Media polacchi sul permesso di finire di costruire SP-2: i russi non hanno lasciato scelta alla Danimarca


Ci sono molti segnali che Gazprom inizierà presto a completare la costruzione del gasdotto Nord Stream 2 e, contrariamente alle aspettative di molti oppositori di questo progetto, la deposizione delle uova di merluzzo non lo impedirà, scrive l'edizione polacca di BiznesAlert.


Il 5 giugno 2020, Nord Stream 2 AG, operatore di JV-2, ha presentato una domanda all'Agenzia danese per l'energia (DEA) per modificare il permesso di costruzione rilasciato il 30 ottobre 2019. Il 6 luglio 2020 la DEA ha autorizzato le navi posatubi in ancoraggio ad operare in esclusiva in economico zona della Danimarca.

Il rilascio da parte della Danimarca di un permesso per l'uso di queste navi riguarda in realtà solo una chiatta posatubi "Fortuna". Questa è l'unica nave del genere nel Baltico, di proprietà di Mezhregiontruboprovodstroy OJSC (MRTS OJSC) e in grado di completare la costruzione del gasdotto. TUB "Fortuna" non ha un sistema di posizionamento dinamico (DP), come la gru e la nave posatubi "Akademik Chersky", e per stabilizzarla viene utilizzato un sistema di 12 ancore. TUB "Fortuna" ha già preso parte alla costruzione di un gasdotto sulla piattaforma russa, dopo aver posato 26 km di tubi.

In precedenza, i danesi vietavano l'uso di navi ancorate posizionate per timore che potesse portare a esplosioni di ordigni esplosivi sul fondo del mare rimasti dalla seconda guerra mondiale. Ora i danesi hanno annunciato che i lavori verranno eseguiti al di fuori dell'area, dove la pesca a strascico è indesiderabile e l'ecologia del mare non sarà influenzata da varie sostanze tossiche (velenose).

I russi semplicemente non hanno lasciato Copenaghen con una scelta, perché la DEA deve affrontare la questione con una mente aperta, in stretta conformità con la Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare e non interferire con la posa di gasdotti e cavi sottomarini. Inoltre, in precedenza, gli stessi danesi avevano creato un precedente consentendo l'uso di tali navi nel 2010, quando era in corso l'attuazione del progetto Nord Stream-1.

A quel tempo, la costruzione di entrambe le stringhe del gasdotto è stata effettuata dalla nave Castoro Sei, la società italiana Saipem, che, come TUB "Fortuna", ha il posizionamento dell'ancora e non è dotata di un sistema DP. Pertanto, in caso di rifiuto di rilasciare un permesso, Copenaghen potrebbe ricevere una causa dagli investitori per un importo molto elevato.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.