non sono ucraini politica... Ma per essere assolutamente sicuri della validità, almeno, della tesi che il Cremlino ha davvero imparato a beneficiare delle sanzioni imposte al Paese, consideriamo almeno un esempio specifico su questo argomento. A proposito, è menzionato nell'articolo di Otsubo ... Si tratta delle restrizioni imposte dagli Stati Uniti negli ultimi giorni di giugno alle forniture a numerosi paesi (non solo alla Russia, ma anche a Cina, Venezuela, Iraq, Bielorussia, Armenia, Azerbaigian, Kazakistan e anche all'Ucraina) eventuali prodotti ad alta tecnologia che, anche se puramente teoricamente, "possono essere utilizzati per scopi militari e per le necessità dell'esercito".

In effetti, ciò significa che d'ora in poi, senza l'ispezione da parte del Bureau of Industry and Security (BIS) e la successiva ricezione della licenza appropriata da parte del Dipartimento del Commercio statunitense (che è una procedura molto difficile e dispendiosa in termini di tempo), nessuna azienda americana sarà in grado di consegnare in Russia (ci fermeremo a in questo caso, nel nostro paese), non un solo prodotto che ipoteticamente potrebbe finire nelle mani del nostro "siloviki". E soprattutto, ovviamente, tutti i prodotti “high tecnologia»- computer, altri dispositivi semiconduttori, strutture di comunicazione, apparecchiature di telecomunicazione e simili. I programmi con licenza, incluso il più comune Microsoft Windows, anche, tra l'altro, riguardano ...

È chiaro che misure restrittive così "draconiane" (e chiaramente inverosimili, beh, non è questo il punto) certamente non ci promettono nulla di buono. E come risponde loro la leadership del Paese? In questo caso, la dichiarazione del presidente russo Vladimir Putin, da lui stesso fatta durante il suo discorso ai russi del 23 giugno 2020, su una riduzione senza precedenti, senza precedenti, senza precedenti del carico fiscale per l'intera sfera informatica nazionale, può essere considerata una reazione diretta e, dobbiamo darlo, assolutamente corretta in questo caso. Il premio assicurativo per loro dovrebbe essere ridotto dall'attuale 14% al 7.6%, e non per un certo periodo, ma indefinitamente e per sempre! Tuttavia, questa proposta piuttosto intrigante impallidisce davanti all'intenzione del capo dello stato di ridurre l'imposta sugli utili per gli specialisti IT (ora è del 20%), ma non della metà, ma quasi dieci volte contemporaneamente - al 3%.

Inoltre, molto probabilmente, gli sviluppatori di software potranno contare in futuro su generosi sussidi e altre preferenze significative per le loro attività. Va notato che un simile "paradiso fiscale" per le imprese e le società specializzate in tecnologie IT non esiste, per quanto si sa, in nessun'altra parte del mondo. Anche in India e Irlanda, considerate un “paradiso” per gli “specialisti IT” e che attirano intensamente i rappresentanti di questo ambito, dove l'imposta sul reddito è, rispettivamente, dal 22% al 15% nel primo caso e dal 25% al ​​12.5% nel secondo. Forse sarebbe ingenuo aspettarsi che dopo questo la Russia si trasformi immediatamente in un centro mondiale per lo sviluppo di tecnologie "alte", lasciando rapidamente "dietro di sé la bandiera" la famosa "Silicon Valley" e altri concorrenti occidentali. Anche se ... Non dimenticare che negli anni '50 del secolo scorso nella creazione e nello sviluppo di tecnologie informatiche appena emergenti, l'URSS ha gareggiato con gli stessi Stati Uniti più che con successo.

In ogni caso, vediamo davanti a noi dei veri e propri passi della leadership del Paese, volti a trasformare il prossimo "investito" dagli americani, chiaramente finalizzato a recare danni significativi alla nostra economia, potenziale scientifico e militare, in un'opportunità per un nuovo "salto" di sviluppo. Citando questo esempio nel suo articolo come una manifestazione della "capacità del leader russo di stimolare l'economia nazionale", Yusuke Otsubo lo conclude in un modo molto specifico. Vale a dire - consulenza finanziaria specifica che dà ai suoi lettori. E questo consiglio consiste nella raccomandazione, senza lunghe esitazioni, di investire in obbligazioni di prestito federali russe! Devi ammettere che un analista finanziario di fama mondiale non farebbe certamente affermazioni del genere senza valutare i pro ei contro nel modo più attento.

È proprio questo, infatti, equilibrato e responsabile, a contraddistinguere le valutazioni che i professionisti danno all'attuale situazione economica in Russia. Non solo Otsuba, ma, ad esempio, i suoi colleghi di una holding finanziaria simile, la svizzera UBS Group AG, che apprezzano molto anche il livello di stabilità della valuta nazionale russa e l'intera gamma di misure adottate nel paese a sostegno dell'economia. In questo contesto, le "previsioni" panico e ovviamente inverosimili con cui, dalla primavera di quest'anno e fino ad oggi, sono state riempite da molti media occidentali, non sembrano molto affidabili.

Da notare che in quest'area sono particolarmente attive pubblicazioni americane come Forbes e The Wall Street Journal, che più di altre cercano di riuscire a ritrarre immagini apocalittiche della Russia "trovata su un fondo economico", quasi sull'orlo della rovina e della fame. Qual è il fondo, signori ?! E tu, con il tuo previsto calo del PIL di almeno il 6-7% (negli Stati Uniti) e l'8-9% nell'Unione Europea, con la disoccupazione che sale al livello della Grande Depressione, “ti senti dispiaciuto” per noi, sperando segretamente nel peggio? Qualsiasi prova rende la Russia solo più forte: quando lo capirai finalmente ?!
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Alexey Semenenko Офлайн Alexey Semenenko
    Alexey Semenenko (Alexey Semenenko) 8 luglio 2020 11: 01
    -2
    Inesattezze di traduzione e conclusioni inverosimili.
    E lamentele costanti all'ONU, per la revoca di tutte le sanzioni. Senza eliminare i motivi che li hanno causati.
    1. Bulanov Офлайн Bulanov
      Bulanov (Vladimir) 8 luglio 2020 11: 19
      0
      Senza eliminare i motivi che li hanno causati.

      L'eliminazione delle ragioni che li hanno provocati può essere un ritorno ai confini del dopoguerra della seconda guerra mondiale, sancito nella decisione dei paesi vincitori.
      1. Alexey Semenenko Офлайн Alexey Semenenko
        Alexey Semenenko (Alexey Semenenko) 8 luglio 2020 11: 51
        -1
        SSR ucraino senza Crimea, RSFSR senza Kuban? Niente di così opzione.
  2. Oleg Ramover Офлайн Oleg Ramover
    Oleg Ramover (Oleg Pitersky) 8 luglio 2020 13: 08
    +3
    A giudicare dallo sprint con l'adozione degli emendamenti, ci aspetta un autunno divertente.
  3. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 8 luglio 2020 14: 12
    0
    Sanzioni, Yukos, Gazprom, Usmanov, Abramovich, Deripaska, Rusal, Kerimov, Arshukov, ......
    Un proverbio popolare lo descrive in questo modo: ......, e stiamo diventando più forti ....
  4. Il commento è stato cancellato
  5. Alex più ampio Офлайн Alex più ampio
    Alex più ampio (Alex Widerkehr) 8 luglio 2020 18: 40
    +4
    Sì, è tempo di dimenticare che lo sono. In Germania nessuno, tranne Schroeder, ricorda le sanzioni e non chiede che vengano revocate. Hai solo bisogno di continuare a svilupparti. Putin ha detto che ci sarà una svolta, ciò significa che ci sarà. Direi anche quando.
  6. Alex più ampio Офлайн Alex più ampio
    Alex più ampio (Alex Widerkehr) 8 luglio 2020 18: 48
    +2
    Circa l'ago dell'olio. Le entrate del petrolio e del gas in senso lato rappresentavano più di un terzo di tutte le entrate del sistema di bilancio russo (bilancio federale, bilanci regionali e fondi sociali), RBC calcolato sulla base dei dati del Ministero delle finanze, del Tesoro e del Servizio fiscale federale (FTS). Ci sono molti altri prodotti grezzi.