Politica estera: tre motivi per cui la Turchia è intervenuta nel conflitto libico


La Turchia sostiene militarmente e finanziariamente il CNT in Libia, il governo di Tripoli, riconosciuto dalla comunità internazionale. Ankara invia militanti e un militare per aiutare le truppe di Faiz Saraj. tecnica... Ma perché Erdogan sostiene il Governo di Accordo Nazionale e perché la Turchia è intervenuta nel conflitto libico? La questione viene analizzata da esperti di politica estera.


Secondo gli analisti di FP, ci sono tre ragioni principali. Il primo è l'impegno di Erdogan politica il partito al potere AKP nel paese, la cui agenda esterna è spesso chiamata "neo-ottomano". La Turchia, quindi, seguendo il percorso del Partito della giustizia e dello sviluppo, sta gradualmente ripristinando la sua influenza militare e politica nei paesi che un tempo appartenevano all'Impero Ottomano. I successi militari della Turchia in Libia sono vantaggiosi per lo status di AKP e consentono alla stampa di elogiare Erdogan (che potrebbe essere importante in vista delle elezioni presidenziali del 2023) nonostante modesti economico risultati di quest'ultimo all'interno della stessa Turchia.

La seconda ragione possibile è che le azioni di Ankara in Libia minano gli interessi economici di Grecia, Egitto, Cipro e Israele nella regione. Le autorità di questi paesi prevedono di creare un consorzio per lo sviluppo dei giacimenti di gas nel Mediterraneo orientale, il che è svantaggioso per la Turchia, che qui ha i suoi interessi economici. Inoltre, sulla base economica dei suddetti paesi, si può creare un'alleanza quasi politica, diretta contro la Turchia, che quest'ultima cerca di impedire.

La terza ragione dell'intervento della Repubblica turca negli affari libici è la capacità di confrontarsi con l'Egitto e gli Emirati Arabi Uniti in Libia. Le contraddizioni tra Turchia ed Egitto sono ben note. Entrambi gli stati sono su lati opposti rispetto ai principali problemi di preoccupazione per il Medio Oriente, tra cui Siria, Gaza e il blocco del Qatar. La Turchia è anche uno dei principali sostenitori della Fratellanza Musulmana, offrendo rifugio ai suoi membri a Istanbul e incoraggiando la propaganda antiegiziana in tutto il mondo.

Gli Emirati Arabi Uniti sono dalla parte dell'Egitto nella sua opposizione alla Turchia. Le autorità turche accusano Abu Dhabi di sostenere il Kurdish Workers 'Party (un'organizzazione terroristica bandita in Turchia), Bashar al-Assad in Siria, la politica anti-turca in Somalia e Yemen, nonché il coinvolgimento nel colpo di stato anti-statale ad Ankara nel 2016.

La politica estera della Turchia nella regione del Medio Oriente ha un colore nazionalista anti-occidentale, dimostrato più chiaramente dai turchi in Siria e Libia. Sulla base di ciò, gli analisti di politica estera ritengono che le autorità turche non dovrebbero sorprendersi dell'opposizione a Erdogan da parte delle potenze occidentali e regionali.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. 123 Офлайн 123
    123 (123) 10 luglio 2020 18: 44
    0
    Che tipo di analisi è questa? assicurare

    La politica estera della Turchia nella regione del Medio Oriente è anti-occidentale, nazionalista.
    ... Le azioni di Ankara in Libia minano gli interessi economici di Grecia, Egitto, Cipro e Israele nella regione ...
    La Turchia è anche uno dei principali sostenitori dei Fratelli Musulmani, ospitando membri a Istanbul e incoraggiando la propaganda anti-egiziana ...
    Gli Emirati Arabi Uniti sono dalla parte dell'Egitto nella sua opposizione alla Turchia

    Foreign Policy non legge i giornali? Dov'è Putin, Wagner, Mozart? Dove "la Russia dovrebbe assolutamente mettere Erdogan al suo posto"? Dove sono i mercenari, l'aviazione russa, la cavalleria?
    Cosa sta succedendo al giornalismo americano? assicurare Dopo tutto, la pubblicazione verrà chiusa. che cosa
  2. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 12 luglio 2020 11: 48
    +3
    Erdogan non sta giocando contro nessuno. Sta cercando di giocare per la Turchia. Questi sono gli ultimi tentativi isterici di salvare la Turchia dal collasso economico e dalla disintegrazione territoriale. Non ci sarà pace globale. Il mondo sarà diviso in diverse zone valutarie. I leader di zona bloccheranno il libero flusso di capitali e merci. Le catene tecnologiche (il movimento delle merci dalle materie prime al consumatore finale) saranno ripetutamente interrotte. E la gente sarà terribilmente sorpresa: come possono paesi così potenti e tecnologicamente avanzati trovarsi in un terribile fallimento.
    La Turchia è un ottimo esempio. Non producono nulla di cui non si può fare a meno e catastroficamente non ci sono risorse proprie (materie prime, energia).
    I capi di zona apriranno i loro (e i loro subordinati) mercati solo come un grande favore, ai loro fedeli. E coloro che ora stanno correndo abbaiando nella Federazione Russa capiranno rapidamente e tristemente cosa hanno ingannato esattamente i Ramses. La stessa situazione con le materie prime.
    Ed Erdogan (a differenza di tanti altri) lo capisce e sta cercando di procurarsi almeno idrocarburi. Ma non capisce che, giocando per se stesso, gioca involontariamente contro tutti. Pertanto, non ha possibilità.
    E non lo schiacceranno completamente in Libia (anche se potrebbero). Per ora, i protagonisti hanno bisogno di una guerra lenta in modo che (Dio non voglia) nessuno (non importa chi) inizi a produrre normalmente idrocarburi libici. Ed Erdogan (di nuovo, inconsapevolmente) aiuta i suoi oppositori a impedire che gli idrocarburi libici entrino nel mercato.
    "Il violinista non serve, cara ..." (C)
    1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 18 luglio 2020 15: 55
      +1
      In generale, hai ragione, solo la Russia dovrebbe essere rapidamente rimossa dall'agenda dei partecipanti in Libia, anche sotto forma di "sinfonie di Wagner", perché ci sarà un chiaro eccesso di partecipazione a due conflitti di lunga data ... Ci sono ancora molti casi in Siria ...