Il ponte di Crimea sta già aiutando a risolvere il problema idrico della penisola


L'11 luglio 2020, un treno con le attrezzature, i materiali e gli specialisti necessari per la costruzione di un condotto idrico temporaneo Belogorsk - Simferopol ha attraversato il ponte di Crimea dal territorio della Russia continentale ed è arrivato sulla penisola. Pertanto, il ponte di Crimea sta già aiutando la Crimea a risolvere il problema dell'acqua.


Il capo della Crimea Sergey Aksenov ha preso parte all'incontro di carichi e specialisti, che hanno fornito dettagli su ciò che stava accadendo sulla sua pagina a Vkontakte.

Aksenov ha osservato che i militari hanno portato i tubi dell'acqua, attraverso i quali il bacino idrico di Taigan sarà collegato al serbatoio di Simferopol, da cui l'acqua scorre verso la capitale della Crimea. Questo gasdotto invierà circa 50mila metri cubi d'acqua al giorno dalla regione di Belogorsk. Questo soddisferà quasi completamente le esigenze della città e dei suoi residenti.


Il capo della regione si è lamentato del fatto che, a causa delle condizioni meteorologiche sfavorevoli, a Simferopoli c'era una certa carenza di acqua potabile. Pertanto, è stato costretto a chiedere aiuto al leader russo Vladimir Putin e al ministro della Difesa russo Sergei Shoigu.

Aksenov ha richiamato l'attenzione sul fatto che l'aiuto è arrivato immediatamente. Ha ringraziato il viceministro della difesa generale dell'esercito Dmitry Bulgakov, che è volato personalmente in Crimea e ha studiato sul posto l'intero percorso dell'oleodotto.

Al momento sono stati impostati tutti i compiti necessari, tutti i reparti sono forniti. Sono sicuro che il lavoro sarà completato il prima possibile

- ha riassunto Aksenov.


Il ministero della Difesa ha chiarito che la lunghezza del gasdotto supererà i 60 km. La costruzione è in corso presso le suddivisioni del dipartimento logistico dei distretti militari meridionali e occidentali. Più di 300 militari e quasi 150 unità di vario genere attrezzatura.
  • Foto utilizzate: https://vk.com/aksenovrk
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
    Natan Bruk (Natan Bruk) 11 luglio 2020 19: 17
    0
    Dal fatto che l'acqua viene lanciata da un luogo all'altro, non lo sarà più. Cioè, ce ne saranno di più in uno, ma meno nell'altro. Questa non può in alcun modo essere una soluzione al problema, è piuttosto una riparazione di emergenza dei buchi. L'unica soluzione può essere la desalinizzazione, altrimenti la Crimea tornerà agli anni '50 del secolo scorso, cioè quando ancora non c'era il canale. Solo la situazione sarà molto peggiore, poiché oggi ci sono molti più consumatori e l'acqua artesiana non è stata pompata in tali volumi, e al ritmo attuale, la salinizzazione delle acque sotterranee e del suolo è solo una questione di tempo, e non per molto. Per 6 anni è stato possibile costruire capacità di generazione sufficienti, acquistare tecnologie per la costruzione di grandi impianti di desalinizzazione e ora questo problema sarebbe stato dimenticato.
    1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 11 luglio 2020 19: 40
      +2
      Non sembrare più intelligente di altri. Le condizioni meteorologiche sono peggiorate, in Crimea sono state prese le misure necessarie. Inoltre, tutto si svilupperà secondo le pietre miliari pianificate. Si consiglia di aprire il Canale del Dnepr, perché questa è una catastrofe umanitaria già creata per i cittadini della Crimea con tutti quelli in scadenza (suppongo che Israele avrebbe bombardato la diga il terzo giorno) .. poi vivremo, si vedrà ...
      1. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
        Natan Bruk (Natan Bruk) 11 luglio 2020 20: 15
        0
        Sì, non sono io, è stato detto ovunque per 6 anni che va tutto bene, non ci sono problemi particolari con l'acqua in Crimea e improvvisamente si scopre che ci sono problemi molto grandi e le "difficoltà temporanee" non sono altro che compiacimento. Quello che ho scritto è una realtà oggettiva. È impossibile ingannare la geologia, se pompi acqua in questo modo, non sarà sufficiente per molto tempo, diventerà salata. E sarebbe interessante sapere cosa sono, queste "pietre miliari pianificate", cosa sono?
        1. Gadlei Офлайн Gadlei
          Gadlei 12 luglio 2020 17: 17
          +2
          Hanno detto correttamente 6 anni fa, negli ultimi 4-5 anni nel periodo invernale c'erano precipitazioni stabili e l'approvvigionamento idrico creato nel periodo inverno-primavera era sufficiente. 19-20 anni invernali, c'erano poche piogge e l'approvvigionamento idrico non poteva essere fatto completamente.
          1. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
            Natan Bruk (Natan Bruk) 12 luglio 2020 17: 26
            0
            Fino alla metà degli anni '50, la Crimea era pessima con l'acqua, c'era una carenza cronica anche allora, prima dello sviluppo dell'agricoltura e dell'industria. Ecco perché è stato costruito lo SKK. E hanno iniziato a pompare acqua con tutte le loro forze subito dopo la chiusura del NCC, non sapendo davvero come sarebbe potuto finire .. È solo che l'attuale siccità ha peggiorato ancora di più la situazione.
            1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
              Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 14 luglio 2020 19: 22
              +1
              Dissalare, quando non ci sono altre opzioni, ma in Crimea lo sono, interessa.
  2. Victor Denisov Офлайн Victor Denisov
    Victor Denisov (Victor Denisov) 12 luglio 2020 22: 35
    0
    Capirà di nuovo la Sorgente del fiume Dnieper al Native Harbor per entrare!
    L'acqua del fiume Kuban scorre dove comandano i bolscevichi!

    È possibile trasferire le acque del fiume Kuban in Crimea attraverso un condotto idrico?
    Il Dnepr si sta ora fondendo nel Mar Nero vicino a Kiev, e già prima di Odessa, le acque del Liman diventavano verdi lì, questo potrebbe portare a un disastro ecologico.