Putin e Breznev: tre somiglianze e cinque differenze


Dopo l'adozione degli emendamenti alla Costituzione della Russia, tra i quali c'è una clausola di "azzeramento" dei termini presidenziali, la stampa occidentale (ad esempio, una pubblicazione come il Financial Times) ha subito iniziato a confrontare l'attuale leader del nostro paese, Vladimir Putin, con il segretario generale del Comitato centrale del PCUS Leonid Brezhnev, dicono che anche lui "governerà a vita".


Inoltre, sulla base di tale affermazione, diciamo controversa, si cerca di tracciare paralleli ancora più profondi riguardo "l'incapacità dell'attuale governo russo di attuare riforme di vasta portata" e, quindi, dichiarare il tempo di Il mandato di Vladimir Vladimirovich al più alto incarico statale identico all '"epoca di stagnazione di Breznev".

Come sai, la carta resisterà a tutto. Nei media occidentali sul nostro paese, a volte passano massime molto più deliranti - e niente. Tuttavia, la questione stessa del confronto tra i due leader è piuttosto interessante. Bene, proviamo a capire da soli cosa hanno in comune Vladimir Putin e Leonid Brezhnev e cosa li distingue l'uno dall'altro nel modo più fondamentale. Credimi, alcune delle risposte a questa domanda ti sorprenderanno molto ...

Circa le somiglianze


Faccio subito una prenotazione - non intendo iniziare la nostra conversazione con particolari, come confrontare il numero di ordini dei nostri eroi o le loro preferenze personali riguardo al relax in seno alla natura. Sì, noteremo sicuramente che Vladimir Vladimirovich, fortunatamente, è privato della passione che ha attanagliato nell'ultimo periodo del regno e della vita di Leonid Ilyich per vari premi e alti gradi militari, ma è questa la cosa principale? Diamo prima un'occhiata a momenti simili in politico carriere di Putin e Breznev.

1. Nei suoi momenti fatali ...

Ammettiamo che sia Vladimir Vladimirovich che Leonid Ilyich si siano trovati nel ruolo di "prime persone" del tutto inaspettatamente per i loro concittadini e sotto molti aspetti per se stessi. Breznev prese il timone del partito e del paese dopo la cacciata di Krusciov. Boris Eltsin ha "consegnato" la Russia a Putin, rendendosi conto dell'assoluta impossibilità di restare al potere. In entrambi i casi, i leader appena nominati (o neoeletti) hanno subito un'eredità estremamente difficile. Si può discutere a lungo chi ha causato il danno maggiore: Krusciov, che ha quasi ucciso l'Unione Sovietica con le sue "riforme" selvagge, o Eltsin, che ha portato la Russia, come si suol dire, al limite. Inoltre, c'era sangue su entrambi i "predecessori" - con l'unica differenza che Nikita Sergeevich ha sparato e schiacciato i suoi concittadini con i carri armati a Novocherkassk e Gori, e Boris Nikolayevich si è concesso la stessa cosa già a Mosca. Un altro punto comune è che la guerra in Cecenia è finita nelle mani di Putin, mentre Breznev era destinato a prevenire processi “separatisti” sostanzialmente simili alla scala del “campo socialista” inviando truppe in Cecoslovacchia. Dio sa chi è stato più difficile sotto questo aspetto. Affronta, comunque, entrambi.

2. Persone in uniforme

Qualcuno potrebbe essere indignato: dicono, non è corretto confrontare il passato militare di Breznev e il servizio di Vladimir Vladimirovich nel KGB, ma personalmente non la penso così. Una persona indossava gli spallacci o no, e per coloro che comprendono l'essenza del problema, questo dice tutto. Sì, Leonid Ilyich ha preso parte personalmente alle battaglie della Grande Guerra Patriottica, per la quale ha onore e gloria eterni. Tuttavia, nella sua carriera militare, è sempre rimasto un lavoratore politico e non ha superato la carica di vice capo della Direzione politica principale dell'esercito sovietico e della Marina. Putin, come ricordiamo, era a capo del Servizio di sicurezza federale della Russia e, diciamo, in un momento tutt'altro che facile per il Paese, cioè "maturò" nel suo dipartimento "nativo" fino al posto numero 1. Indubbiamente, nel futuro stile di leadership di entrambi i leader, il tempo trascorso "nei ranghi", l'abitudine alla rigida disciplina, un sistema di coordinate in cui gli ordini non vengono discussi, ma eseguiti, hanno giocato un ruolo importante. Per quanto riguarda Breznev, stiamo ovviamente parlando del periodo "iniziale" del suo regno, quando era un leader attivo e duro, e non del tempo in cui, con tutte le sue insegne e titoli, era già solo un vecchio malato l'uomo, infatti, si è ritirato dalla vera guida dello Stato, e non è in grado di esercitarla fisicamente.

3. Economia deve essere...

“Crollo” è la parola che può essere usata per definire la situazione nell'economia, che è diventata il punto di partenza per entrambi gli eroi della nostra conversazione. Il mais calvo portò l'Unione Sovietica quasi sull'orlo della fame, in cui l'Occidente dovette comprare grano in cambio di oro e cancellò la maggioranza assoluta degli ingegnosi piani economici e delle imprese di Stalin. Quello che la Russia ha affondato sotto El'cin - tutti lo ricordano perfettamente - non c'è bisogno di ripeterlo. La "stagnazione di Breznev" viene ora discussa principalmente dai sostenitori della "perestrojka" che non sono ancora tornati in sé. A proposito, questo termine vile in sé non è stato inventato da nessun altro, sia personalmente Gorbaciov, il grande, sia dal suo "riformatore". L'ottavo piano quinquennale "Breznev" (1966-1970) è definito "d'oro" dagli economisti sinceri, che ha segnato la rapida ascesa dell'economia nazionale in URSS. E questo nonostante il fatto che nel 1967 il Paese abbia introdotto il familiare a tutti noi "cinque giorni". La crescita della popolazione dell'URSS di 12 milioni di persone, un aumento del reddito della popolazione di una volta e mezza, più di 160 mila persone che hanno ricevuto gratuitamente (!) Alloggi - è questa "stagnazione" ?! L'aumento del prodotto sociale lordo solo durante gli anni dell'ottavo piano quinquennale del 350%, ogni secondo aereo di linea e ogni terza automobile nel mondo, prodotti in URSS - "stagnazione" ?! Solo coloro che l'hanno distrutta raccontano storie sull'Unione Sovietica "povera e affamata". Allo stesso modo, i soggetti che hanno dimenticato gli orrori degli anni '90 con la loro disoccupazione, banditismo, povertà e altri "piaceri" amano speculare sulle "difficoltà e privazioni della gente" sotto Vladimir Putin. Sotto entrambi i leader, la vita è diventata più facile e più soddisfacente per la maggior parte delle persone.

E le differenze


Bene, bene, abbiamo parlato di coincidenze, ora parliamo delle differenze. Certo, ce ne sono molti di più, sono molto più profondi e più seri di momenti simili - dopotutto, i leader di cui stiamo discutendo, dopotutto, governati, in generale, diversi paesi e in tempi completamente diversi.

1. I nostri anni sono difficili ...

Quei leader in Occidente che scrivono che a seguito degli emendamenti alla Costituzione "i russi avranno un nuovo Breznev", come al solito, conoscono la nostra storia nel modo più superficiale. Mi affretto a sconvolgerli: Vladimir Vladimirovich è già ai vertici del governo più del “caro Leonid Ilyich”. 20 anni contro 18 anni. E, come possiamo vedere, cammina e parla abbastanza allegramente, non ha problemi di salute. Così come con il processo decisionale e la partecipazione personale alla guida del paese. Il fatto è che a differenza di Breznev, che ha assunto la carica di Primo e poi Segretario generale del Comitato centrale del PCUS all'età di 60 anni, Vladimir Putin è diventato presidente della Russia a 47. Tuttavia, ovviamente, questo non è l'unico motivo . Nel corso degli anni, sia la commozione cerebrale in prima linea che l'infarto che ha subito nel 1952 hanno avuto un effetto estremamente negativo sulla salute di Breznev. E il suo stile di vita era ben lungi dall'essere sano come il nostro attuale leader: non amava il judo, ma con le sigarette più forti "notizie"E la sua amata" Zubrovka "non si separò quasi a morte, nonostante il severo divieto dei medici" Kremlyovka "dopo aver subito la morte clinica nel 1976. Bene, non dimenticare che la medicina, così come i modi per mantenere la longevità attiva, sono notevolmente migliorati dai tempi di Breznev. Si spera che, per il suo 70 ° compleanno, che è proprio dietro l'angolo, Vladimir Vladimirovich arriverà in una forma fisica molto migliore di Leonid Ilyich, che da quell'età ha iniziato a passare davanti ai nostri occhi.

2. Senza festa, ma con oligarchi

Confrontando la regola di Putin (soprattutto il suo periodo iniziale) e i tempi di Breznev, sarebbe del tutto errato non menzionare la differenza più, forse, più fondamentale. Leonid Ilyich ottenne uno stato con un sistema monopartitico, il ruolo di "guida e guida" in cui nessuno pensava di contestare seriamente. Opposizione? Proteste di massa? Di cosa stai parlando ?! Inoltre, non c'erano praticamente gruppi sociali o clan nel paese che il suo leader potesse seriamente temere. Sì, non dico, il Politburo del Comitato Centrale del PCUS era ancora un terrario, si trascinavano intrighi "sotto copertura", si combatteva la lotta per il potere, ma tutto questo avveniva, per così dire, "all'interno del quadro". Dove gli allora capi di partito e di stato erano prima degli oligarchi dei primi anni 2000, che immaginavano che l'intero paese non fosse solo il loro feudo, ma nel senso più letterale della parola proprietà. E qui, sai, una specie di presidente ... non voglio sminuire i meriti ei meriti di Leonid Ilyich, ma, davvero, non si sa se avrebbe resistito a quella battaglia per il potere reale nello stato, che Vladimir Vladimirovich ha avuto la possibilità di guidare in alcune fasi della sua carriera. Una cosa è governare un paese in cui, appunto, c'è il quotidiano Pravda, il programma Vremya e da qualche parte sottoterra, samizdat, insieme alle "voci nemiche" attutite al limite sotto forma di stazioni radio occidentali. Ed è tutt'altra cosa guidare nell'era di Internet, grazie al quale, come dimostra l'esperienza, "persone appositamente addestrate" sono in grado di trasformare la situazione in rivolte e colpi di stato.

3. "Guerra fredda" e offensiva contro la Russia

È difficile dire quale dei due leader sia stata una grande delusione per l'Occidente. Breznev era percepito lì come una buona alternativa all'aggressivo idiota Krusciov, che batteva lo stivale sul podio delle Nazioni Unite e prometteva di "mostrare la madre di Kuzkin", e poi organizzava crisi del tutto reali, come le crisi dei Caraibi e di Berlino, minacciando di degenerare guerra mondiale termonucleare. Leonid Ilyich era molto più pacifico, ha anche firmato accordi sulla riduzione delle armi offensive strategiche e sul non utilizzo delle armi nucleari. Le relazioni tra l'Unione Sovietica e l'Occidente migliorarono in modo significativo sotto di essa, e non a costo di cedere gli interessi nazionali. Tuttavia, alla fine, dopo che tutto è andato in pezzi, Reagan ha dichiarato l'Unione Sovietica un "impero del male" e le sanzioni sono piovute sul nostro paese, il che è tipico, mirate principalmente a interrompere i progetti per costruire gasdotti in Europa. Non cambia nulla ... Da Putin, al contrario, si aspettava il proseguimento della politica estera del suo predecessore, pronto a dare al Paese "un calice di lode" dall'Occidente. E lui cos'è ?! Quel "discorso di Monaco", poi "Primavera di Crimea", e poi anche una promessa di incorporare "nei centri del processo decisionale" una dimostrazione sostanziale di ciò che esattamente batteranno. La differenza qui è che Breznev era un leader sovietico e non ci si aspettava che si arrendesse nemmeno durante la Guerra Fredda. Ma Vladimir Vladimirovich "ha mescolato le carte" per i nostri "cari partner", che sono abituati a vedere in Russia un esecutore sottomesso della loro volontà, e nel modo più disinvolto. Questo è il motivo per cui oggi l'Occidente sta sfidando non solo il diritto della Russia a una politica estera e interna indipendente, ma, di fatto, di esistere come stato sovrano. E Putin è percepito lì come un avversario molto più serio di Breznev. Vedono in lui non solo un avversario, un nemico.

4. In guerra, come in guerra

Nonostante il fatto che Leonid Ilyich sostenesse la "pace nel mondo", lo sviluppo del complesso militare-industriale sovietico era in pieno svolgimento ai suoi tempi e non esitò a usare la forza al di fuori dell'URSS, anche se lo faceva molto raramente. Il conflitto militare più grave in cui l'Unione Sovietica ha avuto la possibilità di partecipare all'era Breznev è stato l'Afghanistan. Tutto iniziò durante la vita di Leonid Ilyich nel 1979 e finì dopo che se ne fu andato. Un analogo diretto per il confronto qui può essere una compagnia dell'esercito russo in Siria: è lì che per la prima volta da quando hanno lasciato l'Afghanistan, le nostre truppe svolgono il loro dovere internazionale. La differenza, vedi, è colossale, e in ogni cosa. Qual è la tempistica della campagna, quali sono i risultati raggiunti, quali (e questo, a mio avviso, è il più importante) nell'entità delle perdite subite dai nostri soldati. Ahimè, non ci sono guerre senza morti. Come, a proposito, non ci sono grandi potenze che non le conducano lontano dal proprio territorio, al fine di rispettare i trattati alleati e perseguire i loro interessi geopolitici. Tuttavia, la Russia sotto Putin è riuscita a evitare i principali errori e calcoli errati fatti dalla leadership militare e politica dell'URSS in Afghanistan. Almeno per ora…

5. E qualcosa sulla cosa principale

Per cominciare, un'altra coincidenza: Breznev e Putin sono gli unici due leader sotto i quali si sono svolti i giochi olimpici sulla nostra terra. Ed entrambe le volte questo evento significativo è stato oscurato dalla malizia politica dell'Occidente. Tuttavia, nel 1980 tutto si limitava a un boicottaggio da parte degli Stati Uniti e dei suoi satelliti, e ora è stata intrapresa una strada per "cacciare" la Russia dal movimento olimpico quasi per sempre. E questa è la differenza fondamentale: Breznev guidava un paese che si estendeva su 1/6 del firmamento terrestre, l'Unione Sovietica faceva affidamento sul sostegno di eventuali alleati nell'Organizzazione del Patto di Varsavia e nel Consiglio per l'assistenza economica reciproca. L'Occidente doveva semplicemente fare i conti con tutto questo, "giocare a lungo" e perseguire una politica volta a indebolire e distruggere gradualmente l'Unione Sovietica, in modo che fosse coronata dal successo quasi un decennio dopo la morte di Leonid Ilyich. Oggi il ritmo è diverso, i tassi sono diversi, gli obiettivi sono diversi. In Occidente, si insinuano di nuovo nei nostri affari interni, cercano di trovare difetti nel nostro leader e ci impongono consigli. In particolare, chiedono "riforme di vasta portata necessarie per trasformare l'economia", che risulta essere "basata su petrolio, gas e materie prime" (anche se i recenti eventi legati alla "guerra del petrolio" hanno dimostrato che questo è lontano dal caso). Stanno cercando di dichiarare Vladimir Putin "il nuovo Brezhnev" lì, senza rendersi conto che gli stanno facendo un complimento pesante - se nel 2006, secondo i sondaggi di opinione, meno del 30% dei russi ha espresso un atteggiamento positivo nei confronti di Leonid Ilyich e del suo tempo e nel 2017 già il 47%.

Non sto citando affatto questi dati perché possiamo ancora ricordare il tempo del governo di Vladimir Putin come "l'età dell'oro". Al contrario: nonostante tutto il successo dell'era Breznev, il paese ha successivamente perso il potenziale accumulato nei suoi anni, sperperato e deragliato. Mi piacerebbe moltissimo la principale differenza rispetto a quel periodo storico del "tempo di Putin", non importa quanto durerà, che gli anni in corso non saranno l'ultima fermata prima che lo stato si muova verso un vicolo cieco, ma una fase della Russia. percorso verso nuovi traguardi e vittorie.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
16 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Imperiali Офлайн Imperiali
    Imperiali (Igor) 11 luglio 2020 10: 22
    +3
    In primo luogo, i tempi di stagnazione stanno ora iniziando a essere percepiti come un tempo leggendario di calma e tranquillità. Sono già tempi epici in cui non c'erano persone povere, affamate e senza tetto. A proposito, l'aspettativa di vita nel nostro paese si sta avvicinando solo ora a tempi stagnanti. In secondo luogo, Leonid Ilyich Brezhnev nel 1976-1977 era un leader normale e adeguato. In terzo luogo, guarda i nostri potenziali partner, Trump sta ancora resistendo e Biden si sta comportando come Leonid Ilyich dopo le Olimpiadi di Mosca.
  2. lavoratore dell'acciaio 11 luglio 2020 10: 56
    +2
    Confrontando Putin e Breznev? Perché non con Stalin? Se dobbiamo impegnarci in servilismo, non dovremmo essere timidi! Dobbiamo in qualche modo aggrapparci al grande! Breznev non commerciava nella sua patria. Se qualcosa veniva venduto (esportato), allora tutto andava al benessere dello Stato e del popolo.

    La crescita della popolazione dell'URSS di 12 milioni di persone, un aumento del reddito della popolazione di una volta e mezza, più di 160 mila persone che hanno ricevuto gratuitamente (!) Alloggi - è questa "stagnazione" ?! Un aumento del prodotto sociale lordo solo durante gli anni dell'ottavo piano quinquennale del 350%, un aereo di linea su due e un'auto su tre nel mondo prodotti in URSS

    Per riempire gli scaffali dei negozi, bastava alzare i prezzi! Dopotutto, c'era di tutto al bazar tutto l'anno !! Coscienza. Questo è ciò che Putin non ha! Il salario minimo sotto Breznev era di 70 rubli al mese. Kommunalka 6-8 rubli, una pagnotta di pane 12-15 copechi. Elettricità - 2 copechi Aereo, treno, benzina: potrebbe andare avanti all'infinito. Dovevi solo aumentare i prezzi e riempire gli scaffali dei negozi. La coscienza non ha permesso alle persone di derubare. Putin - il salario minimo di 11300 rubli al mese. L'entourage di Putin guadagna un milione di rubli al giorno! In un giorno!!!!!!! E guarda negli occhi la gente da 20 anni e sorride. Gli anni '90 non sono andati da nessuna parte. È solo che lo stipendio non viene ritardato di 4-6 mesi, ma viene pagato mensilmente in modo che non muoiano di fame. Banditi e truffatori si sono trasferiti nelle cattedre di alloggi e servizi comunali, deputati, LLC e AOE, società di sicurezza, ecc. Pertanto, gli anni '90 possono iniziare anche domani, basta fare clic con il dito. La rapina continua. Stalin non è su di TE !!!
    1. plabu Офлайн plabu
      plabu 11 luglio 2020 11: 59
      -1
      Citazione: acciaio
      ... Il salario minimo sotto Breznev era di 70 rubli al mese. Kommunalka 6-8 rubli, una pagnotta di pane 12-15 copechi. ... Putin è il salario minimo di 11300 rubli al mese ...

      Pensi di essere l'unico che ha ritrovato quei tempi? Hai indovinato le figurine, e riguardo al salario minimo - INSEGNA LA PARTITA, che sotto Breznev, che sotto Putin - mia nonna non riceveva 70, e anche adesso il salario minimo è diverso - cambia il manuale di formazione, già stanco della mia monotonia. .. negativo. prepotente
  3. Breznev è il miglior sovrano della Russia di tutti i tempi e di tutti i popoli! Il regno dei cieli per te, caro Leonid Ilyich!
  4. Nikolay Malyugin Офлайн Nikolay Malyugin
    Nikolay Malyugin (Nikolay Malyugin) 11 luglio 2020 12: 23
    +2
    Non valuterò ciascuno di questi leader perché servono interessi opposti. Non importa quanto sia bravo un cap leader. società, servirà sempre l'élite dominante. Il ruolo stesso dell'esercito sovietico era associato al popolo. Non siamo entrati nei dettagli delle armi. Ma credevano fermamente che l'esercito ci avrebbe protetti. La rivista Armament of Foreign Armies era destinata solo agli ufficiali. Potremmo lavorare in pace, senza alcuna isteria militare. E l'isteria ha un aspetto negativo: il panico. E questo è stato dimostrato dal caso del coronavirus. Penso che questa infezione sarebbe stata percepita in modo diverso sotto l'Unione Sovietica.
  5. lavoratore dell'acciaio 11 luglio 2020 14: 40
    -1
    cambio manuale di allenamento, sono stanco della mia monotonia ...

    E non hai monotonia - una maleducazione. L'istruzione è necessaria per gli argomenti.
    "Qual è il pop, così è la parrocchia."
    1. plabu Офлайн plabu
      plabu 11 luglio 2020 15: 09
      0
      Citazione: acciaio
      .. cambio manuale di allenamento, sono stanco della mia monotonia ...

      E non hai monotonia - una maleducazione. L'istruzione è necessaria per gli argomenti.

      "Qual è il pop, così è la parrocchia."

      Ed ecco il prete, lei stesso capirà, forse - in sostanza ci sono obiezioni - che dire di Breznev, che dire del salario minimo sotto Putin? Quanti salari minimi sono ora e da quale data - tu stesso troverai su Internet, non piccolo, almeno imparerai qualcosa ... prepotente
      E chiunque scriverà di maleducazione qui, e anche di educazione - togliti PRIMA il tronco dai tuoi occhi ... negativo. hi
  6. Oleg Ramover Офлайн Oleg Ramover
    Oleg Ramover (Oleg Pitersky) 12 luglio 2020 01: 34
    -4
    Quei leader in Occidente che scrivono che a seguito degli emendamenti alla Costituzione "i russi avranno un nuovo Breznev", come al solito, conoscono la nostra storia nel modo più superficiale.

    Ebbene, anche la rispettata Necropny non è particolarmente forte nella storia.

    “Crollo” è la parola che può essere usata per definire la situazione nell'economia, che è diventata il punto di partenza per entrambi gli eroi della nostra conversazione. Il mais calvo portò l'Unione Sovietica quasi sull'orlo della fame, in cui l'Occidente dovette comprare grano in cambio di oro e cancellò la maggioranza assoluta degli ingegnosi piani economici e delle imprese di Stalin.

    Ancora una volta una bugia. Breznev ha ottenuto un superpotere, che è diventato tale sotto Krusciov. Tali tassi di crescita economica, come sotto Krusciov, in URSS non si verificarono mai più. E, a differenza del suo predecessore, Krusciov non ha pagato per questa crescita con la vita di milioni di suoi concittadini. E per quanto riguarda la carestia, Krusciov divenne il primo sovrano nella storia della Russia, sotto il quale non c'era carestia. Non so come abbia fatto a mettere il paese sull'orlo della fame, ma il suo predecessore ha superato questa linea più di una volta.

    Sì, non dico, il Politburo del Comitato Centrale del PCUS era ancora un terrario, si trascinavano intrighi "sotto copertura", si combatteva la lotta per il potere, ma tutto questo avveniva, per così dire, "all'interno del quadro". Dove gli allora capi di partito e di stato erano prima degli oligarchi dei primi anni 2000, che immaginavano che l'intero paese non fosse solo il loro feudo, ma nel senso più letterale della parola proprietà.

    Tutti gli oppositori politici di Stalin furono uccisi. Ci sono voci insistenti che Stalin stesso sia stato vittima di una cospirazione da parte dei suoi associati. Krusciov è salito al potere in una lotta senza compromessi con le vittime. Lui stesso è stato licenziato durante il colpo di stato. Anche gli anni Novanta, in questo contesto, sembrano piuttosto erbivori.

    Al contrario, ci si aspettava che Putin continuasse la politica estera del suo predecessore, pronto a dare al Paese "un bicchiere di lode" dall'Occidente. E lui cos'è ?!

    Ebbene, all'inizio del suo regno, sognava di unirsi alla NATO e all'Europa unita da Lisbona a Vladivostok.
    1. magma Офлайн magma
      magma (Tatyana) 12 luglio 2020 07: 35
      +3
      Ancora una volta una bugia. Breznev ha ottenuto un superpotere, che è diventato tale sotto Krusciov. Non ci sono mai stati tassi di crescita economica simili a quelli di Krusciov in URSS. E, a differenza del suo predecessore, Krusciov non ha pagato per questa crescita con la vita di milioni di suoi concittadini. E per quanto riguarda la carestia, Krusciov divenne il primo sovrano nella storia della Russia, sotto il quale non c'era carestia.

      O non sei affatto nel soggetto, o distorci deliberatamente. Sono propenso alla seconda opzione perché non capisco così tanto la storia del mio Paese ... quasi non ci credo.
      1. Oleg Ramover Офлайн Oleg Ramover
        Oleg Ramover (Oleg Pitersky) 12 luglio 2020 10: 28
        -2
        Molto spesso, per le persone, la storia è una raccolta di miti. Con quale dei tuoi miti è in contrasto la mia "distorsione"?
  7. GENNADI 1959 Офлайн GENNADI 1959
    GENNADI 1959 (Gennady) 12 luglio 2020 10: 36
    +2
    Putin ha guidato l'FSB -

    - in questo post ha lavorato solo per pochi mesi. Questo è stato un altro passo nella catena dei posti, attraverso i quali il gruppo amministrativo-oligarchico lo ha trascinato come una bambola in 4 anni per spingerlo al primo posto. Chi ricorda i risultati di Putin in questi post?
    C'è solo una somiglianza: Putin è sulla buona strada per il marasma senile, e questo è molto triste per la Russia. È un peccato che non lo capisca. La sua "rielezione" nel 2024 e nel 2030. solo gli oligarchi devono consolidare il loro potere sulla proprietà sottratta al popolo.
    La differenza. Non ci sono lamentele su Breznev come ufficiale. Ma Putin, in qualità di ufficiale del KGB dell'URSS, ha infranto il suo giuramento e si è recato nel campo dei nemici dell'URSS (Sobchaks, ecc.) Lì si sono nutriti di più.
  8. LeftPers Офлайн LeftPers
    LeftPers (Anton) 17 luglio 2020 17: 33
    +1
    Campi per bambini - gratuiti, circoli, club per bambini - gratuiti, sezioni sportive - gratuiti, medicina - gratis, lavoro - per favore, istituto - gratuito, pensione - dignitoso e in scadenza. Il capitalismo è una merda.
  9. Yuri Strukov Офлайн Yuri Strukov
    Yuri Strukov (Yuri Strukov) 22 luglio 2020 00: 09
    +1
    Putin è corrotto dalle autorità. Breznev partecipò alla parata del Giorno della Vittoria nel 1945. E lì che non camminava. Putin sta speculando su questa data, fingendo patriottismo con il suo entourage.
    Sì, negli ultimi anni hanno riso di Breznev, ma con questo garante non è più una cosa da ridere. Confrontarli è una perdita di tempo. Ma Breznev non ha avuto un tale rifiuto come per Putin.
  10. Rashid116 Офлайн Rashid116
    Rashid116 (Rashid) 22 August 2020 12: 07
    0
    Qualcuno potrebbe essere indignato: dicono, non è corretto confrontare il passato militare di Breznev e il servizio di Vladimir Vladimirovich nel KGB, ma personalmente non la penso così.

    L'autore sta confrontando seriamente? Un veterano di guerra e un topo clericale ("Sobchak, il portatore della valigetta", non dice nulla, chiedi.)

    Putin ha una guerra in Cecenia

    Affronta, comunque, entrambi.

    Ti rabbrividisci, solo uno ha affrontato, il secondo è stato semplicemente ripagato a nostre spese. Ecco la differenza, ratto veterano.

    cioè, è "cresciuto" nel suo dipartimento "nativo" per postare il numero 1.

    E insieme a lui, la fusione degli oligarchi e delle autorità è cresciuta (come se li avesse tolti dal potere - noi crediamo, crediamo). Enorme stratificazione del reddito. La corruzione e l'appropriazione indebita sono ormai un'opzione comune per promuovere i tuoi interessi. Ebbene, il numero di miliardari e milionari è cresciuto (beh, che sono stati rimossi)). E poi c'è la crescita di persone che riescono a malapena a sbarcare il lunario, e queste non sono "alik" e senzatetto, ma persone di lavoro che non ricevono salari dignitosi da queste persone "alienate".

    Si spera che, per il suo 70 ° compleanno, che è proprio dietro l'angolo, Vladimir Vladimirovich arriverà in una forma fisica molto migliore.

    Spero che si ritirerà in modo amichevole. E ancora di più spero che non ci sarà un demone come lui a coprirgli il culo dopo le sue dimissioni e che giudicheremo lui e quelli intorno a lui, e li metteremo su p.zh. per il fatto che il Paese ha perso tempo e risorse. (Piuttosto, sono stati portati via, beh, quelli "distaccati")

    Non voglio sminuire i meriti ei meriti di Leonid Ilyich, ma, in realtà, non si sa se avrebbe resistito a quella battaglia per il potere reale nello stato.

    Quindi lo "zeroer" non ha resistito, o meglio, non c'era un compito del genere. Putin è una bambola parlante (prezzemolo).

    non c'erano gruppi sociali o clan che il suo leader potesse seriamente temere.

    C'erano, ed erano seriamente temuti (non invano, a proposito) - questi sono i cittadini dell'Unione Sovietica e lo stesso KGB, fino a quando Putin non li ha trasformati in sei speciali di quelli al potere.

    Le relazioni tra l'Unione Sovietica e l'Occidente migliorarono in modo significativo sotto di essa, e non a costo di cedere gli interessi nazionali.

    Proprio così, basta interessarsi alle quote degli stranieri nei nostri "tesori nazionali" e alle quote di tutte le nostre industrie, più o meno grandi e redditizie. Io stesso recentemente ho sollevato queste informazioni, tutto è disponibile gratuitamente. È difficile sorprendermi con qualcosa, ma anche io sono rimasto sbalordito dalla situazione reale. Non darò numeri, ancora non ci crederai, scoprilo da solo, è tutto su Internet. Sui prodotti è addirittura indicato sulla confezione, basta leggerlo. La maggior parte dei profitti va all'estero, qui ci sono "prigioni".

    È un'altra cosa guidare nell'era di Internet.

    Veramente? Non hai notato come Internet è stato "pettinato". Devi sforzarti molto per trovare alcune informazioni contro la "linea generale". E posso assicurarti che questa è un'arma a doppio taglio. Funziona sia in una direzione che nell'altra.
    Il terzo punto non ha nemmeno nulla da commentare, tu, in quanto "pulcini" a parole vieni ingannato. Dai un'occhiata al vero business e al mix di azionisti nelle nostre iniziative più redditizie.

    La differenza, vedi, è colossale, e in ogni cosa.

    Sei sicuro di questo? Quattro generali sono già morti lì, e lo stesso numero in Afghanistan, se la memoria serve. Le perdite sono classificate, quindi è inutile fare confronti e niente è ancora finito. La mia opinione personale è che tutto è appena iniziato lì. E i nostri soldati vengono sostituiti da Putin con la sua compagnia. Non si spegne mai (non finisce mai quello che ha iniziato) - Ucraina, Siria, Georgia sono esempi. Questo pretzel svaluta sempre l'impresa dei nostri soldati attraverso le sue grattugie fangose ​​con i "partner".

    Tuttavia, la Russia sotto Putin è riuscita a evitare i principali errori e calcoli errati fatti dalla leadership militare e politica dell'URSS in Afghanistan.

    Non sta a te decidere e non a me. Le generazioni successive eseguiranno la "correzione degli errori". Quindi valuteranno oggettivamente tutto.

    Il paese in seguito perse il potenziale accumulato nei suoi anni, sperperò e deragliò.

    -)))) - credito, un tale fabbro siede allo stabilimento: ah, se n'è andato, andrò a perforare un pozzo, venderò l'industria petrolifera all'estero e prenderò i soldi lì, e tu vivi qui come vuoi. E così in tutte le fabbriche e le fattorie collettive. Le persone venivano ingannate e derubate con bei discorsi. Ora questo "garante", come cane da guardia, protegge il bottino, ed è stato nominato per questo. Il potenziale è stato sperperato non da qualche paese, ma da persone specifiche. Ora, se ha detto: "Riconsidereremo i risultati della privatizzazione, restituiremo al tesoro tutto ciò che questi topi hanno rubato, ci sarà la semina e lo sviluppo di tutti i parenti e gli amici, compresi bambini e gatti. Rosso sulla lanterna. " Putin non avrebbe avuto un alleato più fedele, e io non sono l'unico a pensarlo.
    Qui sono saltato giù dalla "pala"))) Ho scritto più volte, non puoi leggerlo. Quindi, pensando ad alta voce.
  11. arte_2 Офлайн arte_2
    arte_2 (Mikhail Yurievich Artemiev) 19 March 2021 08: 59
    0
    Putin ha fatto casino dappertutto.
  12. renics Офлайн renics
    renics (renici) 8 può 2021 11: 54
    0
    Cosa c'è che non va? "Dove ti piacerebbe vivere, mio ​​caro?" - ha recentemente posto una domanda alla nostra gente. Piuttosto, nemmeno dove, ma quando, a che ora. Secondo VTsIOM, il 39% ha preferito i tempi di Vladimir Vladimirovich Putin. Il 31% vorrebbe che fosse l'ora di Breznev fuori dalla finestra. Leonid Ilyich Brezhnev, per la prima volta negli ultimi decenni, al suo centesimo compleanno, è diventato, secondo i sondaggi, il secondo leader sovietico-russo più popolare. Quindi c'è una coincidenza. E tutti gli ostentati super patrioti che hanno obiezioni più che idiote, lasciali andare allo stabilimento balneare e lavano via la sporcizia degli zombi.