Cosa stanno cercando di nascondere gli Stati Uniti dietro la menzogna sulla collusione tra Russia e talebani?


Negli Stati Uniti, prosegue la "promozione" di uno scandalo apertamente inventato intorno a false informazioni su una presunta "ricompensa offerta dal GRU dello Stato maggiore russo ai militanti talebani per l'eliminazione dei militari americani".


La questione sta diventando tesa, come si suol dire, "con uno scricchiolio", ma le forze dietro la campagna per rendere pubblica e sostenere la nuova terribile bugia russofobica chiaramente non deporranno le armi. La posta in gioco è troppo grande, traguardi e obiettivi troppo ambiziosi, per il bene dei quali tutto questo è stato avviato. E il discorso è ben lungi dall'essere solo nell'agenda politica interna puramente americana. Cos'altro?

Non giudicare: non sarai soggetto a sanzioni


A prima vista, lo scandalo con le uccisioni dell'esercito americano "pagato" da qualcuno ai talebani non riguarda affatto la Russia. E nemmeno dell'Afghanistan. Essendo, infatti, l'organo di stampa ufficiale del Partito Democratico statunitense, il New York Times, che ha appena pubblicato almeno un numero ultimamente, in cui una vasca di merda non sarebbe stata versata sul 45 ° presidente del Paese, continua a "bagnare" abitualmente Donald Trump sforzi alla luce delle prossime elezioni. Tuttavia, perché è successo proprio ora e perché la questione afghana è stata scelta come un altro esempio dell '“attività filo-russa” del capo della Casa Bianca, odiata dai democratici? Per avvicinarsi alla comprensione di questi punti, è necessario confrontare alcuni degli eventi che hanno preceduto l'assurda pubblicazione.

Si tratta, prima di tutto, del decreto di Donald Trump dell'11 giugno di quest'anno, secondo il quale i membri della Corte penale internazionale (ICC) che osano condurre indagini contro le forze armate statunitensi o perseguirle senza il permesso degli stessi Stati Uniti possono da introdurre economico e altre sanzioni - dal blocco dei beni al divieto di ingresso nel paese così profondamente offeso da loro. Come di consueto, alla Casa Bianca la Corte penale internazionale è stata accusata di “corruzione” e “azioni illegali”, oltre che di “non attuare riforme”, a seguito delle quali “è diventata oggetto di manipolazione da parte di Stati ostili agli Stati Uniti”. Che cosa si intenda per paesi specifici in questo caso è profondamente incomprensibile. È molto strano se la Russia, nonostante la firma dello Statuto di Roma, partecipi alle attività della Corte penale internazionale solo in qualità di osservatore. Inoltre, alla fine del 2016, al Segretario generale dell'Onu è stata inviata una notifica firmata da Vladimir Putin in cui si afferma che il nostro Paese non intende espandere la propria collaborazione con questa organizzazione.

Se qualcuno lo ha dimenticato, il "punto focale" che ha portato al conflitto tra la CPI e gli Stati Uniti è stata la questione delle indagini sui crimini commessi sia dai militari che dalla CIA in Afghanistan dal 2003. L'ufficio del procuratore della Corte penale internazionale ha iniziato a lavorare in questa direzione nel 2006 e nel 2017 il suo dipendente Fatou Bensouda ha chiesto ai giudici il permesso di condurre azioni investigative ufficiali che potrebbero interessare sia gli americani che i talebani. La questione è stata risolta per molto tempo e nel 2019, dopo che gli Stati Uniti hanno introdotto restrizioni sui visti per tutte le persone che potrebbero essere coinvolte in questa indagine, e l'allora consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca John Bolton ha attaccato l'ICC con rimproveri e minacce, il preliminare Il procedimento ha respinto la mozione di Bensuda sulla base del fatto che il processo in questo caso presumibilmente "non sarebbe nell'interesse della giustizia".

Tuttavia, l'ostinato procuratore non si è arreso e ha presentato una nuova richiesta, questa volta alla Camera d'appello dell'ICC. E il 5 marzo di quest'anno l'appello è stato accolto, e con decisione unanime dei membri della Camera! La reazione di Donald Trump è descritta sopra ... E il punto non è solo che l'attuale leader americano per tutta la vita ha creduto e continua a considerare "grande" solo il proprio paese, quindi, anche il pensiero che qualcuno potrebbe chiedere agli Stati Uniti gli sembra folle per tutto quello che fanno in stati stranieri e territori stranieri. Sono in corso le elezioni, che potrebbero trasformarsi in un "Maidan" all'americana o anche peggio. Il principale rivale di Trump, Joe Biden, ha già chiesto apertamente ai militari di "far uscire Trump dalla Casa Bianca". Quindi l'attuale presidente ha bisogno del sostegno dell'esercito come l'aria - da qui una "riverenza" così forte nella sua direzione.

Motivi: molto ovvio e un piccolo segreto


La "deviazione", devo dire, è stata subito accertata: prima che Trump avesse il tempo di firmare il suo autografo ai sensi del decreto, il capo del Pentagono, Mark Esper, è subito saltato sul palco e si è picchiato al petto, giurando solennemente che non sarebbe mai apparso un solo valoroso soldato americano. davanti a un processo "nemico", che il segretario di Stato Mike Pompeo ha già definito "traditore" e "illegale". Si noti che il capo del dipartimento della difesa ha avuto la coscienza di non parlare almeno dell '"innocenza" dei propri subordinati. "Non risponderanno!" e punto. Molto americano ... E questa situazione, in cui il capo della Casa Bianca sembrava un affidabile protettore e salvatore dei guerrieri americani, doveva essere corretta e, ovviamente, dopo aver ricevuto istruzioni appropriate, il New York Times si è messo al lavoro. Ad oggi, non esistono prove delle accuse mosse dalla pubblicazione dalla parola "assolutamente".

Tutti coloro i cui interessi sono stati influenzati in un modo o nell'altro sono già usciti con una confutazione della "sensazione". Donald Trump, che è già annoiato da qualsiasi pubblicazione sul New York Times (e non senza motivo!), Tradizionalmente ha tradito il suo amato Twitter. Il ministero degli Esteri russo, questa volta non preoccupandosi troppo della complessità dell'etichetta diplomatica, ha definito le invenzioni degli autori del NYT e le "fonti" che menzionano come nient'altro che "ripieno" e "sciocchezze", dimostrando le "scarse capacità intellettuali" di coloro che pensavano a una tale assurdità. I rappresentanti dei talebani hanno anche rinnegato "i pagamenti per i capi degli americani" dai servizi segreti russi. Anche se, sembrerebbe - perché dovrebbero imbiancare la reputazione della Russia, dove questo movimento è classificato come terrorista e proibito? Proprio ieri, il generale Frank Mackenzie, capo del comando centrale delle forze armate statunitensi, ha parlato finalmente di questo tema e un rappresentante del Pentagono. A dire il vero, il suo discorso lascia un'impressione ambigua: l'alto grado o non dice qualcosa o, al contrario, cerca di "blaterare" l'argomento.

McKenzie conferma il fatto che la comunità dell'intelligence degli Stati Uniti "è giunta alla conclusione" che i rappresentanti del nostro paese presumibilmente "hanno offerto ai talebani una ricompensa per aver ucciso l'esercito americano". Ma poi il generale viene accettato francamente, scusate, "scherzare": secondo lui, "non ci sono prove che almeno un soldato americano sia morto di conseguenza". "I dati sono allarmanti, ma qui non vedo alcuna relazione di causa ed effetto ..." - questo è tutto. E come va inteso? I russi hanno offerto qualcosa? O i talebani non erano d'accordo? O semplicemente non sanno come sparare - quindi non hanno liquidato nessuno, avendo fallito l'intera faccenda? Il generale non spiega nulla di questo, lasciando molto spazio alle prossime fantasie deliranti. Ma in tutto ciò che riguarda il programma del "ruolo negativo della Russia" in Afghanistan, la sua eloquenza semplicemente non ha confini: i russi, secondo lui, "riforniscono i talebani da molti anni" e "hanno fornito loro sostegno finanziario", e in generale: " sono amici d'America e non lo auguro bene ". Perché dovrebbero ?! Soprattutto dopo tutto quello che hanno fatto gli americani in quegli anni in cui il nostro limitato contingente era di stanza sul suolo afghano ... In una parola, con il suo discorso, che alcuni si sono già affrettati a valutare come una confutazione delle sciocchezze del NYT McKenzie, infatti, nulla è stato smentito, ma soffiò solo ancora più nebbia e aggiunse carburante al fuoco. Non sorprende che sia già stato presentato un disegno di legge al Senato USA per imporre sanzioni contro i cittadini russi "per collusione con i talebani"! Il primo della lista è il nome di Vladimir Putin, che però è abbastanza naturale. Robert Menendez, naturalmente, un senatore democratico, ha preso il comando. Promettono di introdurre nuove restrizioni non appena "ci saranno prove" e qualcosa suggerisce che non sarà così.

Questa operazione speciale (e non c'è il minimo dubbio che si tratti di essa) non ha, come si addice a qualsiasi progetto del genere, non uno o anche due "fondi". Sì, il colpo principale è diretto contro Trump: se i Democratici riescono a convincere l'opinione pubblica a credere che "sapeva tutto, ma non ha fatto nulla", la questione potrebbe non arrivare alle elezioni. In questo caso, la carriera dell'attuale presidente potrebbe effettivamente finire con l'impeachment, di cui sono entusiasti. politico avversari dal momento in cui ha varcato la soglia della Casa Bianca. C'è un altro punto che è estremamente importante in questo momento. Il presidente repubblicano George W. Bush ha inviato l'esercito americano in Afghanistan. Tuttavia, è stato il protetto dei Democratici, il suo caro Barack Obama, che l'ha tenuta lì, ha aumentato il contingente e, molto probabilmente, ha coperto i numerosi crimini di guerra dei suoi compatrioti. Donald Trump, dobbiamo dargli il dovuto, stava cercando di ritirare i militari da questo paese (e non solo da lì, tra l'altro) - a partire dal momento in cui ha assunto la presidenza. Questo è ciò che i suoi avversari stanno ora cercando di "sorvolare", pronti a presentare il poveretto come un idiota irresponsabile, anche come un "agente del Cremlino" - solo per scaricarlo.

Ma questo non significherà in alcun modo che il successore di Trump aprirà le braccia agli investigatori della Corte penale internazionale e permetterà loro di tirare fuori alla luce del sole tutto il sangue e la sporcizia che i militari americani e, in particolare, gli agenti della CIA hanno lasciato in Afghanistan. Materiali lì, almeno alla nuova Norimberga. Prigioni segrete e case di tortura, villaggi civili e carovane fatte a pezzi da missili e attacchi con bombe, rapimenti e omicidi di civili che non erano affatto coinvolti nello scontro armato ... Per tutte queste "imprese" ragazzi coraggiosi, a stelle e strisce, "portando democrazia" al popolo afghano , scendono, al massimo, con pene ufficiali insignificanti, anche se secondo il diritto internazionale, quello che hanno fatto si sta trascinando a pene detentive enormi. Tuttavia, come sapete, non c'è estradizione dall'Hudson e gli Stati Uniti in nessun caso possono consentire la creazione di un precedente in cui i rappresentanti del loro esercito e dei servizi speciali si assumeranno la responsabilità reale dei loro crimini. Inoltre, saranno costretti a rispondere a molte domande estremamente scomode per Washington su chi esattamente e quali ordini hanno dato loro. Così si stanno compiendo tentativi disperati di "girare le frecce" sulla Russia, esponendola ancora una volta al ruolo di "male nel mondo" e "sponsor del terrorismo". Quindi, secondo i politici americani, il mondo dimenticherà, ad esempio, che Al-Qaeda, guidata da Osama bin Laden, è stata creata dai servizi speciali statunitensi per affrontare l'URSS in Afghanistan. E anche il fatto che durante la guerra in Afghanistan sia stata la CIA degli Stati Uniti a pagare a dushmans bonus abbastanza reali per l'assassinio di soldati e ufficiali sovietici.

Il fatto che gli Stati Uniti incolpano più spesso gli altri per i propri peccati e crimini è noto da tempo e dimostrato molte volte.
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.