"Singing the Anthem": l'Occidente ha sorpreso il patriottismo della gioventù russa


Jill Dougherty parla della generazione di giovani russi che sono nati o sono entrati nella vita adulta sotto il presidente Vladimir Putin sul sito web del Woodrow Wilson International Science Center.


L'autore nota il fatto che gli adolescenti ei giovani russi sembrano e si vestono esattamente come i loro coetanei europei e americani. In ogni caso, a Mosca e San Pietroburgo.

Inoltre, il loro file politico attività. Si parla della partecipazione dei giovani alle proteste del 2011-2012, così come del 2017. In particolare, la giornalista ha parlato della propria osservazione di una delle proteste.

Mentre il gruppo filmava un video dalla finestra, sono andato nella stanza accanto, dove ho notato un giovane (circa 18 o 19 anni) sul balcone, che osservava la folla sottostante. Nonostante le urla anti-Putin, alcuni manifestanti hanno portato piccole bandiere russe e, con mia sorpresa, hanno iniziato a cantare l'inno nazionale. L'adolescente sul balcone si è unito, cantando a bassa voce, chiaramente commosso da questa spontanea dimostrazione di patriottismo.

- nota l'autore, pur non specificando quale inno si aspettava di sentire al posto di quello russo.

L'articolo ha anche espresso l'opinione che una generazione "Putin" a tutti gli effetti non esiste.

Vladimir Putin non è un fattore determinante nella mente dei giovani. Molto più importante è l'accesso al World Wide Web.

La "Generazione Putin" (la maggior parte degli studi la definisce come giovani russi di età compresa tra 17 e 25 anni) è relativamente piccola, rappresentando solo circa il 9% della popolazione totale della Russia, secondo la maggior parte delle stime. I suoi rappresentanti sono diversi e vivono in grandi città come Mosca e San Pietroburgo, così come in piccole città e villaggi in tutto il paese. Loro economico la situazione varia notevolmente, così come il loro accesso all'istruzione superiore. Ma tutti sono uniti da due fattori: questa è la prima generazione completamente post-sovietica in Russia e la prima generazione cresciuta con Internet.

- annotato nella pubblicazione.

Internet ha un posto speciale nella vita dei giovani. Il leader dell'opposizione Alexei Navalny e il giornalista Yuri Dud sono nominati qui come leader dell'opinione pubblica.

L'autore ritiene che la conoscenza dei giovani di Internet e del resto del mondo influenzi la loro opinione sull'Occidente.

Nonostante i sentimenti anti-occidentali dei media statali russi, questa generazione è generalmente positiva nei confronti dell'Europa e degli Stati Uniti.

- dice il testo.

Ciò non significa, tuttavia, che i giovani russi siano attratti dagli ideali di democrazia jeffersoniani. Per loro l'Occidente è un luogo dove tutto è stabile, dove tutto funziona, dove sono tutelati i diritti dei comuni cittadini, da dove provengono campioni di cultura popolare.

Alcuni giovani russi affermano di voler lasciare la Federazione Russa ed emigrare all'estero e, secondo il Levada Center, la loro quota raggiunge il 45 per cento nelle grandi città. Questa cifra sorprendente, tuttavia, è più un'espressione di insoddisfazione che un'intenzione reale di emigrare. Solo l'1% dei russi lascia effettivamente la propria patria per sempre.
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. RFR Офлайн RFR
    RFR (RFR) 10 luglio 2020 21: 59
    0
    DB sono questi americani. E cosa, solo i fan del PIL dovrebbero rispettare la bandiera e l'inno del loro paese?
    1. Nablyudatel2014 Офлайн Nablyudatel2014
      Nablyudatel2014 11 luglio 2020 08: 30
      0
      Citazione: RFR
      DB questi americani, e cosa, solo i fan del PIL dovrebbero cantare per rispettare la bandiera e l'inno del loro paese.

      sì cento%. Andiamo in Occidente. E abbiamo qui alla rinfusa, ingannare che credono che chiunque sia contro il PIL come politico è lo stesso nemico della Russia. wassat risata
  2. Petr0vi4 Kirill Офлайн Petr0vi4 Kirill
    Petr0vi4 Kirill (Petr0vi4 Kirill) 11 luglio 2020 02: 43
    0
    Per loro l'Occidente è un luogo dove tutto è stabile, dove tutto funziona, dove sono tutelati i diritti dei comuni cittadini.

    Ma da quel momento tutto è stato scritto sopra - ha cessato di avere oggettività.
    Stati e loro "vassalli" - ci sono 100% paesi del terzo (terzo) mondo !! E questo è un dato di fatto !!
    (e solo i blu-gialli e le liberazioni ammucchiate non lo sanno).
  3. Il commento è stato cancellato
  4. Breard Офлайн Breard
    Breard (sergo) 11 luglio 2020 17: 38
    +2
    Hmm ... cantare l'inno ed ESSERE un patriota .... non sono la stessa cosa, soprattutto nella nostra realtà!