Le esportazioni di petrolio e gas russo in Europa sono state date solo 30 anni


Gazprom ha assemblato una flotta nel Baltico per completare la costruzione del Nord Stream 2. Oltre ad "Akademik Chersky", il processo coinvolgerà la chiatta posatubi "Fortuna", nonché le navi di rifornimento "Ostap Sheremet" e "Ivan Sidorenko", che dovevano essere guidate anche sotto scorta dall'Estremo Oriente. Molto probabilmente, verrà costruito il gasdotto sottomarino, poiché questa non è più una questione per il Cremlino economico convenienza, ma un'immagine politica.


Tecnicamente, la costruzione può essere completata e il pompaggio del gas è iniziato entro la fine del primo trimestre del 2021. Gli osservatori hanno notato un cambiamento nella posizione della Danimarca su questo tema. Se prima era Copenaghen a trascinare per anni il processo di approvazione, difendendo chiaramente gli interessi degli esportatori americani di GNL, ora il via libera all'uso di Fortuna è stato dato sorprendentemente rapidamente.

È possibile che ciò sia dovuto al crescente e palese interesse del presidente Donald Trump in Groenlandia, che ha esplicitamente annunciato la sua intenzione di acquistare. I danesi hanno risposto negativamente, e ora per la prima volta dal 1953, gli Stati Uniti hanno ripreso i lavori del loro consolato generale sul territorio dell'isola più grande del mondo, quindi convenientemente situata nella zona artica. In generale, c'è qualcosa a cui pensare a Copenaghen.

Forse questo va bene notizie fine.

In primo luogo, Nord Stream 2 inizierà a funzionare in un momento estremamente sfortunato. A causa della pandemia di coronavirus, il volume della domanda di risorse energetiche è diminuito e con esso il prezzo del gas. Inoltre, a causa delle norme discriminatorie del terzo pacchetto energetico dell'UE, entrambi i nostri flussi, primo e secondo, rimarranno pieni solo per metà.

In secondo luogo, La stessa Europa ha lanciato, per così dire, un "conto alla rovescia" per i progetti energetici russi. Kadri Simson, commissario europeo per l'energia, ha dichiarato in questa occasione quanto segue:

L'obiettivo dell'UE è diventare climaticamente neutro entro il 2050. Ciò significa che a quel punto avremo gradualmente eliminato i combustibili fossili.

Il rappresentante dell'UE ha chiesto a tutti i fornitori di energia di "tenerlo presente". Semmai includono il nostro paese, per il quale il mercato dell'UE è il più grande. In soli 30 anni, il Vecchio Mondo intende abbandonare l'uso di gas naturale, metano e petrolio. Per la Russia, che è saldamente sull'ago del petrolio e del gas, questa è una brutta notizia.

Letteralmente il giorno prima di noi detto che Bruxelles prevede di introdurre una tassa ambientale sui prodotti e sulle risorse naturali prodotte ed estratte con il rilascio di anidride carbonica nell'atmosfera. Questo da solo potrebbe costare ai nostri esportatori di petrolio, gas e metalli circa 50 miliardi di euro entro il 2030. E ora stiamo parlando di abbandonare completamente l'importazione di idrocarburi russi nell'orizzonte di tre decenni. Per l'attuale modello economico della Russia, senza alcuna esagerazione, ciò significa un completo collasso.

L'Europa pensa di sostituire il gas naturale con "gas decarbonatati", principalmente idrogeno. E poi siamo costretti a tornare al nostro ex Pubblicazione, in cui hanno raccontato come la Germania intende utilizzare l'infrastruttura di Gazprom per il pompaggio di "idrogeno verde". La cosa più sorprendente è che alla corporazione statale non dispiaccia davvero.

30 anni per sostituire completamente il modello economico - è molto o poco? Il governo sovietico è riuscito in qualche modo a sollevare il paese dalle rovine del dopoguerra e ad attuare un programma spaziale da zero in metà del tempo. La moderna Federazione Russa sarà in grado di farlo? Vedremo.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. King3214 Офлайн King3214
    King3214 (Sergio) 10 luglio 2020 11: 27
    +4
    L'Europa è il mercato più grande. Il più grande finora.
    Si ritiene che il Sud-est asiatico diventerà il più grande mercato per il consumo di petrolio e gas in pochi anni. E poi l'Europa dovrà "mangiare gli avanzi", ricevere idrocarburi secondo il "principio del residuo". Vediamo quindi come saranno "climaticamente neutrali" e quanto gli costerà questa "neutralità" ...
  2. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 10 luglio 2020 11: 55
    +7
    30 anni non sono solo un periodo "lungo". Questo è un termine "enorme". Il mondo sta cambiando quasi ogni giorno. Il fatto che la Russia avrà problemi è comprensibile. Difficilmente fatale. Ma quali problemi avranno i paesi di transito dopo l'entrata in vigore della joint venture-2? E dopo che l'UE rifiuta gli idrocarburi?
    ----
    frase

    perché per il Cremlino non è più questione di opportunità economica, ma di immagine politica.

    - mi ha già serrato i denti. Questo è precisamente un progetto economicamente sostenibile. La Polonia voleva un contratto di transito del gas di 30 anni (!!!). È divertente. E questo è dopo il tribunale sulla variazione del prezzo di transito. Come previsto, GazProm ha rifiutato di partecipare alla gara e non c'erano altri partecipanti. Quindi, anche il transito attraverso la Polonia termina nel 2021. Così come le forniture di gas alla Polonia. È qui che risiede la decisione politicamente motivata della Polonia senza una singola componente economica.
    ----
    Non mi aspettavo nulla di inaspettato nel comportamento di Polonia e Ucraina. E non è successo niente di inaspettato. L'UE vuole vivere senza idrocarburi russi: la bandiera nelle sue mani e il vento nella sua schiena gobba.
  3. Dima Dima_2 Офлайн Dima Dima_2
    Dima Dima_2 (Dima Dima) 10 luglio 2020 12: 35
    +2
    Per quanto ho capito, vogliono usare l'idrogeno per accumulare energia in eccesso da fonti energetiche rinnovabili. Una tale mega batteria. Ma la tecnologia è ancora molto rozza, economicamente difficile da giustificare. Quindi non è così semplice.
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 11 luglio 2020 10: 52
      +1
      Hanno 30 anni davanti a loro e un enorme potenziale scientifico, industriale e finanziario ...
  4. 123 Online 123
    123 (123) 10 luglio 2020 12: 38
    +5
    Innanzitutto, Nord Stream 2 inizierà a funzionare in un momento estremamente sfortunato. A causa della pandemia di coronavirus, il volume della domanda di risorse energetiche è diminuito e con esso il prezzo del gas. Inoltre, a causa delle norme discriminatorie del terzo pacchetto energia dell'UE, entrambi i nostri flussi, primo e secondo, rimarranno pieni solo per metà.

    Pensi che la pandemia sia per sempre e la domanda rimarrà la stessa? Prima di tutto, la possibilità di pompaggio è importante, saranno lasciati senza tubo ucraino e senza gas, tutti i "pacchetti" verranno rimossi. Oggi hanno scritto sul sito, "Prime" pompe superiori alla capacità di progetto.

    In secondo luogo, la stessa Europa ha lanciato, per così dire, un "conto alla rovescia" per i progetti energetici russi.

    È possibile che il commissario europeo all'energia si consideri un elfo che mangia nettare e chiaro di luna, ma questo non significa che l'industria tedesca potrà lavorare senza energia e le case degli europei saranno riscaldate dal sorriso di questa straordinaria donna estone .


    Gli europei vogliono passare all'idrogeno o alla legna da ardere, vogliono ancora andare in Siberia per loro.
  5. GRF Офлайн GRF
    GRF 10 luglio 2020 14: 15
    +4
    30 anni fa l'UE non esisteva, tra 30 anni l'UE come organizzazione potrebbe non diventare, a differenza del freddo, per la lotta contro la quale saranno rilevanti i mezzi "antidiluviani" ...
  6. Oyo Sarkazmi Офлайн Oyo Sarkazmi
    Oyo Sarkazmi (Oo Sarcasmi) 10 luglio 2020 22: 30
    +4
    30 anni fa c'era l'URSS con gli scaffali vuoti e il nobile de Bil Gorbachev.
    Tra 30 anni ci sarà un'Ue con scaffali vuoti e non meno nobili de ... Commissari. Perché non ci sarà nulla da pagare per i prodotti cinesi e niente per produrre i propri.